Creato da noremorenorimpianti il 22/04/2010
La vita nel tempo....

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

Be_RebornmanichiusenoremorenorimpiantiUnOrchestraleOdile_Genetkremuzioandrea7770elio.vignettamelo511psicologiaforenseLa_porta_del_cuore1Biosbiosalfredomaria1940webantmy_moon
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« T.O.M (TIME OF MEDITATION)

T.O.M

Post n°7 pubblicato il 03 Ottobre 2011 da noremorenorimpianti
Foto di noremorenorimpianti

Al mattino presto del giorno successivo di buon mattino si parte per la visita a Erice...

Giornata cupa e triste, niente sole sia nel cielo che dentro di me. Saliamo sul pulman e la Signora si siede vicino a me augurandomi il buon mattino e dicendomi:" Sono fortunata ad essere in grado di venire a vedere queste bellezze che i nostri antenati ci hanno lasciato, anche loro hanno pianto penato combatttuto sperato sofferto e trovato delusione, forse molto meno periodi di felicitá totale che l'attimo che ho trovato io".

Io non rispondo, ma penso che abbia ragione, tutti pensiamo che quello che viviamo sia terribile fino a che il tempo, passando lascia solo i ricordi. Io personalmente ricordo solo il bello e il brutto lo dimentico, purtroppo, e perdono il male che ho ricevuto. Forse i nostri antenati erano piú razionali, realisti e vivevano in pieno la loro vita senza fantasticare, senza sognare e semplicemente sognando e camminando per raggiungere quel sogno.

Erice, il sogno di Garibaldi di unire l'italia per un attimo avverato ma che ancor oggi non si e concretizzato. Che le nostre vite siano proprio cosí? Correre, raggiungere ma mai concretizzare?

Esprimo questo pensiero alla Signora. Lei ormai era nei suoi sogni. Come se si svegliasse dal suo torpore mi spiega che Erice é dove il suo lui avrebbe voluto venire e che spesso si riferiva a questo posto in relazione ad Ulisse. LUI un uomo fantasioso e pseudo colto che dava un senso di sicurezza di stabilitá a tutto quello che la Signora aveva alenato senza rendersene conto per tantissimi anni. Lacrime  e dolore ora scendevano dal suo viso, un sorriso triste e accorato di aver creduto in niente solo in un sogno di cui lei non si rendeva conto fosse ma aveva fiducia che fosse realtá.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog