TARTARUGHE

...tutto ciò che ha a che fare con le tartarughe...

 
 

NOTA

immagine


Non sono un veterinario e questo è un Blog Amatoriale, pertanto, malgrado la cura posta nella raccolta del materiale, non posso assumermi la responsabilità totale delle informazioni riportate. In caso di seri problemi riguardanti la salute delle tartarughe, consiglio sempre e comunque di rivolgersi a persone qualificate e competenti.
Inoltre, molto del materiale presente è frutto di ricerche sul web, pertanto esiste la possibilità che nel blog siano state pubblicate foto o testi senza il consenso dell'autore o proprietario del diritto.
Se questo dovesse avvenire, vi chiedo gentilmente di contattarmi e in breve tempo verrà rimosso tutto il materiale non autorizzato.
Per informazioni o segnalazioni:
G_ietta@libero.it

 

 

 

 

TESSERA SOCI

Vuoi diventare SOCIO di questo blog?
Richiedi GRATUITAMENTE la tessera!
Scrivi una mail a
G_ietta@libero.it
specificando nell'oggetto: RICHIESTA TESSERA
e nel messaggio scrivi il tuo nome e il tuo cognome!
Ti verrà immediatamente inviata la tessera da stampare!
Essere SOCIO ti permette di vedere pubblicato tutto il materiale che vuoi in una sezione personale,creata appositamente per gli iscritti!



 

VETERINARI


-ABRUZZO
-BASILICATA
-CALABRIA
-CAMPANIA
-EMILIA ROMAGNA
-FRIULI VENEZIA GIULIA
-LAZIO
-LIGURIA
-LOMBARDIA
-MARCHE
-MOLISE
-PIEMONTE
-PUGLIA
-SARDEGNA
-SICILIA
-
TRENTINO ALTO ADIGE
-TOSCANA
-UMBRIA
-VALLE D'AOSTA
-VENETO

Fonte: tartaportal 
sezione VETERINARI in costante aggiornamento

 

TRACHEMYS SCRIPTA: SEMPLICE DISTINGUERLE

 

PER ACCEDERE ALL'ELENCO COMPLETO DELLE SPECIE


A-E    
F-M   
N-S 
T-Z

schede descrittive in costante aggiornamento

 

TARTA-BLOG FOR PRESIDENT

AnimalBazar - Classifica Siti Animali

Ti piace questo blog?
...Votalo!
 

 

L'INTERVISTA DI LIBERO

per leggere l'intervista di Libero: CLIK

 

SONDAGGIO

LA MIGLIOR FOTO


La tartaruga di MARIKA

 

CONTRO I MINI SPAZI

 

LE TARTARUGHE NON SONO GIOCATTOLI

 

DOWNLOAD

immagineimmagine


___________________________________________________________


-TARTA PUNTATORE PER IL MOUSE

immagine


 

SOCI

1-CHIARA CAVALLIERI
2- ANDREA BRIGNOLI
3-RICCARDO AZZARONI
4-MASSIMO MIGNANI
5-LAURA PES
6-STEFANIA TORTORIELLO
7-GIUSEPPE SANNA
8-MIRKO VIGANO'
9-ALESSANDRA FEDELE
10-ANTONELLA TIRITIELLO
11-VINCENZO PALMIERO
12-VINCENZO POTI
13-CRISTIANO BOSETTI
14-CRISTIANO AMETRANO
15-NIRIA MOROSO
16-ALESSIA A.SCIORTINO
17-ALESSIO DE NARDI
18-LETIZIA FRASSI
19-SABINA LONI
20- NICOLA MAFFEI
21-DAVIDE MAFFEI
22-MARIANGELA CAPUTO
23-VIVIANA VERRILLO
24-PASQUALE TATARANNI
25-DAMIAN DE VRIES
26- IVANA RUSSO
27-GIUSY PRECISANO
28-FRANCESCA BRAGHESE
29- CARMELA MAGNO
30-LUIGI MENOZZI
31-SILVIA MAZZUCCO
32-STEFANIA BARBIERI
33-GHERY PRUSCINI PASQUINI
34-ALESSANDRA GRAUX
35-LUISA GUCCIONE
36-FRANCESCA LONGO
37-VENNERI MICHELE
38-ELIA ASTORINO
39-MARTINA GIUSTI
40-MARTA CICCHELLI
41-LAURA GIUSTI
42-CLAUDIO SIMBULA

 

...SOCI

43- FEDERICO VINATTIERI
44- ALESSIA BERTO
45- MARIA CONTE
46- PATRIZIA MARRA
47- GIOVANNA GRIECO
48- FRANCESCO VANACORE
49- MARCO BALDESSARI
50- FRANCESCO MARTELLA
51- NIRVANA GRANATA
52- ALESSANDRO TOTH
53- LORENZO LOPEZ
54- EMILIO TORCHIA
55- MAURO ALBORGHETTI
56- MANUELA GATTI
57- FRANCESCA CATANESE
58- ANNA BARONE
59- LUCIO VAGLIVIELLO
60- ANNIKA FABBIAN
61- FABRIZIO GORACCI
62- MICHELE VITE
63- PAOLA FRANCAVILLA
64- FRANCESCA SORBELLO
65- GIULIA SBARRA
66- ANTONELLA MARRA
67- MANUELA SANNA
68- GABRIELE BERNARDI
69- GRANDI GIORGIO
70- CRISTINA RIGOSELLI
71- DANIELE COLOMBO
72- ALESSIA PINTOSSI
73- CLAUDIA ARDIA
74- NICOLO' FAVA
75- FILIPPO PILI
76- DORIANO CANGI
77- BRENCIO FRANCESCO
78- ALESSIO REGINA
79- ELISA GIORDANI
80- MARTINA CAPPELLETTI
81- SILVIO SAN
82- ANTONIO RAIMONDI
83- CHIARA CALOI
84- LUCIANO LOVENTRE
85- MARIKA CARLINI
86- PAOLA CARRARO
87- ROBERTA MERLINI
88- ANTONIO DANESE
89- ANGELO CASTRO
90- FRANCESCA FACCHIN

 

...SOCI!

91- DONATELLA SATALINO
92- VIRGINIA DI TOMMASO
93- LUCA BRUNET
94- ANTONIO CARLUCCI
95- CRISTINA CARUSO
96- DAVIDE CARATELLI
97- GIUSEPPE LOIACONO
98- JESSICA CAPUTO
99- MARA ZANCHETTI
100- GIANLUIGI ROSSINI
101- PAOLO BERGERETTI
102- SILVANA BONINO
103- MASSIMO PERISSINOTTO
104- GIULIA ZANINI
105- DANIELE SARTORI
106- SARA PACETTA
107- PATRIZIO DE SIMONI
108- LUANA MANZO
109- CARMELO BONGIOVANNI
110-  MARIBEL CANTOS

 

 

IL BRANCO

immagine5 Testudo Hermanni :
- Mucca
- Pollo
- Zecca
- Toro
- Mosca


immagine5 Trachemys Scripta :
 - Piranha
 - Barracuda
 - Squalo
 - Orca
 - Murena

 

 

 

LE MIE BELVE

immagine 

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine


 

 

 

« ACCOPPIAMENTOTESTUDO HORSFIELDI »

LETARGO...PRIMA DOPO E DURANTE

Post n°216 pubblicato il 10 Maggio 2006 da G_ietta
 
Foto di G_ietta

Di Kiumars Khadivi pubblicato dalla “Settimana Veterinaria”  ed Le Point Vétérinaire Italie

Con l’arrivo del caldo le tartarughe di terra cominciano a risvegliarsi. Questo fatto potrebbe mostrare dei problemi di salute che non sono stati osservati durante il periodo di letargo. Cosa può succedere durante il letargo ed il risveglio? Come bisogna comportarsi in questi casi?
Le tartarughe di terra europee (Testudo Hermanni, T. Greca e T. Marginata) possono invernare in Italia in giardino o in un posto fresco a seconda della zona climatica in cui vivono e della loro età. Le differenti gestioni che vengono adottate dal proprietario della tartaruga rendono più o meno semplice il mantenimento di un monitoraggio adeguato, che permette di prevedere eventuali problemi di salute che possono insorgere durante il letargo invernale. Le tartarughe di terra che si interrano sono difficili da monitorare per diversi motivi: spesso se il giardino è ampio, è difficile trovare il nido dove si interrano, inoltre togliere una tartaruga dal suo nido e rimetterla di nuovo sotto terra potrebbe portare a stress e riinterramento errato, questo potrebbe portare all’insorgenza di danni alla salute. Le tartarughe che vengono tenute in scatole o contenitori e fatte invernare in luoghi chiusi con temperature adeguate al letargo dell’animale (Testudo Hermanni, T. Greca a 5-10°C e T. Marginata a 10-16°C) possono essere monitorate durante questo periodo con minor difficoltà e senza disturbare eccessivamente l’animale. Il letargo non sotto terra, ma in appositi contenitori a temperature monitorate è consigliabile per animali al di sotto dei 2-3 anni di età e per animali deboli o con problemi. Il monitoraggio durante questo periodo consiste nel controllo mensile dell’animale e del suo peso. Durante il periodo del letargo non devono manifestarsi dei sintomi di malattie, inoltre il peso delle tartarughe alla fine del letargo non deve essere diminuito più del 6-7%. Se si osservano dei segni di malattie o un calo eccessivo del peso è meglio interromper il sonno dell’animale ed approfondire la patologia in atto. Per evitare, o meglio per prevenire, l’insorgenza di malattie durante e dopo il periodo di letargo è utile educare i proprietari delle tartarughe di terra ad effettuare una visita di controllo prima del letargo; con esami collaterali, per esempio un esame delle feci ed un esame del sangue se il veterinario lo ritiene opportuno. Se una tartaruga entra in fase di letargo con una patologia anche lieve può risvegliarsi dopo l’inverno con la patologia amplificata e spesso cronicizzata. Per questo motivo possono sopportare un letargo senza correre rischio alla salute solo animali in buono stato di salute e in ottimo stato nutrizionale. L’animali malati o animali che hanno subito malattie prima del letargo e di conseguenza sono debilitati non dovrebbero entrare in letargo. Il risveglio dal letargo è una fase molto delicata: innanzitutto gli animali si svegliano debilitati e spesso le diverse funzioni fisiologiche si riattivano lentamente. Per svegliare le tartarughe dopo il periodo invernale o quando le temperature esterne raggiungono valori accettabili in seguito ad un letargo fatto in maniera artificiale e controllata, bisogna spostare il contenitore con la tartaruga in una zona più calda oppure, per accelerare il risveglio e la riattivazione del metabolismo, basta fare loro un bagno in acqua tiepida che aiuta inoltre a reidratare l’animale. Le tartarughe che hanno invernato all’aperto cominciano a risvegliarsi lentamente da sole, man mano che le temperature cominciano a raggiungere valori adeguati. In questo periodo primaverile le temperature sono molto variabili. I continui sbalzi di clima possono creare un abbattimento del sistema immunitario con il conseguente pericolo di insorgenza di malattie, soprattutto gli animali molto giovani che hanno subito un letargo artificiale e non sono abituati alle oscillazioni termiche, possono essere più sensibili a queste variazioni ambientali.

Patologie
Le patologie più frequentemente osservate dopo il letargo sono di origine respiratoria, gastrointestinale oppure traumatiche. Le malattie respiratorie sono dovute all’imunodepressione che segue immediatamente il letargo prima che si ristabilisca il metabolismo, inoltre i continui sbalzi ambientali, oltre a temperature notturne troppo basse, possono far insorgere sia malattie delle prime via respiratorie che polmoniti. Le patologie respiratorie hanno come sintomatologia la dispnea, di solito inspiratoria, ma spesso anche espiratoria. La frequenza respiratoria è spesso aumentata, si può notare che l’animale fatica a respirare ed i suoi movimenti respiratori sono più ampi. Le tartarughe respirano estendendo la testa ed aprendo la bocca durante l’espirazione. Il flusso nasale può essere presente o meno a seconda che siano interessate o meno le prime vie respiratorie. I problemi che possono portare solitamente a delle malattie del tratto gastrointestinale, dopo il periodo di letargo, sono: nella maggior parte dei casi la presenza di parassiti, mentre in altri casi la presenza di contenuto alimentare nello stomaco o nell’intestino di animali che entrano in fase di letargo. Gli animali che non vengono sverminati prima del letargo possono addormentarsi con una alta carica di parassiti. È vero che anche i parassiti in questo periodo entrano in una fase letargica, ma comunque nel risveglio possono proliferare per l’insufficiente risposta immunitaria e portare a gravi danni gastrointestinali, o addirittura ad un’occlusione per la presenza di un numero molto elevato di parassiti adulti. Oltre ai parassiti intestinali, anche materiale alimentare che sosta per tutto il periodo del letargo nel tratto gastrointestinale, può creare dei danni alla mucose per la macerazione e la degradazione e di conseguenza facilitare l’insorgenza di malattie secondarie. Questa e una patologia che difficilmente colpisce gli animali che si ritirano in modo naturale all’aperto, ma colpisce soprattutto gli animali che vengono messi a dormire in modo artificiale. In questo caso le tartarughe mangiano fino all’ultimo giorno, visto che non sentono la variazione di clima ed il metabolismo non rallenta progressivamente come nel caso del letargo naturale, quando le tartarughe vengono spostate improvvisamente nel contenitore per il sonno invernale e poste al fresco, l’intestino smette di lavorare e tutto il materiale alimentare si ferma nel canale digerente e può degradarsi. Infine le patologie che possono isorgere sono di origine traumatica, ma non dovute ad incidenti, ma in generale ad aggressioni da parte di roditori (topi e ratti). Bisogna essere molto attenti a scegliere il posto adatto dove posizionare il contenitore per il letargo, affinché la tartaruga inerme non venga disturbata da animali. Le tartarughe durante il periodo di letargo non sono per nulla reattive e possono servire come cibo per roditori, che rosicchiano le parti molli come ad esempio gli arti. Così facendo gli aggressori causano gravi mutilazioni alle tartarughe che spesso sono molto difficili da curare.
Le patologie più frequentemente osservate dopo il letargo sono di origine respiratoria, gastrointestinale oppure traumatiche.Le malattie respiratorie sono dovute all’imunodepressione che segue immediatamente il letargo prima che si ristabilisca il metabolismo, inoltre i continui sbalzi ambientali, oltre a temperature notturne troppo basse, possono far insorgere sia malattie delle prime via respiratorie che polmoniti. Le patologie respiratorie hanno come sintomatologia la dispnea, di solito inspiratoria, ma spesso anche espiratoria. La frequenza respiratoria è spesso aumentata, si può notare che l’animale fatica a respirare ed i suoi movimenti respiratori sono più ampi. Le tartarughe respirano estendendo la testa ed aprendo la bocca durante l’espirazione. Il flusso nasale può essere presente o meno a seconda che siano interessate o meno le prime vie respiratorie.I problemi che possono portare solitamente a delle malattie del tratto gastrointestinale, dopo il periodo di letargo, sono: nella maggior parte dei casi la presenza di parassiti, mentre in altri casi la presenza di contenuto alimentare nello stomaco o nell’intestino di animali che entrano in fase di letargo. Gli animali che non vengono sverminati prima del letargo possono addormentarsi con una alta carica di parassiti. È vero che anche i parassiti in questo periodo entrano in una fase letargica, ma comunque nel risveglio possono proliferare per l’insufficiente risposta immunitaria e portare a gravi danni gastrointestinali, o addirittura ad un’occlusione per la presenza di un numero molto elevato di parassiti adulti. Oltre ai parassiti intestinali, anche materiale alimentare che sosta per tutto il periodo del letargo nel tratto gastrointestinale, può creare dei danni alla mucose per la macerazione e la degradazione e di conseguenza facilitare l’insorgenza di malattie secondarie. Questa e una patologia che difficilmente colpisce gli animali che si ritirano in modo naturale all’aperto, ma colpisce soprattutto gli animali che vengono messi a dormire in modo artificiale. In questo caso le tartarughe mangiano fino all’ultimo giorno, visto che non sentono la variazione di clima ed il metabolismo non rallenta progressivamente come nel caso del letargo naturale, quando le tartarughe vengono spostate improvvisamente nel contenitore per il sonno invernale e poste al fresco, l’intestino smette di lavorare e tutto il materiale alimentare si ferma nel canale digerente e può degradarsi.Infine le patologie che possono isorgere sono di origine traumatica, ma non dovute ad incidenti, ma in generale ad aggressioni da parte di roditori (topi e ratti). Bisogna essere molto attenti a scegliere il posto adatto dove posizionare il contenitore per il letargo, affinché la tartaruga inerme non venga disturbata da animali. Le tartarughe durante il periodo di letargo non sono per nulla reattive e possono servire come cibo per roditori, che rosicchiano le parti molli come ad esempio gli arti. Così facendo gli aggressori causano gravi mutilazioni alle tartarughe che spesso sono molto difficili da curare.

Terapie ed intervento
Nel caso di insorgenza di patologie immediatamente dopo il letargo bisogna agire repentinamente, perché bisogna ricordarsi che gli animali appena svegli sono molto debilitati e potrebbero avere il sistema immunitario non ancora funzionante al cento per cento. Se i segni clinici interessano l’apparato respiratorio bisogna prime definire il sito dell’infezione, cioè se è interessato il tratto respiratorio superiore (rinite, rinotracheite), oppure il tratto profondo (bronchite, broncopolmonite o polmonite). A tale scopo può servire oltre alla visita e all’auscultazione, anche un’indagine radiografica. Nel caso di infezioni, oltre all’utilizzo di un antibiotico a largo spettro, può essere molto utile definire l’agente patogeno attraverso un lavaggio tracheopolmonare,  oppure un tampone retrofaringeo e successivamente effettuare un’antibiogramma per utilizzare antibiotici mirati. Se l’infezione è gastrointestinale, bisogna definire prima la causa. A tale scopo e per valutare la gravità della situazione può essere utile un’indagine coprologica sia al fresco che per flottazione, oltre naturalmente ad un esame radiologico. Se necessario si può effettuare un’indagine radiologica con contrasto per definire la gravità della situazione e la prognosi. A seconda del referto si utilizzeranno antimicrobici o antiparassitari adeguati. Nel caso in cui non si riuscisse a risolvere l’infezione con prodotti farmaceutici, se si rileva l’eventuale presenza di un’occlusione intestinale, poterebbe essere necessario un intervento chirurgico; per asportare la massa occludente, oppure per asportare il tratto intestinale gravemente danneggiato dal ristagno di materiale. Quando si è in presenza di traumi inflitti da roditori bisogna valutare naturalmente la gravità del danno. Dopo un’accurata pulizia, oltre ad un curettage se necessario, o meglio se possibile, potrebbe essere necessario l’impiego di antibiotici a largo spettro per combattere eventuali infezioni secondarie. Conseguentemente a ferite inferte da altri animali, le tartarughe possono subire gravi traumi psicologici, dovuti alla brutalità ed alla sorpresa di queste lesioni, che possono essere il motivo principale della difficoltà di curare il soggetto colpito. Per prevenire e limitare le patologie dovute al letargo, è sufficiente una buona educazione informativa del padrone dell’animale: consigliare di effettuare una visita approfondita prima del letargo, dove l’animale viene sverminato e valutata la capacità di poter affrontare il letargo e  appena dopo il risveglio dell’animale una visita per individuare eventuali danni o patologie a cui sono stati esposti gli animali. Naturalmente le patologie che possono insorgere dopo il periodo di letargo non si limitano solo a quelle precedentemente elencati in questa sede, ma possono essere di svariati natura. Le patologie elencate sono tra le più frequenti e possono essere molto pericolosi se non curate tempestivamente.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: G_ietta
Data di creazione: 31/03/2006
 

BLOG UFFICIALE

Questo è il blog ufficiale del

clik

 

FIERE, MOSTRE & RADUNI

 

 

COMUNICAZIONI & APPUNTAMENTI

 
LA MIGLIOR FOTO:
la migliore tra le foto che mi verranno inviate sarà pubblicata nel box.

SONDAGGIO & TEST:
Rispondi al sondaggio e ai test (insertito un nuovo test) 

TESSERA SOCI:
vuoi diventare "socio" di questo blog? Segui le istruzioni e richiedi gratuitamente la tessera!!!

TAGS:
prima di pormi qualunque domanda verificate se l'argomento che vi interessa è presente nei TAGS (divisi per argomento), il blog serve proprio a questo. Risparmierete tempo voi e lo farete risparmiare a me.


LA BACHECA DEGLI ANNUNCI: cerchi/vendi/cedi un'esemplare?O del materiale che non usi più?Lascia un commento con l'annuncio ed un  contatto,verrà immediatamente pubblicato!

 

AREA PERSONALE

 

COME CONTATTARMI

 

Per informazioni, consigli, articoli e per vedere pubblicate le foto delle vostre "belve":

G_ietta@libero.it        

 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

kikky_95fantasyiannacconesrlattore6995stralevantoantoniomazza0249franceschiniangelaguendalin23vet.pacificovets_assoc_rapallosurvaivolgiulydany7277ark.sicilianovitodstatifab640marko20100
 

ON LINE

 

             

web tracker

 

GALLERIA FOTOGRAFICA DELLE MIE BELVE

 

TAG

 

SOMMARIO: TAGS




ACQUISTO:
regole e parametri per valutare un esemplare prima dell'acquisto;
ALIMENTAZIONE: diete e consigli per una corretta alimentazione;
ALLEVAMENTO: come e dove allevare le nostre tartarughe: recinti,terrari e acquari;

ANATOMIA: le tartarughe viste dall'interno e dall'esterno;
BELLE IMMAGINI: raccolta personale di immagini;
COMPORTAMENTI ED ABITUDINI: la psicologia ed il comportamento delle tartarughe;
CONSIGLI PER GLI ACQUISTI: i prodotti consigliati per l'allevamento;
CURIOSITA' E NOTIZIE:
notizie ed articoli,curiosi e non;
DA SAPERE: cose importanti degne di essere ricordate;
DA STAMPARE: cose simpatiche da stampare;
DETERMINAZIONE ETA': ecco come fare;
DETERMINAZIONE SESSO: ecco come fare;
DISTINZIONE TRA LE SPECIE: caratteristiche di confronto per la distinzione tra le specie;
ERBE & PIANTE: per l'alimentazione e l'arredamento;
FAI DA TE: costruire terrari,recinti leghetti e tanto altro;

FUORI TEMA...ma non troppo: comunicazioni varie;
INTERVISTE: le mie interviste: ad allevatori, tartamanti & C.
I PICCOLI: nascita e allevamento: nascita,alimentazione e allevamento delle baby;
LE FOTO & I VIDEO: le foto e i video delle nostre "belve";
LE MIE BELVE: tutto ciò che riguarda le mie belve
LETARGO: come affrontare i letargo, i pro e i contro e regole basilari;
LINK: tutte le mie fonti, da chi prendo spunto e da chi imparo molto;
NORMATIVE E REGOLAMENTI: CITES e normative sulla detenzione di tartarughe;
PESI & MISURE: le misurazioni delle mie belve;
RIPRODUZIONE: l'accoppiamento, come, dove e quando;
SALUTE: le principali patologie, i sintomi e le cure;
SCHEDE RIASSUNTIVE: ripasso generale;
SOCI:sezione dedicata ai soci,i loro articoli,le loro foto;
SPECIE & CLASSIFICAZIONE: schede descrittive e classificazioni tassonomiche
TARTARUGHE D'ACQUA: tutto sulle tartarughe acquatiche;
VETERINARI: elenco dei veterinari italiani divisi per regione.

immagine


 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

LE MIE INTERVISTE

UN SOGNO CHE S'AVVERA

 

CHE COS'E' LA CITES



La CITES è la convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione
(CITES= Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora), firmata a Washington il 3 marzo 1973 (e per questo conosciuta in Europa anche come "Convenzione di Washington") è un trattato internazionale applicato in più di 130 Paesi del Mondo. Il suo scopo è di disciplinare il commercio internazionale di specie animali e vegetali affinché questo non ne minacci la sopravvivenza.
www.corpoforestale.it

L'Ufficio CITES puo' fornire informazioni sulle specie protette e sulle leggi in vigore.
La polizia giudiziaria ha il compito di vigilare sull'applicazione delle norme in vigore. Per quanto riguarda il possesso di animali esotici e animali selvatici nostrani protetti e' competente l'Ufficio CITES presso il Corpo Forestale dello Stato (tel. 026709479).
In particolare si ricordino alcune norme che riguardano le tartarughe:
Tartarughe di terra (genere Testudo).
Tutte le tartarughe del genere Testudo sono protette e il loro possesso deve essere denunciato all'Ufficio CITES, cosi' come, entro 10 giorni, ogni nuova nascita e i decessi.
Tartarughe esotiche d'acqua: la maggioranza delle specie di tartarughe d'acqua esotiche in commercio non sono protette. Per verificare con esattezza se la specie in possesso rientra in questa categoria e' possibile chiedere informazioni al'Ufficio CITES presso il
Corpo Forestale dello Stato tel. 026709479.
Queste tartarughe sono esotiche e non possono quindi essere rilasciate in natura a causa dei danni che provocherebbero alla fauna locale. Per questo il WWF sconsiglia l'acquisto di specie esotiche, non solo tartarughe.
Chi non fosse piu' in grado di occuparsi della propria tartaruga puo' rivolgersi a:
ENPA sede di Milano tel 0297064220

Centro tartarughe CARAPAX a Massa Marittima in Toscana
tel 0566/940083 carapax@cometanet.it

 

SEI PRONTO AD ALLEVARE UNA TARTARUGA?


1-DA DOVE PROVIENE?

conoscere l'esatta provenienza dell'esemplare scelto ci farà capire meglio le sue esigenze di allevamento.
2-CHE DIMENSIONI RAGGIUNGE?
è importante sapere anticipatamente quanto crescerà la nostra tartaruga, in modo tale da essere certi di poterle offrire uno spazio adeguato, senza poi,come succede fin troppo spesso, doversene liberare.
3-SERVE IL CITES?
Prima di acquistare l'esemplare che abbiamo scelto verifichiamo se,quella specie,necessita di documentazione, e che, il negoziante o l'allevatore ce lo rilasci.
In modo da evitare sanzioni o addirittura il sequestro dell'esemplare.
4- COSA MANGIA?
La dieta deve essere varia equilibrata e deve evitare i mangimi confezionati.
Deve,per quanto possibile,racchiudere tutti i cibi che normalmente la tartaruga troverebbe  nel suo habitat naturale.Un'alimentazione errata può provocare gravi danni alla salute delle nostre Belve.
5- A CHE TEMPERATURA/UMIDITà ecc. DEVE VIVERE?
Molte persone si preoccupano solo di avere un esemplare "particolare", ignorando però che magari, quell'esemplare è nato in foreste tropicali, e che quindi, avrà molte difficoltà a vivere nei nostri climi, o comunque in piccoli terrari dove si "cerca" di ricreare l'habitat naturale.
Occorre conoscere a che temperature vanno in letargo e a quali si svegliano.
Informarsi, quindi, su tutto ciò che sono le "necessità biologiche"(passatemela!) della tartaruga.cerchiamo magari di prediligere specie autoctone.








 
Citazioni nei Blog Amici: 87
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.