Creato da pallavolocastelbuono il 23/11/2008

PallavoloCastelbuono

il Blog della squadra maschile di pallavolo di Castelbuono

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 

 

17

Post n°18 pubblicato il 21 Gennaio 2009 da pallavolocastelbuono



Ci Scusiamo per i momentanei mancati aggiornamenti ma stiamo preparando un sito che è già online anche se in fase di costruzione.


Il sito sostituirà questo blog


www.pallavolocastelbuono.4000.it


arriverderci



 
 
 

Post N° 17

Post n°17 pubblicato il 09 Gennaio 2009 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

... e Due!

Seconda grande vittoria per i ragazzi della Polisportiva Castelbuonese che riescono a spuntarla in casa contro il Collesano in una partita spettacolare ed emozionante.
Tra le due squadre c'è un gran rispetto dovuto ad amicizie personali tra molti dei giocatori, ma in campo c'è una grande rivalità, il Collesano è già al terzo anno di partecipazione al campionato mentre i nostri soltanto al secondo, ma lo scorso anno sono riusciti a vincere entrambe le partite, sia in casa, ma sopratutto il Castelbuono è riuscito nel difficile compito di espugnare il campo di Collesano con una partita da cardiopalma vinta dai nostri al quinto set.
Il Collesano quest'anno ha in buona parte rifondato la squadra con l'aggiunta di alcuni elementi di fuori per alzare il livello della squadra che era già complessivamente di buonissimo livello, percui si sono presentati alla palestra del Liceo Scientifico con grandi aspettative.
Il Castelbuono però non è squadra da arrendersi facilmente e infatti l'inizio è un vero e proprio tam tam della squadra di casa che si porta a casa il primo set con un punteggio che non lascia perplessità, 25 a 11.
Il Collesano accusa il colpo e il secondo set sembra una copia del primo, il Castelbuono si trova 22 a 15 e lì accade l'impensabile, la squadra di casa non riesce a chiudere e gli ospiti si rifanno sotto fino a vincere il parziale per 27 a 25.
A questo punto la partita decolla, il terzo set è stupendo con due squadre che lottano punto su punto e che vede il Castelbuono spuntarla per 26 a 24 con un finale palpitante.
Il quarto parziale viene vinto invece dal Collesano con un grande scatto di orgoglio che gioca con grande testa mentre il Castelbuono soffre.
La partita si decide al Tie Break, quindici punti per vincere, quindici punti da giocare con l'orgoglio e la voglia di non mollare, quindici pesantissimi punti di paura che rappresentano la differenza tra i vincitori e gli sconfitti.
Nel quinto e decisivo set spesso conta più la grinta, l'orgoglio della tecnica, e infatti il Castelbuono ha un'ottima statistica in merito, avendo vinto tutti e tre i Tie Break che ha giocato, e neppure questa volta fallisce il colpo, con un parziale spettacolare che riesce a portare a casa per 15 a 13.
Una grande vittoria per i ragazzi della Polisportiva di fronte a una palestra piena in ogni ordine di posto, che dà morale e riempie di soddisfazione dopo i tanti sacrifici.
Un arbitraggio assolutamente ineccepibile, corretto e giusto in ogni decisione.
Infine un'ultima nota, dispiace vedere la totale assenza della società, sopratutto lo stridente confronto con la partita delle ragazze, immediatamente dopo, con la panchina piena di allenatori dirigenti e accompagnatori, mentre per la partita dei ragazzi non c'era nessuno. 
Peccato perchè questi ragazzi non meritano questo trattamento per la voglia e l'entusiamo che mettono in campo, per il fatto di giocare comunque per una società, di rappresentarla; se si pensa che i ragazzi si pagano in buona parte il campionato di tasca propria, non si capisce come possa esserci una situazione del genere... situazione che sfiora il ridicolo e il paradossale se si osserva la squadra femminile della Polisportiva, dove ci sono una sfilza tra allenatori accompagnatori dirigenti e chi più ne ha più ne metta... senza toccare il tasto che riguarda l'attrezzatura, infatti le ragazze hanno a disposizione tute, borsoni, completini per gli allenamenti, addirittura i giubbotti, con alcune cose rifatte nuove quest'anno, mentre i ragazzi abbiamo a stento il completino di gara... e quest'anno abbiamo avuto il grande onore di avere in regalo una magliettina da poter utilizzare negli allenamenti, regalo dalla Molten se si acquistano un certo numero di palloni...
Sarebbe facile attaccarsi ai risultati per pretendere un trattamento migliore, ma sarebbe anche un discorso fuori luogo, sopratutto perchè abbiamo una enorme stima delle ragazze che anche se più piccole di noi ci hanno insegnato tantissimo e il gruppo di chi gioca è veramente unito e coeso, a differenza dei livelli più alti che non si capisce perchè sono contrari al maschile. In un gruppo tutte le componenti se coinvolte sinergicamente possono dare il loro contributo per ottenere un risultato finale migliore, purtroppo questo da noi ancora non è stato capito e la squadra maschile viene vista come un problema.

 
 
 

Post N° 16

Post n°16 pubblicato il 20 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono

Convocazioni Collesano

Ultimo allenamento un pò sottotono, anche per via di dissapori con la società che a inizio anno ci ha proposto di spostare le partite alla domenica nonostante le notevolvi difficoltà per i pendolari che scendono a palermo che sono costretti a trovarsi un passaggio la sera oppure a prendere l'autobus delle 6 il lunedì mattina... per non parlare dei disagi che comporta giocare alle 4 la domenica pomeriggio per noi che dobbiamo essere in palestra alle 3... quindi niente pranzo, e per chi vive fuori tutta la settimana è pesante, ci hanno spostato prima delle ragazze perchè così evitiamo di finire alle 8 di sera e mettere in difficoltà ulteriore chi parte... e tutto questo perchè? per poter avere un giorno in più di allenamento il sabato... abbiamo detto si a suo tempo, senza ombra di dubbio, nonostante tutti i problemi, per noi che ci alleniamo una volta sola a settimana infatti un giorno in più di allenamento è vitale... per mesi non è potuto essere per via delle mancanze della palestra, pazienza, abbiamo saltato tutta la preparazione, adesso però che la situazione si è risolta... Sorpresa... non ci fanno più allenare il sabato!
Neanche hanno chiesto l'autorizzazione... davvero complimenti... sempre peggio... presi in giro per l'ennesima volta... dobbiamo fare quadrato tra di noi perchè non abbiamo veramente nessuno... siamo soli... disgustati ma più forti e convinti che mai, abbiamo solo noi e ci basteremo...

Queste le Convocazioni:

Palleggiatori: Giuseppe M - Giuseppe B - Domenico - Jimmy

Schiacciatori Centrali: Mariano - Roberto - Daniele

Schiacciatori Laterali/opposti: Marco V - Martino - Paolo

Libero: Piero

Ricezione: Vincenzo

Finalmente abbiamo la rosa al completo, sarà come sempre durissima ma venderemo cara la pelle.

 
 
 

Post N° 15

Post n°15 pubblicato il 19 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

Finalmente a casa!

articolo Pubblicato su Castelbuono.org

Domenica 21 dicembre alle ore sedici presso la palestra del liceo Scientifico vi aspettiamo numerosi per l'esordio in casa della Polisportiva Castelbuonese che sfiderà la Pallavolo Collesano in una partita che si annuncia molto combattuta. Entrambe le squadre vengono da una sconfitta, i nostri in trasferta a Castellana mentre il Collesano ha perso in casa con il Don Orione, percui entrambe le formazioni sono alla ricerca di punti e il clima in campo sarà rovente. Il bilancio è in favore dei nostri infatti su tre partite per ben 2 volte è stata la Polisportiva a uscire vittoriosa dal confronto, sia in casa che a Collesano, ma rispettivamente al quarto e quinto set mentre in amichevole è stato il Collesano a spuntarla. Entrambe le compagini attraversano un ottimo momento di forma, il Collesano infatti è riuscito a portare al quarto set il Don Orione, una delle squadre più forti, mentre il Castelbuono, nonostante la sconfitta a Castellana vuole confermare l'ottimo esordio in campionato con la vittoria a Palermo contro lo Xenia, percui la partita è una tappa fondamentale per la stagione di entrambe.


1 Divisione Maschile girone B - 2 GIORNATA

Xenia - Palermo e il Volley 0-3
Pol.Castellana - Pol.Castelbuonese 3-0
Pallavolo Collesano - Don Orione 1-3

CLASSIFICA
DON ORIONE 05
POL.CASTELLANA 04
PALERMO E IL VOLLEY 03
POL.CASTELBUONESE 02
XENIA 01
ROSARIO PORPORA 00
PALLAVOLO COLLESANO 00

 
 
 

Post N° 14

Post n°14 pubblicato il 18 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

Giusto così


Ore 14 partenza da Castelbuono... morale ottimo... in ogni caso ci andremo a divertire... come sempre del resto. La strada la conosce Marco che ci porta sulle montagne prima di arrivare a Castellana... viaggio bellissimo... gran divertimento.
Riusciamo per la prima volta nella nostra storia ad arrivare puntuali... ma incredibile gli avversari sono già in campo a riscaldarsi... Un freddo incredibile... ma come fanno da queste parti...? L'arbitro sembra abbastanza alla mano ma è un tipo abbastanza sbrigativo... sembra abbia fretta... mah...
La partita inizia... è durissima... il Castellana è una grande squadra al di là di ogni cosa... però riusciamo a tenere almeno fino all'11 - 9 per noi. poi un crollo... inspiegabile ma che non ci lascia chances... il primo set finisce 25 - 12 e l'unico punto ce lo regalano gli avversari in battuta.
Non ci buttiamo giù... alla fine ci sta, però proviamo ad uscirne un pò meglio...
Secondo set... in  tutta onestà loro sono di un altro livello, certo noi non giochiamo la nostra migliore partita, l'arbitro ci mette del suo con decisioni incredibili, però gli avversari ci asfaltano. l'obiettivo era fare meno errori, e quindi regali, possibili per costringere loro a farci i punti... non è facile per noi ma non sembra impossibile per loro che schiacciano con facilità e noi non riusciamo a prenderle... mettici pure un sacco di errori, il risultato è che il secondo set finisce come il primo... 25 a 12.
Non è che possiamo fare molto... non abbiamo cambi sopratutto in attacco e quindi proviamo a dare fondo al nostro orgoglio... la nostra unica arma...
Il risultato è come sempre in questi casi un gran giocare... certo gli avversari sono un pò più rilassati ma non riescono a farci male come prima, la palla non cade e alla fine riusciamo a stare dietro agli avversari nel punteggio. L'arbitro continua a metterci del suo con chiamate al limite della presa in giro... è veramente dura controllarsi... però non ne vale la pena... ce lo siamo detti prima della partita... anche perchè domenica c'è il collesano in casa e nessuno vuole saltarla. Siamo lì, ce la giochiamo, poi a pochi punti dalla fine la maggior classe degli avversari si inizia a sentire... 24 a 19 per loro... è finita penserebbe la stragrande maggioranza della gente... ma noi non siamo gente qualunque... si finchè l'ultima palla non cade, per citare il Liga, non abbiamo classe ma gambe e fiato finchè vuoi... e infatti recupera questa e recupera quella risaliamo fino a 24 - 23... incredibile, la palestra del castellana cade in un silenzio di tomba... gli avversari forse sentono un pizzico di paura... l'ultimo punto è stupendo... gli avversari schiacciano per 3 volte e per tre volte la palla torna di là... muri... tuffi... tocchi... l'importante è ributtarla di là... in un film americano vincevamo il set e poi la partita, ma la realtà è un'altra cosa... alla fine con la quarta schiacciata nonostante un tocco del muro, un paio di tuffi la palla non  torna nel campo del castellana... bravi loro, giusto così, però usciamo dal campo a testa alta, e forse per noi l'importante è questo.
Il castellana ha una tradizione in questo sport di tutt'altro spessore rispetto a noi, un pò com'eravamo noi per il calcio... e onestamente si vede,  vincono meritatamente ma la nostra squadra dà una grande lezione di sport... è stato un momento, un attimo di vita molto intenso... un pò come in quei film dove nel momento topico le immagini rallentano e tutto si fà un pò più ovattato... la palla è ancora in aria, ma ormai è chiaro che nonostante il mio tocco a muro, il tuffo di piero, il recupero di peppe e il tocco di marco non passerà... gli avversari iniziano a esultare... mi giro... guardo peppe, marco e vedo un... meraviglioso sorriso nei loro occhi... stupendo... mentre gli avversari esultano per la vittoria noi esultiamo pure, ci abbracciamo, ridiamo e battiamo le mani... questo gruppo è davvero stupendo...
Il ritorno a casa è un altra volta stupendo... ma meglio che non ne parli troppo... il singolo punto deve durarmi il più a lungo possibile....mangiamo patatine in un bar tutti insieme e poi ci dividiamo, palermitani e paesani... doodichè torniamo al volo a casa... letteralmente... Spettacolo!
In conclusione una gran bella giornata nonostante la sconfitta che ci stava, ma ci siamo davvero divertiti.
Un capitolo a parte merita ahimè l'arbitro... vergognoso... posso soltanto dire questo... ora, è chiaro che non ha cambiato più di tanto il risultato, almeno per due set, ma quando si perde 23 a 25 e l'arbitro ti chiama almeno 4 palle scandalose un pò di amaro ti resta in bocca... noi siamo gli ultimi arrivati, però non siamo mica degli scemi, la situazione è veramente vergognosa, la federazione dovrebbe fare qualcosa almeno per garantire la credibilità di questo sport... in ogni partita capitano 7, 8 10 o più punti diciamo "discutibili", nel senso di poco chiari e di non facile interpretazione... è mai possibile che tutti ce li chiamano contro? statisticamente è difficile eppure è così...
Esempio: gli avversari, bravissimi per carità, recuperano alcune palle da terra... com'è possibile che lo stesso movimento identico per noi è fallo di accompagnata per loro invece no? credetemi, stento anche io a dirlo ma situazioni del tutto analoghe non si capisce perchè ci vengono sempre chiamate contro... così è per le invasioni, siamo in aria entrambi, il contatto è ravvicinato tra muro e schiacciatore, la palla prende la rete... invasione... l'azione dopo stessa cosa ma a ruoli invertiti... Palla contesa!!! non ci credo... palla sulla linea... per i nostri avversari è giustamente punto per noi è fuori... inspiegabile... la ciliegina sulla torta è stata però una chiamata a dir poco fantozziana... tenetevi saldi... una doppia di pugno!!!! ci hanno sempre insegnato che sopratutto nel terzo tocco è meglio andare di pugno per evitare proprio la doppia... di pugno è naturalmente impossibile una doppia... almeno credevo... invece abbiamo visto anche questo domenica a castellana...
Io capisco che gli arbitri sono ragazzi un pò come noi che hanno magari giustamente fretta di tornare a casa la domenica sera perchè lunedì lavorano... però è ingiusto essere trattati così... l'ho sempre detto questo sport è molto bello ma l'arbitro ha un peso troppo, troppo determinante, non ci credevo neanche io ma è così... a calcio l'arbitro può chiamare un fallo che non c'è, perfino dare un goal non goal, ma non può dare un goal mentre la palla è a centrocampo... a pallavolo in una situazione analoga l'arbitro ti chiama una doppia del tutto soggettiva e perdi il punto, confesso che non sono un esperto non ho mai visto una partita di volley in tv, però dal mio punto di vista, e almeno nel nostro campionato di bassissimo livello è così... gli arbitri fanno di tutto e di più, interpretano le regole a piacimento alcune volte, e sopratutto non accettano neanche di dare spiegazioni... e se parli un pò di più... Squalifca... ammonizione... mah
Cmq meglio pensare al futuro... domenica c'è il debutto in casa... speriamo sia una gran festa e un giorno da ricordare per noi.

 
 
 

Post N° 13

Post n°13 pubblicato il 14 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

Primi!

Clicca sull'immagine...

 
 
 

Post n°12 pubblicato il 14 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono

Dopo l'ultimo allenamento di rifinitura del venerdì siamo pronti per Castellana...

Anche questa volta abbiamo dobbiamo registrare alcune defezioni dovute a infortuni, infatti mancherà Paolo che è alle prese con l'influenza e Daniele che deve ancora recuperare del tutto i postumi della contrattura subita la settimana scorsa in allenamento, d'altronde è meglio non rischiare niente in vista della prossima settimana, l'esordio in casa con il Collesano. Non saranno dei nostri neppure Marco R e Jimmy. Convocati invece Martino e Domenico.

Queste le Convocazioni:

Palleggiatori: Giuseppe M - Giuseppe B - Domenico
Schiacciatori Centrali: Mariano - Roberto
Schiacciatori Laterali/opposti: Marco V - Martino
Libero: Piero
Ricezione: Vincenzo

Sarà durissima ma ce la metteremo tutta.

Infine una nota di "Colore"... attualmente siamo i primi in classifica... a 2 punti come il Don Orione che ha vinto 3 a 2 in casa col Castellana ma per la differenza punti siamo avanti noi... Incredibile... Naturalmente manca la partita tra Cefalù e Palermo il volley che non si è giocata... però è comunue una grande soddisfazione vedere il nostro nome lassù in cima...

 
 
 

YES!

Post n°11 pubblicato il 11 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono

Cronaca di una giornata che nessuno di noi dimenticherà facilmente...

E' la prima partita della stagione... il nostro esordio in campionato... dovevamo giocare in casa ma abbiamo chiesto l'inversione di campo... Tutto inizia la sera prima...

Come sempre se qualcosa può andare male... ci và!
Strisciamo col furgone per andare ad allenarci a Isnello... niente di grave ma di certo non è piacevole... sopratutto quando dovremo dirlo ai dirigenti... un motivo in più per uno di loro per esserci ancora più "Contrario"...
Fino alla settimana prima abbiamo la squadra al completo... sembra incredibile ma qualcuno dovrà restare a casa, se ne possono convocare solo 12, almeno in trasferta... mentre penso questo a poco a poco succede un'ecatombe... Jimmy e Domenico devono lavorare, Martino e Marco non possono venire, Daniele si fà male il giorno prima... siamo in 8... 
Partiamo per Palermo, Naturalmente non troviamo facilmente il posto e arriviamo in ritardo... iniziamo come abbiamo finito lo scorso anno... richiamo ufficiale...povero presidente!
Indescrivibili le faccie dei nostri avversari quando si vedono spuntare 4 "Ingagliacani" in enorme ritardo, il furgone è senza maniglia percui dobbiamo scendere tutti dallo sportello davanti scavalcando... una scena da terzo mondo... iniziano a ridere... loro già sono in campo che si riscaldano da un pezzo con i completini spettacolari, pieni di sponsor, le ginocchiere nuove... noi invece l'opposto... ognuno vestito in maniera diversa, jeans, maglioni e camicie...niente tute, niente borsoni, purtroppo da questo punto di vista non siamo fortunati come la nostra squadra femminile che hanno persino i giubbotti... pazienza, avremo qualcosa in meno... almeno per qualcuno...
L'arbitro inizia a mettersi le mani nei capelli... e non immagina che è solo l'inizio... Gli chiedo se mi spiega come funzionano i cambi del libero... lui inizia a ridere per compassione pensando che sono un umorista da quattro soldi... poi appena vede che io sono serio cambia espressione sconvolto... 
Distinta ufficiale... mancano una sacco di cose, la tessera di Paolo... dobbiamo fare un'autocertificazione che gioca con noi... e sperare nella sua compassione... la mia di aiuto allenatore... ci fa giocare lo stesso ma ci multerà...oltre naturalmente che per il ritardo... la distinta è una sorta di farsa-comica con l'arbitro che si domanda come ha fatto la pallavolo a cadere così in basso...
Entriamo in campo per il riscaldamento e le cose precipitano... come sempre... i nostri avversari saltano il doppio di noi... ricevono, schiacciano, battono, primi tempi, alzate indietro... noi non riusciamo a fare una schiacciata... la prima che passa è di Mario... tutti ci mettiamo ad esultare... e lo sconforto dell'arbitro inizia a farsi pesante... i nostri avversari si iniziano a chiedere se oltre alla partita dell'inter riescono a vedersi la fine della roma nell'anticipo del pomeriggio per potersi giocare una bolletta...
Inizia la partita... batto io... con tutto questo casino neanche ho provato una battuta nel riscaldamento... vabbè che sarà mai... non sbaglio mai a battere... le ultime parole famose...la palla non arriva neanche alla rete... come inizio non c'è male...
L'euforia degli avversari aumenta e il pubblico presente inizia a chiedersi se sia meglio gurdare il traffico fuori dalla palestra piuttosto che questo spettacolo...
Il primo set scivola via con una facilità disarmante... i pochi interisti presenti, anche quelli della nostra squadra iniziano a cercare il lato positivo della faccenda... tra poco siamo a casa... 
Inizia il secondo set... iniziamo a giocare qualche pallone, andiamo avanti di qualche punto e ci iniziamo a ricordare che qualcosa sappiamo farla... stiamo 19 a 14... ormai è fatta... possiamo stare tranquilli... le ultime parole famose... facciamo la fine di tranquillo infatti... 25 a 20 per i nostri avversari... l'unico punto che facciamo è una battuta sbagliata da loro...
A questo punto succede qualcosa... è inutile metterla sulla tecnica, non è cosa nostra, possiamo metterla solo sulla grinta, la nostra grande forza... perdere  ci sta... però dobbiamo andarcene con la testa alta... gli stiamo dando troppo sazio a questi fighetti...
Risultato... improvvisamente non cade più una palla a terra, iniziamo a schiacciare... forse è tardi ma viene fuori l'orgoglio... i nostri avversari allibiti accusano il colpo... vinciamo 25 a 12...
Quarto set... il set più bello della partita... loro ce la mettono tutta, non vogliono rischiare... ma ormai il vento è cambiato... non riescono a farci male e anzi subiscono i pallonetti di marco e le schiacciate di paolo mario e me... la palla non cade nel nostro campo... con i piedi, con la testa, qualunque parte del corpo viene usata per rispedirgli indietro la palla finchè non sbagliano o non riescono a prendere le nostre bombe... 25 21 per noi... non ci posso credere...
Nel frattempo l'arbitro è caduto in depressione... due ammoniti... non sappiamo come fare i cambi... le regole nuove non le conosciamo... percui ogni palla è un casino... una serie infinita di proteste... veniamo tutti dal calcio e lì il rapporto con l'arbitro è un pò diverso... poverino... è sconvolto...Addirittura per iniziare il quinto set è costretto a venirci a spiegare le regole... chi era arrivato mai al quinto set...di nuovo sorteggio... cambio campo... 15 punti... 
per fortuna in campo alla fine le cose non cambiano e li maciniamo nel vero senso della parola... 8 a 2... cambio campo... 15 a 7... VITTORIA!!!!
Gioia incontenibile... urla, salti, balletti strani... i primi a non crederci siamo noi... eppure ce l'abbiamo fatta... una partita incredibile, abbiamo toccato il fondo e siamo riusciti a venirne fuori col carattere e l'orgoglio... che soddisfazione... alla faccia di tutti quelli che ci hanno sempre buttato fango addosso... ci hanno messo i bastoni tra le ruote, che ci hanno definito ridicoli...questa vittoria ce la meritiamo... tutti...
L'ultima chicca è il cazziatone dell'arbitro... in parole povere siamo una vergogna... neanche sappiamo le regole... siamo dei casinari incredibili... se trovavamo un altro arbitro neanche ci faceva scendere in campo... infatti lo ringraziamo, alla fine ha provato a capirci... ma quello che più conta è aver vinto...
Domenica siamo a Castellana... sarà durissima, sono veramente stra-bravi... giocano da una vita... li avevamo chiamati qualche settimana fà per chiedere se volevano fare un'amichevole con noi... almeno giocavamo un pò visto che siamo senza campo... ci hanno detto che non era possibile perchè altrimenti vedevamo i loro schemi e magari li copiavamo... noi... che neanche saremmo riusciti a capirli i loro schemi... per noi ne esiste uno solo... cercare di prendere la palla, con qualunque parte del corpo e buttarla di là il più forte possibile... pazienza... però possono stare certi che non sarà una passeggiata... venderemo cara la pelle... anche perchè questi sono così simpatici che in estate in un torneo amichevole e sopratutto amatoriale a petralia dove tre di noi siamo andati per divertirci con una squadra mista con alcune ragazze... sono stati così sportivi da iscrivere la stessa squadra del campionato... naturalmente stravincendo tutte le partite e in finale con noi nonostante vincessero facilmente schiacciavano appositamente sulle ragazze per fare punti più facilmente... dei veri signori insomma... magari ci romperanno il deletano, ma di certo la loro dignità e tanta quanto l'acqua della sciumara a metà agosto...
roberto

 
 
 

Si Inizia!

Post n°10 pubblicato il 03 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono

Finalmente sono usciti i calendari del campionato, La prima partita doveva essere in casa contro una squadra di Palermo, Xenia...
doveva perchè per assurdo a Castelbuono abbiamo una palestra nuova di zecca, appena ristrutturata, che è pronta dal 1 settembre ma non ci si può giocare... manca un collaudo o qualcosa del genere... ma la cosa incredibile è che la scuola può usarla... quindi la palestra non è collaudata ma 300 ragazzi possono usarla tutti i giorni mentre 13 ragazzi della squadra no... incredibile... siamo in lotta per questa situazione ormai da mesi... ci siamo allenati praticamente ovunque... dal campetto comunale pagando lautamente quella ora di campo, ma tra freddo vento e pioggia non abbiamo potuto fare molto... con la società abbiamo trovato, almeno per gli allenamenti dopo circa un mese di tentativi la palestra a Isnello, un paesino qui vicino, dove per assurdo hanno una palestra enorme, come la nostra ma non è mai stata usata e dopo tanti anni si è persa... il comune di quel paese ci ha affittato, (sempre a pagamento) la palestra della scuola media... che è larga a stento quanto metà di un campo di pallavolo e sopratutto la rete ha un'altezza che potrebbe essere scambiata per una rete da tennis... infatti non ha molto senso allenarsi lì...
però non demordiamo, ormai ci siamo abituati, la legge di Murphy con noi non perde un colpo... la Sicilia è anche questo... e poi ci chiedono come mai scappiamo altrove...
La nostra terra è incredibile, di solito quando una cosa non c'è pazienza, bisogna farsene una ragione, ma la caratteristica fondamentale della Sicilia è che a volte, anche se poche, le cose ci sono, nei dintorni tra Castelbuono e i vari paesi del comprensorio ci sarebbero una decina di palestre dove poter fare attività... ma per una serie di motivi in pratica non ce nè una... e ci troviamo nella situazione assurda di avere una palestra nuova di zecca, che viene regolarmente usata ma solo la mattina... e il pomeriggio deve restare deserta... per non parlare della palestra a isnello... un investimento enorme, per il comprensorio madonita... che praticamente è stato buttato... tutte le persone con le quali abbiamo parlato sono prese dal solito fatalismo siciliano... chi dà la colpa alla politica, chi alla burocrazia, chi invece si limita a dire che queste cose vanno così... o che bisogna conoscere qualcuno in alto per sbloccare la situazione... io sarò fatto male ma mi viene proprio duro accettare di avere una palestra pagata con le tasse dei cittadini che resta chiusa per dei motivi assurdi... perchè se il collaudo non c'è non dovrebbe andarci nessuno invece...
E come sempre le istituzioni non fanno nulla... sono tutti bravi quando c'è da pavoneggiarsi per la grande vitalità del nostro paese, ma la verità è che per fare qualcosa da noi si può contare solo sulla sfrenata passione, che ti spinge a fare di tutto, a spendere soldi e tempo per una cosa, funzionano così la stragrande maggioranza delle attività, è tutto sulle spalle di qualche pazzo, che però prima o poi si stancherà e allora pazienza... e lo dico per esperienza personale... spesso il nostro paese non merita le cose che ha... e tutti se ne accorgono solo quando queste non ci sono più, però non hanno mosso un dito per dare una mano...
Basta pensare al programma sportivo dell'estate castelbuonese... dove il novanta e passa per cento delle attività per i ragazzi del paese sono organizzate da poveri pazzi che non sono quasi mai appoggiati dalle istituzioni...
Cmq al di là di questa situazione assurda non ci siamo arresi, e abbiamo chiesto in federazione di poter invertire la partita... vedremo quante volte dovremo farlo, e cmq il danno ormai è fatto perchè praticamente abbiamo perso tutta o quasi la preparazione e ci accingiamo a giocare senza esserci quasi mai allenati in un vero campo da pallavolo...
Quindi sabato 6 dicembre 2008 andremo a Palermo... non sarà facile ma come sempre venderemo cara la pelle

 
 
 

La Rosa

Post n°9 pubblicato il 03 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

Questa è la Rosa attuale della nostra squadra:

Palleggiatori:

  • Giuseppe Bonomo
  • Giuseppe Mazzola
  • Domenico Cascio
  • Jimmy Minutella

Liberi

  • Piero Lo Cicero
  • Vincenzo Martorana

Centrali

  • Roberto Mitra
  • Mariano Leggio
  • Daniele Bonomo

Schiacciatori Laterali

  • Paolo Gesani
  • Marco Vignieri

Schiacciatori Opposti

  • Martino Mogavero
  • Marco Raimondi

Prossimamente Spero di poter inserire le foto

 
 
 

I Ruoli #6

Post n°8 pubblicato il 03 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

Lo SCHIACCIATORE OPPOSTO

Il ruolo ha questo nome perché è coperto dal giocatore situato in posizione diametralmente opposta a quella del palleggiatore. Il ruolo ha questo nome perché è coperto dal giocatore situato in posizione diametralmente opposta a quella del palleggiatore.

Spesso l'opposto è un giocatore mancino per poter più facilmente attaccare da posto 2 nei diversi punti del campo avversario.

Indubbiamente questo ruolo richiede una maggior incisività in attacco rispetto a tutti gli altri ruoli.

Inoltre l'opposto non ha il compito di ricevere, quindi i giocatori di questo ruolo non devono essere necessariamente buoni ricettori.

Generalmente l'opposto deve avere una altezza superiore ai 2 metri e una fisicità nettamente superiore agli altri giocatori.

 
 
 

I Ruoli #4

Post n°7 pubblicato il 03 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

Lo SCHIACCIATORE LATERALE

È, forse, il ruolo più faticoso di tutti perché richiede al giocatore sia di ricevere (anche quando è in prima linea) che d'attaccare. Per questo è richiesta una certa completezza tecnica nell'esecuzione dei fondamentali.

LA zona occupata in prima linea è in genere la 4.

Per diventare uno schiacciatore si deve mostrare la volontà di diventarlo, schiacciando sia con tenacia che con intelligenza. Deve sempre esistere l'intento di stabilire un "dominio" sulla difesa avversaria. Ad esempio, se il muro avversario è alto, lo schiacciatore deve saper utilizzare questa situazione a proprio vantaggio: guardare se ci sono varchi, cercare un mani e fuori, ricordando sempre che, contro un buon attaccante, un muro commette sempre più errori di quanti punti ottenga, anche se sembra intimidire. Lo schiacciatore non deve mai accettare che ci possa essere un senso di dominio del muro nei suoi confronti.

Un attacco non è un'azione ad una sola dimensione, ma è un processo mentale che parte da una predisposizione mentale. Fra il muro e lo schiacciatore esiste una forza di volontà. In essa, la persona che compie l'ultima mossa, di solito vince (ad esempio, una rincorsa dello schiacciatore in parallela, per poi "girare" il colpo in diagonale). Lo schiacciatore che possiede un buon controllo del movimento del polso, può usarlo all'ultimo momento; lo schiacciatore che capisce ("leggendo" la difesa avversaria) quando eseguire un pallonetto, quando "piazzare" il colpo o quando tirare forte, è in vantaggio rispetto al muro avversario.

Per ottenere tutto questo è essenziale il controllo, e questo richiede un'esecuzione perfetta della rincorsa, specialmente per quel che riguarda gli ultimi due passi e la "fase di volo". Bisogna essere in grado di colpire la palla nell'ambito dei diversi momenti della propria traiettoria di volo; questo viene chiamato "tempo di sospensione", ed è la capacità di padroneggiare la fase di volo per disporre della miglior struttura temporale per il contatto con la palla.

 
 
 

I Ruoli #3

Post n°6 pubblicato il 03 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

Il CENTRALE

Il centrale ha questo nome appunto perché i centrali attaccano da posto 3, ossia al centro del campo in prima linea.

Il centrale viene impegnato più spesso a muro degli altri giocatori perché deve 'raddoppiare' il muro sia da posto 4 che da posto 2 oltre alla possibilità che attacchi il centrale avversario. Il centrale attacca soprattutto il "primo tempo", cioè una palla rapidissima in cui il centrale salta assieme al pallone per anticipare il muro avversario, oppure, nel volley femminile, la "fast". Sia nel femminile che nel maschile il centrale attacca anche la 2: un primo tempo che il palleggiatore gioca dietro di sé spiazzando la difesa avversaria. Un altro attacco del centrale è la 7: un primo tempo spostato di circa 2 metri davanti al palleggiatore.

Nella pallavolo moderna quasi sempre il centrale viene sostituito, nelle rotazioni in cui si trova in seconda linea, dal libero. Il centrale non è quindi necessariamente un difensore o un ricettore dato che non si trova mai in queste situazioni di gioco (se non in una rotazione).

Caratteristiche principali del centrale sono l'altezza, l'elevazione (soprattutto senza rincorsa) e la rapidità negli spostamenti laterali, infatti l'efficacia dell'attacco dal centro è appunto nella velocità con la quale parte la schiacciata.

 
 
 

I Ruoli #2

Post n°5 pubblicato il 03 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

Andiamo avanti con questa brevissima panoramica dei vari ruoli:

Il LIBERO

È, in ordine cronologico, l'ultimo ruolo introdotto dalla FIVB nel 1997 (in Italia la FIPAV l'ha introdotto l'anno successivo).

Il libero ha la caratteristica di giocare solo in seconda linea (zone 1, 6 e 5) ed è quindi specializzato nei fondamentali di ricezione/difesa ma esistono alcune limitazioni sul suo gioco:

  • non può andare al servizio
  • non può concludere un'azione d'attacco (all'interno dell'area di gioco) colpendo il pallone completamente al di sopra del bordo superiore della rete (o del suo prolungamento orizzontale)
  • se il libero effettua un palleggio invadendo la zona di attacco (cioè dalla linea dei 3m compresa fino alla rete) un altro giocatore non può concludere un'azione d'attacco colpendo il pallone completamente al di sopra del bordo superiore della rete.

Le sostituzioni che coinvolgono il libero sono illimitate e devono essere effettuate a gioco fermo prima del fischio di autorizzazione al servizio. Di solito, nella pallavolo moderna, il libero entra al posto del centrale che è in seconda linea, dopo che quest'ultimo ha completato il suo turno di battuta, ed esce al momento di passare in prima linea per farvi rientrare il centrale.

Le caratteristiche principali di costui sono l'altezza non molto elevata, infatti essere bassi permette una maggiore agilità. Il libero è sicuramente veloce e riesce a compiere un bagher il più perfetto possibile, perlomeno all'interno della squadra.

 
 
 

I ruoli #1

Post n°4 pubblicato il 03 Dicembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

 La nostra storia continuerà in uno dei prossimi post...

adesso vi presentiamo la nostra Rosa attuale per il prossimo campionato

Prima però ho trovato alcune note su internet sui vari ruoli della pallavolo che oltre a essere molto interessanti, ci permettono di capire bene i vari ruoli, almeno per noi che non siamo "esperti"...


Iniziamo con quello che rappresenta il fulcro di una squadra, il:

 PALLEGGIATORE:

 A lui sono indirizzati tutti i palloni (provenienti dalla ricezione o dalla difesa) che dovranno essere smistati agli schiacciatori. Per questo motivo si parla del palleggiatore come del "regista" d'attacco della squadra. Deve essere un leader, non soltanto in campo, ma anche fuori. Deve possedere un patrimonio di capacità coordinative che deve essere il più ampio possibile, sulla cui base si può inserire un elevato livello della tecnica specifica del palleggio. È sicuramente il giocatore che coopera maggiormente con l'allenatore e ne condivide programmi e strategie.

Le caratteristiche del Palleggiatore

Precisione di palleggio sia su alzate alte e lontane che su alzate vicine e veloci. È questa, sicuramente, la caratteristica più tipica dell'alzatore, che deve mettere i propri compagni di squadra in condizione di poter schiacciare in modo positivo. Il regolare rendimento di uno schiacciatore è, infatti, in larga misura frutto di una precisione costante nelle alzate che riceve.

Intelligenza tattica: a parità di precisione di palleggio, quello che fa la differenza tra un regista e un altro, è la scelta del tipo di alzata, che può condizionare sostanzialmente il rendimento dei singoli attaccanti e, di conseguenza, di tutta la squadra. A ogni palleggio è necessaria una grande lucidità per sfruttare al massimo sia le potenzialità d'attacco dei propri schiacciatori, sia le debolezze difensive dell'avversario.

Reattività negli spostamenti: necessaria in quanto, raramente, il palleggiatore si trova già in partenza nel punto di campo dove eseguirà, effettivamente, il secondo tocco e spesso è costretto, invece, a coprire parecchi metri di corsa per arrivare in posizione corretta sulla palla. Un alzatore con tempi di reazione modesti sarà frequentemente in ritardo e quindi, trovandosi fuori equilibrio, difficilmente riuscirà ad alzare palloni decenti ai propri attaccanti.

Tocco di palla morbido e naturale. Esistono essenzialmente due tipologie di alzatori: quelli che posseggono un tocco naturale di palleggio e quelli che, invece, se lo sono costruito negli anni con l'allenamento. La differenza sostanziale tra queste due categorie è che i primi hanno meno difficoltà a fronteggiare situazioni particolarmente stressanti mentre i secondi, in posizioni di scarso equilibrio o in condizioni di elevata tensione fisica e psicologica, tendono a "sporcare" il palleggio, che può anche diventare impreciso e falloso (fallo di doppio)

Alta statura. l'altezza dei giocatori è diventata di importanza determinante, soprattutto per poter contrastare a muro gli attacchi avversari. Anche i palleggiatori hanno risentito di questa tendenza, tenendo conto, poi, del fatto che l'alzatore, quando è in prima linea, dovrà murare l'attacco dello schiacciatore laterale della squadra avversaria. Un alzatore troppo basso creerebbe un "buco" nel muro consentendo allo schiacciatore avversario di passarci sopra e mettendo, così, in grossa difficoltà la propria difesa.

Il lavoro del regista

L'alzatore deve tenere in considerazione molti aspetti specifici, determinati dall'andamento della partita in corso. Deve:

  • cercare la condizione tattica per cui l'attaccante più forte si trovi a schiacciare sul giocatore a muro più debole della squadra avversaria;
  • privilegiare le alzate che si sono rivelate più efficaci in allenamento;
  • insistere sullo stesso tipo di alzata se l'avversario non riesce ad arginare l'attacco che ne consegue (finché non adotta contromisure adeguate) e, viceversa, cambiare sistematicamente il tipo di alzata se l'avversario mostra una certa facilità di replica;
  • cercare di essere fantasiosi nella scelta delle varie alzate (utilizzando gli schemi provati in allenamento) per risultare imprevedibili nei confronti del muro e della difesa avversaria;
  • se i giocatori a muro avversari non hanno buone capacità di spostamento, sfruttare tutta l'ampiezza della rete per obbligarli a muoversi il più possibile;
  • utilizzare, nei momenti decisivi del set, gli schiacciatori più "freddi" e determinati della propria squadra e, in gioco più spesso gli schiacciatori con il miglior rendimento;
  • cercare di alzare il maggior numero di palloni in sospensione per rendere più difficile l'intervento del muro avversario;
  • non trascurare gli attacchi di "secondo tocco" per obbligare il muro avversario a mantenere fino all'ultimo momento la posizione davanti al palleggiatore ritardando, quindi, il piazzamento sugli schiacciatori;
  • sfruttare la visione periferica per controllare l'eventuale piazzamento anticipato del muro avversario e, di conseguenza, evitare certi tipi di alzate.
 
 
 

CAP 2 - L'INIZIO

Post n°3 pubblicato il 26 Novembre 2008 da pallavolocastelbuono

E così ci siamo ritrovati una decina di ragazzi, di provenienze sportive diverse e di età varie, con un unico punto in comune... non avere molto chiaro lo sport della pallavolo.... e parlo delle regole,  della tecnica,  dei ruoli, degli schemi e di tutto quello che andava oltre la partitella nel torneo estivo o nella spiaggia della valtur a cercare di non far cascare la palla...

Nel primo periodo abbiamo anche avuto un mister, Gaetano, che ci ha messo in campo e ci ha insegnato tutte le poche cose che sappiamo fare... purtroppo questo ragazzo per impegni di lavoro non ci ha potuto più seguire ma al suo posto è arrivato un nostro amico, Peppe, con il quale abbiamo giocato per tutto il campionato scorso.

L'inizio è stato incoraggiante... più o meno... prima partita a Palermo, in casa di una delle squadre più forti, il Palermo il Volley, appena arrivati nella palestra prima di noi giocava una squadra di serie C... e il primo istinto è stato quello di scappare via...primi tempi, schiacciate dalla seconda linea, cose viste solo in tv... e in generale una velocità di palla incredibile, almeno per noi...

Gaetano era stato onesto, ci aveva detto che sarebbe stata molto dura il primo anno, la pallavolo è uno sport molto tecnico, e sopratutto nessuno di noi aveva mai giocato a parte il mese di preparazione al campionato, non era come il calcio che tutti più o meno sapevamo di cosa si tratta...ma se riuscivamo ad allenarci con costanza dopo qualche mese avremmo visto i risultati... iniziando a vincere pian pianino qualche set e poi a giocare sempre meglio...

Inizia la partita... il primo set è un calvario... nessuno di noi ha mai giocato e la tensione si sente... finisce 25 a 10 per i nostri avversari e in generale una gran voglia di imboccare l'autostrada e tornare nel nostro paesino...

secondo Set... con nostra meraviglia le cose vanno meglio... la tensione si inizia a sciogliere e viene fuori sopratutto la nostra arma migliore... l'orgoglio... ci sta perdere, giochiamo da troppo poco tempo per poter impensierire gente che anche se più piccola di noi come età sono dei veterani in questo sport... però almeno uscire a testa alta... ne viene fuori un set incredibile, dove riusciamo a rispondere palla su palla, non riusciamo a fare molto male in attacco, ma farci un punto non è facile... in campo siamo sei pazzi scatenati che hanno come unico obiettivo non fare cadere la palla a terra e ributtarla di là... ci sono punti dove siamo sei persone a terra...  gli avversari restano anche loro sorpresi... mai vista così poca tecnica ma alla fine la palla gli tornava sempre da là... e si accorgono che non sarebbe stata proprio una passeggiata... il mister della squadra avversaria dopo il risultato del primo set aveva messo in campo le loro seconde linee... ed è costretto a ritornare sui suoi passi perchè altrimenti finisce che perdono il set... alla fine il set lo portano a casa i padroni di casa per un paio di punti e sopratutto con una decisione assolutamente incredibile dell'arbitro sull'ultimo punto... una palla fuori di almeno 20 centimetri la considera dentro e addio set...

Questa sarà una costante del nostro campionato... sarà per via del nostro temperamento, che non è certo adatto ai campi da pallavolo visto che veniamo tutti dal calcio, forse anche per via del fatto di essere gli ultimi arrivato in questo ambiente, ma ogni volta se c'è un dubbio noi guarda caso abbiamo sempre la peggio... a mio modo di vedere la pallavolo è un grande sport, ci vuole tecnica ma anche cuore, però secondo me, almeno ai nostri livelli gli arbitri hanno troppo peso e possono influenzare pesantemente una gara con decisioni che a volte sembrano davvero soggettive... più o meno in tutti gli sport è così, però secondo me a pallavolo, ripeto, almeno ai nostri livelli, si sente molto di più questa cosa.

Cmq torniamo alla partita, la grinta, la tensione che abbiamo messo in campo nel secondo set e sopratutto la beffa di com'è finito ci svuotano del tutto e il terzo set non riusciamo ad arrivare a più di 17 punti... torniamo a casa esausti, però soddisfatti di quello che abbiamo fatto vedere almeno in una parte di gara...

Dopo una settimana di riposo ci attende il tanto atteso debutto in casa... a seguire la partita delle ragazze... l'atmosfera è incredibile, la palestra strapiena e gli avversari come sempre mostruosi... stavolta però non ci facciamo prendere dalla tensione e complice la bolgia della palestra dove tutti i nostri amici ci sostengono iniziamo alla grande... prendiamo un gran vantaggio nel primo parziale... poi però in vista della fine inizia a prenderci la tensione... a tennis si chiama paura di vincere o braccetto... insomma alla fine ci ritroviamo sul 23 pari... e lì entra in gioco il solito fattore A (arbitro) non aveva chiamato nessuna doppia fino ad allora... lo fa proprio in quel punto... e naturalmente contro di noi... risultato?... impazziamo perchè non abbiamo ancora la freddezza che ci vuole in quei momenti e sopratutto le grandi proteste con conseguenti ammonizioni e richiami ci tolgono la serenità.... battuta fuori e primo set andato...

Entriamo in campo nel secondo set più con più rabbia che altro e riusciamo a incanalarla nel verso giusto... un set perfetto... lo vinciamo 25 a 17 contro una squadra di persone che giocano da anni... è un delirio, una soddisfazione incredibile... purtroppo però la pallavolo si gioca al meglio dei tre set e neanche ci accorgiamo degli altri 2 set che volano via letteralmente e mentre noi stiamo ancora a festeggiare per il set vinto finisce la partita... non c'è però delusione, ma una fiducia rinnovata in noi stessi, la consapevolezza che possiamo comunque dire la nostra, di certo non vincere il campionato, però provare a difenderci in ogni match e sopratutto la soddisfazione di aver zittito tutti coloro che ci hanno sempre snobbato, anche all'interno della polisportiva e del Liceo, coloro che dicevano che saremmo stati gli zimbelli del campionato, che sarebbe stato perfino umiliante per la nostra società... insomma tutti coloro che come ci hanno detto in più occasioni erano contrari a noi, non contro... distinzione che tutt'ora dopo un anno ancora non ho capito... ma sarò io che non essendo professore non posso capire...

FINE SECONDA PARTE

---------------------------------------- Continua ----------------------------------------------------

 
 
 

Cap 1 - PROLOGO

Post n°2 pubblicato il 26 Novembre 2008 da pallavolocastelbuono
Foto di pallavolocastelbuono

Tutto ha avuto inizio così...

Siamo la squadra più scapestrata del campionato... la più disorganizzata... la più disordinata... la più "grezza"... però siamo una squadra... siamo un grande "gruppo", che è venuto fuori da mille difficoltà che ci hanno fatto crescere e alla fine è con orgoglio che siamo qui.

Ma andiamo con ordine...

tutto ha avuto inizio lo scorso anno grazie alla geniale trovata del presidente della polisportiva Maurizio. Castelbuono è una ridente cittadina delle Madonie che tra le altre particolarità come la manna, i panettoni, i bar, lYpsi, ha come caratteristica, più unica che rara, che rende il nostro paese ancora più originale..., di avere un solo sport... che non è difficile immaginare qual'è visto che è lo sport più bello del mondo... infatti a Castelbuono esiste praticamente solo questa pratica sportiva, e tutti i poveracci che si appassionano ad altri sport sono costretti ad andare a praticarli altrove... chi, ad esempio, volesse praticare una disciplina come il tennis (sempre per fare un esempio...) è costretto ad andare da qualche altra parte perchè questo sport non è contemplato a Castelbuono... e ancora peggio se qualcuno si rischia di portare avanti una manifestazione che potrebbe rappresentare un volano non solo per un'altra pratica sportiva, ma per il territorio in generale... come ad esempio... un torneo di tennis... si ritrova con un bel pugno di mosche in mano... e anche se, sempre ad esempio... il torneo ha avuto un enorme successo regalando una grande visibilità al paese, oltre che uno spettacolo di alto livello per una decina di giorni (giorni... non ore...) con un rapporto costi/durata della manifestazionea dir poco straordinari... è tutto inutile... perchè è lo sport sbagliato...

Mi scuso con tutti i lettori per questa parentesi... che forse qualcuno non capirà ma il bello di un blog è anche poter parlare liberamente... anche straparlare forse...

e cmq se qualcuno si chiedesse se si parlava del torneo nazionale Open femminile Memorial Guido Mitra... il riferimento è puramente... Voluto...

Cmq torniamo a noi... a dir la verità il nostro paese ha una manifestazione di altissimo livello, il Giro Podistico,a Cursa, che ha un innegabile valore storico e tradizionale per Castelbuono, ma che a mio modo di vedere nonostante tutto risulti un pò "staccata" dal territorio visto che non è collegata con una "base" sportiva locale... (nessuna accusa e quindi offesa per carità... solo la mia personale opinione...), noi qui stiamo parlando di sport locale, senza fenomeni e campioni, quello fatto dai ragazzi paesani per avere qualcosa di cui parlare la sera in piazza, o per racimolare la piccola coppa che ti fa fare il figo con gli amici...

Tra i tanti sport che nel nostro paese non esistono c'è la Pallovolo... so che qualcuno magari per ora sta già storcendo il naso... e infatti tengo a precisare che questo non è del tutto vero... infatti per circa una settimana in estate questo sport rinasce grazie al tradizionale torneo organizzato dalla Polisportiva, che ormai fà parte della tradizione estiva castelbuonese... un torneo che ha fatto tanta storia locale, costruendo miti incredibili e impensabili, ma non è questa la sede giusta per parlarne... un torneo però che è più un passatempo che altro, dove non esistono regole giustamente a parte quella di divertirsi, e che comunque esaurisce la sua carica con la sua durata...

Il nostro presidente voleva costruire qualcosa che andasse al di là di questo, e prima è venuta alla luce la squadra femminile grazie a una fruttuosa collaborazione col liceo scientifico e dopo qualche anno, nel 2007 si è deciso di proporre una squadra maschile...

all'inizio era, e forse lo è ancora, una scommessa, un azzardo, l'idea era quella di convincere i ragazzi che ogni anno si sfidavano nel torneo estivo di fare qualcosa più in grande, di buttarsi in un'avventura del tutto nuova, di fare qualcosa che non si era mai fatta prima.

e così è nata la nostra squadra...

Roberto

- FINE PRIMA PARTE

--------------------------------------- Continua --------------------------------------------------------

 
 
 

E' Nato... un Blog!

Post n°1 pubblicato il 23 Novembre 2008 da pallavolocastelbuono

Da oggi è online il nostro Blog... speriamo possa essere uno strumento utile e divertente per farvi conoscere la nostra squadra...

 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

iosonounlabirintoIo.Marc0tagliaviavincenzopeppe1884michela.suraceandry.p93istitutoreginaelenanomadi90gs.villapomavolleyFalco1884A.dimaggiorainbowauraflamedanyturbofabio1109
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom