Creato da PuRe_PoIs0n il 04/06/2007

Pu®e Poisòn

Me&Me

 

 

Post N° 20

Post n°20 pubblicato il 03 Luglio 2007 da PuRe_PoIs0n

Una poesia per me..

Da inserire in un contesto più ampio..

dopo una serie di parole,

 dopo un discorso, dopo raggi di pensiero.

...

Si fa giorno

Tempo scaduto

come latte rancido

lì a ricordare

che non hai ancora

svuotato il secchio

dei rifiuti.

Apro le finestre.

Scendo in strada

e sono io.

Costruisco castelli di sabbia

e mi guardo

e guardo oltre,

parole scritte

sul confine dell'ultima nuvola:

'' Il Tempo è caduto ''

come un morto in battaglia

lasciando giorni stantii

e una fotografia.

La spolvero

e non fa male.

...

Grazie.

 
 
 

.

Post n°19 pubblicato il 02 Luglio 2007 da PuRe_PoIs0n
 

_Andare.Oltre.Le.Parole_

Istinto e Ragione non vanno mai nella stessa direzione.

Le persone hanno il brutto vizio di immischiarsi in fatti che non sono di loro interesse senza chiedere il permesso.

E poi si finisce con il dire grazie, scusa e ti prego fino allo sfinimento.

Tutto per non essere come gli altri.

Per allontanarsi dagli schemi.

Valeria non chiede mai permesso o scusa. Non è in grando di prendersi delle responsabilità.

Per lei l'amicizia è un lavoro part-time. Oggi siamo amici ma se domani ho un'offerta migliore non ci metto niente a farti le scarpe.

_Chissà perchè ci fissiamo sempre con le persone più stronze del pianeta_

Vogliamo loro che ci trattano male, che non ci considerano, che ci prendono e lasciano a seconda della luna, dell'oroscopo e dei pianeti.

Istinto e Ragione. Poi ci si fda di chi meno ci si aspetta. Uno sconoscuto diventa il migliore interlocutore e si è capaci di affidargli pene e dolori come fosse una cassaforte speciale.

Ma Valeria questo non lo sa.

Non conosce le emozioni. Conoce solo _l'aridità di cuore_

Vive una vita vuota.

O meglio, non sa vivere la vita.

 
 
 

Post N° 18

Post n°18 pubblicato il 29 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

Bisous

2006_0721Image0059 - kising couple noir, full kiss close up

Questa è  una storia che non ha avuto il tempo di essere nè di viversi.

Due città diverse, due mondi diversi ma soprattutto due mentalità completamente opposte.

Credo sia impossibile far combaciare i pezzi di due puzzle differenti, non c'è l'INCASTRO PERFETTO.

Funziona così anche per le persone. Spesso manca quel passo in più per stare bene insieme. Io e lui non potevamo stare bene insieme.

L'amore non può andare nel verso giusto se si procede verso direzioni opposte, contrarie, diverse. Due linee parallele destinate a non incrociarsi mai.

Milano- Roma, giorno- notte, estate- inverno. Eravamo così. E mi manca quell'essere differenti ma uniti.

Non c'è stato un motivo, un perchè, un addio. Ognuno ha deciso di seguire la sua vita. Semplicemente ci siamo lasciati perdere.

Ma gli sbagli si pagano sulla pelle e nel cuore senza possibilità di appello e attenuante.

E si finisce con il vivere di rimorsi.

 
 
 

.

Post n°17 pubblicato il 27 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

La libreria

……………………………...........................................................................................……………………………...........................................................................................

Parigi 1999

Il bello del viaggiare secondo me è andare nei mercatini delle città e nei negozietti nascosti per fare mille scoperte.

Kelly è la proprietaria di una piccola libreria in Rue Rambuteau ad un centinaio di metri dal Centre Pompidou, una combinazione di museo d’arte moderna, centro d’esposizione e libreria pubblica.

Quando per caso l’ho scoperta era ancora tutta da sistemare, muri scrostati, vetri sporchi, il bancone da rimettere completamente a nuovo, polvere ovunque e tanti libri sparsi per tutto il locale.

Nonostante il disordine e quell’ assoluta mancanza di logica quella ragazza brillava. Si brillava veramente, emanava una luce interiore sconvolgente che avrebbe lasciato senza parole anche il migliore poeta.

 Come dico sempre a quei tempi ero assai sfacciata e pronta a mettermi in gioco sempre tanto che chiesi a Kelly se le servisse una mano a sistemare la sua libreria. Il feeling non si spiega, c’è e basta. E’ un alchimia di pensieri, di esperienze, di voglia di esserci sempre anche quando il mondo corre così veloce da investirti.

In una settimana l’atmosfera cambiò radicalmente. Vetri puliti e tendine bianche per dare luce, muri dipinti con le tonalità dell’arancione chiarissimo, sfumature di colore verso l’alto per dare l’effetto ottico migliore, quadri, fiori, un bancone nuovo in noce finissimo e il tocco finale: un piccolo angolo bar con qualche tavolino e tanti dolci freschi di pasticceria.

La soddisfazione migliore della vita secondo me è riuscire a regalare sogni e sorrisi. Come si fa a descrivere quell’esplosione nell’anima quando appare improvvisamente un sorriso di felicità sul viso di chi ami? A volte è bello restare così, abbracciati alla propria emozione in un silenzio sacro pieno di significati.

Purtroppo Kelly ha chiuso la sua libreria ed è volata a Sidney per riprendere un progetto abbandonato tanto tempo fa. Ogni tanto ci sentiamo ed è sempre bellissimo sentire nella sua voce la felicità al ricordo di noi due sporche di pittura ma con una nuvola sotto i piedi per farci volare alto.

Ciao Kelly, un abbraccio.

 
 
 

.

Post n°16 pubblicato il 23 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

J.K

……………………………......................................................................……………………………......................................................................

Londra, 11 Gennaio 2001

Adoro Londra. Nonostante la sua atmosfera malinconica io la trovo magica. Sarà che mi piace la pioggia, sarà che preferisco il freddo al caldo, sarà che semplicemente la considero casa mia.

Mi trovavo nel solito starbucks a fare colazione con caffè-latte e un muffin al cioccolato intenta a leggere un libro regalatomi da una persona speciale quando vidi entrare un personaggio strano, quasi inquietante. Non so perché ma sono attratta da questo genere di uomo: bello e bastardo, un po’ strafottente e parecchio furbo. A pelle quella era la prima impressione.

Purtroppo ho un vizio terribile, mi incanto a fissare le persone e spesso mi trovo in situazioni imbarazzanti ma questa volta ringraziai fortemente questo viziaccio:- ) Alessandro notando il mio sguardo insistente si avvicinò con un sorriso malizioso ed intrigante.

-’’ Scusa posso?’’-

-’’ Certo..’’-

-’’ Ho notato che mi fissavi così sono venuto direttamente a chiederti il perché ’’-

-’’ Beh ecco io.. Non so.. Forse mi piaci..’’- (Mamma mia quanto ero sfacciata)

-’’ Anche tu mi piaci. Questo è il mio numero, ci vediamo stasera ciao’’-

Non feci in tempo a salutarlo. Lui aveva deciso.

Ci trovammo quella sera perché decisi di chiamarlo e di confermare l’appuntamento. Andammo in un ristorante italiano, pesce, vino bianco e tante risate, tante chiacchiere ma soprattutto tanta intesa.

Bisogna cogliere l’attimo e vivere intensamente per non perdere nulla sulla strada della vita. Io perdo sempre qualcosa però. Un po’ tutti penso no? Ci si crogiola nei se e nei ma, in quei dubbi troppo complicati per uscirne da soli e alla fine si lascia andare tutto, inermi e stanchi, per il verso naturale delle cose. E io lasciai andare la nostra intesa permettendole di scegliere se continuare o estinguersi.

Non so cosa succeda esattamente quando si lascia libera scelta: in un modo o nell’altro, pretendendo e lasciando libertà generalmente si tende ad andare dalla parte opposta della richiesta ricevuta. Questa volta ho scelto io. Ale quella sera mi chiese di restare con lui, di darci una possibilità, di viverci. Come si può spiegare ad una persona che non puoi stare con lui perché non sei pronta/disposta al rischio? Come si può spiegare che non sai nemmeno tu il perché ma sai solo che è giusto così?

Non lo so, è una cosa che ancora devo capire. Il mio no fu duro, forse troppo ma non dava spazio ad un ti prego pensaci. Ci salutammo con una stretta di mano energica quasi volesse trattenermi ma io ero troppo sfuggente, troppo per lui ma anche per me stessa.

Tornai in Italia il giorno dopo, buttai il numero e non lo cercai più. Chissà se è felice ma è inutile chiederselo, ormai non ha senso.

Ciao Ale, buona vita.

 
 
 

Post N° 15

Post n°15 pubblicato il 21 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

Quando guardo fuori..

……………………………...............................................................…………………………….................................................................

Quando Mary guarda fuori dalla finestra significa che il vento sta cambiando. Quando Mary guarda fuori significa che si sente in gabbia e la sua anima spazia in altri posti.

L’ho vista due volte affacciarsi alla finestra. Lo sguardo vuoto e perso verso qualcosa di inafferrabile, quasi etereo anche per lei. Non tutti possiamo vivere nello stesso mondo. Non tutti siamo fatti per un luogo e una persona.

Mary appartiene solo a se stessa e in ogni città non si sente a casa. Forse non esiste una casa abbastanza *piena* per trattenerla.

Mary gioca a nascondino con la vita. Scappa e corre via più veloce che può ma ogni volta la vita riesce a trovarla e il gioco ricomincia.

Penso che le ore siano piene di cose, che i giorni siano da riempire e da svuotare, da leggere come un libro affascinante consumandone le pagine. Mary non lo sa fare. Mary non sa vivere il momento, lei arriva, resta per un po’ e poi sparisce.

Credo di essere stata fortunata a vederla partire e ritornare. Cominciando o ricominciando dall’inizio.

Mi ha confidato che non era mai tornata sui suoi passi, che non era mai stata due volte nello stesso posto.

Ma da me è tornata. Da me non poteva allontanarsi.

Il perché poi non l’ho ancora capito...

Probabilmente ho rinunciato a capirla.

Probabilmente ho semplicemente imparato ad accettarla.

 
 
 

Post N° 14

Post n°14 pubblicato il 20 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

Mira el dito

……………………………............................................................................

Roma 2000, Sabato sera a casa di Mara.

Mara è una mia cara amica, ci conosciamo da 5 anni e abbiamo vissuto tante esperienze insieme quasi fossimo sorelle. Mi piace andare a casa sua specialmente quando organizza una cena tra amici. Peccato però che abbia l'abitudine di invitare anche gente che conosce solo lei. E anche quella sera non si era smentita. Il suo nome è A., l'uomo del mira el dito perchè ha il brutto vizio di indicare le persone. Non lo fa apposta, è come un tic involontario. Simpatico, alla mano, molto garbato e carino, brillante nelle conversazioni, A. mi è sembrato il classico bastardo inside, il bello maledetto e un pò stronzo.

Probabilmente era destino che ci conoscessimo, probabilmente doveva esserci altro.

Quando decisi di andare a casa A. si offrì di accompagnarmi e io accettai volentieri.

Non potevo sapere che appena entrati in ascensore mi avrebbe baciata con passione bruciante.

Ricambiai il bacio con altrettanta passione.

Mi piaceva e lui lo sapeva.

Forse queste persone entrano nella nostra vita per un motivo che non conosciamo ma che poi nel tempo si rivela e allora tutti i pezzi del puzzle trovano la loro collocazione così da farci apparire tutto chiaro e preciso.

A conti fatti non eravamo l'uno per l'altra, dopo un mese già non parlavamo più.

Certe cose si esauriscono così velocemente come sono nate. Non c'è un perchè o un motivo valido e preciso. Semplicemente finiscono.

A. non l'ho più rivisto e lui non mi ha più cercata, però ogni tanto mi fa piacere tornare indietro con la mente a ricordare le belle chiaccherate dei primi tempi.

Chissà se capita anche a lui...

 
 
 

.

Post n°13 pubblicato il 17 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

I found the Secret Passageway

…………………………….................................................................…………………………….................................................................

Laura è esperta di passaggi segreti e vie facili.

Riesce sempre a svicolare dalle cose importanti, dalle cose da fare, dalle responsabilità. Ultimamente la sto osservando per come è veramente. Possibile non essermi mai accorta fino adesso?

Lei arriva, porta scompiglio e poi sparisce.

Laura è esperta di sparizioni.

Ogni volta che saluta si accosta ad una porta, ti guarda come se fosse l'ultimo giorno della sua vita, abbozza un sorriso che sembra dire mi dispiace e poi si volta sparendo chissà dove.

Laura è esperta. Esperta di vita.

Lei viaggia, parte, vive se stessa e gli altri oltre il limite.

Laura è come una nota stonata. Distrugge l'armonia ma senza quella nota non si apprezzerebbe la perfezione che ne consegue.

Sono passati 6 mesi dall'ultima volta che si è fatta viva.

Ormai ho rinunciato a capirla.

Laura è come il vento, non lo puoi trattenere.

 
 
 

Post N° 12

Post n°12 pubblicato il 16 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n

'' I colori oggi erano tutti intorno a me

che ronzavano in silenzi e in immagini...

Sentivo te...

Luci, ombre..

non ha più importanza desiderare...

Sottomettersi all'illusione

accarezzare la nuvola dei sogni... ''

……………………………......................................................................……………………………......................................................................

 
 
 

Post N° 11

Post n°11 pubblicato il 15 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

    

‘’ Compra qualche scatola coloratissima la felicità in avanzo la metti lì per i giorni che ti intristisci.. ‘’

Grazie Massimo, lo farò:-)

 
 
 

.

Post n°9 pubblicato il 13 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

'' Affidi i fiori a chi sappia badarvi, e incominci.

 O ricominci. Nessun viaggio è definitivo. ''

J. Saramago, Viaggio in Portogallo.

…………………………….........................................................................................……………………………............................................................................................

 
 
 

Post N° 8

Post n°8 pubblicato il 12 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

Un giorno in più di ieri (e uno meno di domani)

……………………………......................................................……………………………......................................................

Che hai Stella? Cosa stai guardando così intensamente? Lo so Stella che nessuno te lo chiede mai, lo so che ti verrebbe da dire niente, lo so. Eppure io sono qui.. Parlami se ti va, ho voglia di ascoltare.

Posso mettermi vicino a te? Così sento il tuo respiro, e se me lo permetti anche la tua anima.

Che cos’ha il tuo sguardo Stella? Non è limpido come sempre. Ti senti sola? Beh ti capisco.. Capita anche a me sai? Mi succede quando vedo la realtà per quella che è e non per come vorrei che fosse.

Stella Stella.. Chiudere gli occhi non serve. Perché continui a scappare? Forse è il caso che tu prenda una decisione una volta per tutte. Per quanto ancora vuoi sopportare questa tortura? Per quanto ancora ti farai violentare l’anima?

 E non guardarmi così, sei abbastanza intelligente da sapere che non dico nulla che tu già non sapessi. O sentissi dentro.

Amati Stella. Ti devi volere bene perché tu non stai vivendo. Sei malata del non vivere.

Stella vola via, buttati dietro tutto il marcio vissuto e torna leggera come tanto tempo fa.

Un abbraccio forte Stella, ciao:-)

 
 
 

Post N° 7

Post n°7 pubblicato il 11 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

Pensieri di un'Ombra

'' C'è un uomo che parla da solo
sotto l'ombra di una magnolia
dice che era un contrabbandiere
che le stelle conoscono la sua storia..''

…..............................................................................................................................

Lui è Corrado.

Questa foto mi piace particolarmente, lo fa sembrare un uomo misterioso, quasi pericoloso ma alla fine è buono come il pane.

L'altro giorno sono andata al Bar Italia a fare colazione e l'ho visto al bancone ordinare un cappuccino con il cioccolato sopra. Era in compagnia di un suo amico credo, ridevano e scherzavano che era un piacere.

E' bello vedere la gente ridere, mette addosso una sensazione di pace, di allegria e il buonumore resta per tutta la giornata.

 Sembravano molto complici. Li ho osservati a lungo, ho notato come si sorridevano,come parlavano, come si scambiavano pacche sulle spalle.

Penso che sia questa l'amicizia vera. Quella che basta uno sguardo per capirsi, quella che condividi tutto, quella che nei momenti difficili c'è sempre e non ti molla.

Quando pagai  il conto io e Corrado ci scambiammo uno sguardo veloce, quasi di intesa.

Poi una mano leggera mi toccò la spalla e lui si presentò.

-'' Ciao sono Corrado, scusami se sono sfacciato ma vorrei conoscerti..''-

-'' Ciao sono Mia, molto piacere:-)''-

Quel semplice saluto mi rivelò un'anima buona, una di quelle difficili da trovare e se le incontri è meglio tenersele strette.

Ci risalutammo velocemente ed andai via ma mi rimase il sorriso per tutta la giornata.

 
 
 

.

Post n°6 pubblicato il 08 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

Mirror Glasses

…....................................................................................................................................…..................................................................................................................................

Colpita. Ed affondata.

Questo è un sorriso che non si dimentica, è il sorriso di chi ha voglia di vivere.

Non ricordo quando lo vidi per la prima volta. Qualche anno fa mi pare.

Era in compagnia di una ragazza, bella e sorridente. Occhi belli, felici.

Osservo molto la gente, mi piace spiare i sorrisi, gli occhi, le risate e anche il modo di camminare a volte.

Ci sono persone veramente impossibili da non notate e lui proprio non poteva passare inosservato.

Con quel cappello e gli occhiali era un tipo. Un tipo particolare.

Il momento passa sempre troppo in fretta e in un attimo di distrazione lo persi tra la massa.

Lo rividi il mese dopo ad una cena tra amiche.

Io, Marta, Roberta e Anna andammo in un ristorante in centro a milano.

Lui era l'amico del proprietario e quella sera cenava lì con alcuni suoi amici.

Ci credo poco alle sole coincidenze, penso che ci sia sempre qualcosa dietro,

qualcosa che va oltre e che succede per un motivo.

A quei tempi ero più sfacciata di adesso, così andai al suo tavolo e gli chiesi il nome.

Federico.

Forse mi prese per pazza, forse gli sembrai simpatica, forse era il momento giusto, l'attimo da cogliere, forse..

Con una scusa banale mollai le amiche ed andammo a casa sua.

Fu una notte di passione, non so cosa successe, so solo che stavo bene.

Purtroppo il mattino dopo ebbi la certezza assoluta che non tutto quello che succede è destinato a durare.

Un bacio leggero ed un ciao con la promessa di non rovinare tutto. Non lo rividi più.

Non so dove si trova ora, se è felice e se sta bene. So che mi basta non sciupare quel ricordo dolce.amaro. 

Così tengo ancora la sua foto nell'album dei ricordi perchè non tutto quello che succede è da cancellare.

Non tutto è da dimenticare.

P.S Questo racconto è frutto della mia immaginazione, ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale.

 
 
 

.

Post n°5 pubblicato il 07 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n
 

A strangely isolated place..

….............................….........................................................

Bella. Sola.

Queste furono le prime cose che notai di lei.

 Se ne stava in un tavolino appartato, quello nell'angolo in fondo al bar.

 Bella, capelli raccolti, penna in mano e occhi presi da ciò che stava leggendo.

Non so perchè mi fermai un pò di più al mio tavolo, con il mio caffè macchiato latte e la mia agenda affollata di impegni, pensieri, post.it e numeri di telefono.

Credo che restai per lei, per osservarla meglio. Ne ero rimasta affascinata subito, emanava una luce particolare.

Ci sono poche persone così al mondo. Uniche, speciali, con l'allegria sulla pelle e un buon profumo di pesca.

Secondo me si capiscono un sacco di cose osservando la gente leggere. Già dal libro si intuisce che tipo di persona sei: romantica, sognatrice, avventurosa.

Però non fu tanto il libro, Un posto nel mondo di Fabio Volo, a farmi intuire qualcosa, fu il suo viso ad esprimersi.. dolcezza e malinconia, voglia di evadere, mollare un pò tutto e  stop. Quasi pareva dire arrivederci tante care cose, io vado a vivermi la mia vita. Forse l'ha detto davvero, forse è solo sintonia di pensiero.

Purtroppo mi accorsi dell'ora, tardissimo accidenti e mio malgrado fui costretta ad alzarmi, pagare il conto ed andarmene lasciandola lì, sola esattamente come l'avevo trovata poco prima in quella calda mattinata di maggio.

 
 
 

Post N° 3

Post n°3 pubblicato il 05 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n

 

..A volte il silenzio è la migliore compagnia..

 

 
 
 

Post N° 2

Post n°2 pubblicato il 04 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n

                              

.Quando.la.solitudine.diventa.felicità.

                                        

 
 
 

.

Post n°1 pubblicato il 04 Giugno 2007 da PuRe_PoIs0n

…...............................................................................…...............................................................................

Un nuovo inizio...:-)

 
 
 
« Precedenti
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

ULTIME VISITE AL BLOG

scott70donghia81solanellinfernotigrotta31proietti.giandiavolettafuocoguerriero_luce1artemisia.983mir_rmbuegiallofab_mar9093walter85wvla.tua.ninfakobra63