Creato da ladonnadelmare2 il 07/08/2011
ricette e poesie di mare e di terra

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

rudy620andryofficinacolucicassetta2c_mirianakammamury57saverio.anconaannysealadonnadelmare2a.sepe50manu0886biaravenFourvintageorsolanuzzogiuseppa2008
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

la sirena sullo scoglio

sirenetta sullo scoglio

 

 

« La città di notteSe avessi un paio di ali »

Leggende attorno al braciere

Post n°43 pubblicato il 06 Gennaio 2012 da ladonnadelmare2

 

La Notte dell'Epifania

La notte che precede la festa dell’Epifania è considerata notte di eventi miracolosi.Le pareti della casa diventano di ricotta, nei corsi d’acqua come fiumi e ruscelli invece dell’acqua scorre olio e vino e… udite, udite , gli animali parlano!  Per questo fatto sono capaci di maledire il padrone e fare in modo che la sua famiglia vada incontro a misteriose disgrazie. Per evitare ciò, la sera della vigilia, bisogna farli mangiare in abbondanza.

 A tal proposito si narra una storia che sa tanto di leggenda: Il fattore di una masseria  era abbastanza scettico ma altrettanto curioso; così decise di appurare personalmente questo evento prodigioso.
La notte della vigilia dell’Epifania decise di dormire nel pagliaio, dietro la mangiatoia dei buoi.

A mezzanotte l’asino disse al bue “ Mangiàmu bùenu…ca dumani hàmu fatigàri. Hàmu portàri `u patrùni `ccù llu carru….”( Mangiamo più del solito perché domani avremo da lavorare. Dovremo portare il padrone al cimitero).

Nel sentire queste parole il fattore fu preso da tremenda paura. A fatica giunse a casa ma morì sulla porta.

Anche nelle famiglie più povere si sforzava di chiudere 9 buchi….oops! si dovevano mangiare 9 portate..ma ahimè 9 portate allora non ce le si poteva permettere e allora si contava come “portata”

li lupini, il finocchio, le castagnette, le noci, le arance, i mandarini, lu ndrommisi, li lampasciuni rrustuti sott’allu fucaliri, do fichi ccuchiate…amu rruvatu a nove??sì, sì avogghja!

 

 

Alcune note sono tratte dal web altri saporiti ingradienti sono miei...avete storie come queste da raccontare?  postatele qui nei vostri commenti.Grazie

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog