Creato da: Miyuina il 12/02/2005
MÁRGARÉT, áre you gríeving Over Goldengrove unleaving? Leáves, líke the things of man, you With your fresh thoughts care for, can you? Áh! ás the heart grows older It will come to such sights colder By and by, nor spare a sigh Though worlds of wanwood leafmeal lie; And yet you wíll weep and know why. Now no matter, child, the name: Sórrow’s spríngs áre the same. Nor mouth had, no nor mind, expressed What heart heard of, ghost guessed: It ís the blight man was born for, It is Margaret you mourn for.
Image Hosted by ImageShack.us

 
Image Hosted by ImageShack.us
 
Image Hosted by ImageShack.us

 
Image Hosted by ImageShack.us
 
Image Hosted by ImageShack.us

 

Area personale

 

Contatta l'autore

Nickname: Miyuina
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 32
Prov: EE
 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

Galatea00aa_vespa50luca_TWOmassimo.sbandernoDIAMANTE.ARCOBALENOrbt2008Musashi_87strong_passionunamamma1spagnolosanmar05SpettaCheArrivoAngelinA_Jolie_blogGeppo_Ganima_on_linegocceinvisibilimax_nelly
 
 

 

 

Post N° 585

Post n°585 pubblicato il 06 Novembre 2008 da Miyuina

Image Hosted by ImageShack.us


...Addio Michael...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 584

Post n°584 pubblicato il 10 Maggio 2008 da Miyuina

Un couteau pourrait aider...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 583

Post n°583 pubblicato il 02 Aprile 2008 da Miyuina

Image Hosted by ImageShack.us


Zoe, ti ho mandata al Paradiso dei Gatti. Non ce la facevo piu` a vederti soffrire a quel modo.
Ti voglio bene.

Tutto mi e` parso molto irreale. Ci hanno chiesto di stare con lei finche` non si fosse addormentata. Io mi sentivo un' imbecille assurda, stando la` impalata senza la possibilita` di aiutarla in altre maniere. L'ho carezzata amorevolmente, lei mi fissava tranquilla, con la sua solita espressione di sufficienza, perche` era davvero una gatta snob. O forse le piaceva far finta di esserlo. Abbiamo atteso. Una specie di count-down alla morte.
D'improvviso si e` alzata di scatto e mi si e` fiondata a passo altamente incerto tra le mie braccia. Confusa e` dir poco, l'anestesia le provocava le allucinazioni. Incerta, ma ancora energica, si dimenava per andare chissa` dove. Dove la trovava quella energia? Me la sono tenuta stretta al petto, cercando di infonderle calma. Poi, l'ho gentilmente e con delicatezza aiutata ad accovacciarsi nella gabbietta. E li` e` rimasta, stroncata dal sonno estremo. Ha pure russato un po'.

Seduta in sala d'attesa, mi sentivo gli occhi della gente addosso. Non dovevo avere la solita espressione da spettro incurante, con la testa perennemente sulle nuvole.
Pensavo a lei nell'altra stanza. Un'altra siringa. Un'altra iniezione. Una passeggiata dal sonno alla morte.
La mamma mi ha porto il suo cellulare, sullo schermo le parole "Zoe non c'e` piu`".
Piantala, volevo dirle.

Io non credo in vite al di la` della morte. Pero` sono troppo spirituale per non credere nella possibilita` dell'anima. Ma non importa. Anche se non potremo piu` vederla, la ricordero` per sempre. La terro` nei miei pensieri, parlero` di lei per sempre e continuero` a volerle bene.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 582

Post n°582 pubblicato il 30 Marzo 2008 da Miyuina

Premettiamo che Zoe e` ancora viva, sebbene si trascini dietro sempre l'ombra dell'irreversibile. Martedi` imparero` a farle le iniezioni di cortisone, dato che la pillola non la riesce a prendere piu`.

Ho passato una settimana incantevola a casa dal papa`, tanto stavo bene che avrei voluto restarci. Indi, sono andata a visitare la NYU, scoprendo che hanno un Centro per gli Studi Antichi. Le rotelline del mio cervellino si sono rumorosamente messe in moto.
Ammetto di aver considerato la UCL in precedenza. Ottima facolta`, stesso paese, citta` magnifica (Londra), amici (Ali&co) e prossimita` a casa.
Ma a che mi serve essere vicina all'Italia? Questa era una delle vecchie motivazioni canadesi, forse spinte dalla nostalgia, o dalla voglia di essere piu` vicina a certe persone. Ma adesso riconsidero il tutto.
Non era una limitazione: adoro Exeter, e comunque l'Inghilterra mi aveva sempre affascinato.
Ma vorrei tanto poter andare dal papa`.
E poi, pensavo... se continuo a stare in Inghilterra dovro` fare i conti con il vivere lontana dal Pazzo, seppur nello stesso paese. Forse esagero, ma il destino ha scelto di farci vivere vicini fin dall'inizio. Alla fine della laurea, avro` passato 3 anni di convivenza con lui. Come accidenti farei a Londra?
Non mi avvicino alla gente facilmente. Basti vedere all'inizio con la Chia, nel periodo in cui volevo solo che mi lasciasse perdere. Pero` il Pazzo ha preso a pugni queste mie barriere, aiutato dal fatto che abitavamo insieme: ha insistito, mi veniva a cercare, arrogantemente mi tirava fuori dalla mia voglia di solitudine. Un anno e mezzo e` poco tempo, ma mi sono attaccata a lui incredibilmente, tanto che una volta, ridendo e scherzando sul fatto che non voglia venire a trovarmi in Italia nonostante le insistenze della mamma, gli ho detto "Sei cattivo, io sono venuta qui apposta per incontrare te".
"No" mi ha corretta "Io sono stato un bonus della tua scelta."

Tsk, sembro un'innamorata cronica. Ma non e` cosi`..!
ChiaRa mi ha sempre detto "Esiste un'amore tra amanti e uno tra amici". Non so lei quanto ci creda ancora. Io continuo a esserne convinta. E forse e` per questo che dovrei allontanarmi dall'UK quando sara` il momento, evitando al mio egoismo e alle mie orride manie di possessione di rovinare tutto.

[Per il resto, mi sento mezza vuota, senza alcuna spiegazione.]

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 581

Post n°581 pubblicato il 18 Marzo 2008 da Miyuina

Avevo dovuto considerare il fatto che lunedi` sera sarebbe anche potuta essere l'ultima volta che avrei visto Zoe.
Beh, il veterinario ci ha graziate, restituendocela. Dopo averle somministrato una dose oscenamente massiccia di cortisone, il quale l'ha trasformata: mangia, non vomita, cammina normalmente, pare anche piu` sveglia. Ma non mi illudo. So che e` l'effetto temporaneo del cortisone. Rimane quella "roba" dentro di lei, che la sta` debilitando irreversibilmente.
E` tutto una merda, perche` a vederla adesso sembrerebbe perfettamente normale.

Mi sono distesa sul pavimento della cucina prima, in preda agli istinti: sono col morale sottoterra e il corpo ha eseguito. Zoe si e` tirata su dal suo giaciglio temporaneo e mi e` venuta addosso: debolmente ma con fermezza si e` strusciata sulle mie gambe, allietandomi con continue fusa. Lei che consolava me.

Domani potrebbe essere l'ultima volta che ti vedo, Zoe. Nanniamo assieme stanotte? Tu, appallottolata in mezzo al letto, io dritta come un palo di lato, come ai vecchi tempi?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »