Creato da martina.sogna il 17/02/2010

In punta di cuore

Credo esista un punto sull'orizzonte dove il cielo ed il mare si sfiorano non visti e che le nuvole sono ciò che il cielo trattiene per sé dopo aver accarezzato la cresta delle onde...

 

 

« Le vent de la mer

Stella tra le stelle

Post n°25 pubblicato il 14 Novembre 2010 da martina.sogna

.

.

Gridai, rapito sopra di me: Vedeste ?
Ma non v’era che il cielo alto e sereno.
Non ombra d’uomo, non rumor di peste.
Cielo, e non altro; il cupo cielo, pieno
Di grandi stelle; il cielo, in cui sommerso
Mi parve quanto mi parea terreno.
E la terra sentii nell’Universo.
Sentii, fremendo, ch’è del cielo anch’ella.
E mi vidi quaggiù piccolo e sperso
Errare, tra le stelle, in una stella.

.

Giovanni Pascoli

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Larivadelcuore/trackback.php?msg=9505905

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: martina.sogna
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 56
Prov: EE
 

AREA PERSONALE

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

etienne69digoutAttiliobuonaviasabbia_nel_ventoosvaldo_imparatoCosaSonoLeNuvoleethegrouchyjokerartemisia37moky_1971mirna.caburazzirobertplant0carmnielleugenia1820zummammadottbassirossanamikydgl8
 

ULTIMI COMMENTI

Con nosotros se acuestan, con nosotros se levantan...
Inviato da: corsaro551
il 12/10/2010 alle 08:38
 
che non mi basti mai...
Inviato da: martina.sogna
il 11/09/2010 alle 13:30
 
...per questo non mi stancherò mai di sentirmi dire...
Inviato da: tullio571
il 11/09/2010 alle 11:29
 
Non mi bastano mai per dirti che...
Inviato da: donnaisabella
il 11/09/2010 alle 11:27
 
...eppure di parole me ne dici tante quindi,ad inventarle,...
Inviato da: tullio571
il 11/09/2010 alle 11:25
 
 

.

.

Se il sonno fosse (come dicono) una tregua, un puro riposo della mente, perché, se ti si desta bruscamente, senti che t’han rubato una fortuna? Perché è triste levarsi presto? L’ora ci deruba d’un dono inconcepibile, intimo al punto da esser traducibile solo in sopore, che la veglia indora di sogni, forse pallidi riflessi interrotti dei tesori dell’ombra, d’un mondo fuori dal tempo, senza nome, che il giorno deforma nei suoi specchi.
Chi sarai questa notte nell’oscuro sonno, dall’altra parte del suo muro?

G. B. Borges

 .

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom