Creato da Janus_13 il 05/12/2006

Janus Reloaded

Sulla via di Damasco

 

 

« FRENESIA3° Capitolo : QUASI PERF... »

3° Capitolo : QUASI PERFETTO 6° Parte

Post n°19 pubblicato il 12 Marzo 2007 da Janus_13
 

Il suono della campana mi riporta bruscamente alla realtà. Coraggio Alice, ancora tre ore e poi potrai cazzeggiare come al solito con la tua macchina fotografica. Nel frattempo dovrai solamente sorbirti due ore di biologia e un’ora di informatica. La biologia non è mai stata il mio forte. Sapere dell’interessantissima vita dello stercoraro non stimola la mia fantasia.

Non che mi ecciti sessualmente pensando alla trigonometria o alla fisica.

Mc Donnel saluta tutti bufunchiando qualcosa in un dialetto incomprensibile. Credo stia imprecando. O forse sta ripetendo a voce alta il nome di qualche birra che ordinerà tra qualche minuto al banco del pub irlandese che c’è proprio davanti alla scuola.

La signorina Harper entra immediatamente, salutando il ciccione di Dublino con lo stesso entusiasmo con cui si riceve in casa l’impresario delle pompe funebri.

Lucy Harper ha poco più di trent’anni, anche se ne dimostra almeno una quarantina. Nessun fidanzato, nessuna vita sociale, niente al di fuori della scuola. I suoi hobbies sono la collezione di insetti e la pagina dell’enigmistica al sabato.

Si aggiusta i pesanti occhiali sul viso scavato da rughe date probabilmente dall’insonnia o dalla depressione galoppante per non trovare uno straccio di uomo che se la prenda.

Poveretta. Se non avesse quel brutto vizio di parlare al triplo della velocità umanamente possibile per un qualsiasi homo sapiens proverei quasi pena per lei.

Praticamente un mutante col potere speciale di rincoglionirti in pochi secondi.

Se l’avessi mai ascoltata per più di due minuti probabilmente avrei il cervello ridotto in poltiglia. E io sono troppo affezionata alle mie cellule cerebrali.

Alzo il volume.

Tanto tra trentacinque secondi lei sarà troppo presa nel descrivere le fantastiche meraviglie della piramide sociale dell’alveare o dei rituali di accoppiamento dello scarabeo del Nilo per accorgersi che a nessuno frega un cazzo.

Mi volto solo per un istante. Chi gioca a carte, chi legge il giornale, chi dorme sul banco.

Tutto normale.

Iz dopo qualche secondo di smarrimento si rimette a disegnare distrattamente. Velocemente un ragazzino comincia ad apparire sul foglio bianco. Avrà più o meno tredici anni, una faccia antipatica da Harry Potter con un’espressione da saputello nato che guarda il mondo schifato dal suo seggiolino dell’autobus.

Sì, il mio “Robin” è proprio fenomenale. Sono quasi fiera di lui. Ma preferirei essere inseguita da un alano di dubbia moralità piuttosto che dirglielo.

Poi qualcosa nel suo viso cambia. Come se improvvisamente avesse indossato una maschera. I suoi lineamenti diventano tirati, sofferenti. La mano comincia a tremare incidendo sul foglio candido linee sempre più veloci e pesanti. L’espressione del ragazzino del disegno da arrogante diventa improvvisamente terrorizzata.  Un largo squarcio si apre sul suo braccio rivelando un pezzo di osso che cola sangue sugli abiti perfettamente stirati. Che diavolo sta succedendo ?

D’istinto tiro Iz per un braccio cercando di scuoterlo.

Non ha mai fatto così.

Normalmente mi metterei a ridere ma per oggi ho fatto il pieno di stranezze e non credo di poterne sopportare altre.

“Robin” si volta verso di me, con uno sguardo interrogativo che potrebbe tranquillamente vincere il terzo premio come espressione più stupida dell’anno.

“Non mi sento troppo bene” sussurra. Poi si alza di scatto, trattenendo a malapena un conato di vomito, scappando fuori dall’aula.

Dovrei seguirlo.
Invece rimango qui inchiodata a fissare quel disegno.

Fanculo giorno QUASI perfetto.
Comincio ad averne abbastanza di te.

Dopo pochi minuti Iz torna dentro, mentre la signorina Harper continua il suo interminabile monologo. Non si è nemmeno accorta che fosse uscito. E dire che di casino ne ha fatto.

Si risiede di fianco a me, sorridendo debolmente. “Scusa… il chili ha deciso improvvisamente di voler evadere dal mio corpo”.

Torno a guardare il disegno. Guardo lui.
E l’unica frase che esce dalla mia bocca è un laconico “Iz, trovati una ragazza per favore”.

Lui abbassa lo sguardo arrossendo. Ci è rimasto male.

E io sono una stronza colossale. Ma non ci posso fare niente. E’ più forte di me. Sì, credo di averlo impresso a fuoco nel DNA.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

ULTIME VISITE AL BLOG

in3sist3nt3bride68lolyta2002RitrattoDiUnEmozioneti.vorrei.sollevareArdat_LiliLaSacerdotesssapetalinudila_sognatrice_82DaviLicious
 

ULTIMI COMMENTI

è scomparso.
Inviato da: ba_rm
il 01/11/2007 alle 23:09
 
Ecco il nuovo blog. Chiaramente ci metterò qualche giorno a...
Inviato da: janus_reborn
il 19/05/2007 alle 11:06
 
Ciao a tutti. Sono sempre io, Janus. Nulla accade mai per...
Inviato da: janus_reborn
il 19/05/2007 alle 10:17
 
ehi.....
Inviato da: vera.sm
il 18/05/2007 alle 10:43
 
Amico,spero la tua assenza prolungata sia dovuta a qualcosa...
Inviato da: principessa.yashoda
il 11/05/2007 alle 19:43