il mare in bottiglia

mare..sirene e..

 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sarai il mio mare
il mio approdo e il mio partire,
mi spoglierò e mi immergerò nel tuo respiro...
Non avrò più paure,
m'abbandonerò a Te.
Ti amerò...
Tra le tue spigolose onde,
tra i versi e gli echi del mare,
che scriverai
col tuo vento che mi bacerà le labbra,
e l'odore della salsedine,
mi profumerà di Te.
Andrò a  largo
e  m'inabbisserò fino a toccare il fondale,
e il tuo cuore salirà dal mare,
rinascerà con me.
Lo bacerò, lo accarezzerò,
lo respirerò.
Saremo acqua nell'acqua.
Tu sarai il mio Mare,
 il mio Dio...
...ed io sarò la Tua Sirena.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un oceano siamo noi ma vorresti guardare dentro di me, capire tutto...Per sentirti un uomo hai bisogno  della certezza che tutto sia sotto il tuo controllo...Non sai che le sensazioni, le emozioni, i sentimenti sono liberi...liberi come i pesci dell'oceano?Quale rete riesce ad andare in profondità e a catturare una sirena...non hai pensato che morirebbe ad essere tua prigioniera , strappata al suo mondo...Le parole di uno sguardo, una carezza, un bacio... non riesci a sentirle?La notte passata con i nostri corpi uniti, mai stanchi di chiedere e dare...Non c'era niente di noi, dei nostri corpi sudati che lasciasse spazio a quell'aria,quell'aria leggera che ti rinfresca,quell'aria che ci fa tornare solo un uomo e una donna,quell'aria che piano piano diventa distanza e ci fa scrutare come animali pericolosi...Un oceano siamo noi, calmi e rilassati o travolgenti ed immensi onda dopo onda....Rimaniamo immersi senza cercare il fondo...Non trascinarmi fuori...esposta all'aria e al vento che tutto rivelano e niente dicono...Uomo lo sei sempre e io donna o sirena, quando sono con te sono tua...Tutto ti è donato perchè anche tu fai così...Rimani uomo e io donna... non trasformarti in pescatore...

 

MIAO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

« sireneIMPORTANTE, COME RICONOS... »

sirene

Post n°20 pubblicato il 15 Settembre 2009 da xirenette
 

Il mito delle SIRENE nasce con la mitologia greca,secondo cui con i loro canti ammaliatori erano capaci di far impazzire i marinai che passavano loro accanto. Erano capaci di scatenare tempeste  in grado di affondare intere navi e normalmente le si vedeva intente a pettinare le loro lunghe chiome. In origine erano donne dal corpo ibrido, metà umano e metà da uccello, ma con il passare del tempo furono identificate con un' iconografia totalmente distinta: splendide fanciulle giovani con coda di pesce.

 SIRENE... così si definiscono queste misteriose e leggendarie creature del Mare... Metà Donne, metà Pesce, si distinguono dai pesci perchè la loro coda è orizzontale come tutti i cetacei e non in senso verticale come i pesci.Si pensa dunque che non abbiano stretti legami dunque con i pesci, ma sicuramente di sangue cetaceo ed umano.Da non dimenticarsi ad ogni modo le scaglie delle SIRENE che assomigliano ai pesci, ma a differenza di questi oltre a respirare sotto l'acqua possono sopravvivere anche fuori da essa,non avendo le branchie per nuotare ed un'apparato respiratorio del tutto simile agli uomini.Inoltre la pelle umana della parte superiore del corpo deve essere particolarmente resistente al freddo e alla salsedine viste le temperature marine, ma nonstante tanta resistenza preferiscono spesso sdraiarsi sulle rocce o posarsi languidamente sugli scogli. A causa di ciò spesso vengono catturate da qualche marinaio...

SIRENE,donne bellissime e seducenti, che apparivano tra le spume del mare chiedendo con un canto suadente ai marinai di interrompere la loro solitaria navigazione e di indugiare con loro....In pochi hanno resistito all’invito che precedeva una fine crudele ed il mancato ritorno di tanti marinai

La SIRENA è un essere fantastico con la parte superiore del corpo di donna, formosa sensuale e di aspetto molto piacevole, e la parte inferiore foggiata a forma di coda di pesce.Si tratta di un essere marino, o comunque acquatico, dal temperamento malevolo, che sfrutta le sue doti di seduzione sessuale, mostrando la parte superiore del corpo, per attrarre ignari giovani, ed ucciderli trascinandoli nel mare.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: xirenette
Data di creazione: 16/06/2009
 

IL MARE IN BOTTIGLIA

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

pacicciolaLudovicaMontaltoartika82llab.modelbadbarazul2008brugo6xirenetteunicornorossoelisabettab72cyborg3dglgreta_panellaiivewgolddgl5
 
 

 Galleggiando a lungo in oceani deserti ho fatto del mio meglio per sorridere finché i tuoi occhi melodiosi e le tue dita mi attirarono affettuosamente alla tua isola e tu cantasti naviga da me naviga da me lascia che ti avvolga Sono qui Sono qui aspettando di possederti... SIRENA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il vento era caduto, le vele si erano afflosciate sull'albero; nella notte appena rischiarata dalla nuova luna la nave dondolava leggermente sullo specchio nero dell'acqua, quando la SIRENA cantò.Parve ai marinai di sentire un fruscio come di una brezza leggera; poi come una musica che salisse dal mare profondo; poi come una voce dolcissima, mai udita prima; e finalmente il canto li avvinse ad uno ad uno in un sonno senza risveglio.

 

 

 

 

Le periferie ne sono piene.Nella penombra o piuttosto nello sfumato anche nel chiaroscuro fin troppo visibili sulla scena della vita ad ogni passo ne calpesti qualcuna.Hanno nomi di donna. Si nascondono perchè sono prevenute  per loro si tratta di fuggire chi creda nella loro esistenza pena il loro  rattrappirsi in vere figure femminili se scoperte. I cercatori di SIRENE escono dall'ombra per porre loro domande e per guardarle in viso.Esse girano il dorso e si mordono le labbra per non rispondere mentre i cercatori sentono aumentare il ritmo dei loro battiti cardiaci a quell'incontro tragico a ben guardare supplicante passerella di desideri senza conforto.Si sa quanto sia difficile scorgere le cose ai bordi delle quali viviamo forse qualcuno che viene da lontano può svelarci meglio ciò che ci circonda.Ma vallo a dire ai cercatori di SIRENE.

 

 

 

 

 

 Divina sirena
il tuo canto
m'incanta
mi spacca in mille pezzettini
e mi ricompone come un puzzle.
Signorina Sirena
pendo dalle tue
rosse labbra
il loro movimento soave
mi distrugge poco a poco.
Ah! Che note solari
che dolce melodia
che ritmo tremante
sono le note che mancavano
per la mia ultima canzone.
Legato al sentimento-principio
che ancora mi salva, urlo:
"liberatemi, vi prego,
liberatemi, ora, liberatemi,
vi scongiuro".
(FolliaSolitaria)