Creato da rinikkatachisono il 16/10/2008
 

CAMBIARE VITA

CREDETE NON SIA POSSIBILE?

 

 

« riapro!

UN SOGNO PARTICOLARE ® RINIKKATACHISONO

Post n°7 pubblicato il 04 Novembre 2009 da rinikkatachisono

Vi racconterò un sogno che veramente ha dell’incredibile, ma non solo perché descriverà una situazione intrigante, ma perché è rimasto vivo nella mia mente e nella mente di uno dei partecipanti del sogno per molto molto tempo!

 

Ho apportato delle lievi modifiche al sogno per renderlo più eccitante nella speranza di suscitare qualcosa in voi…

 

Quella sera mi ero addormentata come accadeva spesso in quel periodo dopo il suo ritorno dal lavoro, quando ci scrivevamo per darci la buonanotte e si ascoltava insieme la “Ns” stazione radio preferita.

Mi succedeva spesso che dopo esserci sentiti, cadevo nel sonno più profondo ed iniziavo a sognare delle situazioni intriganti, ma mai come quella sera.

Ero una comunissima fotografa che guadagnava di tanto in tanto con dei servizi fotografici in piccole cerimonie e banchetti, ma quella mattina venivo chiamata da un certo signore che mi aveva offerto un sacco di denaro se avessi fatto un servizio fotografico che riprendesse due ragazzi…

All’inizio ero titubante, poi accettai nell’imbarazzo più completo, chiedendomi dove avrei trovato dei ragazzi disposti a posare per me, e, soprattutto, come avrebbe reagito il mio corpo vedendoli?

Così prendo subito di mano la situazione e mi metto alla ricerca dei due ragazzi protagonisti…

Ero in macchina quando mi squillò il telefono ed era lui, che qui chiamerò Mamu… La sua voce, il suo chiamarmi fragolina… Si era lui… lui doveva essere un protagonista del mio servizio, senza troppi preamboli glielo dissi… e lui dopo un breve silenzio mi disse… Si, lo farò per te e perché ho voglia di nuove esperienze.

Riaggancia felicissima perché non solo avevo trovato un protagonista, ma perché Mamu voleva interpretare la parte da passivo

Trovare il ragazzo attivo sarebbe stato ora un gioco da ragazzi, anche perché conoscevo che avrebbe fatto al caso mio.

Sapevo delle doti nascoste del mio aiutante Paolo… Moro, 1.80 spalle larghe, occhi neri, scuro di carnagione e molto molto dotato con un culo da mozzafiato! Molto spesso quando la sera ci fermavamo nel mio studio per finire del lavoro dopo una pizza, un bicchiere di birra, qualche carezza si finiva molto spesso per terra a scopare come pazzi!

Una sera parlando delle nostre esperienze mi aveva confessato di essere stato diverse volte con degli uomini e che avrebbe continuato a farlo!

Mi precipito in studio e trovo lui al Pc, lo chiamo, lo faccio avvicinare a me, lo bacio appassionatamente e gli propongo la situazione intrigante che ci avrebbe fruttato molti soldi e molto molto piacere.

Come immaginavo lui non aveva nessun dubbio sulla risposta da darmi…Farò la parte del maschio dominatore mi disse… mi appoggiò al muro e mi baciò profondamente.

 

Allestii il mio studio per renderlo caldo accogliente e provocante… Presi una poltrona rossa, un letto con le lenzuola in raso nero e molti cuscini rossi, candele profumate, e una lampada di carta rossa…

La sera prima della grande serata uscimmo tutti insieme e fra imbarazzi e sguardi ammiccanti decidemmo gli indumenti intimi, come si sarebbe svolta la parte iniziale e poi decidemmo che il resto lo avremmo lasciato completamente al buio, ancora più eccitante, al ritorno passai dallo studio, aprii la porta e mi diressi verso quel letto, mi sdrai sopra ed annusai le lenzuola, mi dissi che domani non avrebbero avuto più lo stesso profumo, mi richiusi la porta alle spalle e tornai a casa.

 

Mamu quella sera arrivò prima del mio assistente, bello con quella maglietta nera aderente e i jeans scoloriti Just Cavalli; lo baciai, e lo feci sedere sulla poltrona, gli offrii da bere mentre il suo sguardo diventava sempre più strano, stava avendo dei dubbi; decisi di immortalare il suo sguardo, presi la macchina fotografica ed iniziai a fotografarlo, e più gli scattavo le foto, più si scioglieva, stava ritornando alla normalità, e sorrideva; la porta si aprì ed entrò Paolo, lo guardai, era sicuro, i suoi occhi erano infuocati, aveva voglia: aveva voglia di esibirsi, di godere, di possedere Mamu.

Si sedette vicino sul bracciolo della poltrona vicino a lui, lo baciò e mi chiese da bere, portai due bicchieri di jack Daniel’s brindarono a loro, mentre io riprendevo i loro sguardi.

 

Paolo appoggiò il suo bicchiere a terra e quello di Mamu, ed iniziò a baciarlo, vedevo la lingua di Paolo entrare nella bocca di Mamu, i loro giochi così provocanti, i miei scatti continuavano…

Le mani di Paolo accarezzavano tutto il corpo di Mamu, lo spogliarono e lo lasciarono in perizoma, un perizoma molto appariscente e molto stretto… era verde ma sotto c’era qualcosa che fremeva di uscire.

Paolo prese Mamu e lo lanciò sul letto, lo fece mettere di dietro, spostò il perizoma ed iniziò a leccargli il culo; mi sedetti sulla poltrona dove avevo una perfetta angolatura e scattai…

Vedevo lo sguardo di piacere di Mamu e lo sguardo voglioso di Paolo, voleva penetrarlo, lo voleva a tutti i costi, si sfilo i boxer neri e vidi quel suo cazzo così vigoroso, rosso, grande, mi era venuta una voglia incredibile, ma non potevo, erano loro i protagonisti io ero soltanto una spettatrice, potevo solo guardare e scattare foto.

Il cazzo di Paolo si strusciava fra le natiche di Mamu, che incitava Paolo di penetrarlo e così fece, glielo sbattè dentro con forza tanto che Mamu lanciò un grido acuto di dolore, vedevo i suoi occhi che diventavano sempre più lucidi e la sua bocca spalancata che gridava, l’aveva fatto, si era fatto possedere per la prima volta da un uomo… e che uomo…

Cercò di trattenere le grida mordendosi le labbra, ora era tranquillo, Paolo era fermo dentro di lui, le palle erano quasi dentro, glielo aveva infilato tutto.

Quando Mamu ricominciò a respirare regolarmente, Paolo capì che era il momento muoversi, dava delle spinte forti dentro di lui che ansimava e gridava dal piacere, e più gridava più Paolo spingeva, mi guardava con aria fiera si se stesso, lo stava possedendo per primo e ne era orgoglioso, il suo buco era così piccolo che ogni suo movimento gli dava piacere, con la mano toccava il cazzo di Mamu che era rimasto duro, piaceva anche a lui; cosicché smise di gridare ad ogni sua spinta ed iniziò a genere come non mai, non gli importava più del dolore, lo voleva, ora come non mai; lo sentivo incitare, lo sentivo dire sbattimi, lo sentivo dire sfondami, e Paolo spingeva sempre più forte dentro di lui finchè non diede un’ultima forte spinta, lo sfilò ed ordinò a Mamu di leccare tutto… Si girò, glielo prese in mano mentre stava venendo e iniziò a leccarlo, Paolo era in estasi ed ansimava di piacere mentre Mamu gli ripuliva tutto il suo cazzo che fino ad ora era dentro di lui.

Dopo averlo ripulito si stese sul letto sfinito e con il viso stremato, pensava a quanto aveva desiderato essere posseduto, pensava a quell’uomo così vigoroso che era stato dentro di lui, Paolo appoggiò le sue labbra a quelle di Mamu, lo baciò con dolcezza, si rivestì ed uscì dalla porta.

 

Mamu si addormentò stremato, lo guardai, era lì, indifeso, stanchissimo, mi avvicinai a lui scattando ancora alcune foto, mi stesi di fianco a lui, annusai le lenzuola che odoravano di sesso, mi misi a riguardare tutti gli scatti; uno spasma mi attraversò tutto il corpo ed iniziai a toccarmi, avevo tutti gli slip bagnati, avevo resistito anche troppo, ero eccitata come non mai, in poco tempo inizia ad ansimare e godere, mi girai verso di Mamu, lo abbracciai, gli diedi un bacio e mi addormentai di fianco a lui!

 

La mattina dopo…

 

KISS KISS

Fragolina!

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lucanicheriapersempreamore71a2741954ele78enonurb.96BEATRICEdg55simoncina73tantostancobixidamapatience171OltreMeUnaDonnaangelmanu89sabry75ch2beauty_loveilsognodiunadonna1
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

STAR

cool myspace layoutscool myspace layouts

cool myspace layouts

cool myspace layoutscool myspace layouts

cool myspace layouts

cool myspace layoutscool myspace layouts

cool myspace layouts

cool myspace layoutscool myspace layouts

cool myspace layouts

cool myspace layoutscool myspace layouts

cool myspace layouts

cool myspace layoutscool myspace layouts

cool myspace layouts

cool myspace layoutscool myspace layouts

cool myspace layouts

cool myspace layoutscool myspace layouts

 
 
Template creato da STELLINACADENTE20