Creato da oronzoemarginati il 13/04/2011
Come ti erudisco il pupo - Blog in onore di Luigi Lucatelli

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

kremuziomax_6_66remo750WIDE_REDdoublelletyta88strong_passionophelia.and.othersfabio_dadaMariboevaDanynoisemanzillo72xxxxxx1dglollizzagunamamma1
 

Ultimi commenti

Ciao raggione, che na vorta te facevano vede...
Inviato da: oronzoemarginati
il 28/08/2011 alle 00:41
 
Io invece ripenso a mi padre che ciagnede a mori'....
Inviato da: anonimo.sabino
il 27/08/2011 alle 09:14
 
Mi ci vorrebbero un pò di panini anche per me!
Inviato da: chiaracarboni90
il 04/07/2011 alle 10:24
 
E si, è propprio brutto!
Inviato da: oronzoemarginati
il 08/06/2011 alle 16:11
 
senza me sa, cià proprio raggione
Inviato da: cinciagio
il 10/05/2011 alle 16:14
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Ce nevica addosso

Post n°17 pubblicato il 24 Febbraio 2012 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Dicheno che da ‘ste parti nun semo abbituati alla neve, che quanno ariva stamo tutti drento casa e nun uscimo fori e nu ce va de fa gnente, solo de stacce a letto co na borza d’acqua calla.

Che tutto cominciò ch eme ne stava a fa du spaghi quanno er pupo s’è messo a sartà strillanno che cc’era la neve. Che l’ultima volta che ce s’è scontrato era quella vorta ch’eravamo annati ar Terminillo pe’ sbajo. O mejo dovevamo d’annà ar lago a nzuppà li piedi, quanno se semo trovati da n’antra parte e faceva freddo.

Ormai ce stavamo e quinni se semo messi a fa un pupazzo sbilenco, anzi due … peé fa le porte e giocà a pallone. Lo sapete, er pupo è fatto così. Appena cià un metro libbero, tira fori la palla e je da’ du carci. A me nun me va, e preferisco stà da ‘na parte a magnamme un panino co la porchetta  e ‘n bicchiere de vino bianco.

Ma come stavo a dì, l’artra settimana cominceno a scenne li fiocchi bianchi che sembrava porvere de quanno sbatto li tappetini de la machina. E butto n’occhio giù dalla finestra e pianopiano me vedo che su li marciapiedi se riempie de robba, e la ggente comincia a scivolà e a sacramentà quanno sbatte le chiappe per tera. Doppo un po’ pe strada nun c’era più nisciuno e sento sonà alla porta. Era er sor Filippo che se mette a strillà: - Sor Oronzo, avete visto che s’è mmesso a nevicà?

Che je devo risponde? – Sora Terresina de fori fa freddo, che me ricorda quanno stavo ‘n Russia.

E lo sa che quando se rivolge a Terresina lo fa pe dù motivi: Er primo è pe rompece l’anima co li racconti sua de guera, che poi manco l’aveva fatta perché era un regazzino, però è convinto der contrario. La seconda è pe’ scucicce un bicchiere de vino che sennò je se secca la gola a riccontà quello che s’enventa.

E Terresina se commuove e je lascia davanti ar bicchiere pure er fiasco.  E lui comincia a raccontare della ritirata della “Teresina” e del Don. Ma tutt’antratto se rompe er vetro della cucina. Er pupo dalla strada ha tirato ‘na pallata de neve che è finita addosso ar fiasco de vino rosso. Er sor Filippo se rimette a strillà vedendosi il panciotto sporco: “So arivati li cosacchi! Aiutateme!”

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La guera in Libbia

Post n°16 pubblicato il 23 Agosto 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Da quanno stanno a fà la guera in Libbia, er sor Filippo nun fa artro che ricordacce che quanno faceva la guera lui da quelle parti, allora sì che erano dolori de panza. Intanto doveva da sta co li carzoncini corti e li carzettoni lunghi che j'entrava tutta la sabbia drento e nun poteva dormì. Poi c'erano l'inglesi che sparaveno e si nu era pe na donna che l'ha nascosto pe quarche anno, cor cavolo che ritornava vivo.

Cià fatto pure quarche fijo co quella libbica che poi dato che doveva da lavorà troppo in mezzo a li beduini e alli cammell, s'era stufato ed è tornato a Roma. Che na moje che stava a Prati ce l'aveva pure. Senza fiji, quand'era partito. Però na vorta arivato se trova un regazzino dentro casa che nun je somijava pe gnente, però sia la moje che la socera giuravano che era suo, anche se li conti nun je tornavano.

A Terresina sto fatto nun j'annava giu, che li maschi quanno vanno 'n guera poi se mettono a fa fiji dovunque vanno, e poi tornano, si tornano e ce ne trovano artri de artri sordati che so' venuti a fa la guera de qua. Come che la guera fosse tutto n’ammazza e fa fiji.

Er pupo puro lui dice la sua, ed ha detto che puro lui vole annà ‘n guera la prossima vorta che c’è da partì n’Affrica, che giusto l’artro giorno se stava a lamentà che n’amichetta sua de scola nun je voleva da ‘n bacetto e che le donne qua in Itaglia non so’ come l’affricane…

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Le radiazzioni... E si cresce la terza zinna?

Post n°15 pubblicato il 08 Giugno 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Mo domenica vado a votà. Che lo dovemo da fa' tutti, sinnò sò cavoletti. Me svejo e me preparo, poi alle dieci uscimo tutti e annamo ar seggio. Poi accompano Terresina ed er pupo a messa e me ne vado a giocà a bocce cor sor Filippo. O mejo, er sor Filippo se ne va in osteria a bevese un quartino. Lui dice che je fa bene contro le radiazzioni, che cià paura che si le becca je possa succede quarcosa de brutto. 

Dice che potrebbe esse che a Terresina je spunta n'artra zinna. ed ar pupo n'artr'occhio in mezzo alla fronte come a Pollifemo. 

La cosa me preoccupa. Nun tanto pe la zinna che magara me piacerebbe. Ma poi se deve rifà li vestiti, li reggipetti e pure er costume, che se l'era comprato l'anno scorso ed ancora je sta bbene.

Ar pupo j'ho rifatto l'occhiali che me so' costati 'na cifra, e che cavolo.

Speramo bene che si pe sbajo co ste radiazzioni se mpiccia quarcosa, me crescessero a me le zinne, sai come ce rimarressi male... Sì sì domenica vado a votà de corsa...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ammazza quant'è brutto!

Post n°14 pubblicato il 10 Maggio 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Quer politico co la faccia che mette paura, lo stesso che è pure maleducato e puzzone, che da’ li carci ed è puro gnorante su n’sacco de cose, cià avuto la faccia de dì che le donne dell’opposizzione so tutte cozze. Ma no dico ma come fa a dì na cosa der genere lui che me sembra uno dei più brutti ar monno?

Cià du peli in testa, ridipinti scuri che cià paura de sentisse vecchio. In bocca cià na caciara de denti che c’è spazzio tra uno e l’artro pe facce passà un sorcio de traverso. Che poi uno dice che si ciavesse na bella voce je se starebbe a sentì quando parla, pure si dice fregnacce, ma la voce che cià me mette mpressione ar punto che er pupo si la sente se mette a piagne. Terresina dice che nun è corpa sua, ma der cammion che jè venuto addosso in faccia e jà rovinato tutto.

Er sor Filippo dice che comunque anche si fosse bello, a dì le cose che dice, si ce fosse giustizzia, je cascassero li denti. Dice che je ricorda tanti anni fa quanno durante la guera arivavano li tedeschi che pareva abbajavano e sbattevano li tacchi e ciavevi voja de daje un cazzotto in bocca.

Me sa che cià raggione. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Che brutto nasconnese...

Post n°13 pubblicato il 06 Maggio 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Hanno fatto fori quer barbone brutto che ce l’aveva coll’americani. Che d’infamità ne ha fatte tante e mo’ la commare secca se l’è portato via. Che poi s’è dovuto nasconne quasi sotto tera pe scappà a chi lo voleva fa’ fori. Er sor Filippo dice che se l’è meritato de fa la fine der sorcio come aveva fatto er baffetto zozzo nazistaccio un sacco de tempo fa. Puro lui aveva combinato un sacco d’enfamità e s’era dovuto nasconne sotto tera. Comepuro li mafiosi che tutt’an botto dicono che so’ li padroni der monno e se comprano i politici e le mignotte co li sordi zozzi che se so fatti co la droga. Poi decideno che cianno paura e se vanno a nisconne. Possibbile che fanno tutto pe fa la fine delli sorci?

Terresina dece che se ne frega d’avecce li sordi e puro er potere si poi nun te poi godé la vita, anzi che ce sputerebbe sopra si poi nun potesse annà ar mare o a fasse ‘na passeggiata ar centro. Er pupo dice che invece nun saprebbe che fa. Je basterebbe nun annà a scola per un po’ de tempo e rimarrebbe puro a letto tutto er giorno a giocà co la pleistescion. Però si je riferisco che nun se po’ giocà a pallone dentro ar bunker, allora vedo che se fa pensieroso e co la lacrimuccia dice che farà er bravo e annerà a buttà la monnezza tutte le sere…

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Monnovisione

Post n°12 pubblicato il 02 Maggio 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Terresina ieri è ita a piazza san Pietro. Dice che s’è fatta un sacco de strada a piedi ed era un gran casino. S’è portata dietro er pupo, che dice che na benedizzione dar santo padre nun po’ che faje bbene. So usciti presto la matina che io ancora dormivo, o armeno facevo finta de dormì, sinnò m’avrebbe costretto a venì pure a me. Er sor Filippo già aveva detto che doveva annà foriporta co la sorella che aveva già comprato ‘na decina de chili de fave e nu so quanto de pecorino.

Allora ieri sera m’ha detto che na vorta preso er tramve c’era na talepipinara dentro co un sacco de polacchi e de stranieri e pure de quarche bburino che se faceva fatica a respirà. Er giorno prima ar teleggiornale avevano detto che avrebbe piovuto, per cui s’era messo er trench ed er pupo s’era messo er piumone. Porello era diventato tutto rosso dar caldo.

Comunque scendono, vanno, aspettano e stanno 6-7 ore in piedi a sentì er papa che parlava parlava. Meno male che avevano i biglietti, sennò se ne dovevano restà a casa a guardà la televisione. Fatto stà che tra parlate e canzoni in latino che nun ce se capiva gnente, c’erano dei momenti de silenzio dove pareva che dovesse passà n’angelo. Solo che invece se sentiva russà. Pare che era Berluscone che s’era addormito come un regazzino che aveva magnato er bibberòn. E invece era un vecchiaccio che s’era rincojonito e che magara se sognava de stà co quarche zoccola.

Er pupo m’ha detto che na vorta s’è visto puro pe quarche seconno sur maxxischermo, e quando s’è accorto, sto fijaccio de bonadonna, s’è messo a fa le corna ed ha tirato fori la lingua in monnovisione. Cor cavolo che Terresina ce lo porta la prossima volta, pe nun fasse riconosce dinanzi a tutto er monno!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Scacco a la reggina

Post n°11 pubblicato il 29 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

L’artro ggiorno ho sentito dì ar sor Filippo che lui se ricordava quando s’era sposata la reggina d’Inghirtera, quella che ancora campa e nun se vò schiodà dalla portrona. Dar trono o come se dice. Er marito spilungo pure lui c’è ancora anche se nun fa gnente come nun ha mai fatto gnente. Poi se ricordava puro le nozze der fijo co Diana, che ‘n brutto giorno fece ‘na brutta fine a Parigi quanno sìannò a schiantà sotto ar sottopassaggio. Corevano come pazzi. Quando vado io ar muro torto, vicino a villa Bborghese che pare tanto quer passaggio francese, io vado piano che ‘na vorta ciò visto ‘na machina che s’anna a mette pé stortoe sbatte al muro. Forse pé questo se chiama torto, che vorebbe dì storto.

Mò, pé continuà er discorzo, Carlo s’è sposato quella cozza de Camilla, come si nun poteva trovà una più bbona da pijasse. Comunque mò vedemo siccome annerà a fenì co questi qua.

Speramo che nun fernisca come ai fiji de zìa Inese che uno s’è sposato n’ucraina che l’ha messo in mutande e la sorella ha trovato er padrone d’un baretto a Tormarancia che la pija a schiaffi quanno je rode. Terresina jelo dice che sarebbe mejo se tornasse a casa dalli genitori che se la ripijerebbero subito, specie mo’ che cià ancora er regazzino piccolo e un cagnetto che magna e caca in continuazione.   

Er pupo vorebbe prenne er cagnetto, ma poi lo so come fa a fenì. Che lui doppo quarche giorno se rompe e poi dovressimo portalla a spasso noi quella creatura, sia che piove o c’è er sole. Io farebbe un ber pacco, però, e c’infilerebbe er puo, er cane e er sor Filippo. Pure Terresina si me rode e jelo mannerebbe proprio al re d’inghilterra come regalo de nozze.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Er papa bbeato

Post n°10 pubblicato il 27 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Da quanno s'affacciò alla finestra, se capì che tanto normale nun era. Doppo che quell'artro tutto bardato disse l'habbemus, nun ce capimmo gnente de come se chiamava, tanto che ce sartò 'n testa che fusse africano. Però nun era nero, allora ce capimmo ancora de meno. 

Poi se mettette a parlà con quella voce stramba, che nun eravamo abbituati a sentì un papa che nun era italiano. 'Na vorta se diceva "romano lo volemo o almanco italiano" e 'nvece stavorta gnente, era polacco. Tutt'an botto se ne sortì con quella frase mezza storpia "si me sbajo me corriggerete" che me pareva come parlava quella che annava a servizzio dalla sora Erminia, ma quella era cispadana o che ne so da ndo veniva?

Poi lo sapemo, javeva sparato quer boiaccia de turco e poi doppo tanti anni s'era puro messo a parlà romanaccio. Er sor Filippo diceva che nun jannava ggiù che 'n polacco se mette a dì cose 'n dialetto, e che c'era sotto la fregatura, come si ciaumentassero le tasse.

Terresina se fece un pianto quando er papa morse e se n'andiede all'arberi pizzuti, ma morto 'n papa se ne fa n'artro, e mo ciavemo quello tedesco. Boh, che ne so perché nun l'hanno fatto romano? Questo mica dice "damose da fà che semo romani". Er pupo dice che è perché nun je va da fa gnente. Quello scrive un sacco de libbri, sarà puro nciclopedico però ce piaceva de più quell'artro... E mò lo fanno puro santo...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Er conijo e la resistenza

Post n°9 pubblicato il 26 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Er sor Filippo ‘gni tanto ce dice che s’è fatto la resistenza. Ma tutti sapemo che nun è vero. A parte er fatto che nun ciaveva l’età pe annà sulle montagne, e pure perché ntorno a Roma le montagne nun ce sono. Ma lui intigna e tutti li 25 aprile se mette mezzo sdraiato sur tavolo della cucina, doppo avé preso ‘na bottija de vino bianco dar friggidè e un bicchiere dallo scolapiatti. E poi ricconta de quella vorta che arrivorno li tedeschi e se lo volevano prenne pe portallo da quarche parte. Allora lui prima se nisconne drento a ‘na cassapanca ch’era der bisnonno, e se mette sopra na coperta muffita tanto p’esse sicuro, poi quanno Friz se ne va, tanta la paura decide de annà pe fratte.

Terresina fa finta de stallo a sentì ner mentre che capa le fave e se mette a sbuccià le patate, però drento a la capoccia se fa un po’ de risate. Io nvece me schiaffo di fronte a lui, me prendo un bicchiere pure io e pé faje compagnia, sinnò me se mette triste e se scola la boccia, je dico si se ricorda si era vero che se magnaveno li gatti. Lui dice che po’ esse, che nun c’erano tutti quei conigli ntorno casa da fa in cazzarola, anche perché lui stava ar centro quasi vicino a na stazzione de filobusse, indove arivaveno sì li bburini a portà le galline e l’ova fresche, però li coniji nun li vedeva.

In quer mentre ariva er pupo che sapete come fanno li regazzini, nun se stanno stà zzitti e je fa: “A sor Filippo, l’artro ggiorno a scola cianno detto che la guerra c’è stata 70 anni fa, e si voi ciavete 74 anni se po’ sapè che stavate a fa sulle montagne? Che eravate annato in colonia a riccoje le margherite?”

Er sor Filippo se pija n’antro bicchiere de Frascati e se lo spara ner gargarozzo e pianopiano lo sento dì “sti giovani d’oggi nun cianno rispetto de chi ha fatto a resistenza. Ve voressi vedè a voiartri a magnà li gatti…”

Terresina allora je fa: “Sor Filì volete rimané a pranzo co noi oggi? Ciavemo er conijo n’ummido”. Er sor Filippo je fa de sì, che er conijo n’ummido de Terresina è speciale…  

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Terresina ha comprato l’abbacchio.

Post n°8 pubblicato il 22 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Apro er frigorifero e vedo st’incarto pieno de robba rossa. A me me fa mpressione. Er pupo dice perché se deve ammazzà quella povera creatura ch’era tanto caruccia. E che je voi dì? La tradizzione ce dice che dovemo magnà l’abbacchio a Pasqua, come ce dice puro d’annà fori porta er primo maggio co ‘na cofana de fave fresche e de pecorino. Come l’anno scorso che semo annati a fa’ er picnicche sull’erba appena arivati ai castelli. Trovamo un angoletto indove tirà fori er tavolinetto piegabile e le seggioline. Er pupo comincia a tirà pallonate addosso all’arberi e er sor Filippo se butta a terra pe fa la pennica prima der pranzo. Fa finta de gnente ma s’è portato un fiasco de rosso che nisconne dietro la panza pe’ nun fasse vede.

Terresina comincia ad apparecchià co li piatti de plastica, le posate de plastica e li bicchieri de plastica. Puro le bottije so’ de plastica, e l’acqua ed er vino laddentro sanno de plastica. Tira fori le fettuccine ar sugo e riempie tre piatti. Er sor Filippo vole magnà nella concolina.

Poi mejo che nu ve racconto gnente, che co ‘na pallonata cor pallone de plastica er pupo fa ‘n casino andando a prende ‘n pieno la concolina che s’arivolta addosso alle fave che diventano ar sugo, come puro er pecorino che arimbarza per tera e sariempie de zozzeria.

Meno male che c’erano rimaste 4 buste piene de fave, e ce le semo state a smozzicà tutto er pommeriggio. So l’inconvenienti della campagna.

Però st’abbacchio me fa pena, puro si è bbono tutto brodettato. Vado a comprà quattro cinque buste de fave che nun se sa mai.

Bona Pasqua attutti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Er terremoto a Roma

Post n°7 pubblicato il 20 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Dicheno che tra quarche giorno ce sarà ‘n teremoto proprio qua sotto a li piedi. La corpa dovrebbe da esse delli pianeti che se mettono in fila come se se truvassero all’ufficio della posta a pagà li bollettini della luce. A me me sembra strano che ste palle in cielo che gireno gireno an certo punto se fermano e mettono a tirà de qua e de là noantri che stamo in mezzo. Mapperò perché devono sta a fracassà er chiccherone proprio a  Roma? Ce so’ tanti posti ar monno, magara in mezzo ar deserto, o dove nun po’ da’ fastidio a nisuno, e ‘nvece proprio sotto casa? Ma chi l’ha detta ‘na bojata simile? Dicheno che è stato uno che ‘n giorno s’è svejato e dice che l'unnici de maggio der dumilaunnici tutt’an tratto ce becca ‘no scossone sotto alli piedi. Dicheno che cià azzeccato pure l'artre vorte. Ma nun ce credo. E si fusse che cià indovinato solo perché mo comincia la metropollitana nova a passà sotto tera? O è er regazzino che va co li pattini sur terrazzo?

Mo mancheno pochi giorni. Er sor Filippo dice che tanto che deve morì, mo se spenne tutti li sordi della penzione con quarche femmina, e se metterà pure a fa li buffi co la banca e se ne scappa da quarche parte. Però Terresina dice che si la banca je daresse li sordi, allora vor dì che siccome loro ce la sanno lunga, cor cavolo che ciariva er teremoto… 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Li panini

Post n°6 pubblicato il 19 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Terresina dice che si incontrasse un tunisino je darebbe un panino, però nun saprebbe che mettece drento, che nun sa che magneno dalle parti loro. Er sor Filippo che dice d'avé fatto la guera, dice che nun magneno e maiale, e quindi nun po' mettece du fette de mortadella o de prociutto o puramente de salame. Ce sarebbe da provà co un wiustel de pollo o d'abbacchio o de cammello. Forse je piace er cammello, ma nun sapemo ndo trovallo.

Quarcheduno dice che se magneno li struzzi, ma se sa che stanno a pià 'na cantonata che li struzzi cianno un sacco de penne e magneno tutto. Che uno se se mette a magnà 'no struzzo nu sa che ce po' trovà all'interno. Metti che se sò magnate dupantafole puzzolenti, pensa che schifo.

Me sa che poi si uno cià fame, se ne frega der maiale e se magna puro quello. Er prete ce diceva 'na vorta che de venerdì se dovremmo magnà pesce, ma visto che n'orata costa troppo, che penitenza sarebbe? Mejo le sarcicce allora, costano de meno ed al limite posso toje er grasso, così magno de magro e faccio contento er gatto che je dò li pezzetti che avanzeno.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Nun me va!

Post n°5 pubblicato il 18 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

No dico, se er sor Filippo vò proprio giocà a carte, non me deve rompe si a me nun me va. Er brav’omo sta lì seduto all’osteria co davanti er fiasco ed un bicchiere, er mazzo de carte bello impilato una sull’artra e guarda fisso davanti ar naso. Come si aspetta qualcheduno pe’ smazzà e giocasse n’aperitivo.

Che se lui ciavesse messo du bicchieri, allora sì che se metterebbero a sede armeno pe fa’ finta de fa du chiacchiere. Basta ariempì er bicchiere. Ma se lui se ne tiene solo uno davanti ar gozzo, uno passa e pensa che ce se po’ pure strozzà cor vino. Pure si fosse na bira mezza calla.

Me pare tanto quello che fanno l’onorevoli che te dicheno che devi fa questo e pure quello e si je dai er voto poi loro de danno er bicchiere de vino. Ma me sembra che possono promette quello che vojono ma er bicchiere se lo riempiono e se lo sparano ner gargarozzo da soli. Puramente danno da beve puro alli compagni de partito. Sarà pe questo che cor sor Filippo nun me va de giocà?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Egreggi signori lettori

Post n°4 pubblicato il 17 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

1. Io ci ho una patacca ai calzoni, quelli a righette bianche e nere che levati.

2. Terresina (mi moje) ci ha l'ucello di paradiso del cappello a closcia che pare una gallina penzionata.

3. Er sor Filippo ci ha un cappello quasi novo che pare un onor de capitano, tanto è aridotto bandiera vecchia.

4. er pupo, che te si è appena arimesso da la colica per via dei gelati a tre colori, adesso ci ha il naso atturato, per cui si ci domandi come sta, ti arisponde : Bede!

E tutto questo perché? Per via dello schizzo!

Eccoci il fatto in brevi e succinte note.

Era una bella giornata di estate, il sole ti splendeva a caldi raggi e le cicale parlaveno delle assicurazioni di Stato, per cui il viandante diceva: Accidenti al caroviveri!

Raggione per cui, essendosi aribbassati i prezzi io dissi al pupo: Visto e considerato che lo studio per l'esami ti ha aridotto come l'eco semispenta di uno stranuto, voglio in compenso condurti a vedere la fiera, la quale sarebbe quel posto che tu ci arivedi ariprodotti tutti i difici più belli di tutta Itaglia, e c'è anche il giardino zoologgico con la gabbia del sole dell'avvenire e il socialista addomesticato, che lo tiri per il monopolio e dice papà e mammà.

Eccoti che il pupo tutto contento ti si mette a eseguire la danza serpentina e communica il fatto a sua madre, per cui pochi momenti doppo si mettessimo in marcia diretti al tranve municipale.

Eravamo rivati a mezza strada e procedevamo nel seguente ordine: Terresina e il sor Filippo in testa (e qui vi prego di notare che Terresina ci aveva un cappello che a dirci le sette bellezze era una diffamazione); in coda io e il pupo.

<laddoveché a un certo punto ti troviamo uno di quei funzionagli del municipio che con opportuno schizzo innaffiano le strade. La quale io ci spiegavo al pupo che la pressione dell'acqua sarebbe quella cosa che entra da una parte venendo dall'alto; per cui ariesce dall'altra e cerca di risalire e ciovè ci ha il vizzio del diputato che quando è stato una volta al potere si arampica con le mani e con i piedi per arisalirci.

Laonde ad un certo momento me ti accorsi che lo schizzo prendeva una direzzione minacciosa, e allora feci segno che si fermasse ma fu come si ci avessi detto: "arinfrescami le ruote" perché tutto d'un colpo aricevessimo lo schizzo in famiglia come un parente che torna da fuori, con l'aggravante che il pupo è un po' debbole e me lo buttò per terra coma una carta da gioco.

Volli protestare, ma l'omo de lo schizzo mi arispose che la legge nun guarda in faccia a nissuno e che in quel momento lo schizzo era la legge. Per cui non solo nun siamo andati alla fiera, ma il sor Filippo dice che si sapeva che l'Itaglia feniva accusì. Bettino Ricasoli si sarebbe mozzicato le dita.

Vi aggiunga che adesso il pupo, come ci aripeto, ci ha il naso atturato, per cui ha perso la erre, e l'altre consonante gli sono diventate tutto un malloppo. Nonché Terresina mi sta facendo diventare i capelli bianchi per via dell'ucello, col quale le stringo la mano.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Li sampietrini

Post n°3 pubblicato il 15 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Si ggiri pe Prati poi vedé che c'è un casino che noun ce capisci gnente. So' sti giorni che stanno a fa' un gran lavoro nelle strade, che er sindeco dice che deve rattappà li buchi sinnò li turisti dicheno che poi nun ce ritornano. Che già quando vanno a fasse un caffè i barre fanno a gara a fregalli. Mò che ariva Pasqua nun è che uno se mette a magnà l'abbacchio e basta.

Poi co mi moje e er pupo annamo fori porta a magnà pure le fave cor pecorino ma solo si c'è er sole. Ma li turisti vanno vengono, magnano bbevono e pure rottano, ma a me nun entra 'na lira in saccoccia. Pe questo me ce rode un po’ er chiccherone che vengono a fanno casotto e s’embriacheno la notte e nun me fanno dormì. Allora io dico ar sindeco, ma pperché fai mette a scavà le buche e a cambià li sampietrini proprio adesso che c’è un sacco di traffico? Si salgo sul filobusse me ce mette un casino de tempo a portamme ar lavoro che me fa venì voja de metteme n’malattia e stacce fino a che nun passa la Pasqua.

Che poi li sapessero mette sti sampietrini der ciufolo. Na vorta si, c’ereno quelli che staveno seduti cor martelletto e ticche tacche te squadravano er sercio e lo infilavano con un po’ de segatura e rimaneva a posto pe ‘nsacco de tempo. Mo’ nvece basta che fa du gocce de pioggia o un cagnaccio arza la gambetta e se sposta tutto e se riforma la buca. Entanto stamo a sofrì pe er traffico.

E me so’ rotto proprio. Mo vado a trovà Pasquetto, poi ritorno. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

So ‘ncensurato!

Post n°2 pubblicato il 14 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Ecco, dicheno che nun se po’ ffa gnente ontro de quelli che stanno a comandà. Ma come no? Si vado ar mercato generale, con du centesimi me posso portà via na cassetta de pommidori belli fracichi, poi me ne vado a piazza Colonna indove sorteno fori tutti quei galletti e jele tiro addosso.

E se poi s’arrabbieno me posso pure portà du cartocciate de quelle cacchette de cagnetti come quelli della sora Cesira, che fanno un casino tutto er giorno e poi cacheno come disgrazziati. Oppure posso dì a Ersa de non buttà li pannolini de le creature (cià du gemellini freschi freschi) che me li pio io anche se me fanno schifo. Però me fanno pure schifo quelli laggiù che fanno li comodacci loro co li sordi nostri…

Poi si m’aresteno che me frega? So ‘ncensurato!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Presentazzione

Post n°1 pubblicato il 13 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

 

Ahò, io comincio a scrivere quello che mi passa per la testa, ma siccome che non so’ propio nciclopedico, me sa che quello che scrivo non se capisce troppo bene.

Fateme la grazia de capillo o sennò diteme se qualcosa che non capite ve la devo rispiegare.

Ve ringrazio.

Ah, io me chiamo Oronzo. Piacere

No, piacere non è il cognome, mi stavo a presentà ducatamente.  Ci ho un pupo e na moje che me crea nsacco de grattacapoccia, ma nun me lamento che tanto quanno me rode, poi me lo gratto. Mica come co Berluscone che me ce rode de più a vedello e sentillo là dentro la televvisione che chiacchera chiacchera e sarampica sempre sulle machine come se stasse a montà le valigge sur portapacchi. Che poi se strilla e se vedeno li denti che cià come un pesce che mozzica le cavije e dice le cià un sacco de regazzinette che je vanno appresso perché è bello e ggeneroso.

Ma comunque nun vojo scrive tanto adesso che devo andà a giocà a carte cor sor Pasquetto, che cià pure un fiasco de vino bono da aprì.

Poi ritorno.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso