Blog
Un blog creato da Luca_Fra il 15/01/2009

Luca&Fra

Ma che rumore fa la felicità?

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ULTIME VISITE AL BLOG

woaineeviarigola2010fistf_sportflyanywherelabbrasilenziosesinceraeverafrederaickfranci.naAndrenewsviarigolavia_rigolatascia_007Contro.il.VentoharryhellerBeffa.naaaaaaaaaa
 

ULTIMI COMMENTI

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Senza rumore

Post n°8 pubblicato il 28 Agosto 2009 da Luca_Fra

All’inizio di quest’avventura ci siamo chiesti che rumore facesse la felicità…

Oggi mi verrebbe da dire nessuno…visto che è da marzo che siamo piuttosto silenziosi sul nostro blog.

E’ solo che le parole che spesso erano servite a colmare distanze, spiegare sensazioni, raccontare emozioni…hanno lasciato spazio alle immagini.

Di foto ne abbiamo scattate tante .
Ovuque.  Insieme.

Non so dirvi che rumore faccia la felicità…

Ma di sicuro ve ne lascio un ritratto.

A presto, Francesca

 

 
 
 

UN ANNO DI FRANCESCA

Post n°7 pubblicato il 25 Marzo 2009 da Luca_Fra

Un anno di Francesca. Un anno di evoluzioni. Mie e nostre. Un anno fa, Woainee compare sul mio blog con il commento che trovate a lato. Un anno fa, Luca e Francesca iniziano a raccontarsi tramite mail e msn. A giugno la prima telefonata. A fine settembre, la voglia di vedersi. A metà ottobre l'incontro che ha portato Luca e Francesca ad essere quel NOI che sono oggi, dopo 5 mesi. O meglio, dopo 12 mesi. Dopo un anno vissuto vicini anche se distanti. Un anno in cui ci siamo potuti conoscere senza veli, senza secondi fini, senza pensare che oggi ci saremmo trovati a questo punto. Questo rende speciale la nostra storia. La storia di due ragazzi che si raccontano, fanno vivere l'uno all'altro la propria vita quotidiana sino all'incontro. E sembra così scontato che quel vedersi, quel 17 ottobre, abbia portato a quel che oggi. Invece, non è gusto darlo per scontato. Luca ha dovuto inseguire un po', ma Francesca si è fatta raggiungere ed è stato ancora più bello quando le ultime croste se ne sono andate via. E da subito è stato tempo di progetti: per vedersi ancora, per stare insieme, per far crescere un amore nato da quel seme caduto sul mio blog un anno fa. Grazie, Amore mio. Grazie per quello che mi hai fatto diventare sino ad oggi e per quello che sono sicuro mi farai diventare domani. Grazie per il tuo amore. Grazie per un anno intenso. Un anno vivo. Un anno di Francesca, appunto.

Eccoti sai ti stavo proprio aspettando
ero qui ti aspettavo da tanto tempo
tanto che stavo per andarmene
e invece ho fatto bene

sei il primo mio pensiero che
al mattino mi sveglia
l'ultimo desiderio che
la notte mi culla
sei la ragione più profonda
di ogni mio gesto
la storia più incredibile
che conosco
conosco

eccoti come un uragano di vita
e sei qui non so come tu sia riuscita
prendermi dal mio sonno scuotermi
e riattivarmi il cuore

sei il primo mio pensiero che
al mattino mi sveglia
l'ultimo desiderio che
la notte mi culla
sei la ragione più profonda
di ogni mio gesto
la storia più incredibile
che conosco

eccoti anche ora che non sei in casa
tu sei qui mi parla di te ogni cosa
gli oggetti sembrano trasmettermi
l'amore nello sceglierli

eccoti finalmente sei arrivata
e sei qui non sai quanto mi sei mancata
speravo tu esistessi però non immaginavo tanto

sei il primo mio pensiero che
al mattino mi sveglia
l'ultimo desiderio che
la notte mi culla
sei la ragione più profonda
di ogni mio gesto
la storia più incredibile
che conosco
conosco

 
 
 

12 marzo 2009: AUGURI AMORE MIO

Post n°6 pubblicato il 19 Marzo 2009 da Luca_Fra

 
 
 

SENZA...CON

Post n°5 pubblicato il 01 Marzo 2009 da Luca_Fra

Di cose ne stanno accadendo tante...
Forse troppe per essere raccontante.

Direi quasi che siamo troppo impegnati a vivere. A viverci.

Credetemi, le parole non riuscirebbero a stare dietro alla folla di pensieri di questi mesi.
Ai progetti che stanno diventando vita reale.
Ai sogni che spero abbiano la forza per trasformarsi in progetti.

Sta di fatto che da luglio in poi non ci saranno più distanze.
I lunedì mattina saranno senza partenze.
Le sere senza la buonanotte al cellulare.
I week-end senza web-cam.

Senza rimedi alla distanza.

Perchè da luglio...sarà con Luca accanto.

E ci penso. Ci penso sempre.
In questa dolcissima attesa.

Anche se vorrei fosse già stasera.
Perchè mi manca.
Perchè lo amo. E più lo amo e più inconcepibile diventa stargli lontana.

E vorrei fosse già stasera.
Senza la naturale malinconia.
Semplicemente con lui.

Francesca

 
 
 

LOOKING FOR HOUSE

Post n°4 pubblicato il 04 Febbraio 2009 da Luca_Fra

Un nuovo incontro col mio Amore.
Quanta emozione vista la lunga attesa (dovuta ad una caviglia distorta).
Una svolta al piede che però ha portato ad un'altra svolta ben diversa.
Si, la mia vita cambierà. Anche quella di Francesca.
E l'emozione è tanta davvero.
Le difficoltà non mancheranno, ma quando sono con lei mi sembra che tutto sia possibile. In fondo, è questo l'insegnamento che ho tratto in questi mesi.
E allora...
...eccomi qua, per una nuova attesa, con nuovi progetti di cose da fare con lei.
Speriamo solo di migliorare le nostre condizioni fisiche visto che l'inizio di 2009 è stato avverso in questo senso!
Uffi...mentre scrivo mi prende un po' di malinconia a pensare come sto bene assieme a lei e ora sono solo davanti ad un monitor...uff! Comunque Amore salutami Rino (e anche Pato naturalmente).
E mi raccomando: succo di mirtillo! ihihihi

 
 
 

PLURALE

Post n°2 pubblicato il 24 Gennaio 2009 da Luca_Fra

Scrivo il mio primo post su questo blog che non è solo mio.
E’ nostro.
Al plurale devo ancora farci l’abitudine.
O forse spero di non farcela mai.

Perché voglio continuare ogni giorno a stupirmi che Luca ci sia.
Che sia da dieci mesi nella mia vita. E che quei mesi sembrino molti di più
Che ci siamo conosciuti a tanti chilometri di distanza e poi incontrati.
Che ci siamo baciati e poi innamorati.
Che è bello. Oltre ogni previsione, desiderio o teoria.

E sono sempre più certa.
Che intensità non voglia dire velocità.
Che il coraggio non sia  incoscienza.
Che scegliere non sia sbagliare. Ma che lo sbaglio sia non scegliere.

E mi piacerebbe far capire a chi invece si stupisce al negativo.
Capovolgere quell'ormai sentenziato  non va bene.

Ma poi…. respiro profondo da ingoiarmi anche il mondo.

E sovverto i pronostici di Luca di un mio acido esordio su queste pagine.
Perché invece potrà affondare il cucchiaino nella mia creme brulè rompendo la crosticina.

(Almeno per oggi…)

FRANCESCA

 
 
 

DA UN TAPPO A...OGGI (3 MESI)

Post n°1 pubblicato il 17 Gennaio 2009 da Luca_Fra

Ci sono una infinita varietà di oggetti che hanno, o avranno, dato il via a storie. Storie di ogni tipo. Storie di vita. Storie d’amore, nel nostro caso specifico. Chissà se c’è già un racconto che parte da un tappo. Un tappo di sughero. Di quelli comunissimi che saltano in aria al momento dello stappo dello spumante. Un tappo. Un semplice tappo che apre questa storia. Una storia che sa di favola, ma che favola non è. Perché le favole hanno un qualcosa di fantastico e surreale. In questa storia, magari, ritroveremo il fantastico, il surreale e persino il magico, ma è tutto vero, concreto.

La nostra storia comincia così. Su libero. Su un blog. Quello di Luca. Francesca arriva, legge di un tappo raccolto al volo e racconta che è successo pure a lei poco tempo prima. Da lì in poi, inizierà quella che sembra poter essere una bella amicizia. Lei che sta inseguendo un ragazzo, lui che cerca un “chiodo” e che certamente non pensa che questo possa trovarsi a 263 chilometri di distanza dal suo “nido”. Le loro strade, però, sembrano quasi inevitabilmente ricongiungersi nel loro amore per far capire ad entrambi che qualche sogno diventa realtà, che qualcosa che va come vorresti, nel mondo, esiste. Strade che cambiano le convinzioni di lei che credeva impossibili tante cose come un amore a distanza o una storia nata senza il colpo di fulmine e trovare una persona che le lascia il ruolo della fuggitiva. Strade che cambiano le convinzioni di lui che credeva non potesse esistere una persona capace di sopportare la sua “pesantezza” tanto da poter scoprire tutto il resto e che mai si sarebbe visto su un treno diretto a Milano. A tre mesi di distanza, lui vorrebbe viverci su quel treno…

Le tappe della storia (che si possono ritrovare nel video)

25 marzo: Francesca arriva sul blog di Luca.

28 marzo: Francesca scrive la prima mail a Luca. I due si aggiungono su msn. Anzi, Francesca aggiunge Luca che non era riuscito… “lascia fare alle donne che è meglio”.

E sempre lei farà la prima telefonata, mezzo considerato ostile da Luca. Lo scenario è quello di Castello Sforzesco. Romantico. Ma lui è nervoso di fronte alla telefonata di una “sconosciuta” e così lei si ricorderà soprattutto un “quando hai finito di ridere, dimmelo”. Eppure…eppure il telefono diventa un mezzo sempre più usato, in una calda estate che vede tanti cambiamenti nella vita di Francesca. La scomparsa di un ostacolo e un nuovo lavoro. Ma c’erano ancora tante cose da superare. Anche se i loro rispettivi “chiodi” iniziavano a dare fastidio, a far affiorare un po’ di gelosia. Poi il 25 settembre, Francesca mette in tavola le proprie carte, Luca risponde. Si vogliono bene. Come base di partenza per una “bella circostanza” non è poco. Da lì, si arriverà all’incontro del 17 ottobre (con Luca che si presenta alla stazione con un tappo, ma che nel frattempo pensa bene di pestare anche un piede a Francesca…), al primo bacio (Luca era un po’ agitato, vero Francesca?)…e tutto un susseguirsi di emozioni. Sino al viaggio di Francesca. Da Milano alla sperduta Castelnuovo. A sorpresa. Lì, le basi diventano fondamenta. Castelnuovo sarà galeotta circa un mese dopo quell’avvento. Inizi di dicembre. Luca si toglie un peso, dice “Ti amo”, come mai aveva detto. Francesca sorride trincerandosi dietro un Idem di Ghostiana memoria, poi ricambia. Altre tappe. Altri puntine sulla storia. Nel mezzo, tanto amore, tanti cambiamenti, ma soprattutto tanti progetti. Ancora sogni. Ma da fare in due, in frasi con il “noi”.

Luca

 
 
 
 

25 MARZO 2008

Lo spumante viene stappato
Il tappo vola
Lo prendo al volo
Mi sposo entro un anno?

 
 
 
Inviato da woainee il 25/03/08 @ 11:53 via WEB
Io il tappo me lo son beccato sulla fronte il Natale scorso...ma all'orizzonte non mi sembra di vedere nessun ipotetico sposo. A meno che non sia tu! ;-) Buona giornata!
 
..
Inviato da Poeta71081 il 25/03/08 @ 14:06 via WEB
ahahah probabile visto che vale lo stesso per me! quindi siccome l'apparenza non conta...inviami un tuo book fotografico completo e ti farò sapere ihihih

 

\"PICCOLI\" PIACERI FRANCESCANI

Se ho la Franceschite...

La sua voce

La sua voce…sonnacchiosa

I suoi occhioni (e gli sguardi nei vari momenti)

Le sue mani

I momenti-cozza

La sua risata

I suoi morsi

Quando compare il suo nome al cell

Le lunghe telefonate

Le sue fantastiche mail

La pizza fritta

Il mezzo lettuccio

La metro e i bus

I venerdì

 

GLI INIZI...