Creato da liver_diego il 28/09/2007
Periodico ad Uscita Casuale di Informazione a Modo Mio

Area personale

 

Ultime visite al Blog

chiaracarboni90supersminkyonlyvirtualeliver_diegofedericoingEtta_Jamesdanghy22coraggio_liber0cdifranceosm0siaumania_12ninaciminelliBreezeerraba_rama
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
 

FACEBOOK

 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Prossima fermata: TokyoEvoluzione della specie »

Giappone: un posto all'incontrario

Post n°150 pubblicato il 06 Luglio 2009 da liver_diego

brevi considerazioni sul mio recente viaggio in Giappone. a dire il vero l'esperienza è stata così impattante quanto breve che mi chiedo se abbia sognato o sia stato li veramente. il Giappone mi sembra un posto all'incontrario (rispetto all'ItaGlia e al modo di vivere europeo).

Partiamo in primo luogo dalla pulizia delle strade. In giappone esistono pochissimi cestini, quei pochi che ci sono sono "privati" ovvero offerti da negozi e supermercati. nonostante ciò non esiste traccia di cartine, cicche, sigarette, foglie, o altro tipo di mercanzia nelle strade. Non oso pensare a quei poveri Giapponesi che girando per le città itaGliane siano capitati a Napoli....

Le macchine poi sono sempre ultra pulite, tutte apparentemente appena uscinte dall'autolavaggio (miiii se vedono la mia viene un collasso a metà dei giapponesi). ancora a proposito di auto. non esiste il parcheggio selvaggio, la doppia fila, il clacson? mai sentito. tuti i parcheggi sono a pagamento con ganasce preventive per chi non paga. e poi tanti garages con ascensore per le auto (si risparmia spazio e tempo).

Il cellulare? tutti i giapponesi ne hanno uno. mai sentito però gente urlare in metrò o in treno, mai sentito uno squillo, i cellulari sono tutti silenziosi. mai sentita la colonna sonora delle Baby Dolls a tutto volume o qulache altra sigla vomitevole. Essere volgari in Giappone non è di moda (per fortuna loro).

Il cibo è ottimo. vabbè, a colazione mangiano pescetti ripieni, riso, e verdurine varie ma ... facendoci l'abitudine non è male (certo meglio della tipica colazione inglese..vero Federico?). forse il cibo giapponese, pur ricco, manca un po' di varietà in quanto si basa tutto sulla salsa di soia e sul riso. i nudels vengono mangiati sensa "salsa" o in brodo.

Professionalità e gentilezza fanno parte di ogni addetto con il pubblico. insomma.... non come lo stuart dell'Alitalia che parlava in romanaccio, fa le smorfie quando uno sceglie cibo giapponese e non italiano o della sua collega itagliana che lo chiamava "tesoro" mentre erano in servizio...

 

TO BE CONTINUED...

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Ultimi commenti