Creato da educatrice2 il 15/03/2007
relazioni, rapporti e ...vita
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

Ultime visite al Blog

Allievo2007massimocoppagattoselavaticopippo_217viacon.megas.o0cinieri.cinierirpmatacenacolucinotedamoreserena_0301gvgiustiangela.melpignanonogapovilariagaraci
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Contatta l'autore

Nickname: educatrice2
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 36
Prov: FI
 

 

« povera italiaMALI DI STAGIONE E PSICOSI »

CULTURA

Post n°192 pubblicato il 31 Ottobre 2010 da educatrice2

La cultura del fare nell'arte del ricamo

C'è un paese, in provincia di Caltanissetta, che assieme a pochi altri nell'isola conserva intatta la tradizione manuale del ricamo. È Santa Caterina Villarmosa, a cui il corso di laurea in Disegno industriale della facoltà di architettura di Palermo ha di recente dedicato le sue attenzioni di studio e di ricerca."Attività tutta femminile – spiega Rita Cedrini nella presentazione al volume "La cultura del fare" – l'arte del ricamo parla di capacità esecutiva, esprime il gusto di tempi andati».E proprio di riscoperta delle tradizioni, in proiezione assolutamente contemporanea, alla fine si tratta. Per la valenza di moderno "design della memoria" dei manufatti realizzati. Tutti ispirati a geometrie perfette e a gusti estetici senza tempo che richiamano come tangibile e visibile patrimonio, da considerare opportunamente e se possibile da incentivare anche in prospettiva d'incremento turistico. La vera e propria arte del ricamo, dunque, con le intramontabili tecniche dello "sfilato siciliano", del "retino", dell'"intaglio", del "bianco", del "chiacchierino" e del "filet all'uncinetto", che le esperte mani delle artefici "raccontano" ai dotti osservatori, attraverso movimenti rapidi e sicuri che di per sé rappresentano uno spettacolo nello spettacolo delle più belle realizzazioni esposte ai balconi e lungo le vie principali del centro.
Effetto tutto godibile di una Sicilia che tende a scomparire, e che adeguate iniziative di sensibilizzazione vogliono invece recuperare; non più nella logica esclusiva del passato da non perdere, ma anche nell'urgente e improrogabile necessità di trovare nuovi sbocchi alle possibili attività economiche dei vari comprensori. E in quest'àmbito, l'apporto della miriade di realtà apparentemente minori disseminate nel territorio può rivelarsi fondamentale, nella constatazione che non può trattarsi solo di passatempi operativi ma di vere e proprie scuole di lavorazione del tessuto, in una dimensione anche imprenditoriale .

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963