Creato da MioDestino il 03/01/2008

___AprilatuaMente___

.....vivi, osserva, ascolta

 

...

Post n°1743 pubblicato il 21 Maggio 2009 da MioDestino

Anche se poi non staremo mai insieme

 
c'è questa particolare affinità
questo darsi senza chiedere
parliamo di noi sognando baci,
il fare l'amore
il dire no, ma poi forse è un sì...

 
io ti cedo la parte migliore di me e anche tu
nella speranza che l'uno o l'altro
la rispetti,

 ci basta poco.


Ma si sa, i sognatori vivono una notte
come se fosse la vita intera
possiamo darci tutto in un solo momento,
si tutto:

 anima, corpo, respiro


e magari poi tornare a sognare e sperare, sperare
perché avere un sogno e' vivere
e sperare e' amare il sogno
il sogno dell'amore,
quel viandante frettoloso
che lascia il segno e non si ferma
quella nuvola che graffia il cielo.


Quanti sogni, speranza
di vivere quell'attimo eterno
di vivere un solo minuto
in cambio di una vita
ma che sia un attimo di estasi
di assenza di movimento
di perfetta sincronia tra mente, corpo e spirito
e il cuore che si riempie di quell'amore
che puro appare agli occhi del sognatore
e torna a vivere l'attimo
dando se stesso in cambio
quel se stesso che e' ogni giorno uguale
che ogni giorno guarda il sole
come potesse indicargli la via.


Ehi sognatore, che voli con la fantasia
restando sveglio, che vegli durante la notte
che scruti tra i vicoli del cuore
in cerca di ciò che non esiste
tu che fai tesoro di ogni granello di sabbia
per prolungare il tempo nella clessidra
quel tempo indimenticabile
quel tempo che ti appare nemico
prigione dei tuoi desideri
e dei tuoi mille perché
questo è un mestiere ingrato
ma il sognatore questo lo sa.


- Il Sognatore -

Jackinthewind

.

 
 
 

*

Post n°1742 pubblicato il 20 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: .

.

Tu chiamale se vuoi

.

. . .

 
 
 

*

Post n°1740 pubblicato il 20 Maggio 2009 da MioDestino
 

Soli,

lontano da tutto.

.

(( Buongiorno ))

 
 
 

...

Post n°1739 pubblicato il 19 Maggio 2009 da MioDestino
 

Eurovision 2009

 ...vince un norvegese
con violino e un brano stile Sting.

Con la canzone Fairytale (Fiaba), il cantautore Aleksander Rybak, 23 anni, norvegese di origini bielorusse, si è aggiudicato a Mosca il microfono di cristallo della 54esima edizione di Eurovision: la prima in Russia di questa Sanremo europea e finora la più costosa (42 milioni di euro).

Spettacolare e ricca di polemiche soprattutto per la concomitanza con le manifestazioni del Gay Pride e con le maniere forti usate dalle forze dell'ordine nei confronti dei dimostranti (.....)

(Espi, la vera ispiratrice di questo post, eh.....)

 
 
 

Wassily

Post n°1738 pubblicato il 19 Maggio 2009 da MioDestino
 

"...Mi sembrava che l'anima viva dei colori emettesse un richiamo musicale, quando l'inflessibile volontà del pennello strappava loro una parte di vita...".

Wassily Kandinsky

Wassily Kandinsky - The Great Gate of Kiev - 1928

...nelle macchie più scure predominano due colori, il rosso e l'azzurro che evidentemente considera relazionati perché si trovano sempre insieme.

 Il rosso è un colore caldo e tende a espandersi; l'azzurro è freddo e tende a contrarsi.

Kandinsky non applica la legge dei contrasti simultanei, ma la verifica; si serve di due colori come di due forze controllabili che possono essere sommate o sottratte e, secondo i casi, cioè secondo gli impulsi che riceve, si avvale di entrambi affinché si limitino o si esaltino a vicenda.

 Ci sono anche segni lineari, filiformi; sono, in certo modo, indicazioni di movimenti possibili, sono tratti che suggeriscono la direzione ed il ritmo delle macchie che vagano sulla carta. Danno movimento a tutto l'acquerello (...)

(Argan).

Kandinskij nelle sue opere espone le sue teorie sull'uso del colore, intravedendo un nesso strettissimo tra opera d'arte e dimensione spirituale.

Il colore può avere due possibili effetti sullo spettatore: un effetto fisico, superficiale e basato su sensazioni momentanee, determinato dalla registrazione da parte della retina di un colore piuttosto che di un altro; un effetto psichico dovuto alla vibrazione spirituale (prodotta dalla forza psichica dell'uomo)

attraverso cui il colore raggiunge l'anima...

 Esso può essere diretto o verificarsi per associazione con gli altri sensi.

L'effetto psichico del colore è determinato dalle sue qualità sensibili: il colore ha un odore, un sapore, un suono.

 Perciò il rosso, ad esempio, risveglia in noi l'emozione del dolore, non per un'associazione di idee (rosso-sangue-dolore), ma per le sue proprie caratteristiche, per il suo "suono interiore".

 Kandinskij utilizza una metafora musicale per spiegare quest'effetto: il colore è il tasto, l'occhio è il martelletto, l'anima è un pianoforte con molte corde.

Il colore può essere caldo o freddo, chiaro o scuro.

Questi quattro "suoni" principali possono essere combinati tra loro: caldo-chiaro, caldo-scuro, freddo-chiaro, freddo-scuro.

 Il punto di riferimento per i colori caldi è il giallo, quello dei colori freddi è l'azzurro.

Alle polarità caldo-freddo Kandinskij attribuisce un doppio movimento: uno orizzontale ed uno radiante.

 Il giallo è dotato di un movimento orizzontale che lo fa avanzare verso lo spettatore rispetto al piano in cui è fisicamente, inoltre è dotato di un movimento eccentrico-centrifugo perché si allarga verso l'esterno, abbaglia, respinge...

 L'azzurro è dotato di un movimento orizzontale che lo fa indietreggiare dallo spettatore ed è dotato di un movimento concentrico-centripeto perché si avvolge su se stesso, esso crea un effetto di immersione, attira lo spettatore.

Kandinskij, sempre in base alla teoria secondo la quale il movimento del colore è una vibrazione che tocca le corde dell'interiorità, descrive i colori in base alle sensazioni e alle emozioni che suscitano nello spettatore, paragonandoli a strumenti musicali.

 Egli si occupa dei colori primari (giallo, azzurro, rosso) e poi di colori secondari (arancione, verde, viola), ciascuno dei quali è frutto della mescolanza tra due primari. Analizzerà anche le proprietà di marrone, grigio e arancione.

Appunto. I colori. 

 Eccoli da lui descritti. E i suoni che ne escono fuori...

Il giallo è dotato di una follia vitale, prorompente, di un'irrazionalità cieca; viene paragonato al suono di una tromba, di una fanfara. Il giallo indica anche eccitazione quindi può essere accostato spesso al rosso ma si differenzia da quest'ultimo.

L'azzurro è il blu che tende ai toni più chiari, è indifferente, distante, come un cielo artistico; è paragonabile al suono di un flauto.

Il rosso è caldo, vitale, vivace, irrequieto ma diverso dal giallo, perché non ha la sua superficialità. L'energia del rosso è consapevole, può essere canalizzata. Più è chiaro e tendente al giallo, più ha vitalità, energia. Il rosso medio è profondo, il rosso scuro è più meditativo. È paragonato al suono di una tuba.

L'arancione esprime energia, movimento, e più è vicino alle tonalità del giallo, più è superficiale; è paragonabile al suono di una campana o di un contralto.

Il verde è assoluta mobilità in una assoluta quiete, fa annoiare, suggerisce opulenza, compiacimento, è una quiete appagata, appena vira verso il giallo acquista energia, giocosità. Con il blu diventa pensieroso, attivo. Ha i toni ampi, caldi, semigravi del violino.

Il viola, come l'arancione, è instabile ed è molto difficile utilizzarlo nella fascia intermedia tra rosso e blu. È paragonabile al corno inglese, alla zampogna, al fagotto.

Il blu è il colore del cielo, è profondo; quando è intenso suggerisce quiete, quando tende al nero è fortemente drammatico, quando tende ai toni più chiari le sue qualità sono simili a quelle dell'azzurro, se viene mischiato con il giallo lo rende malto, ed è come se la follia del giallo divenisse "ipocondria". In genere è associato al suono del violoncello.

Il grigio è l'equivalente del verde, ugualmente statico, indica quiete, ma mentre nel verde è presente, seppur paralizzata, l'energia del giallo che lo fa variare verso tonalità più chiare o più fredde facendogli recuperare vibrazione, nel grigio c'è assoluta mancanza di movimento, che esso volga verso il bianco o verso il nero.

Il marrone si ottiene mischiando il nero con il rosso, ma essendo l'energia di quest'ultimo fortemente sorvegliata, ne consegue che esso risulti ottuso, duro, poco dinamico.

Il bianco è dato dalla somma (convenzionale) di tutti i colori dell'iride, ma è un mondo in cui tutti questi colori sono scomparsi, di fatto è un muro di silenzio assoluto, interiormente lo sentiamo come un non-suono. Tuttavia è un silenzio di nascita, ricco di potenzialità; è la pausa tra una battuta e l'altra di un'esecuzione musicale, che prelude ad altri suoni. (cliccate qui sopra col mouse che altrimenti non leggerete nulla...)

Il nero è mancanza di luce, è un non-colore, è spento come un rogo arso completamente. È un silenzio di morte; è la pausa finale di un'esecuzione musicale, tuttavia a differenza del bianco (in cui il colore che vi è già contenuto è flebile) fa risaltare qualsiasi colore.

Nella settecentesca Villa Olmo di Como dal 4 aprile al 26 luglio 2009. Una mostra a lui dedicata, comprendendo anche Marc Chagall, Kazimir Malevič e Pavel Filonov.

Buona visione

 
 
 

Domani

Post n°1734 pubblicato il 17 Maggio 2009 da MioDestino
 

Per non dimenticare.

La Vita è un soffio.

Respira.

Riprendila.

E non dimenticarla.

(Domani)

. . .

Domani 21.04.09

Tra le nuvole e i sassi/ passano i sogni di tutti (Ligabue)
passa il sole ogni giorno/ senza mai tardare. (Tiziano Ferro)
Dove sarò domani? (Enrico Ruggeri)
Dove sarò? (Gianni Morandi)
Tra le nuvole e il mare/ c'è una stazione di posta (Franco Battiato)
uno straccio di stella messa lì a consolare (Massimo Ranieri)
sul sentiero infinito (Max Pezzali)
del maestrale (Eugenio Finardi)
Day by day (Zucchero)
Day by day (Cesare Cremonini)
hold me/ shine on me. (Zucchero)
shine on me (Cesare Cremonini)
Day by day save me shine on me (Zucchero, Carmen Consoli, Mauro Pagani, Cesare Cremonini, Eugenio Finardi)
Ma domani, domani,/ domani, lo so (Francesco Renga)
Lo so che si passa il confine, (Roberto Vecchioni)
E di nuovo la vita (Mauro Pagani)
sembra fatta per te (Giuliano Palma)
e comincia (Elio)
domani (Elio e Le Storie Tese, Vittorio Cosma)
domani è già qui (Jovanotti)

rap 1 Estraggo un foglio nella risma nascosto
scrivo e non riesco forse perché il sisma mha scosso (Caparezza)

rap 2 Ogni vita che salvi, ogni pietra che poggi, fa pensare a domani ma puoi farlo solo oggi (Frankie Hi NRG)

e la vita la vita si fa grande così (Gianluca Grignani)
e comincia domani (Giuliano Sangiorgi)
Tra le nuvole e il mare si può fare e rifare (Claudio Baglioni)
con un pò di fortuna (Ron)
si può dimenticare. (Luca Carboni)
Dove sarò (Baustelle)
domani? Dove sarò? (Samuele Bersani e Baustelle)
oh oh oh (coro: Carmen Consoli, Antonella Ruggiero, Alioscia, Pacifico, Mango, Massimo Ranieri, Bluvertigo, Nek, Giuliano Palma, Antonello Venditti, Roberto Vecchioni, Albano)

rap 3 Dove sarò domani che ne sarà dei miei sogni infranti, dei miei piani/ Dove sarò domani, tendimi le mani, tendimi le mani (Marracash)

Tra le nuvole e il mare
si può andare e andare (Laura Pausini)
sulla scia delle navi
di là del temporale (Carmen Consoli)
e qualche volta si vede (Nek)
domani (Antonello Venditti)
una luce di prua (Nek)
e qualcuno grida: Domani (Antonello Venditti)

rap 4 Come laquila che vola
libera tra il cielo e i sassi siamo sempre diversi e siamo sempre gli stessi
hai fatto il massimo e il massimo non è bastato e non sapevi piangere e adesso
che hai imparato non bastano le lacrime ad impastare il calcestruzzo
eccoci qua cittadini dAbruzzo
e aumentano dintensità le lampadine una frazione di
secondo prima della finee la tua mamma,
la tua patria da ricostruire,
comu le scole, le case e specialmente lu core
e puru nu postu cu facimu lamore (Jovanotti, J Ax, Fabri Fibra e in chiusura Sud Sound System)

non siamo così soli (Giuliano Sangiorgi)
a fare castelli in aria (J Ax e Fabri Fibra)
non siamo così soli (Giuliano Sangiorgi)
sulla stessa barca (J Ax , Fabri Fibra)
non siamo così soli (Giorgia)
a fare castelli in aria (J Ax e Fabri Fibra)
non siamo così soli (Giorgia)
a stare bene in Italia (J Ax e Fabri Fibra)
sulla stessa barca (J Ax)
a immaginare un nuovo giorno in Italia (Giorgia, Giusy Ferreri, Dolcenera, Mario Venuti, Jovanotti, J Ax, Fabri Fibra)
Tra le nuvole e il mare si può andare, andare
Sulla scia delle navi di là dal temporale (Piero Pelù)
Qualche volta si vede una luce di prua e qualcuno grida, domani (Morgan)
Non siamo così soli (Giorgia, Mario Venuti, Giusy Ferreri, Dolcenera, Giuliano Sangiorgi)

(tromba solo di Roy Paci)

Domani è già qui
Domani è già qui (Jovanotti, Marracash, FabriFibra, J Ax)

(Assolo violino Mauro Pagani)

Ma domani domani, domani lo so, lo so, che si passa il confine (Gianna Nannini)
E di nuovo la vita sembra fatta per te e comincia (Elisa) domani (Sud Sound System)
Tra le nuvole e il mare, si può fare e rifare
Con un pò di fortuna si può dimenticare (Manuel Agnelli Afterhours)
E di nuovo la vita, sembra fatta per te (Mango)
E comincia (Niccolò Fabi)

(coro finale)
domani
E domani domani, domani lo so
Lo so che si passa il confine
E di nuovo la vita sembra fatta per te
E comincia domani

(Manuel Agnelli, Dolcenera, Zucchero, Niccolò Fabi, Pacifico, Giusy Ferreri, Alioscia, Pacifico, Max Pezzali, Caparezza, Niccolò Agliardi, Luca Carboni, Roy Paci, Tricarico, Ron, Giuliano Sangiorgi, negramaro, Negrita, Giorgia, Francesco Renga, Malika Ayane, Laura Pausini, Morgan, Jovanotti, Massimo Ranieri, Nek, Enrico Ruggeri, Piero Pelù, Antonello Venditti, Roberto Vecchioni, Carmen Consoli, Mango, Cesare Cremonini, Saturnino)

Domani è già qui,
domani è già qui (Jovanotti)
 

.

 
 
 

Scorpio's Light

Post n°1731 pubblicato il 15 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: ., Scorpione

Tenendo fede al mito greco secondo cui fu uno scorpione ad uccidere Orione, punito dalla Terra per essersi vantato di avere potere di vita e di morte su tutti gli animali selvatici del creato, il grande cacciatore dei cieli invernali si è nascosto sotto l'orizzonte occidentale, mentre a sud est, è sorta la costellazione dello Scorpione, ottava dello Zodiaco.

Assieme al
Leone ed al Cigno è una delle costellazioni che più chiaramente disegnano nel firmamento la figura che rappresentano, con la cuspide ricurva in posizione d'attacco e le chele protese ai due lati del corpo. Si trova in una porzione di cielo estremamente suggestiva, in compagnia del Sagittario (al cui interno trova posto il centro della nostra galassia), di Ofiuco, della Bilancia ed un po' più su della Vergine (giusto per citarne alcune), di bellezza pari a quella che in Inverno, agli antipodi della volta celeste, offre agli osservatori le costellazioni del Toro, di Orione, dei Gemelli e de L'Auriga.


L'essere a cavallo dell'Equatore celeste (come Orione del resto), rende possibile osservare lo Scorpione per intero in Europa solo nei mesi estivi e dalle coste del Mediterraneo, approssimativamente a sud del 45° paralleo nord, che per uno strano gioco di casualità è proprio quello che passa quasi sopra Torino. La latitudine di Torino è infatti 45° 4' 00" N.

Proporzioni di AntaresLa sua stella più brillante è la grande Antares, gigante rossa che deve il nome greco al proprio colore in quanto significa "come Marte" (in greco, Marte è Ares), o in altre traduzioni "rivale di Marte" (anti - Ares). Si trova a nord della costellazione, nel punto in cui i Greci, ed i Sumeri prima di loro, situavano il cuore del pericoloso aracnide. E' così grande che se la mettessimo al posto del Sole sfiorerebbe Giove, ma è solo (si fa per dire) un terzo della stella più grande conosciuta fin'ora, YV Canis Majoris. Molti templi Egizi erano orientati con Antares, mentre per i Persiani era una delle quattro stelle regali assieme a Aldebaran (Toro), Regolo (Leone) e Formalhaut (Pesce Australe).

Ma veniamo al dunque... come fare a trovare lo Scorpione? Anche se tra foschie e velature i cieli di questa primavera non sono mai stati un granché, almeno dalle mie parti (l'ho sempre detto io che l'Inverno è la stagione migliore per guardare le stelle), non è difficile da trovare una volta che avete focalizzato la parte di cielo nella quale guardare.

Come gà detto sorge a sud est, più o meno dove in queste notti sta sorgendo la Luna. Per sapere dov'è sud est o vi munite di una piccola bussola oppure lo ricavate attraverso la Stella Polare. Qui spiego come trovare la Stella Polare, molto semplice in queste notti dato che il Grande Carro, che è la costellazione dalla quale si può partire per scoprire il cielo, è allo zenit, ossia proprio sopra le nostre teste. Sempre per mezzo del Grande Carro potete giungere allo Scorpione attraverso il Leone (anch'esso quasi allo zenit) e la Vergine.

Cliccando sui link saprete come trovare ognuna delle costellazioni che ho citato.

La vostra attenzione dev'essere catturata da tre stelle non molto distanti tra loro, che formano una linea leggermente curva con le punte rivolte verso il basso, come il sorriso al contrario (un po' più alte sull'orizzonte rispetto alla figura qui accanto). 

Al di sotto di queste tre stelle c'è la rossa Antares, e di seguito il resto della costellazione con la cuspide, che non è ancora ben visibile.  Ma non disperate, man mano che andiamo verso l'estate lo Scorpione sorgerà prima e si alzerà sempre più sull'orizzonte, mostrandosi, con la cuspide, in tutto il suo splendore (...)


Scorpione


Per aiutarvi vi consiglio di consultare questo sito che offre delle mappe del cielo molto chiare per ogni mese dell'anno.

Cos'altro dirvi, buona osservazione.

....aggiungendo che ringrazio la mia buona Stella Mizzi, per questo incredibile quadro astronomico che ne fa di questo Segno, anche astrologicamente parlando, uno fra i piu' interessanti....

(modestamente........)

 

 
 
 

*

Post n°1730 pubblicato il 15 Maggio 2009 da MioDestino
 

Un sorriso può cambiare una giornata.

(?)

 [ ...anche se ci son giorni che davvero fai fatica persino a parlare tanto ti sei rinchiuso a riccio e non fai entrare nessuno ma proprio nessuno dentro quel tuo mondo oscuro e disprezzi  tutti gli smiles del mondo...

ma proprio tutti...]

(Gia')

. . .

(( Buongiorno ))

 
 
 

...

Post n°1728 pubblicato il 13 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: .

.

...perdercisi.

.

 
 
 

...

Post n°1726 pubblicato il 11 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: .

" Che stupidi che siamo.....quanti inviti respinti, quante parole non dette,

 quanti sguardi non ricambiati......

a volte, la Vita ci passa accanto e noi non ce ne accorgiamo nemmeno! "

.

- Le fate ignoranti -

Ferzan Ozpeteck

.

A prestissimissimo...

(Vi bacio)

.

 
 
 

.

Post n°1723 pubblicato il 09 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: .

La Luna è in cielo anche quando non si vede.

.

.

E' che pero' non ci accorgiamo di quanto Lei, silente e nascosta, osservi noi.  Piccoli, infinitamente piccoli, tutti, sotto la sua luce splendente. E, la tentazione forte di risponderle con un sorriso,  senza aspettandosi comunque nulla in cambio, c'è.

I suoi raggi lunari, non riscalderanno mai quanto un sole. Ma il fascino della Luce che emana, non ha eguali.

.

 
 
 

.

Post n°1721 pubblicato il 09 Maggio 2009 da MioDestino
 

SONETTO DEL DOLCE LAMENTO


Ho paura di perdere il prodigio
dei tuoi occhi di statua, e quella nota
che di notte depone sul mio viso
il tuo respiro, solitaria rosa.

Ho dolore a vedermi in questa sponda
albero senza rami: e più mi angoscia
non possedere fiore, polpa o argilla,
da dare al verme della mia agonia.

Se tu sei il mio nascosto tesoro,
se mi sei croce e spasimo bagnato,
se sono il cane e tu sei il mio signore,

non mi togliere ciò che ho conquistato
e le acque del tuo fiume siano adorne
di foglie del mio autunno stralunato.

.

FEDERICO GARCIA LORCA

.

 
 
 

100

Post n°1720 pubblicato il 09 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: ., Giro

. . .

Il Giro d’Italia deve anche far riscoprire la bicicletta alla gente.

 (Bicicletta significa liberta'!)

E’ la prima cosa che si regala ad un bambino, la sua prima cosa vera

 Con la bici un bambino da casa raggiunge il primo isolato, il primo quartiere, si muove da solo in citta'...

 E’ un mezzo di trasporto che permette di vivere e viaggiare a contatto con la natura e l’ambiente.

Per chi puo', nei piccoli centri è una valida, validissima alternativa alla macchina.

Gia'.

....Vero è pero', che il Giro d'Italia, dove, oggi si festeggia il suo centenario, è purtroppo diventato quel che è diventato. Il doping, la droga in pillole e fialette per rendersi migliori in pista e in strada, oramai è diventata una piaga per questo sport così antico e meraviglioso.  

Penso sicuramente, comunque, che non credo davvero che in quei tempi lì, qualcosa di...sospetto non ci sia stato. Certo, mai a questi livelli qui. E con così tante certosine preparazioni precostituite e prefissate. Una sorta di anticipazione di quel che non dovrebbe essere e invece, inesorabile, è.

Io, l'ho sempre amato questo sport. E, dall'affair Pantani, ahime', il suo declino è stato inesorabile. Il Pirata, l'ho adorato fino all'ultimo. Lo abbiamo tutti nel cuore, chi piu' chi meno. Poi, anche lì........e poi, il resto che si sa.

Si sa...

Non c'è piu' quel fascino, quella magia. Ché sai, che poi, prima o poi, le cose escon fuori. Magari non subito. Magari dopo, così come è successo a Davide Rebellin, squalificato con accuse pesanti e, risultato positivo ai test antidoping, su Pechino 2008 (un anno fa...)

Peccato.

Peccato sporcare una disciplina così bella, di autentica fatica in solitaria, con artifizi e trucchi. Hanno sporcato tutto.

Persino il sogno di quel bimbo, che cresciuto con quei miti, diventando grande, pensera' di provarne le incredibili gesta.

.

 
 
 

4YourEyesOnly

Post n°1719 pubblicato il 08 Maggio 2009 da MioDestino
 

Questo luogo qui,  ha dato modo di aprirmi e molto. Sempre un po' schiva, soprattutto nel parlar di me, (anzi).

Devo dire, pero', che mi ha supportato e molto la presenza di molte anime meravigliose qui. Una piu' bella dell'altra. A cui, son legata e tanto...

Uno di questi Cuori bellissimi ha deciso di chiudere. 

 I motivi solo suoi e legittimi, sono da rispettare e condividere anche se, è chiaro, chi la segue da tempo come me, e chi sosta, amico/a, qui, dispiace e tanto.

Questo è un piccolo Dono.

 Per un' Anima splendida che ha deciso di aprire il suo mondo, tempo fa,  inciampando, nel mio.

Ti voglio bene, Chiara.

Ti auguro il meglio, perchè  te lo meriti.

Sempre.

 
 
 

...

Post n°1717 pubblicato il 07 Maggio 2009 da MioDestino
 

So l’ora in cui la faccia più impassibile

È traversata da una cruda smorfia:

s’è svelata per poco una pena invisibile.

Ciò non vede la gente nell’affollato corso.
.
.

 Voi, mie parole, tradite invano il morso

secreto, il vento che nel cuore soffia.
.


La più vera ragione è di chi tace,

il canto che singhiozza, è un canto di pace.


Eugenio Montale
.
 

 
 
 

...

Post n°1715 pubblicato il 06 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: .

 Chiesi due cose:

 una parola, un colore.

La risposta, pronta, fu: 

" viola come il mio maglione, calma come la parola che desidero ora "

Ebbene, son le due cose che vorrei ora io.

E che condivido.

 Totalmente.

La vera tranquillità....

 è l'inquietudine.

- J. Green -

(J. Green)


 
 
 

...

Post n°1714 pubblicato il 06 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: .

...non c’è bacio sulla bocca che tenga.

Come petali sparsi,

confusi,

bramosi 

in un maggio profumato...

solo di te.

laDes

 
 
 

Ovatta

Post n°1712 pubblicato il 05 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: ., Tonia

Morbido

Dolcemente morbido

Il tuo sorriso

Il tuo corpo

È l’aria che respiri

È il tuo specchio

È quell’aria da bambina incantata

È quell’ingenuità

Trattenuta con forza

Una marea

Che inonda l’anima

Che ti appaga

Che ti rasserena

Che ti fa sognare

Di poter amare

sempre

Come ami adesso

In questo istante.

T.F.

 
 
 

...

Post n°1711 pubblicato il 05 Maggio 2009 da MioDestino
 
Tag: .

(Per esempio).

Saper modulare la vecchiaia e saper giocarci. Mica è cosa da poco.

(Il giovane non deve sentirsi vecchio, l'anziano deve far l'anziano...)

E dove sta scritto.

La vecchiaia, riassume in se', le altre due eta', giovinezza e mondo adulto, è l'ideale compimento di una vita.

 La vecchiaia che ho in mente io è quella della saggezza, della fermezza, non è quella deteriore del pessimismo, della meschinità, della scontrosità e della chiusura.

Tutt'altro.

Ma nemmeno farsi ingoiare dalla voglia di esserci a tutti i costi.

Fin diventandone ridicoli.

(ho nostalgia dei veri, cari vecchi.....)

 
 
 

*

Post n°1710 pubblicato il 05 Maggio 2009 da MioDestino
 

Guida:"Con Annie c'è stato un lungo corteggiamento..?

" Chris:"No, veramente no..ci siamo trovati..subito..come due..

" Guida: "Spiriti affini..è estremamente raro..ma..succede..come dire..anime gemelle, sulla stessa lunghezza d'onda..Riuscite a sentirvi attraverso i suoi dipinti..è una cosa che non avevo mai visto Chris!

Annie (piangendo):"Tu non riesci a vederlo vero..e non ci riuscirai mai..

" Chris (piangendo):"Io ti amo.."

(sospiri... pace.. )

dal film: 'Aldila' dei sogni'

Quante e quante volte ci siamo sorpresi di come ci siano anime che riescono ad entrar così tanto in sintonia. 

 Spiriti affini, appunto.

  E generalizzando, ovviamente,un po' in tutti i campi, lavorativi, sentimentali, amichevoli.

Ci si stupisce, poi, come, grazie a questo mezzo qui, si possa comprendere meglio, anche e soprattutto noi stessi, di fronte atteggiamenti esterni. Quasi si potrebbe pensare che abbia una sorta di  modo terapeutico, ecco.

(( Buongiorno ))

 
 
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

V

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

 

 

I am a
Lily

What Flower
Are You?

 
Citazioni nei Blog Amici: 67