Creato da: Ilbambinocreativo il 11/04/2012
I ludi della scrittura e del disegno istitiuti dall'AC L'Arca dei folli in onore del cav.prof. Micio Gian Paolo Proietti

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

minarossi82novella.calvaresimariangela.angelonistefano007dglli.distaccioni.valentinasilvia.felixvaleriacampoIlbambinocreativosegretacomeiltuono2orosa_risigioia86000dorianobelloROMA_SPQRlello19700
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Sfumature di donna

Post n°21 pubblicato il 05 Settembre 2012 da Ilbambinocreativo

 

A Cupra Marittima, domenica 9 Settembre s'inaugura, presso la sala d'Arte L'arca dei Folli in via Trento la mostra “Sfumature di Donna”, tre diversi caratteri femminili che si svelano attraverso la pittura. Donne che si misurano per la prima volta al pubblico, rientrando nel progetto del L’arca dei folli, il quale tende a far emergere talenti dai suoi corsi di pittura, siano essi bambini o adulti, nell’ambito delle mostre collaterali dei ludi “Il Bambino Creativo”. Le allieve del M° Annunzia Fumagalli, sono una “giovane” del 1918 e due effervescenti donne dell'attuale età dominante, quella over quarantacinque: Concetta Pugliese, Catia Porrà, Maura De Carolis.

Il noto pittore internazionale M° Fumagalli (www.annunziafumagalli.com) della pittura della Pugliese ne ammira leggerezza e la costanza, che questa imprime alla tela. Concetta è l’esempio che arte non ha età, ella sorvola sui suoi acciacchi di novantaquattrenne, per lasciare tracce del suo mondo che sfuma in luce, a noi pare antico ma lei ci dimostra che quel tempo è sempre attuale.

Il maestro trova nella Porrà quasi un suo proseguo, un notevole talento, pur essendo ella una neofita dell’arte, la quale accentua sensibilità sia nel trattamento del colore, sia nello sfumare del carbone. Una maturazione tecnica che si fonde con la maturità di una donna che si cerca, pone quesiti, lascia nelle sue opere enigmi da risolvere.

L’insegnante trova nella De Carolis, l’entusiasmo di un’adolescente, tale è la briosità ed energia esprime, donando gioia a chi l’ascolta o guarda i suoi lavori. Maura è una spugna che assorbe con facilità gli insegnamenti tecnici per trasformandoli in una pittura carnale, in ogni sua espressione, sia essa la figura di un fiore, donna o paesaggio.

Scrivono di sé le tre aspiranti artiste:

L’arte esprime uno stato d’animo spirituale che fa dimenticare le miserie della vita materialistica. Fin da piccola amavo dipingere, ora, che mi avvio all’ultimo ciclo della mia esistenza, dipingo e mi sento serena. Concetta Pugliese (94 anni !!!)

Una passione antica ed intima, scoperta per caso, scelta con abbandono e poi diventata necessaria... l’espressione di vulnerabilità e sensualità innocente. La voce del mio essere l’eco di contraddizioni e timori; il frastuono delle passioni, il bisbiglio dei suoi segreti. Catia Porrà

L’amore per l’arte è un dono, un frutto che cresce dentro di noi come un bimbo nel ventre della mamma. A far sbocciare questo fiore è stato l’aver scoperto “L’Arca dei Folli”. Un mondo meraviglioso che mi ha dato modo di conseguire capacità e perfezionamento delle mie qualità. Maura De Carolis.

Presenterà la mostra il poeta Danilo Tomassetti, presidente dell’A.C. L’ Arca dei Folli. Saranno presenti i Maestri dell'Arca dei Folli

M° Nazzareno Tomassetti, M°Annunzia Fumagalli, M°Antonella Spinelli. Titolo conferito loro dall'Associazione Rosa dei Venti, presidente dott.ssa Stefania Pieralice, con l'avvallo di docenti della sapienza di Roma, i quali hanno inserito i tre artisti dell'Arca nel saggio “Manent, I maestri del libro d'oro dell'arte contemporanea” curato dal conte Daniele Radini Tedeschi.

www.arcadeifolli.com info@arcadeifolli.com


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Domenica 15 Luglioa Cupra marittima i ludi del Il bambino creativo estate

Post n°20 pubblicato il 11 Luglio 2012 da Ilbambinocreativo

I  ludi della scrittura e disegno Il Bambino Creativo estate, Domenica 15 Luglio dalle ore 9 alle 19, premiazione ore 21. Oltre ai maestri dell’Arca dei Folli Nazzareno Tomassetti, Annunzia Fumagalli, Antonella Spinelli, sarà a motivare i ragazzi il M° Antonio Ricci, dell’Accademia San Lazzaro di Roma. I ludi sono dedicati al primo direttore artistico dell'Arca dei Folli, il cav. prof. Micio Gianpaolo Proietti.

La giuria sarà formata dai giovani talenti, ex partecipanti e premiati, delle precedenti edizioni del Il bambino creativo. Informazioni

bambinocreativo@arcadeifolli.com

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

I Maestri del Libro d'Oro e i giovani Talenti dell'Arte contemporanea

Post n°19 pubblicato il 11 Luglio 2012 da Ilbambinocreativo

 

Associazione Artistico Culturale
L'Arca dei Folli
www.arcadeifolli.com
Sede e sala d'Arte via Trento 6-10-12
63064 Cupra Marittima AP

I Maestri del Libro d’Oro

lasciano il passo ai piccoli creativi dei ludi della scrittura e disegno Il Bambino Creativo estate, Domenica 15 Luglio dalle ore 9 alle 19, premiazione ore 21. Oltre ai maestri dell’Arca dei Folli Nazzareno Tomassetti, Annunzia Fumagalli, Antonella Spinelli, sarà a motivare i ragazzi il M° Antonio Ricci, dell’Accademia San Lazzaro di Roma.

Lo svaporare del sogno ha lasciato quel leggero amaro, alla bocca di coloro, che volevano goderne ancora di dolcezza d'arte. Spettatori che chiedevano si prolungasse la mostra, al di là dei nomi dei maestri, l'insieme li aveva smossi a sentimenti sconosciuti, anche per coloro abituati, forse per questo, a manifestazioni di pittura.

Lo stupore è il sentimento più frequente, meraviglia suscitata per l'insieme dell'allestimento e della bontà dell'opera d'arte, accompagnate da versi dei poeti dell'Arca dei folli ad omaggiare i maestri. In simbiosi o travalicandone i significati, come continuità o interpretazione dell'opera, la quale era suggerimento, suggestione, meraviglia muta, alla quale andava donata la parola.

L'opera della pop Art, esposta alla mostra dei big della triennale di Roma, apre la mostra che si snoda, presentando opere affini nello stile o nell'animo.

Il figurativo estremo e geometrico si sposa con quello poetico, la scultura della struttura con quella della deità in simbiosi con il mito. La carnalità e la moda, a confronto con la contrizione del pensiero sofferente. Il formale e l'informale, una galassia di coccinelle e luci di una città. Il profumo di Channel N° 5 e l'intreccio di vegetazioni e sguardi estatici. La caverna dei pensieri lago, con il volto e l'aleggiare degli angeli. Lo scorrere dei mesi e la danza delle ballerine, tre grazie scolpite in ulivo. Il geniale rosso dei ragazzi, con ritratti di mamma, se stesso e animali, contrapposto alla compostezza del legno della Dea Cupra, dell'arte del maestro novantenne Nazzareno Tomassetti.

Perduto e vago lo sguardo

lento nel ritmo estivo

le voci dilatate,

le molestie esterne

vane all'udito degli occhi,

inebriati dal senso delle forme

il raccolto d'un grano del sentire

nel gesto solubile al tempo,

quale sfugge a quotidianità del giorno,

a noi persone vaghe senz'occhi

che brillino di cielo,

lì siamo ritratti noi oggetti e persone,

firmati d'incanto, senza noia,

accelerazione del battito,

che disturbi lo scrutare

del nostro sensibile animo.


Danilo Tomassetti 9 Luglio 2012

Allestimento a ricordare lo stile dell'Arca, frammenti di tante celebri mostre, assemblate per il Ventennale dell'Arca dei folli. Uno stile definito un mascheramento dall'amico prof. Mario Bucci *, a rendere gradevole anche la sgradevolezza d'una palestra, già resa godibile da penisole e pannelli montati dalla Pro Loco.

Un belletto per l'ambiente, il quale si trasforma in fantasia onirica, mettendo in luce l'opera d'arte, incorniciandola d'autorevolezza evocativa. L'esposizione è stato un fluire di statue e quadri, che nella diversità della composizione visiva e materica, appartenevano ad un comune disegno d'arte.

L'arte non è un regime, ci sta che a qualcuno possa non piacere l'insieme o critichi qualche artista, a volte per competenza vera o gratuita, qualche volta per invidia, qualcuna velata altre più esplicita, di coloro che l'arte non la dominano neppure attraverso lo sguardo estetico.

Conduzione presentazione: Elena Giacchetti e Il presidente dell'Arca dei Folli il poeta Danilo Tomassetti.

Presenze istituzionali Sindaco prof. Domenico D'Annibali e assessore alla cultura prof. Luciano Bruni. Presidente della Pro Loco Giuseppe (Pino) Neroni.

I maestri presenti per L'Arca dei Folli M° NAZZARENO TOMASSETTI, M° ANNUNZIA FUMAGALLI, M ° ANTONELLA SPINELLI. Accademia San Lazzaro M° ANTONIO RICCI, M° MARCO BORDIERI M° MARIA CARLETTI e il M° GERRY TURANO.

I restanti maestri che hanno esposto M° DANIELE RADINI TEDESCHI, M° BRUNO FILACCHIONE ,M° ALESSIO SERPETTI , M° FLORA TORRISI, M° STEFANIA CAPPELLETTI M° ANTONELLA SCAGLIONE, M° GIOVANNI FIRRINCIELI, M° MARIA RITA RIDOLFI M° IVANA CASTELLITI M° CRISTINA FORNARELLI.

Sezione I giovani Talenti del Il bambino creativo età dai 18 ai 12, in ordine decrescente: Elena Giacchetti, Nicola Montefiori, Ilaria Castelli, Chiara Rivosecchi, Rachele Ciarrocchi, Giacomo Malavolta.

Ospite di Giovedì il poeta Domenico Parlamenti, presidente A.C. Alchimie d'Arte.

Ospite di venerdì, Patrizio Moscardelli “pedalando l'arte” il quale ha presentato la sua bicicletta ispirata dalla pop art, facendola montare per un giro della mostra ad ospiti ed artisti.

Ospiti del Sabato il giovane poeta (16 anni) Gianmaria Acciarri.

Allestimento: Danilo Tomassetti con l'aiuto di Antonella Spinelli, Annunzia Fumagalli, Beatrice e Andrea Tomassetti, Anna Spina.

Curatori della mostra: Danilo Tomassetti, Pino Neroni, Antonella Spinelli, Annunzia Fumagalli, con indicazioni di Stefania Pieralici e conte Daniele Radini Tedeschi, che hanno invitato artisti e selezionato le opere.

Poesie in omaggio agli artisti:, Plinio Spina, Luciano Bruno Venusto, Silvia Raccichini, Valentina Gismondi, Annunzia Fumagalli, Ismail Iljasi, Serafino Sargentoni, Gianmaria Acciarri. Danilo Tomassetti oltre ai suoi versi ha esposto due sue opere ad olio ispirate alle poesie: Il mare nel Bosco, I tre monti del destino.

Manent, Il Libro d'Oro dell'Arte Contemporanea

Un saggio dell'Università della Sapienza di Roma, redatto dal prof. Sergio Rossi, Stefano Valeri e altri docenti della stessa università, nasce da un'idea del Conte M° Daniele Radini Tedeschi, edito dall'A.C. “ La Rosa dei venti” diretta dalla dott.ssa Stefania Pieralice.

*Quest'anno Il Premio Cupra, su suggerimento dell'Arca dei Folli, accolto favorevolmente dal direttivo della Pro Loco, il premio alla critica è stato dato a nome dell'immenso uomo il prof. Mario Bucci, presenza costante a Cupra Marittima, fautore di memorabili lezioni di storia dell'arte e del costume, nelle conferenze organizzate dall'Archeoclub di Cupra Marittima, autentica eccellenza tra le associazioni archeologiche a livello nazionale.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La culla del Delfino inaugurata l'opera del M░ Nazzareno Tomassetti

Post n°18 pubblicato il 20 Maggio 2012 da Ilbambinocreativo
Foto di Ilbambinocreativo

Inaugurata l'opera monumentale del M° Nazzareno Tomassetti "La culla del delfino" a Cuupra Marittima, nell'ambito del BC 2012, il 19 Maggio 2012. L'inaugurazione è avvenuta llla presenza di molti bambini e genitori in attesa della premiazione del Bambino creativo, con una breve cerimonia presieduta dal sindaco Domenico D'Annibali, alla presenza del Presidente dell'associazione La rose dei venti Stefania Pieralice e del critico e storico d'arte il  conte Daniele Radini Tedeschi, dei maestri della pittura Annunzia Fumagalli e Antonella Spinelli, del Presidente della Pro loco di Cupra Marittima il musicista Pino Neroni, dei figli Danilo Tomassetti (Presidente dell'associazione L'Arca dei folli) Andrea e Beatrice 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il racconto della premiazione Il bambino creativo 2012 a Cupra Marittima

Post n°17 pubblicato il 20 Maggio 2012 da Ilbambinocreativo
Foto di Ilbambinocreativo

 

Il Bambino creativo 2012 Trofeo Micio Cav. Prof. Gian Paolo Proietti è Claudia Capriotti di Cossignano

 

 

Un giorno di sole come il solare sorriso dei bambini premiati, un gioco dei colori e della scrittura. Una piazza gremita di persone, in gran parte bambini vocianti, tra le lastre di granito scintillanti, come l'energia frenetica percepita, di coloro che aspettano. Centinaia di persone in attesa, di ascoltare il proprio nome. La piazza va riempendosi, s'anima, quando Il Presidente dell'Arca Danilo Tomassetti, invita tutti a seguirlo all'arrivo degli ospiti dell'Associazione La Rosa dei Venti di Roma e del sindaco con la fascia tricolore. Il maestro Nazzareno Tomassetti è da tempo in attesa, seduto con accanto la moglie Anna Spina e la figlia Beatrice, tra le mani una piccola statua in marmo simbolo dell'Arca dei folli. Una piccola folla s'avvia nell'adiacente corso che porta al mare, lucente come lucenti occhi d'emozioni del novantenne scultore. Una brevissima cerimonia, informali come le parole di ringraziamento e d'elogio del sindaco per l'opera umana e d'arte che ha contraddistinto la vita cittadina di Nazzareno. Il giovane ma affermatissimo critico e storico dell'arte conte Daniele Radini Tedeschi, sottolinea la monumentalità dell'opera, la quale supera in maestria le piccole statue che Tomassetti ha esposto alla triennale di Roma organizzata dalla stessa associazione quale ha come presidente la dott.ssa Stefania Pieralice, una donna d'intelligenza raffinata e ricca umanamente. La stessa e il Radini, comunicano poco dopo sul palco, in una piazza ormai stipata dai vibranti colori di centinaia di persone, che a Giugno il maesstro Nazzareno Tomassetti, sarà invitato tra i big della triennale e premiato come miglior scultore, tra i maestri italiani selezionati dal comitato scientifico della Sapienza di Roma, nella quale Radini e docente.

I bambini sono galvanizzati. Aspettano ma accolgono con l'applauso le parole del sindaco Domenico D'Annibali, scosso dall'attentato di Brindisi, fa un intervento di cuore, lontano dai usuali toni politici. La giovane squadra dell'Arca dei folli ora è pronta a svolgere per loro inedito compito, gestire di prima persona la premiazione, loro che fino all'anno scorso facevano parte di quei bambini in attesa festanti. Una appena maggiorenne Elena Giacchetti, apre il suo intervento, portando il suo esempio di neo-volontariato, come donatrice di sangue, ricordando un importante premio che sarà assegnato dall'Avis di Cupra Marittima. I premi sono allineati sul palco come tanti soldatini, buste gialle, blu, rosse, arancio, s'alternano ritte come tanti soldatini in rivista. Sui tavoli le statue numerate, di terracotta della ceramica Neve, il simbolo dell'arca dei folli a ricordare il ventennale, naturalmente una scultura di Nazzareno Tomassetti la quale sarà data come premio. Svettano in bellezza le coppe dipinte dal M° Antonella Spinelli, accanto a quelle lucenti della Rosa dei venti. Un pulviscolo di luce sono le medaglie accovacciate sui loro cordoncini dei tre fili nazionali. Il M° Annunzia Fumagalli, coordina assieme alla dama Linda Massacci, l'inizio della premiazione. Saltellano sul palco i più piccini, i quali sembrano ancora più minuscoli, sommersi da doni e statue di Tomassetti. Posano per i fotografi, orgogliosi dei loro trofei. Saltano di gioia quando si svela l'esito della giuria, la vincitrice della categoria infanzia è Veronica Crescenzi, il premio della critica della stessa categoria della Rosa dei Venti se l'aggiudica Aurora Valeriani. Sorride Annunzia Fumagalli, a questa di tante soddisfazioni che riceverà, le due bimbe sono allieve. Oltre 1400 erano gli iscritti, la stessa scuola aveva di già selezionato i lavori migliori, oltre 1300 quelli presentati tra scritti e disegni. Le tre diverse giurie, quella formata dai giovani ragazzi, presieduti da Giacomo Malavolta, artista a dodici anni, vincitore del bambino creativo 2012

e Riconoscimento Novantesimo del M° Nazzareno Tomassetti, del 2011. Chiara Rivosecchi, premio immagine poetica del 2012. Nicola Montenovo uno dei primi ad essere premiati nel 2008, primo anno del Il Bambino Creativo. Gianmaria Acciarri, un giovanissimo poeta, estroso e svagato il quale scrive versi toccanti ed incisivi dell'animo.

I piccoli bambini lasciano il placo, sono chiamati a salire trottolini poco più adulti di loro, ciarlieri ai piedi del palco, improvvisamente tacciano, rispondono a monosillabi quando Danilo Tomassetti, cerca da loro la parola che li emoziona. Prendono i doni dei candidati, scendono in attesa dei riconoscimenti maggiori, seguiti dai bambini delle classi quarta e quinta e alla fine dei ragazzi delle medie. La tensione sale, Elena Giacchetti, con il piglio di una navigata presentatrice, lei alla sua prima esperienza su un palco, sfodera energia e l'intelligenza che la premiano ampiamente come la migliore allieva della sua scuola. Salgono sul palco i bambini premiati con le coppe e le medaglie, per categoria ed età. A Michela Scartozzi la coppa, ad Irene Straccia l' argento,a Gloria Wolf e a Cecilia Carminucci il Bronzo. Si commuove Annunzia Fumagalli, l'intero podio è formato dalle sue allieve dei corsi di pittura. Bambine votate da una giuria formata da amministratori, dirigenti e d insegnanti scolastici, membri di enti, all'oscuro dell'identità delle piccole fino alla scelta.

La categoria della quarta e quinta è vinta da Roberta Pignotti, una bambina luminosa e dagli occhi chiari, lucente come i suoi disegni che da quattro anni la portano a vincere sempre una coppa nel bambino creativo. Argento a Sofia Paoletti, altra abbonata del podio, terze Eleonora Caleffi e Cristiana Viteziu. Non direte che... si le prime tre sono anche loro allieve della Fumagalli. Il Presidente Danilo s'avvicina a lei emozionata, la canzona dicendogli che il prossimo anno dovrà cassare le sue allieve dal concorso. Categoria medie vince Anna Angelici, Mery Lelli Argento, Eleonora Marinangeli Bronzo assieme a Giacomo Bruni. Ora basta ancora il podio intero con le prime tre, almeno per ora la categoria del disegno è finita

o quasi non ci saranno allievi di Annunzia Fumagalli. Manca d'assegnare la coppa del disegno delle medie della Rosa dei Venti va ad Aurora Valeriani, autrice di un disegno molto aderente alle paure dei nostri tempi. Il monopolio delle allieve di Annunzia subisce un primo arresto.

Finisce un dominio ma se ne aprirà un altro. La vincitrice del premio racconto I/III primaria è Martina Lelli, altra abbonata, ha vinto il bambino creativo estate nel 2010. La categoria IV V da altro veterano Gianluca Moriconi, dietro di lui Alessandro Palmoni di Montefalcone, tenete bene il conto ora dei componenti di questa scuola a seguire Emily Lanciotti. A Beatrice Pompei di Pedaso la coppa di categoria delle medie ad Ilaria Salusti di Montefalcone, da sottolineare, oro per la letteratura. A Samantha Haxhiu II b primaria di Cupra Marittima

la palma della migliore poetessa in erba, Emiliano Palmoni oro per la letteratura

Eva Joao Polo di Monteprandone Argento. A Marila Scartozzi II secondaria di Ripatransone

la coppa della poesia delle medie ad Alice Bartolini I secondaria di Grottammare la medaglia d'argento per la creatività. Fin qui qualche medaglia, ma è l'inizio dell'ascesa dei giovani scrittori di Montefalcone, venticinque partecipanti, quattordici selezionati come candidati. Vengono assegnati e consegnati dalla stessa Stefania Pieralice e da Radini Tedeschi i premi di categoria dell'Associazione dei venti. Elena Giacchetti declama Racconto categoria primaria

A Tommaso Scendoni II primaria di Montefalcone Appennino, sale timidamente un minuscolo ed empatico bambino, intenerita Stefania Pieralice, le domanda quanti anni lui abbia, a mezza voce farfuglia qualcosa come sette, sorride Radini non pensavano che un bambino così piccolo potesse scrivere con tanta capacità tecnica ed inventiva. Racconto categoria secondaria di primo grado A Silvia Feliziani I C secondaria di Cupra Marittima, toh! Un allieva della Fumagalli premiata oltre che per il disegno ora anche per la poesia.

Poesia categoria secondaria di primo grado A Francesco Tomassetti I secondaria e neanche a dirlo di Montefalcone Appennino. Una scuola che serve anche Smerillo, nemmeno 800 anime assommano i due borghi.

Sul palco salgono i rappresentanti delle classi che hanno realizzato il maggior punteggio. Linda Massacci, da insegnante, con loro instaura un dialogo pubblico sul lavoro degli insegnanti nella scuola d'oggi. Si premiano le migliori classi e tra questa indovinate che ha vinto il riconoscimento di miglior classe? Facile da indovinare Montefalcone Appennino e Valeria Gismondi riceve la preziosa coppa di Antonella Spinelli, dipinta con il simbolo dell'Arca. A Premiarla il presidente della Pro loco Pino Neroni, il quale da musicista si è prestato a dare una mano come tecnico audio a quel manipolo di svampiti artisti.

L'ora dei premi che consacrano un bambini sta per scoccare, ma prima si leggono Vincitori dei Corsi gratuiti dell'Arca dei folli “Colorverso”, il gioco non gioco a liberare il proprio talento, misurare le proprie emozioni, percorrere attraverso stimoli visivi, della musica e della parola sentieri mai esplorati.

La tensione sale, nonostante il caldo, l'energia spesa nell'attesa, le suole consumate sul granito, i bambini sono nell'attesa di ascoltare il loro nome. Vedono le coppe e le grandi buste dei premi, dentro vi sono opere originali della stessa Annunzia Fumagalli e dell'artista Patrizio Moscardelli, mentre ben visibile è una statua del maestro Nazzareno Tomassetti in terracotta.

Trofei assegnati dall' Associazione Culturale “La Rosa dei Venti” di Roma

Associazione diretta dal Presidente dott.ssa Stefania Pieralice, la quale organizza mostre a livello internazionale (Triennale di Roma) in collaborazione con il comitato scientifico dell’Università La Sapienza. Premi Assegnati dalla stessa associazione.

 

Trofeo speciale assegnato dal conte M° Daniele Radìni Tedeschi

critico e storico dell’arte, per il disegno al miglior "Artista in erba"

A Claudia Capriotti V primaria di Cossignano, per un diegno di una maestria di sensibilità e di tecnica impressionanti.

La Giacchetti legge: Trofeo speciale assegnato per onorare la memoria del M° Domenico Nodàri per il disegno. Sul palco salgono le due nipoti del maestro, due ragazze garbate e fini nel portamento e nei lineamenti, che sono venute dalla Val Camonica, per premiare Jeniffer Marchionni IV C primaria di Grottammare. Il nome viene ripetuto, ma la bambina non sale sul palco, un attimo di panico, centinaia di chilometri di strada e ora...Radini Tedeschi scherza

con le ragazze, questo dimostra che è un premio autentico, non c'è nulla d'organizzato a tavolino. Viene deciso che sia il Presidente Danilo Tomassetti a ritirare il premio e consegnarlo alla bambina. In quell'attimo s'apre sul palco un sorriso, una bambina avvolto in un abitino a stelle e strisce s'avanza, tra il sorriso delle ragazze che possono consegnare a lei un disegno dello zio, quando aveva la loro età.

Trofeo speciale assegnato per onorare la memoria del giornalista RAI Cav. Augusto Giordano per il racconto. A Alice Bada V B primaria di San Benedetto del Tronto. Radini Tedeschi, ricorda sul palco, una sera a Cortina D'Ampezzo, dopo la presentazione del libro “Manent, il libro d'oro dell'arte contemporanea”. In una conversazione Radini , Tomassetti e Fumagalli, avevano avuto Giorano come conoscenza comune, uomo che s'doperava sempre per favorire i giovani artisti, tanto da scrivere la prefazione del libro di danilo, con opere di Annunzia Fumagalli e di Nazzareno Tomassetti “Il nuovo e l'antico tempo”

Riconoscimenti Speciali Istituiti dall'Arca dei folli(Premi alla critica)

 

Riconoscimento M° Giorgio Consolini, assegnato dalla Cantina dell'Arte di Rpatransone e dell'arca dei folli, ad uno dei più importanti cantanti italiani del dopoguerra, vincitore di San Remo. Scomparso recentemente, lasciando un segno di commozione, nelle parole di danilo Tomassetti che lo ha ricordato. Il premio è stato assegnato a Chiara Feliziani III secondaria di I grado Massignano. Il Riconoscimento prof. Libero Bonèsso, dedicato in onore d’uno scienziato umanista è stato assegnato a Tommaso Agostini II secondaria di Porto San Giorgio, il quale di certo sarebbe piaciuto a nanni, il quale era un uomo di rara sensibilità.

Riconoscimento M° Giuseppe Taddei, assegnato dalla Cantina dell'Arte di Ripatransone, ad uno dei massimi baritoni del novecento ad Aurora Lanciotti II B secondaria di Pedaso. Il giocoso movimento dei capelli di una donna immersa nella natura, a ricordare la gioia di vivere di un uomo che donava emozioni. A premiarla la dott.ssa Maria Teresa Berdini, socia fondatrice e membro del direttivo dell'Arca dei folli.

Premio AVIS di Cupra Marittima, assegnato dalla stessa associazione AVIS.

A Samira Cataldo I A secondaria di Cupra Marittima. Il Premio è stato consegnato dal Presidente della locale sezione, il prof. Vincenzo Pulcini, il quale si è detto contento del gesto di Elena Giacchetti, di donare il sangue, egli ha esortato i ragazzi a farlo appena maggiorenni e di invitare i genitori da compiere questo nobile gesto.

dedicato al M° Annunzia Fumagalli e M°Antonella Spinelli, pittrici

A Virginia Ficcadenti IV C primaria, di Monteprandone Centobuchi

Riconoscimento Poesia assoluto, al miglior componimento poetico

dedicato al poeta Plinio Spina nel novantesimo di vita e versi. A rappresentare il poeta vernacolare di Grottammare la sorella Anna Spina, moglie dello scultore Tomassetti. La bambina è assente per un ritiro spirituale prima della comunione, a ritirare il premio una rappresentante della scuola.

A Federica Milani IV primaria di Montefalcone Appennino Riconoscimento Racconto-Favola assoluto, al miglior componimento letterario dedicato al M° Prof. Mario Mercuri, fasciato con il suo abito di commendatore dei cavalieri, ricorda con Danilo Tomassetti la figura di Micio Gian Paolo Proietti, il loro amico a cui sono dedicati i ludi. Un premio assegnato a Giorgio Spena di Montefalcone Appennino. Linda Massacci, vorrebbe celarsi, a celare la commozione dietro l'imponente figura del cavaliere con il mantello nero Divio Di Agostino. I suoi piccoli cuccioli che adorava da insegnante continuano a raccogliere i frutti del loro lavoro.

Ventennale A.C. L’Arca dei folli, dedicato al decano dei fondatori il M° Nazzareno Tomassetti, scultore, nel novantunesimo di vita ed arte. Il premio, che ricorda l'avventura dell'Arca dei folli iniziata molti anni fa come gruppo d'arte e poi come associazione. Un premio assegnato a Jacopo Marinangeli III primaria di Montefalcone Appennino, il quale ha eccelso in poesia, racconto ed è stato anche tra i primi nella sua categoria nel disegno. Volessero questi pulcini di Montefalcone bissare successo del bambino creativo 2011 vinto da Francesco Tomassetti? La sorpresa è un'altra il Bambino creativo 2012 Trofeo Micio Cav. Prof. Gian Paolo Proietti, avrà un vincitore già premiato come miglior disegno dalla Rosa dei venti Claudia Capriotti V primaria di Cossignano, la quale non sa come gestire le due grandi coppe e la statua di terracotta che le dona il M° Nazzareno Tomassetti.

Il pubblico si scioglie come il gelato che mangiano i bambini che scemano dalla piazza, molti per recarsi in via Trento, dove sono esposti i loro disegni, presso la sala d'Arte dei Folli, e dove si può ammirare la mostra “Terra narrante, con le opere dei tre maestri dell'Arte dell'assoziazione Antonella Spinelli, Annunzia Fumagalli e Nazzareno Tomassetti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »