Creato da Grisha il 27/12/2005
Solo Me Stesso
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

giampi1966zip50nero78mariannina42surfinia60GrishamassimocoppaTerzo_Blog.Giusmartinatendemoon_Ianastasia_55karma580jula1976vita.perezmax542011
 

Ultimi commenti

Dio Esiste!
Inviato da: Grisha
il 12/06/2012 alle 20:06
 
Tutte Sciocchezze,o non era niente vero,alla fine...
Inviato da: Grisha
il 16/03/2011 alle 22:52
 
L'amore,quello vero,supera qualsiasi tempesta.
Inviato da: Grisha
il 16/03/2011 alle 22:48
 
ti amo!
Inviato da: pasticciona76
il 30/07/2009 alle 19:19
 
...Ma se ogni giorno, ogni ora senti che a me sei...
Inviato da: pasticciona76
il 17/05/2009 alle 19:41
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Entropia Irreversibile

Post n°272 pubblicato il 31 Marzo 2019 da Grisha

Entropia Irreversibile
Post n°270 pubblicato il 30 Marzo 2019 da Grisha

L'entropia è sempre positiva e aumenta sempre, ma è normale che non si torna nella fase precedente, un albero bruciato non esiste più, non è possibile ricollocare il fumo, l'energia del fuoco, gli atomi, l'ossigeno bruciato nella combustione invertendola (non si tratterebbe di creare o di ricreare l'albero dal nulla ma di convertire, riversionare i prodotti della combustione, retrocedendo atomi molecole e tutto quanto nell'albero di prima) e tutto quanto perchè la trasformazione è chimica, il calore prodotto è ormai sprigionato e non torna indietro... c'è stato il fuoco in quei secondi momenti e non è possibile spegnere qaulcosa che ha fatto e finito il suo lavoro, i dadi sono stati lanciati, una facciata sarà uscita;non è possibile togliere quella energia-lavoro-combustione-fuoco-gas di distruzione dell'albero di bruciare o combustionare l'albero, gli atomi non esistono più come tali legati in molecole legno, ormai fumo, energia, e nel fuoco, gas, come l'ossigeno si fuso al carbonio in CO2... quindi non è solo un fattore del vettore della velocità della trasformazione entropica incambiabile, è proprio il fattore tempo che in quel tempo quel albero era infiammato, ogni momento non torna... ma un fattore che è esistito, la luce del fuoco che ha bruciato l'albero è legato a quelle scansioni e tic di flash temporali irreversibilmente passati, qui si tratta di due eventi, l'albero carbonizzato è figlio dell'evento fuoco luce energia... del cerino o del fulmine che trasmette volontà all'evento. L'entropia come tale è volontà, decisione, disordine ineluttabile, incambiabile.  L'universo va in disordine

Anche un evento telecinetico che cambierebbe il fumo e fattori vari tornando l'albero; avverrà in un secondo di tempi diversi da quando l'albero iniziava la prima trasformazione colpito da un fulmine.   La reversibilità della materia non è possibile o non esisterebbero gli eventi primi, e nel tempo di ritorno ne il tempo,   Il tempo è spazio che percorre noi, è vibrazione, spazio che ci passa addosso

L'entropia è quindi un concetto statico non dinamico, e la statica include ed è comunque base della dinamica, per questo è irreversibile, lo metti in moto o meno, (o se come sosteneva Einstein rallentassimo il tempo con la velocità dei Jet) l'entropia aumenta ancora, è qualcosa che parte da tot, non da zero non può essere invertita

si tratta di un vettore, con un verso diretto al disordine

la legge che conosciamo Boltzmann è  S=KLogW

dove K è la costante di Boltzmann e W la probabilità di uno stato del sistema, definita come il numero delle possibili configurazioni che danno origine allo stesso stato termodinamico

appunto W non è l'evento ma il fatto stesso "statico" della/e probabilità dell'evento, ne risulterà uno soltanto, ciò è ancora rafforzato dal fatto che parliamo di un Logaritmo,  la scelta è un concetto per noi, per la coscienza, l'acqua se portata a -170 gradi non ha scelta di rimanere liquida, la fisica e la chimica sono due lati dello stesso discorso, lo stato fisico liquido è irreversibilmente solidizzato come legami molecolari di stato.

Però l’entropia diminuisce quando un gas viene disciolto in acqua, il vuoto di compatezza di massa di un gas produce ordine, che è piuttosto frammentarietà quindi dei legami molecolari e atomici

vedi  http://pcfarina.eng.unipr.it/dispensearch01/cavalitti140051/cavalitti140051.htm 

tutto quindi si sta come compattando in un entropia sempre maggiore, fino alla morte per entropia, e questo è il concetto per cui la materia se brucia non può ricongelarsi nuovamente in ciò che era albero, di prima, l'entropia aumenta sempre nel tempo, ma è il tempo stesso, anche Eddington la pensava in tale modo, 

esiste quindi la freccia del tempo, in fisica, in psicologia, cioè nella soggettività di ciascuna persona,

il tempo è cmq positivo ed è entropia

Gregorio Ciavarello - diritti d'autore riservati.

Queste pagine, Blog, è sotto diritti d'autore Creative Commons 4.0.

 
 
 

Legge (gestaltica) della PNL

Post n°271 pubblicato il 31 Marzo 2019 da Grisha

I° Legge della PNL
Post n°268 pubblicato il 29 Gennaio 2019 da Grisha

 

https://blog.libero.it/SuperPiu/13779339.html Scopritore della formula Gregorio Ciavarello (nato a Caltagirone il 18/11/1978)

I Legge della PNL

Post n°251 il 13/10/2018 da Grisha (Blog libero.it di Greg Ciavarello)

 

Leggendo R. Bandler, la mia THDL triennale, i padri della Gestalt, oggi sono arrivato a formulare, per il coefficiente e la relazione allometrica

 

se V=KW[(elevato ad x)] dove K e x sono costanti,

 

Relazione Cervello/Corpo

logV=x(logW)+logK    =>       EQ= Vi l KWi * x

Vi è il volume reale del cervello di i cioè nella specie (evoluta esmp. homo s. sapiens)  Wi il volume del suo corpo,   k ed x costanti secondo il numero ottenuto dai casi

 

(pag 16 - il cervello morale - le chiavi cerebrali dei giudizi etici - C. J, Conde e F. Ayala)

 

postulato strategico della PNL: per l'enunciato gestaltico della creatività e del fare bei disegni

 

quando (V elevato ad r) > (A elevato r)  > K > (V elevato ad R) > K ; dove K elevato ad A ed elevato ad R segue V elevato ad R ... dato che R < 0 visto ciò la problematica capovolta per le persone o i soggetti che sanno disegnare diviene

 

(V)elevato a c > K > V elevato a c > K > V elevato a c > K

 

questo agente risolutore ci permette ora di osservare la Situazione Esterna

 

N>G>B=0 x cui considerato EQ tenendo costante il mondo Cinestetico del soggetto o della persona che non sa disegnare la x = ? = T ovvero  T= V(elevato)R -->G. dove R=0  =>che infinito --->0 per cui N=+ infinito e G<B>N. Come Volevamo Dimostrare    # Diritti D'Autore Riservati Greg Ciavarello

 

Tale relazione è riferita al concetto di Lavoro psicologico, in ogni accezione, come nella trattazione dei traumi

Lavoro = Forza * Spostamento

si tratta di spostare i traumi a una buona forma, di dominio alla volontà e coscienza della persona

 

 

 
 
 

Entropia Irreversibile

Post n°270 pubblicato il 30 Marzo 2019 da Grisha

L'entropia è sempre positiva e aumenta sempre, ma è normale che non si torna nella fase precedente, un albero bruciato non esiste più, non è possibile ricollocare il fumo, l'energia del fuoco, gli atomi, l'ossigeno bruciato nella combustione invertendola (non si tratterebbe di creare o di ricreare l'albero dal nulla ma di convertire, riversionare i prodotti della combustione, retrocedendo atomi molecole e tutto quanto nell'albero di prima) e tutto quanto perchè la trasformazione è chimica, il calore prodotto è ormai sprigionato e non torna indietro... c'è stato il fuoco in quei secondi momenti e non è possibile spegnere qaulcosa che ha fatto e finito il suo lavoro, i dadi sono stati lanciati, una facciata sarà uscita;non è possibile togliere quella energia-lavoro-combustione-fuoco-gas di distruzione dell'albero di bruciare o combustionare l'albero, gli atomi non esistono più come tali legati in molecole legno, ormai fumo, energia, e nel fuoco, gas, come l'ossigeno si fuso al carbonio in CO2... quindi non è solo un fattore del vettore della velocità della trasformazione entropica incambiabile, è proprio il fattore tempo che in quel tempo quel albero era infiammato, ogni momento non torna... ma un fattore che è esistito, la luce del fuoco che ha bruciato l'albero è legato a quelle scansioni e tic di flash temporali irreversibilmente passati, qui si tratta di due eventi, l'albero carbonizzato è figlio dell'evento fuoco luce energia... del cerino o del fulmine che trasmette volontà all'evento. L'entropia come tale è volontà, decisione, disordine ineluttabile, incambiabile.  L'universo va in disordine

Anche un evento telecinetico che cambierebbe il fumo e fattori vari tornando l'albero; avverrà in un secondo di tempi diversi da quando l'albero iniziava la prima trasformazione colpito da un fulmine.   La reversibilità della materia non è possibile o non esisterebbero gli eventi primi, e nel tempo di ritorno ne il tempo,   Il tempo è spazio che percorre noi, è vibrazione, spazio che ci passa addosso

L'entropia è quindi un concetto statico non dinamico, e la statica include ed è comunque base della dinamica, per questo è irreversibile, lo metti in moto o meno, (o se come sosteneva Einstein rallentassimo il tempo con la velocità dei Jet) l'entropia aumenta ancora, è qualcosa che parte da tot, non da zero non può essere invertita

si tratta di un vettore, con un verso diretto al disordine

la legge che conosciamo Boltzmann è  S=KLogW

dove K è la costante di Boltzmann e W la probabilità di uno stato del sistema, definita come il numero delle possibili configurazioni che danno origine allo stesso stato termodinamico

appunto W non è l'evento ma il fatto stesso "statico" della/e probabilità dell'evento, ne risulterà uno soltanto, ciò è ancora rafforzato dal fatto che parliamo di un Logaritmo,  la scelta è un concetto per noi, per la coscienza, l'acqua se portata a -170 gradi non ha scelta di rimanere liquida, la fisica e la chimica sono due lati dello stesso discorso, lo stato fisico liquido è irreversibilmente solidizzato come legami molecolari di stato.

Però l’entropia diminuisce quando un gas viene disciolto in acqua, il vuoto di compatezza di massa di un gas produce ordine, che è piuttosto frammentarietà quindi dei legami molecolari e atomici

vedi  http://pcfarina.eng.unipr.it/dispensearch01/cavalitti140051/cavalitti140051.htm 

tutto quindi si sta come compattando in un entropia sempre maggiore, fino alla morte per entropia, e questo è il concetto per cui la materia se brucia non può ricongelarsi nuovamente in ciò che era albero, di prima, l'entropia aumenta sempre nel tempo, ma è il tempo stesso, anche Eddington la pensava in tale modo, 

esiste quindi la freccia del tempo, in fisica, in psicologia, cioè nella soggettività di ciascuna persona,

il tempo è cmq positivo ed è entropia

Gregorio Ciavarello - diritti d'autore riservati.

 
 
 

senso della vita

Post n°269 pubblicato il 18 Marzo 2019 da Grisha

L'Universo a volte sembra soltanto come un biliardo con palline d'avorio... che urtano senza causa e senza fine, ma dove nessuno ha bocciato ;-)       Greg

 
 
 

I° Legge della PNL

Post n°268 pubblicato il 29 Gennaio 2019 da Grisha

https://blog.libero.it/SuperPiu/13779339.html Scopritore della formula Gregorio Ciavarello (nato a Caltagirone il 18/11/1978)

I Legge della PNL

Post n°251 il 13/10/2018 da Grisha (Blog libero.it di Greg Ciavarello)

 

Leggendo R. Bandler, la mia THDL triennale, i padri della Gestalt, oggi sono arrivato a formulare, per il coefficiente e la relazione allometrica

 

se V=KW[(elevato ad x)] dove K e x sono costanti,

 

Relazione Cervello/Corpo

logV=x(logW)+logK    =>       EQ= Vi l KWi * x

Vi è il volume reale del cervello di i cioè nella specie (evoluta esmp. homo s. sapiens)  Wi il volume del suo corpo,   k ed x costanti secondo il numero ottenuto dai casi

 

(pag 16 - il cervello morale - le chiavi cerebrali dei giudizi etici - C. J, Conde e F. Ayala)

 

postulato strategico della PNL: per l'enunciato gestaltico della creatività e del fare bei disegni

 

quando V elevato ad r > A elevato r  > K > V elevato ad R > K ; dove K elevato ad A ed elevato ad R segue V elevato ad R ... dato che R < 0 visto ciò la problematica capovolta per le persone o i soggetti che sanno disegnare diviene

 

(V)elevato a c > K > V elevato a c > K > V elevato a c > K

 

questo agente risolutore ci permette ora di osservare la Situazione Esterna

 

N>G>B=0 x cui considerato EQ tenendo costante il mondo Cinestetico del soggetto o della persona che non sa disegnare la x = ? = T ovvero  T= V(elevato)R -->G. dove R=0  =>che infinito --->0 per cui N=+ infinito e G<B>N. Come Volevamo Dimostrare Diritti D'Autore Riservati Greg Ciavarello

 
 
 
Successivi »