Creato da guerrieradelmondo il 31/03/2012

abitantedispazio

Passione che Brucia,prendi con passione i miei capelli il colore della notte avvolgendoti nella sua oscurità

 

Sopra la tua pelle

Post n°897 pubblicato il 26 Marzo 2022 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Io viaggio sul tuo viso
Sopra la tua pelle
Nei tuoi occhi
Silenziosa naviga una stella
Sulle strade del tuo corpo
Trovo la mia strada
Sulle sabbie del tuo mare
Scrivo "io ti amo"
Che bella la tua pelle
Odora anche di me
In viaggio sul tuo corpo
Scopro la tua pelle
Tatuaggi misteriosi
Fatti dalle stelle
Che farei se un giorno io
Perdessi la tua strada
Anche un giorno solo
Senza dirti mai "ti amo"
Che bella la tua pelle
Odora anche di me
Che farei se un giorno io
Perdessi la tua strada
Anche un giorno solo
Senza dirti mai "ti amo"
Che bella la tua pelle
Odora anche di me
Che bella la tua pelle

Compositori:
Riccardo Vincent Cocciante / Esteva Roda Gil

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Illusione..

Post n°896 pubblicato il 13 Marzo 2022 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The And.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La vita va avanti, la mia illusione persiste,

ti aspetto ancora con una porta aperta,

il mio letto è pronto per te, torna prima

che il mio cuore si chiuda per ciò

che dovrebbe essere sempre chiuso,

per colei che non ha mai condiviso con me lo stesso cielo,

per quello che non avrei mai dovuto credere e arreso. A te,

l'amore semplice e illusorio della mia vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Cantava poesie...

Post n°895 pubblicato il 19 Febbraio 2022 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Implorò quel sorriso e pianse

quando all'improvviso le esplose in faccia.


Per tutti erano sorrisi, e per lei solo il dono,

non un viso cupo e freddo.

 

Sognava nella vita con la vita che la circondava.

Cantava poesie anche quando il giorno non si faceva per lei.

 

La sua voce era di debole sospiro,

le sue mani di moralmente indebolite.

 

Il suo corpo era il riposo e la discarica

di ciò che saremmo diventati,

ma era al di là del corpo e della vita.

 

Ogni giorno era pianto, dolore, aggressività...

Così fluttuava lontano da tutti

mentre trasformava le sue parole in ali.

 

La sua poesia non aveva niente di tristezza,

i suoi testi erano pieni di dolcezza.


Si è vestita da principessa

quando la sua anima lo ha chiesto.


Abbandonando per qualche minuto

la sua dura realtà di malata.

 

 

 

 
 
 

Non sai se esiste.

Post n°894 pubblicato il 15 Febbraio 2022 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parole d'amore risuonano come un'eco di ieri,

di oggi e forse di domani.

Sensazioni, sentimenti... tutto scorre,

tutto è imperfettamente perfetto.

Alza gli occhi in avanti e desidera

qualcosa di indescrivibile.

Qualcosa che non sai per qualcuno

che potrebbe non essere vero.

Non sai se esiste.

Ma lo sente nel profondo, deve essere reale.

Tuttavia, non ha quasi vita.

Non senti quasi nessun battito cardiaco.

Potrei dire che è morta...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Prosciugando...

Post n°893 pubblicato il 29 Gennaio 2022 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho accarezzato
Gli occhi della morte
I passi crudeli della discordia
Stivali che calpestano la tenerezza
Tortura che punisce la coscienza

Ho visto
La crudeltà degli esseri umani
Infrangere i sogni
Dal grembo della vita,
Assassini

ho sentito nelle ferite rosicchiate
Tenerezza che abbraccia i miei gemiti
E le mie lacrime che pagano tristezza
Trasformare i sogni in sorrisi

Ho visto nella dimora della morte
Speranza accarezzando il mio silenzio
Sbattendo in pieno volo con milioni
Di piccoli passi combattenti per la pace
Bambini che scuotono la coscienza
Con ottimismo bagnando la poesia

Innocenza che accarezza tempeste
Bagnando la tristezza del destino
Abbracciando l'oscurità della vita

Prosciugando con tenerezza il futuro...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Tra l'oblio e il perdono.

Post n°892 pubblicato il 22 Dicembre 2021 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Girovagando tra i miei pensieri

cerco di trovare il tempo che vaglia le mie bellezze...

Mi rifugio nella civiltà, in una passeggiata casuale,

in un vicolo devastato dal canto degli uccelli,

accompagnato solo da una piccola foglia pallida. "

Vertigini dal freddo, mi siedo su una panchina

dimenticata da tempo,

con le maniglie arrugginite... ovunque in silenzio...

guardo il lago lontano e sobrio... oggi non mi sorride... I

salici alti e fangosi sembrano isolarsi io più

tranquillamente io oggi, è un piacere...

Tiro fuori dalla borsa un libro di poesie scritte

.. la sua malinconia è come una pioggia inarrestabile,

ma fiacca... come mi sento strano, quando i lampi negli occhi

si illuminano e le lacrime sembrano formarsi sul bordo del mio cuore,

leggendo l'ultimo verso di una triste poesia ador la adoro per come si esprime...

La calda modestia del salice accanto a me e il monotono mormorio

dell'acqua mi fanno alzare gli occhi dal libro e guardare il vento dell'abbandono

cadere sull'erba ancora verde e uccidere una viola del pensiero.

In un angolo del marciapiede il vento porta lontano la polvere e le foglie cadute

dagli alberi... provo a chiedergli di rallentare, gli recito perfino dei versi..

ma il vento non ne vuole sapere di poesia ...

Mi piaceva la pace e la solitudine in cui mi ero rifugiato e il vento

mi faceva sognare di essere ancora più solo e che il parco

fosse deserto dal mondo...

e questo non mi dava assolutamente fastidio!

Rinuncio alle mie preoccupazioni quotidiane...

su una panchina con i manici arrugginiti vicino a un lago freddo

e una foglia in cui ho nascosto di nascosto dei versi!

Mi allontano dalla pace benevola e dall'isolamento curativo

e mi dirigo sognante verso le mura silenziose della mia casa.

Stendo il sonno in un canto di salice e mi lascio tra le pagine del tempo,

tra l'oblio e il perdono.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Assurdità, neologismi...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se scrivo assurdità, neologismi.
Mi descrivo, stanco e stupito.
Per avermi visto in questo guscio opaco.
Di infiniti perché e risposte...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Camminare sulla mia Strada...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Forse imparerai a Camminare sulla mia Strada...

Forse riesci a decifrare La paura che mi terrorizza

Quando la solitudine Mi ha già fatto Padrone...

Forse ti rendi conto che la Passione nella mia vita è assente...

 

È stata la disillusione a prenderla. ..

Sinistra petto chiusoPer il dolore...Forse...

Forse scoprirai L'immensità del mio cuore

E aprirai la porta affinché Lui ne prenda possesso...Chissà...Forse...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Estatica con piacere...

Post n°889 pubblicato il 18 Novembre 2021 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


E chiudo gli occhi cercando

di scacciare la luce del mattino.

Come se nell'oscurità della mia mente

fosse di nuovo notte,

e la luce della luna fosse quella

che filtra dalle fessure

della finestra riempiendo la stanza,

bagnando i nostri corpi

nei suoi raggi argentei

che si riflettono sulla nostra pelle

estatica con piacere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

L'immaginazione

Post n°888 pubblicato il 17 Novembre 2021 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


L'immaginazione è come un braccio in più,

con cui afferrare cose che altrimenti

non sarebbero alla tua portata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Sessualità di donna...

---

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Vivo aspettando una parola, uno sguardo, una carezza, un gesto.

Senti il ​​tuo calore nel mio corpo.

Aspettando sento che a poco a poco sto morendo.

La tua presenza è il mio cibo.

E ho fame che solo la tua bocca possa soddisfare nella mia bocca

Il tuo respiro il mio respiro

Non voglio morire aspettando ma cosa posso fare?

se solo al tuo fianco posso continuare a vivere.

La tua assenza mi dissangua lentamente. Solo tu mi dai la vita.

Qui continuerò a desiderare briciole di affetto,

in attesa di perdersi in ogni piega del tuo corpo.

Con l'anima a brandelli. Il mio spirito sarà un oceano...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Sentimento e sensazioni...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Freddo,
sulla pelle, orfano di carezze,

mentre le sensazioni restano insensibili.

Nell'anima, indifesa e abbandonata,

mentre l'ultima lacrima cade pigramente

Fame,
di quei baci che volavano in ogni angolo di un corpo

che non risponde più.

Nelle viscere, annegato dopo mille sospiri

che difficilmente suonano come un'eco lontana.

Sal,

quella che ti hanno lasciato i tuoi baci,

quelli che le hanno mentito mentre si rizzava i pori

oggi inariditi, piccoli cristalli che scavano

nella sua carne consumata, ferite invisibili

Rabbia,

grido nella notte, vuoto, fragile, lamento che soffoca in gola.

Lacrime mute che si stringono fino a lasciarla senza aria per attraversarla

Inverno,

che si deposita nel profondo, riempiendo di freddo

ogni angolo di un cuore stanco.

Nell'anima, che sonnecchia congelata

priva di sentimento e sensazioni

Muoio,

senza il tuo calore, senza i tuoi baci languisco

lentamente fino a diventare polvere.

Su quel sentiero che ha preso i tuoi passi

cancellando le tue tracce, su quello mi sono perso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Riflessioni...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


"Beati i muti, perché di essi sarà il regno della saggezza e della riflessione"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Un grande Amore...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Preparazione!

Anche se non sono forte.

Ti prenderò un giorno.

Quando hai abbassato la guardia,

preparati per un attacco.

Anche se sono piccolo,

ti afferro come una pulce d'acqua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Voglio un cuore di plastica.

Più, più ma è un meno.

Ma da quel momento l'ho notato e ho vinto.

L'amore è una cosa agrodolce.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qualcosa di incredibile che sia semplice, ma complicato.

Ma mi preoccupo continuamente di cose confuse.

Che cos'è? Sembra una perdita.

Tu che sei sincero ed eccentrico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mentre faccio finta di esserlo e mi alleno a tutto il corpo.

Essere onesti è troppo stimolante e mi fa girare la testa.

Mi faccio male, ti faccio male, è una preparazione ingenua.

Nella mia mente, sarò sempre solo sulla preparazione ingenua...

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Ma a volte quella magia sorge...

Post n°883 pubblicato il 24 Ottobre 2021 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Forse l'amore non è più concepito come una volta,

perché la lealtà e l'onore sono stati degradanti,

Gli impegni di una vita sembrano troppo lunghi

o perché ci siamo dimenticati di combattere

e siamo diventati più egoisti...

 

 

Ma a volte quella magia sorge,

quel sentimento disinteressato

che è capace di farti volare,

che nasce da due persone

e rendili più grandi

in tutti i sensi,

quella sensazione che corre

le tue viscere e gioca con loro

come se la gravità non esistesse,

cosa succede quando si fa l'amore

all'improvviso tutto diventa lento

e gli sguardi si mantengono di pochi centimetri

avviso come l'unico suono che si sente

è il suo respiro esaltato,

che allo stesso tempo si ferma di sorpresa

tempo che una sensazione

ti prende in fondo al petto ...

 

 

Il tempo si ferma

tu non respiri,

e mentre quegli sguardi

fondersi nel più bello

che l'universo è stato in grado di creare,

il battito cardiaco di entrambi diventa

così intenso che diventano sincronizzati,

uno porta un po' di calma,

l'altro un pizzico di nervosismo,

ma in quel momento entrambi i cuori

suonano allo stesso tempo.

E da quel momento

quando hai sentito il vero amore,

Non ti accontenti più di nulla

che non sia uguale o anche più grande...

Possono passare decine di anni,

e puoi stare con mille persone diverse,

ma se ti accontenti di meno felicità

di un giorno che hai raggiunto,

sarai sempre sii infelice,

se ti conformi con meno trionfo

ti sentirai sempre un fallimento,

e se ti accontenti di qualcosa di diverso dall'amore

ti sentirai sempre vuoto,

perché un giorno hai perso o guadagnato

un po' di velocità nel battito del tuo cuore,

ti ricordi cosa ho mettere prima?

entrambi i cuori allo stesso tempo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Sogni...

Post n°882 pubblicato il 21 Ottobre 2021 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 


Rimprovero la mia anima;

Gli assicuro che sta sognando;

i sogni mancano.

La candela che brucia

il mio cuore è l'illusione.

Ma la cera si scioglie,

e dove una volta una luce tremolava,

è scura. Fa male.

Condannato a sopportare

la maledizione della realtà,

apro gli occhi.

Orfano di felicità,

negli strati oscuri

cerco un raggio sfuggito,

non il sole,

non solo un raggio.

È notte. Ed è la luna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


L'ideologia può essere definita

in molti modi diversi:

può riferirsi a un corpo

sistematico di idee articolate

da un gruppo di persone,

suggerire un certo mascheramento

o occultamento di un testo,

essere usata per attirare l'attenzione

sul modo in cui i testi presentano

sempre un particolare immagine del mondo,

operano principalmente a livello di connotazioni,

e si ritrovano nelle pratiche della vita quotidiana.

 

 
 
 

Mancano le parole.

Post n°881 pubblicato il 11 Ottobre 2021 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

Mancano le parole.

Eppure in mente,

si creano ragnatele di concetti e pensieri,

che vorrebbero disperatamente

essere espressi.

Disegnati,

in fogli, su pareti,

per terra, in aria.

Unisci i puntini delle stelle,

crea le forme che vuoi e tienile per te.

La fragilità.

Sboccia come un fiore inaspettato in pieno inverno.

Ma il colore è malato,

il profumo è sbiadito,

l'essenza è persa prima ancora di venire alla luce.

Come cambia...tutto.

Come cambia.

 

© Tutti i diritti riservati

 

 

A.D.G

©

 
 
 

Nella sua ombra..

Post n°880 pubblicato il 24 Settembre 2021 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


La gente pensa che la vita possa essere ingannata
riuscendo a ingannare le persone
in un certo momento,
ma quello di cui non si rendono conto
è che quando ingannano qualcuno che ha dato tutto per te,
quando ingannano i loro amici,
quando mentono alla famiglia,
tutte queste falsità sono coperte da un travestimento temporaneo,
perché la vita non può essere ingannata,
ed è abbastanza saggio darci tutte le verità
al momento giusto,
quindi non dovremmo indignarci di non conoscere una risposta
dobbiamo semplicemente essere pazienti per andare da solo,
e tutto ciò che è necessario che tu sappia su ciascuna persona lo saprai
a tempo debito.

Pensavi che il tuo costume fosse perfetto, che
la luce non sarebbe passata attraverso il tessuto
e che quel trucco avrebbe nascosto la tua vera oscurità.

Quanto sono felice,
quanto sono felice di realizzare in tempo
chi c'era sotto.

E per molto tempo mi dispiace solo
per te ...

Onestamente:
spero che un giorno troverai la luce ... spero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Vi ho lasciato le mie ceneri...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Qui sorge in me una cella
In cui fu santificato un mite eremita... Il
muro delle virtù celesti nel corpo zoppicante
E negli occhi portava umile gioia...

Lunga veglia - fiore bianco -
Appoggiato sulla fronte del davanzale
E la luna baciò la sua santa guancia
Quando udì la parola come un cinghiale:

"Oh, vieni, servo malvagio, assonnato, e porta
con me il tuo sogno, sopra l'onda morta..., per
un'ora arrampicati su di me arenato
nella cantina dell'imperatore, vite-frutta!"

Si aggrappa vivo alla corda della speranza
E in preghiera sale l'alto gradino..., Il
mezzogiorno dei sensi si sblocca
E gli Angeli, eccolo, faccia a faccia.

Lo rivestirono con l'armatura del cielo...,
Con la neve-di-saggezza-poi lo fecero nevicare
Purificando il suo spirito, deliberatamente,
Per essere come loro, faccia e misura!...

Un angelo fece un segno in cielo!...
Vede il Volto del Mondo Invisibile...,
Ode le parole..., non nato,
Con il cuore scioglie le gelate!...

Quante volte la terra, senza milza, va,
toro nero, rotola,
quante volte l'
Harapi cornuto gli spara nel vuoto , sempre allo sbando?

Un rotolo di libro è il nodo stretto del cielo
E l'ultimo segno terrestre dell'alfabeto...
L'altare vivente del Grande Profeta
Ricevi il sacrificio, Brucia tutto!...

Nella Preghiera del Fuoco si addormenta...
Tardi, la luce della candela si spegne...
Un angelo che si intrufola nella cella
Sopra la sua fronte un sottile alone nevica!... I
nemici alla sua porta gemono sui corni!...

Il monticello è la sabbia vicino alla porta...
La ruggine sul chiavistello ha continuato a crescere, L'
olio è sbocciato in una brocca,
Ma il suo corpo è in ginocchio, sebbene sia cenere...

Su un bancone, accanto, erano disposti
diversi libri. Su un pezzo di carta,
nell'Orologio , aveva scritto il santo di Hrisov,
in quattro righe, parole dorate:

"Perdonatemi, genitori, per favore,
C-avendo poco da fare oggi con il Signore
ho vinto il sonno nella preghiera
e vi ho lasciato le mie ceneri, pegno..."

Ma, non credendo che fosse veramente morto, l'
ho toccato sopra i miei vestiti con la mano...
Ha sparso le sue ceneri calde
E, baciandola..., ho pianto pensieroso!?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Cosa ero coś io.

Post n°878 pubblicato il 17 Settembre 2021 da guerrieradelmondo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


L'ombra dell'ombra sale in me
Mi bagna, mi asciuga anche
Riempie il vuoto pesante nelle vene
E si svuota anche Poi
tutto ciò che è male e tutto ciò che è buono.
E' ancora facile e difficile
E ' solo l'ombra, resta...
L'ombra di un'ombra di Tu
Cosa ero così io.

Mi punge, mi punge Mi
uccide, mi ravviva
Mi ferisce, mi accarezza
Quando d'odio mi unge
Quando l'amore in me cammina
Come un'ombra nel fango... L'
ombra dell'ombra di Colui
che non ha fatto Non voglio essere Due.

Arrampicatevi, arrampicatevi, fate male, urlate
E pungetemi, gonfiatevi
Idrata l'occhio, il pensiero,
Bocca, collo e ginocchio
Spalla, unghie e orecchio Il
mio cuore e la mia anima.
Bagna tutto, lava tutto, l'uragano infuria in me
Quando
infuria , quando si limita a sventolare Cosa attraverso chiodi-strumenti...
Ma non si precipita da me.

È grande, è facile
, è brutta, mi è cara
, vuole abbracciarmi
, voglio solo riuscire a dimenticarla,
ma non posso. Lei è viva in me...
L'ombra dell'ombra di un No
Quello che non doveva essere Sì.

Dimentico tutto, dimentico di me,
Solo su di lei, l'ombra pazza
che non posso dimenticare La
getterei, la caccerei via, la caccio via come un ladro
Ma lei ritorna dopo l'ombra di
chi ora è in me , un'altra ombra....
L'ombra dell'ombra di un'ombra
Quello che una volta era un Tu.
Ed è stato così io.

Ritorna.
Ancora più grande.
Più pazzo.
Pazzo e più nero.
È meglio che lo lasci a me stesso...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK