Creato da lapcos il 23/08/2006
creare nuovi posti di lavoro e in particolare occupare più giovani nel Mezzogiorno, e più donne e più anziani nell'intero Paese

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

lavoroesoldiallocca.lisaChloe_SaintLaurenttrinity3175ravegliacristinaformatori2011s.darcangeloavv.mariamessinaorostoni69arzearoAndrew95125domico81asiax9avv.antonellatomagiulia_carradori
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Le forme giuridiche imprenditoriali

Post n°11 pubblicato il 25 Agosto 2006 da lapcos
 

Le più comuni forme in cui si può avviare un'attività imprenditoriale sono le seguenti:

-la ditta individuale
-l'impresa familiare, caratterizzata dalla presenza di un unico imprenditore che, per l'esercizio dell'attività imprenditoriale, si avvale della collaborazione continuativa di suoi familiari
-la società di persone, caratterizzata dalla divisione dei costi, degli impegni e del carico tributario tra tutti i soggetti che partecipano all'impresa. I due tipi più comuni di società di persone sono:
-la società in nome collettivo (s.n.c.)
-la società in accomandita semplice (s.a.s.)
-la società di capitali, caratterizzata dal fatto di essere un soggetto giuridico distinto dai soci e di avere un proprio patrimonio, separato dal loro.

La società di capitali può essere di tre tipi:

-società a responsabilità limitata (s.r.l.)
-società per azioni (S.p.A.)
-società in accomandita per azioni(s.a.p.a.)
-la società cooperativa, caratterizzata dal fatto di perseguire uno scopo mutualistico
-la piccola società cooperativa, caratterizzata dal fatto di essere un tipo di società cooperativa con forme di costituzione e gestione semplificate

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La formazione professionale

Post n°10 pubblicato il 25 Agosto 2006 da lapcos
 

La formazione professionale sta assumendo sempre più un'importanza strategica nel mondo produttivo. Essa viene incontro, da una parte, ai fabbisogni formativi espressi dalle aziende e, dall'altra, alle esigenze dei giovani di acquisire competenze e dei lavoratori di mantenersi aggiornati ai continui cambiamenti del mercato.

Il Fondo Sociale Europeo cofinanzia, insieme a Regioni e Province, corsi di formazione organizzati da Centri di formazione professionale pubblici, da enti privati convenzionati e da imprese.
I corsi vengono organizzati a tutti i livelli: post-scuola dell'obbligo, post-diploma e diploma universitario, post-laurea (corsi e master).
Tali corsi, in prevalenza gratuiti per i partecipanti, consentono di acquisire competenze e qualifiche richieste dal mercato del lavoro. Non solo: la formazione professionale può essere una risorsa decisiva anche per migliorare la propria posizione professionale.

Il FSE incentiva anche la Formazione continua intesa come adeguamento dei lavoratori - in particolare quelli minacciati dalla disoccupazione, in cassa integrazione o in mobilità - alle trasformazioni industriali e all'evoluzione dei sistemi produttivi. La formazione continua si svolge in azienda o presso enti di formazione.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Imprenditoria

Post n°9 pubblicato il 25 Agosto 2006 da lapcos
 

Per le motivazioni più svariate - volontà di uscire dalla disoccupazione, desiderio di cambiamento o altro, sempre più giovani sono spinti a mettersi in proprio.

Anche se non esiste un percorso di studio e/o formativo "obbligato" per diventare imprenditori, esistono corsi di formazione professionale che forniscono le conoscenze e le competenze indispensabili per favorire l'imprenditorialità.

Non basta, infatti, avere una buona idea imprenditoriale, occorre anche realizzare un'attenta analisi di mercato ed avere una buona conoscenza della legislazione in materia.

L'acquisizione di una cultura di impresa, unita ad una serie di preziose attitudini personali – quali la perseveranza, la capacità organizzativa e la creatività- fornirà all'aspirante imprenditore le competenze necessarie a:

-scegliere la forma giuridica più adatta alle proprie esigenze
-costruire il piano di fattibilità o Business Plan
-individuare le agevolazioni finanziarie disponibili
-conoscere gli incentivi per le assunzioni di personale
-individuare le strategie migliori per rendere l'azienda competitiva
-individuare la giusta localizzazione dell'impresa
-costruire un affiatato gruppo di lavoro

Per ricevere maggiori informazioni, consigli utili e assistenza tecnica è possibile rivolgersi alle numerose strutture che forniscono servizi alle imprese, sia nella fase di start up che in quella di successivo sviluppo dell'attività.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Curriculum vitae europeo

Post n°8 pubblicato il 25 Agosto 2006 da lapcos
 

Il Curriculum Vitae Europeo costituisce un modello comune di riferimento con l'obiettivo di consentire a tutti i cittadini europei di riconoscere e valorizzare le proprie competenze per proporsi o riproporsi sul mercato del lavoro e della formazione con un curriculum più trasparente e spendibile in tutto il territorio dell'Unione. E' uno degli strumenti che possono essere utilizzati per facilitare e favorire la mobilità delle persone.

Il Curriculum Vitae Europeo accoglie in pieno le indicazioni politiche proposte dall'Unione europea in tema di sviluppo delle risorse umane, che vanno dalla necessità di considerare l'intera esperienza di una persona in una logica di formazione per tutta la durata della vita, alla visibilità delle competenze ritenute utili per lavorare nella società attuale.

Il Curriculum Vitae Europeo costituisce un'opportunità importante:


per l'individuo che aspira a trovare un posto di lavoro, e/o proseguire il suo percorso di formazione, in quanto permette di valorizzare e dare notorietà anche ai percorsi di apprendimento non formali

per le aziende e gli istituti di istruzione/formazione che hanno la possibilità di riconoscere con maggior chiarezza il possesso di conoscenze, abilità e competenze, indipendentemente dalle modalità con cui sono state acquisite e dalle qualifiche o titoli professionali posseduti dai singoli cittadini.

Il Curriculum Vitae Europeo non è un certificato, bensì una dichiarazione autocertificata e volontaria e fornisce informazioni su:

competenze linguistiche
esperienze lavorative
qualifiche e titoli di istruzione e formazione
abilità e competenze acquisite anche al di fuori dei percorsi formali di formazione
A chi serve
Il CVE è uno strumento utile a diversi livelli:
Ai cittadini europei, giovani e meno giovani che desiderano lavorare in un paese europeo diverso da quello d'origine; hanno acquisito un titolo di studio all'estero; hanno avuto esperienze di lavoro in diversi paesi europei; hanno acquisito competenze in ambiti diversi da quello formativo, non documentate da titoli e certificati, e vogliono renderle note per trovare un lavoro adatto alle proprie capacità e inclinazioni; desiderano continuare il proprio percorso formativo anche in un paese europeo diverso da quello d'origine valorizzando non solo i titoli di studio e professionali, ma le competenze acquisite e le esperienze effettuate.

Alle aziende disposte ad assumere personale competente e motivato a svolgere i compiti richiesti. Il Curriculum Vitae Europeo, infatti, è uno strumento utile per gli addetti alla selezione di personale proveniente da altri paesi europei poiché consente di effettuare una lettura trasparente del titolo di studio e delle competenze acquisite.

Agli istituti scolastici e alle strutture formative che, attraverso il CVE, possono disporre di informazioni utili all'inserimento delle persone nei diversi percorsi formativi.
Come si compila
La compilazione può essere effettuata autonomamente anche con l'ausilio delle istruzioni per la compilazione diffuse dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e dalle istituzioni comunitarie.
Possono fornire consigli e indicazioni utili insegnanti, tutor aziendali o
figure che hanno svolto un ruolo importante nella fase di formazione e nella vita lavorativa.

Modello del curriculum vitae europeo

Guida al curriculum vitae europeo
Per avere informazioni
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha dato incarico all'ISFOL di esercitare la funzione di Punto Nazionale di Riferimento per l'Italia (PNR).
Il PNR Italia è attualmente in fase di allestimento.
Tel. (provvisorio) 06 44 59 05 16 - 06 44 59 05 28
Fax 06 44 59 05 10
E-mail: nrp.italia@isfol.it




Il modello di CVE in altre lingue può essere scaricato dal sito internet del Cedefop o dal sito Isfol

RIFERIMENTI NORMATIVI
Raccomandazione n. C(2002) 516 della Commissione dell'11 marzo 2002 in G.U.U.E. L. 79 del 22.03.2002




---------------------------------------------------------------------------------



Formato europeo per il curriculum vitae




Informazioni personali

Nome

[Cognome, Nome, e, se pertinente, altri nomi ]
Indirizzo

[ Numero civico, strada o piazza, codice postale, città, paese ]
Telefono


Fax


E-mail



Nazionalità



Data di nascita

[ Giorno, mese, anno ]


Esperienza lavorativa

• Date (da – a)

[ Iniziare con le informazioni più recenti ed elencare separatamente ciascun impiego pertinente ricoperto. ]
• Nome e indirizzo del datore di lavoro


• Tipo di azienda o settore


• Tipo di impiego


• Principali mansioni e responsabilità




Istruzione e formazione

• Date (da – a)

[ Iniziare con le informazioni più recenti ed elencare separatamente ciascun corso pertinente frequentato con successo. ]
• Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione


• Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio


• Qualifica conseguita


• Livello nella classificazione nazionale (se pertinente)



Capacità e competenze personali
Acquisite nel corso della vita e della carriera ma non necessariamente riconosciute da certificati e diplomi ufficiali.

Madrelingua

[ Indicare la madrelingua ]

Altre lingua



[ Indicare la lingua ]
• Capacità di lettura

[ Indicare il livello: eccellente, buono, elementare. ]
• Capacità di scrittura

[ Indicare il livello: eccellente, buono, elementare. ]
• Capacità di espressione orale

[ Indicare il livello: eccellente, buono, elementare. ]

Capacità e competenze relazionali
Vivere e lavorare con altre persone, in ambiente multiculturale, occupando posti in cui la comunicazione è importante e in situazioni in cui è essenziale lavorare in squadra (ad es. cultura e sport), ecc.

[ Descrivere tali competenze e indicare dove sono state acquisite. ]

Capacità e competenze organizzative
Ad es. coordinamento e amministrazione di persone, progetti, bilanci; sul posto di lavoro, in attività di volontariato (ad es. cultura e sport), a casa, ecc.

[ Descrivere tali competenze e indicare dove sono state acquisite. ]

Capacità e competenze tecniche
Con computer, attrezzature specifiche, macchinari, ecc.

[ Descrivere tali competenze e indicare dove sono state acquisite. ]

Capacità e competenze artistiche
Musica, scrittura, disegno ecc.

[ Descrivere tali competenze e indicare dove sono state acquisite. ]

Altre capacità e competenze
Competenze non precedentemente indicate.

[ Descrivere tali competenze e indicare dove sono state acquisite. ]

Patente o patenti



Ulteriori informazioni

[ Inserire qui ogni altra informazione pertinente, ad esempio persone di riferimento, referenze ecc. ]


Allegati

[ Se del caso, enumerare gli allegati al CV. ]

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Orientarsi tra i siti

Post n°7 pubblicato il 25 Agosto 2006 da lapcos
 

Orientaonline - Una banca dati finalizzata all'orientamento e alla formazione che contiene dati ed informazioni dettagliate sulle professioni


Jobtel - Un portale per l'orientamento, la formazione e il lavoro che contiene strumenti e percorsi utili per orientarsi on line


Centro risorse - Informazioni su orientamento, formazione e inserimento lavorativo nei Paesi dell'UE e prodotti informativi

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »