L'Arcobaleno Catturato

Post n°25 pubblicato il 23 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 
Tag: poesia

Ho catturato
Un raggio di sole
Sottoforma di arcobaleno,
Per fartene dono
Quando perderai
La voglia di sognare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Il Mio Piccolo Principe

Post n°24 pubblicato il 18 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

Ho fatto un sogno strano...
C'era un bambino ke viveva su un pianeta piccolo piccolo e passava il tempo a guardare degli splendidi tramonti... Soffriva di solitudine piochè su qll pianeta nn c'era spazio ke x lui... Un gg vide ke dal terreno arido cominciava a crescere qlcs: una piantina, striminzita e dall'aspetto bruttino, con 3 piccole spine... Un pò x ammazzare la noia e un pò x nn essere + solo, cominciò a prendersene cura: la bagnava, le zappava la terra intorno, estirpava le erbacce ke avrebbero potuto soffocarla...
A poco a poco la piantina divenne + graziosa, con uno stelo bello dritto, due belle foglie e un bocciolo chiuso... I mesi passavano ma il fiore nn si decxideva ad aprirsi, e + il tempo passava + il bambino aspettava con trepidazione il momento in cui il fiore fosse sbocciato, ma mai si sarebbe aspettato tnt...
Un gg il bocciolo si schiuse, rivelando dei petali grandi e delicati, di un rosso intenso, ke emanavano un profumo inebriante... E qll ke all'inizio sembrava un'erbaccia insignificante e bruttina, divenne una bellissima rosa...
Qll bambino nn era il Piccolo Principe, eri Tu!
Tu ke mi hai accettato x cm ero, ke mi hai accudito e protetto, e se sono qll ke sono è solo grazie alla tua presenza e al tuo amore...
Mi hai addomesticata e sarò x sempre una rosa solo tua...

Ora tocca a me aver cura di te...

foto glitter

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Nightmare

Post n°23 pubblicato il 18 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 
Tag: poesia

Sussurri e bisbigli,
frammenti di discorsi,
risate lontane
simili ad oscuri presagi...

La cripta deserta...
mille occhi nel buio,
mille zanne sguainate.

La morte in un grido,
la vita in un sospiro:
i sogni son crudeli,
il risveglio sempre un sollievo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

La Forza Di Persuasione Del Profumo - Dite La Vostra -

Post n°22 pubblicato il 12 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

Qst parte tratta dal libro "Il Profumo" è bellissima, mi ha emozionato, l'autore ha colto nel segno...

"Il profumo ha una forza di persuasione più convincente delle parole, dell'apparenza, del sentimento e della volontà. Non si può rifiutare la forza di persuasione del profumo, essa penetra in noi come l'aria che respiriamo penetra nei nostri polmoni, ci riempie, ci domina totalmente, non c'è modo di opporvisi."

Siete d'accordo o no? (gradita spiegazione)




PS Devo assolutamente comprare qll libro, appena finisco qll ke sto leggendo ora naturalmente...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Dentro Ai Suoi Occhi

Post n°21 pubblicato il 11 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

«Niente è più singolare, più imbarazzante che il rapporto tra due persone che si conoscono solo attraverso gli occhi, che si vedono tutti i giorni a tutte le ore, si osservano e nello stesso tempo sono costretti dall'educazione o dalla bizzarria a fingere indifferenza e a passarsi accanto come estranei, senza saluto né parola. Fra di loro c'è inquietudine ed esasperata curiosità, l'isteria di un bisogno insoddisfatto, innaturale e represso di conoscersi e di comunicare e soprattutto una sorta di ansiosa attenzione. Infatti l'uomo ama e onora l'uomo fino a che non è in grado di giudicarlo, e il desiderio è il frutto di una conoscenza incompleta.»

Thomas Mann

- premio Nobel per la letteratura (1929) -

 

 

Seduto al solito posto sul tram, contava le fermate che ancora mancavano perché la vedesse salire.

Ormai era diventata un chiodo fisso, tanto che se prima aspettava il venerdì che rappresentava l’inizio del weekend ora lo temeva.

Perché?

Perché dopo venerdì veniva il sabato, il sabato la scuola era chiusa (la sua, almeno), se la scuola era chiusa non doveva svegliarsi presto, se non doveva svegliarsi presto non doveva prendere il bus e se non doveva prendere il bus… non la vedeva. E così restava in uno stato apatico fino a lunedì, quando sapeva che di lì a poco l’avrebbe incontrata.

A volte si diceva da solo che tutta quella storia fosse un’assurdità.

Anche oggi, ripensandoci, vide il lato ironico della cosa e si mise a ridacchiare da solo, guadagnandosi lo sguardo indagatore di una signora seduta poco più in là, ma non poteva farci niente. Se lo sapessero i suoi amici lo prenderebbero in giro a vita!

Già si immaginava la scena.

“Ehi, ragazzi, indovinate un po’!”

“Cosa? Cosa?”

“Mi sono innamorato”

Primo scoppio di ilarità, e già così avrebbero avuto abbastanza materiale per le battute dei mesi successivi… sapeva anche cosa avrebbe detto ognuno di loro, li conosceva da una vita e non era difficile:

“Innamorato? Tu?” avrebbe sgranato gli occhi JP “Ma fammi il piacere!”

“Questa volta l’hai sparata grossa, Lucky! È più probabile che Gesù Cristo ci compaia davanti con la croce sulle spalle, chiedendoci di aiutarlo a portarla!” avrebbe bestemmiato Schizzo, che non credeva.

Toni, il suo migliore amico, se lo sarebbe preso sotto braccio con una sua tipica risata da maialino e allontanandosi leggermente dagli altri avrebbe cercato di capire… forse…

“Dai, sii serio, vuoi che ti reggiamo il gioco come con le altre, vero?” avrebbe chiesto, con un sorriso furbesco da canaglia “Sì, insomma… quando ce la presenti, una volta che usciamo tutti insieme, tu vai ad ordinare e noi facendo finta di niente partiamo con i soliti complimenti e frasi tipo ‘Non fa che parlare di te, non ne possiamo più’ ‘Sei proprio come ti aveva descritto’ ‘Guarda che a te ci tiene, me lo ha detto che sei diversa dalle altre’…così che te la facciamo un po’ addolcire e poi, tu… (gesto con la mano e strizzata d’occhio) insomma, hai capito!”

Dopo una risata, lui, Massimo detto Lucky perché era nato con la camicia, sarebbe ridiventato serio e gli avrebbe fatto la grande rivelazione:

“A dire la verità, non le ho mai rivolto la parola!”

E a quel punto sarebbe diventato il loro zimbello preferito per i successivi dieci anni!

A pensarci, anche lui a loro posto si sganascerebbe dalle risate.

Perché, forse non lo sapete, ma Massimo era un gran bel ragazzo con uno stuolo di ragazze ai suoi piedi e una fama di latin lover da far invidia a Giordan Giannotti di Uomini e Donne – trasmissione che considerava penosa e inutile, che però era assiduamente seguita da sua sorella e che quindi conosceva bene… suo malgrado! – Fin dal primo anno di superiori, Massimo aveva “collezionato” un gran numero di “conquiste”: era un tipo simpatico, ti metteva a tuo agio con un paio di battute e, dopo poco tempo, non riuscivi più a togliertelo dalla testa.

Non era cattivo, non voleva far soffrire nessuno anche se a volte capitava, però gli piaceva divertirsi. Era fatto così e pensava di non poterci fare niente, perché non riusciva ad avere un semplice rapporto di amicizia con una ragazza… almeno, non per molto tempo…

Solo Carola faceva eccezione, ma lei era anche una stangona con un naso aquilino da far spavento, talmente appuntito che Massimo le prime volte che le dava i soliti baci sulle guancie aveva paura di ritrovarsi con un occhio cavato! Carola, naturalmente, gli moriva dietro e lui cercava di non pensarci troppo altrimenti si sarebbe ritrovato con i sensi di colpa a parlarle ignorando le sue allusioni e le frecciatine, scherzando con lei e baciandola e abbracciandola come con Elisa, sua sorella minore.

E poi, diciamolo, a Massimo non interessavano le storie serie! Aveva 18 anni, voleva divertirsi almeno ancora per 10 e poi, forse, avrebbe messo la testa a posto e… chissà… magari avrebbe cercato una ragazza seria con la quale provare a costruire una storia che superasse i fatidici 3 mesi!

Ma da qualche tempo non era più sicuro di questa sua filosofia.

Chissà! Forse avrebbe continuato a vivere in pace passando dalla bionda Francesca alla Camilla dagli occhi blu o dalla bruna Valentina a quel peperino di Alice, se una mattina non fosse uscito di casa più tardi del solito per colpa dell’orologio guasto che andava indietro di un quarto ora. Se non fosse salito sul 35 delle 7.40, non avrebbe trovato così facilmente posto a sedere e alla Stazione Principe non avrebbe fatto l’incontro che avrebbe sconvolto il suo modo di vivere le relazioni con l’altro sesso fino a 15 minuti prima…

Massimo sorrise, ma i suoi pensieri furono interrotti come sentì uno scossone più forte e una frenata. Riconobbe il buco di piazza Acquaverde e mentre le porte si aprivano, un sospiro gli salì alle labbra mentre l’emozione che lo faceva tremare era la stessa di quel lontano giorno di inizio marzo…

I capelli legati in una morbida coda laterale, la gonna larga che danzava ad ogni passo, i libri stretti al petto e la borsa a tracolla lasciata aperta, gli occhi bassi per vedere dove metteva i piedi e non inciampare mentre saliva i gradini… poi le palpebre si sollevavano senza preavviso e i loro sguardi si incrociavano.

Lui si schiariva la gola, sorrideva e le faceva un cenno col capo. Lei rispondeva con un leggerissimo sorriso, poi si sedeva al solito posto - sedile sopra la ruota posteriore destra rivolta verso di lui - e apriva un libro, sempre lo stesso in verità. La copertina era logora, segno che si trattava di una prima edizione molto antica, di un marrone intenso e a tratti scolorito, col titolo in corsivo a caratteri d’oro: Orgoglio e Pregiudizio.

Massimo aveva provato a leggerlo più volte ma gli risultava noioso, anche se saltando da una parte all’altra aveva trovato interessanti certi dialoghi tra la giovane Elisabeth e il tenebroso Signor Darcy: la scaltrezza di quella ragazza di fronte a quell’uomo che le incuteva timore e l’attirava a tempo stesso lo aveva sorpreso, soprattutto vista l’epoca in cui era ambientato il romanzo.

Si chiedeva cosa ci trovasse di così interessante in quel libro da leggerlo così tante volte. Un osservatore occasionale, come tanti in quel bus, avrebbe detto che non riusciva a finirlo perché le risultava noioso; invece, Massimo l’aveva vista a poche pagine dalla fine un giorno e il seguente a poco più che all’inizio del romanzo.

Ma non era solo questo ad attirarlo, era solo l’ultimo degli innumerevoli fili che componevano la ragnatela in cui era caduto. Forse come uno sciocco, sì! S’era lasciato abbindolare da quel viso pulito, sempre acqua e sapone, che ormai conosceva a memoria ogni piccola lentiggine sul piccolo naso dritto… da quello sguardo fugace che lei gli lanciava da sopra il libro e che lui sempre ricambiava… da quel sorriso innocente che seguiva e a cui rispondeva… da quella bellezza sottile, antica per così dire, che al giorno d’oggi è difficile trovare e che ancora attira…

Come la candela per la falena, fatale eppure inevitabile.

Ma oggi il destino aveva qualcos’altro in serbo: si divertì infatti a far superare la ragazza da un’anziana e scorbutica vecchia signora che occupò il suo posto. La giovane, rimase per qualche secondo incerta su che fare, il che le costò caro poiché anche i restanti posti vennero occupati, così afferrò una maniglia e cercò di mantenere l’equilibrio.

Massimo non poteva sperare in un’occasione migliore!

Sporgendosi, riuscì a prendere tra le punte dell’indice e del medio l’estremità della sua camicetta e la tirò leggermente un paio di volte. Lei si volse, gli occhi castani simili ad un mare di cioccolato, caldi e felici di scoprire che si trattasse di lui o forse era soltanto un’impressione.

Senza una parola si alzò e con un cenno del capo l’invitò a sedersi.

La ragazza sorrise, poi abbassò lo sguardo, si sedette e aprì come suo solito Orgoglio e Pregiudizio. Massimo studiò per qualche secondo cosa dire, secondi che diventarono minuti, mentre sentiva pesare sempre più il silenzio che li separava.

Perché mai era così difficile?

Non era sempre stato bravo con le parole?

Perché questa ragazza lo metteva in difficoltà, mentre con alcune sue compagne di scuola molto più belle riusciva a parlare di tutto e di più?

Stava giusto dandosi dello stupido, quando una voce femminile che veniva dal basso lo interruppe.

-Sei un’inguaribile stupido! –

Massimo fissò la ragazza, che sorrideva senza mai staccare gli occhi dalle pagine del romanzo che teneva dritto a pochi centimetri dal viso.

-Come, scusa? –riuscì a domandare solo dopo qualche istante, il tempo necessario per accertarsi che non fosse stata la sua immaginazione.

Lei sorrise, sollevò lo sguardo dal libro e lo fissò, dal basso verso l’alto, con le sopracciglia leggermente sollevate a formare una ruga d’espressione davvero adorabile sulla sua fronte.

-Hai sentito bene. Sei un’inguaribile stupido! –chiuse il libro con un tonfo –Hai finalmente l’occasione di rivolgermi la parola, dopo quasi un mese che ci scambiamo sguardi intensi e sorrisi, e non riesci nemmeno a… –

-A cosa, sentiamo? –l’incalzò lui, ritrovando un po’ di scaltrezza.

Lei sbattè le ciglia, per nulla intimidita.

-Non lo so, magari a chiedere il mio nome, ma forse non ti interessa… devo essermi sbagliata. –riaprì il libro e s’immerse di nuovo in quel mondo cartaceo.

Massimo sorrise, notando una certa somiglianza con Elisabeth e supponendo che quello fosse il motivo della sua costante lettura di quel romanzo.

-Mi interessa, invece. –ammise, chinandosi e mettendosi alla sua altezza –Qual è il tuo nome? –

La vide sorridere mordendosi le labbra, un gesto di imbarazzo e insieme di vittoria che gli piacque scoprire, poi alzò lo sguardo e mosse lentamente le labbra nel pronunciare le poche sillabe che sarebbero diventate il suo vangelo.

-Clara. –sussurrò, eppure lui lo udì chiaro e pulito anche nel caos di quell’autobus.

Le sorrise ancora, porgendole la mano libera.

-Io sono Massimo. –

Clara mise la mano nella sua, ma lui la girò e arrivò quasi a baciarne il dorso, fermandosi con le labbra a pochi centimetri dalla pelle di lei. Sollevò lo sguardo, cercando il suo, senza muoversi di un millimetro.

-A una signorina non si fa mai il baciamano. –

Lei rise e la sua risata fu musica per le sue orecchie.

-Conosci il galateo. –

-Mia madre è fissata su certe cose, mi ha educato come un perfetto gentiluomo. –confessò, sollevandosi e lasciando andare la presa.

-Direi che ha fatto un ottimo lavoro! –

Massimo notò che mancava poco a piazza De Ferrari e lì Clara sarebbe scesa, così decise di giocarsi il tutto per tutto.

-Sì, ma adesso vorrei parlarti francamente… è quasi un mese, come hai detto tu, che non faccio che osservarti. Sei diventata un’ossessione! –anche Clara si accorse che mancava poco alla sua fermata e si alzò, avviandosi all’uscita, mentre Massimo la seguiva e continuava a parlare –Sono arrivato ad odiare i weekend e ad anelare questo breve tragitto in bus che facciamo insieme durante la settimana, solo per poterti vedere… –

Clara suonò per prenotare la fermata e si fermò in prossimità dell’uscita, con Massimo dietro che non sapeva dove volesse arrivare con quel discorso.

Cosa voleva da Clara?

-Cosa vuoi da me, Massimo? –

Ancora una volta, la ragazza lo guardò e gli pose la stessa domanda a cui lui stesso non trovava risposta. In quell’istante, però, la risposta gli balenò davanti come una piuma svolazza leggera davanti agli occhi attenti di un gatto.

-Conoscerti. –disse semplicemente –Mi incuriosisci! Mi stordisci! Mi attiri! –

Clara fece uno sbuffo e sollevò di nuovo le sopracciglia.

-Come devo interpretare quest’ultima parte? –

-Non nel modo sbagliato. –

-Ho come la sensazione… non so, che forse ci stai provando? –

-Forse o forse no. –fu la risposta ironica e sincera insieme che sorprese la ragazza –Non lo so nemmeno io… Per il momento non voglio dare un motivo a questo… bisogno, perché è un bisogno, che ho di vederti… Non so dove ci condurrà, però… però, vorrei passare un po’ di tempo con te… un tempo più lungo di un tragitto in autobus di circa 10 minuti! –

Clara sembrò riflettere qualche istante su quello che le aveva appena detto e mentre le porte si aprivano gli rivolse queste veloci parole:

-Ci penserò, Massimo. Nel frattempo, accontentati di tenermi un posto vicino a te domattina… parleremo meglio, non credi? –

Poi scese velocemente i gradini, lasciandosi dietro uno dei suoi sorrisi appena accennati e uno sguardo più intenso dei precedenti. Massimo cercò di non perderla di vista mentre si allontanava, nel disperato tentativo di catturarla dentro ai suoi occhi prima che sparisse ancora una volta, ma Clara era ormai distante e la perse tra la folla che si accalcava alla fermata del centro.

Tuttavia, nel ripensare all’ultimo sguardo che gli aveva riservato, si ricordò una frase che aveva sentito citare molte volte dal professore di Italiano: “Quando gli occhi dicono una cosa e la bocca un'altra, l'uomo avveduto si fida del linguaggio dei primi.”

Sorrise e mentre le porte si richiudevano, Massimo sentiva che la Dea Bendata l’avrebbe assistito come sempre e che l’indomani la risposta di Clara non avrebbe deluso le parole del suo vecchio insegnate.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

tratto da "Il Gabbiano Jonathan Liviston"

Post n°20 pubblicato il 10 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

   La maggior parte dei gabbiani non si danno la pena di apprendere, del volo, che le nozioni elementari: gli basta arrivare dalla costa a dov'è il cibo e poi tornare a casa.
   Per la maggior parte dei gabbiani, volare non conta, conta mangiare. A quel gabbiano lì, invece, non importava tanto procurarsi il cibo, quanto volare.
  
Più di ogni altra cosa, a Jonathan Liviston piaceva librarsi nel cielo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Vorrei essere tnt cose... solo x te!

Post n°19 pubblicato il 09 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 
Tag: poesia

Vorrei essere  l'Aria,
 x entrare dentro te e dare una sbirciatina...
Vorrei essere la Forza,
x sostenerti quando ne avrai bisogno...
Vorrei essere l'Allegria,
x farti tornare il sorriso quando sarai triste...
Vorrei essere il Vento,
x accarezzarti e farti rabbrividire...
Vorrei essere la Strada,
x guidare i tuoi passi sempre nella mia direzione...
Vorrei essere lo Specchio,
x mostrarti come io ti vedo, amore mio...
E vorrei essere il Sonno,
x cullarti dolcemente in un sogno tutto nostro... ed eterno.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Frammenti D'Anima

Post n°17 pubblicato il 07 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

Una parte della tua anima si è staccata ed è entrata a far parte della mia... ma data la sua esuberanza, una parte della mia anima si è dovuta staccare e volando nell'aria si è andata ad unire alla tua, colmando così il vuoto lasciato dal tuo frammento...

Photobucket

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Una Su Un Milione di Alex Britti [una delle ns canzoni ^^]

Post n°16 pubblicato il 05 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 
Tag: canzone

Accettami così, ti prego non guardare,
nella mia testa c'è un mondo da ignorare
voglio che tu sia mia complice discreta,
accettami e sarai la mia bambola di seta

Accettami e vedrai, andremo fino in fondo,
non pensare a cosa è giusto e cosa sta cambiando
andiamo al polo nord o al sud se preferisci,
accettami ti prego dimmi che ci riesci

Non ho detto mai d essere perfetto,
se vuoi ti aiuto io a scoprire ogni mio difetto
se ne trovi di +, ancora mi sta bene,
basta che restiamo ancora così insieme

Amo amo è qualcosa che si muove
su e giù per lo stomaco + freddo della neve
amo amo è un buco alla ciambella,
la sua dolcezza effimera la rende così bella

Accettami e vedrai, insieme cresceremo,
qualche metro in + e il cielo toccheremo
+ alti dei giganti, + forti di godzilla,
faremo una crociera su una nave tutta gialla

Andremo su un'isola che sembra disegnata,
con colori enormi e un mare da sfilata
x quanto mi riguarda ho fatto già il biglietto,
ti prego non lasciarlo accanto a un sogno in un cassetto

Amo amo è qualcosa di speciale,
su e giù x lo stomaco è come un temporale
amo amo è il sugo sulla pasta
finché non è finito non saprò mai dire basta
amo amo è un dono di natura
perché la nostra storia non è solo un'avventura
amo amo è una semplice canzone
e serve a me x dirti che sei una su un milione

Photobucket

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

da "Và Dove Ti Porta Il Cuore"

Post n°15 pubblicato il 05 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

   E quando poi davanti a te si apriranno tante strade e non saprai quale prendere, non imboccarne una a caso, ma siediti e aspetta. Respira con la profonda fiducia con cui hai respirato il giorno in cui sei venuta al mondo, senza farti distrarre da nulla, aspetta e aspetta ancora. Stai ferma, in silenzio, e ascolta il tuo cuore. Quando poi ti parla, alzati e và dove lui ti porta.

Photobucket

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

da "Amaro Dolce Amore"

Post n°14 pubblicato il 05 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

   I nostri occhi si sono incrociati, i cuori battono all'impazzata, perchè sanno cosa sta per succedere. Ricardo si china lentamente verso di me, senza smettere di guardarmi, mi prende il viso tra le mani grandi e mi accarezza gli zigomi con i pollici. Abbiamo un unico respiro. Le nostre labbra si incontrano, si appoggiano le une alle altre, in un incastro perfetto, dolcissimo. E' un bacio lungo e profondo, che non deve esplorare nulla, perchè è come se già conoscesse. Non abbiamo bisogno di insegnamenti.
   Le prime gocce di pioggia ci trovano ancora abbracciati. Torniamo rapidamente in macchina, senza dire una parola. Ci baciamo ancora.

Photobucket

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Madre e Figlia - aneddoto di un rapporto spezzato dalla lontananza e l'egoismo -

Post n°13 pubblicato il 05 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

Una bambina si stringe a sua madre x fare una foto,
ma vista da dietro sembra semplicemente
ke le stia vicino x il vento freddo ke sale dal mare
al calare del sole...

Questa scena mi ricorda quello ke disse una volta una mia cara amica:

"Ricordo ke ero stretta a lei, a guardare il mare all'ora del tramonto...
Ricordo il suo calore, il suo profumo, Chanel n°5...
Questo è l'unico ricordo ke ho di me e mia madre insieme,
ed è anche il più bello ke potessi avere!"

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Secondo Friedrich Wilhelm Nietzsche - filosofo dell'800 -

Post n°12 pubblicato il 04 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

C'è sempre un grano di pazzia nell'amore,
così come c'è sempre un grano di logica nella follia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Equilibrium

Post n°11 pubblicato il 04 Marzo 2009 da Rora_MaryCris
 

Senza emozioni
il tempo è solo un orologio
che fa tic-tac...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Photobucket

 

FACEBOOK

 
 

 

follia

Nn tt hanno uno scopo nella vita. E anche se lo hanno, nn sempre possono realizzarlo, anzi nella maggior parte dei casi nn ci riescono. Xò dobbiamo vivere in ogni caso, x qst cerchiamo di dimenticare la ns paura, ignorando tt la realtà e divertendoci in modo scatenato...

 

 i love you Pictures, Images and Photos

In fatto d'amore,
il troppo
è ancora troppo poco...

Photobucket

Amami qnd lo merito meno,
xk sarà quando
ne ho più bisogno!

  Photobucket

L'amore vero risplende senza ombre.

love.jpg love picture by haileyjbaby09

 

Ultime visite al Blog

bronsecuertesayaka0domenicomariabrunisabardvincenza.sternativomelfibasilicatacelona.mariagreat.stargio.zilioalbacesaronimariopalmimariagrazia_scarcifrancyvf77guarino.vitalbagpfortyfive
 

Photobucket

Si vive per anni accanto a un essere umano, senza vederlo. Un giorno ecco che uno alza gli occhi e lo vede. In un attimo non si sa perché, non si sa come, qualcosa si rompe: una diga tra due acque. E due sorti si mescolano, si confondono e precipitano.

Gabriele D'Annunzio

 

GIF Photo Pictures, Images and Photos

 La fotografia è probabilmente fra tutte le forme d'arte la più accessibile e la più gratificante. Può registrare volti o avvenimenti oppure narrare una storia. Può sorprendere, divertire ed educare. Può cogliere, e comunicare, emozioni e documentare qualsiasi dettaglio con rapidità e precisione.

photo

 

Domenico Cirillo

eye

I moti rapidi ed inquieti
degli occhi,
uniti alle lagrime
involontarie e taciturne,
sono i più sicuri attestati
della sensibilità
e della compassione.

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

Photobucket

La musica è
l'armonia dell'anima.

music Pictures, Images and Photos

Dove le parole finiscono,
inizia la musica.

 

Margaret Mazzantini

Photobucket

Gli occhi dietro alle lacrime
come due pesciolini
in un mare troppo stretto

 

 
 

Photobucket

Blee-Amy

Photobucket

la Passione

 

Indovina Indovinello... ^^

Photobucket

A+A=<3

 

Messaggi Tra Noi

Photobucket

"Ogni tuo pensiero
che arriva fin qui
lo trasformo
in un bacio
che vola delicatamente
sulle tue labbra."

"... e ogni volta che
le mie labbra
sfiorano le tue
il mio cuore gioisce
di un amore galattico!"