Creato da acronlusdifatto19 il 20/12/2013
si occupa di giovani, ambiente e comunicazione

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Area personale

 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

acronlusdifatto19Mysteria_LucisRIO4658acrilsanremeseoceano585NonnoRenzo0amorino11cassetta2giovannatiloccatempestadamore_1967Coralie.frsolicino1oceanodgl19oceanoriorepoQ_man
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

acrilsanremese

Caricamento...
 

 

 

Risposta autimatica

Foto di acronlusdifatto19

(Questa e' una risposta alla mail precedente).
Salve, Vi ringraziamo per la Vostra comunicazione.
Sara' nostra premura evadere la vostra segnalazione e/o richiesta nel minor tempo possibile tenendo conto dell'ordine di arrivo e dell'urgenza dell'argomento.
Vi ricordiamo che alcune informazioni relative al sito Acr-Crv e acraccademia.it  da noi diretto lo trovate su http://www.acraccademia.it/Il%20Baggese%20pag%201.html
Ci e' gradita l'occasione per porgerVi i nostri migliori saluti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Acr-CRV

Post n°391 pubblicato il 05 Novembre 2018 da acronlusdifatto19
 

Leggi e diffondi il baggese e il MILANESE Novembre 2018
grazie da www.acraccademia.it 
http://www.acraccademia.it/Il%20Baggese%20pag%201.html

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CRV

Sergio Merzario del Centro Ricerche Valassinese e Acr .. ha scritto: "  Mary del Direttivo degli Arci Olmi.. ai Poeti Baggesi e de il BAGGESE: I N V I T O a partecipare il 2 novembre 2018 h 15-18. Semifinale della 30a Edizione, dell'Oscar NO AL BULLISMO all 'Arci Olmi ... durante la Castagnata d'autunno ..che si terrà venerdì 2 novembre p.v. Tutti i Poeti di Baggio-Milano sono invitati con la presente COMUNICAZIONE insieme ai loro famigliari ed amici.. Poetesse e Poeti.. Baggesi.. Con il saluto e la presenza della Giuria guidata e capitanata da Don Gino RIGOLDI..(nella foto Parco delle Cave semifinale dei poeti e artisti... tutti bravissimi..in altre edizioni trascorse all'insegna della cultura.. ). - Poetesse e Poeti.. Milanesi e Baggesi.. con il saluto della Giuria e dell'Acr Onlus di fatto, i NONNI Poeti.. e le Poetesse.. declameranno, ciò che hanno presentato o presentano: "Poesie, Libri e opere culturali, per l'Oscar e x il Premio Letterario Internazionale"... http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.acraccademia.it%2F&h=AT3Q9aK9lOHtNHFEsI8kSgojnEnwHCzvgkhnEou5fKD-mXncmwAaNGv6W0m4zl35rYqQxPX9uftvDq7WlAfaiFpKehkftDJqAQ4KO01bYi1coDyzcUGv2J-6UI2rs5KebV3OPbsigcU ... l'Oscar e il S.Oscar proseguono.. - il prossimo VENERDI' 2-11 pv. Poeti e .. GIURATI dell'Acr Onlus di fatto. I Poeti.. e le Poetesse che hanno presentato le loro poesie e i loro libri per l'Oscar e per il Premio Letterario Internazionale...sono PREGATI di partecipare per declamare le loro opere! http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.acraccademia.it%2F&h=AT3Q9aK9lOHtNHFEsI8kSgojnEnwHCzvgkhnEou5fKD-mXncmwAaNGv6W0m4zl35rYqQxPX9uftvDq7WlAfaiFpKehkftDJqAQ4KO01bYi1coDyzcUGv2J-6UI2rs5KebV3OPbsigcU ... l'Oscar e il S.Oscar proseguono.. la prossima iniziativa il 2-11 pv."

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Crv e Acr ..Governo!

Foto di acronlusdifatto19

Riceviamo e volentieri pubblichiamo da Lettere al Direttore e acr .. Caro Direttore.. de il Baggese-Milanese..

leggiamo: Scrive Roberto Perotti su Repubblica — che non è precisamente un giornale filogovernativo, finalmente, dopo esserlo stato appassionatamente negli anni di tafazziano renzismo dettato dal demol(ed)itore Carlo De Benedetti: "La Commissione europea ha formulato accuse durissime al Governo italiano, sbagliando nella forma e in parte nella sostanza". E se lo dice Perotti su Repubblica, c'è da credergli. Ma come lo sa Perotti — che la Commissione europea sta sbagliando — non lo sapranno Salvini, probabilmente, e sicuramente non lo sa Di Maio (facciamo molto prima a elencare le cose che sa), ma lo sanno bene Paolo Savona, Enzio Moavero Milanesi e lo stesso Giovanni Tria, ovvero rispettivamente i ministri per gli Affari europei, degli Esteri e dell'Economia. Non proprio pizza e fichi, insomma.

Perché sta sbagliando? Perché, come spiega Perotti, la Commissione europea ... cosa ne pensi?

Risposta. Finalmente gli italiani del Pd.. Sinistra Centro e Leghisti incominciano a riflettere.. ma chi sono i rappresentanti dell'Europa? .. ai lettori le loro considerazioni... poi ci ci troviamo e le analizziamo.. da info@acraccademia.it             e acr-4658@libero.it

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Acr e Crv con il risultato del 20-10-2018

Elezioni-Lega e 5stelle...

SCENARIO/ Il nuovo piano del Pd: un ribaltone di M5s per prendere il posto della LegaIl rapporto Di Maio-Salvini si è indebolito anche a causa dell'inconsistenza delle opposizioni, FI e Pd. Che spera ancora, a suo modo, in un "ribaltone" di M5s. UGO FINETTI

Matteo Renzi al Senato (LaPresse)Matteo Renzi al Senato (LaPresse)

Dalla riunione a Palazzo Chigi di sabato esce un governo in cui è ormai spento il rapporto fiduciario tra Di Maio e Salvini e con lo stesso Conte che secondo il capo del M5s avrebbe sintetizzato il testo in Consiglio dei ministri tacendo la parte sui capitali all'estero e la non punibilità penale. C'è da scegliere tra premier e vicepremier chi sia irresponsabile o mentitore. 

Sembra paradossale, ma la debolezza delle opposizioni è tale da indebolire l'alleanza di governo. Il dato che Forza Italia (al di sotto del 10 per cento) e il Pd (al di sotto del 20 per cento) non siano più "partiti guida" della dialettica politica mentre l'alleanza di governo registra un consenso che non ha precedenti nell'Italia repubblicana si è tradotto nel fatto che i partiti al potere non si sentono "sotto assedio", ma "padroni del campo". E quindi sempre più abbiamo lo scenario di una competizione-resa dei conti per il primato.

Se fino allo scontro-intesa sul Def si ipotizzava addirittura un'alleanza elettorale tra Lega e M5s, in questi giorni si sono moltiplicati i segni di contrapposizione con l'obiettivo anche se non immediato (ma nemmeno rinviato sine die) di Di Maio e Salvini di conquistare la guida di Palazzo Chigi indipendentemente l'uno dall'altro, diventando protagonisti di un nuovo bipolarismo post Pd-Berlusconi.

Oggi sembra comunque scontato che il governo vada avanti almeno fino alla verifica dei rapporti di forza reali e della definizione dei nuovi vertici di Bruxelles con le elezioni europee di maggio, salvo — come già detto dallo stesso Conte — un maremoto nei mercati finanziari.

Di Maio e Salvini hanno quindi cercato il compromesso, ma già preoccupandosi di avere pronto un "secondo forno". Il più evidente è quello della Lega, come esplicitato dalla sortita polemica del presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, sulla situazione critica del vertice di Forza Italia. In caso di rottura con i grillini, la Lega non pensa certo a un ritorno all'ovile da Berlusconi con la coda tra le gambe. Come ha recentemente sottolineato Giorgetti occorre "un nuovo centro-destra". Il piano B leghista è ormai chiaro: un'aggregazione politico-elettorale con Salvini candidato premier sostenuto da un lato da "Fratelli d'Italia" di Giorgia Meloni e dall'altro da buona parte dei parlamentari e amministratori locali di Forza Italia che solo alleati con Salvini possono sopravvivere. Lo stesso Berlusconi ha dichiarato di essere incerto a candidarsi alle europee.

Il leader della Lega si rende conto che la contraddizione tra politica nazionale e locale non può durare a lungo e a medio termine il soggetto nazionale deve coincidere con il retroterra territoriale.

Non tanto meno esplicito è stato Di Maio quando già nelle prime tensioni della iniziale redazione del Def aveva minacciato di "approvare la finanziaria con il Pd".

Il "secondo forno" con il Nazareno è stato infatti tenuto in vita dal M5s con le prese di distanza da Salvini, dal caso Diciotti a quello delle mense di Lodi e a sua volta il Pd ha identificato il "pericolo numero uno" nel leader della Lega. E' vero che ufficialmente in vista del congresso solo il candidato di Emiliano, Boccia, auspica l'alleanza con i 5 Stelle e che Zingaretti dopo averla esplicitamente sostenuta ha poi ammorbidito dicendo che guarda prioritariamente solo al loro elettorato. Ma l'avversione ribadita da Renzi alla Leopolda non sembra irriducibile, nel senso che nella fase finale della legislatura anche lui aveva pensato a un possibile accordo post-elettorale con i 5 Stelle sguinzagliando Richetti e Giachetti alla loro rincorsa a cominciare dai vitalizi. Ha poi bloccato Martina irritato dal veto posto da Di Maio all'ingresso della Boschi e di Lotti nel governo. Del resto anche gli intellettuali che come Michele Salvati si dicono contrari all'accordo, quando lo motivano liquidando trent'anni di vita democratica – dall'inizio degli anni sessanta all'inizio degli anni novanta (da Fanfani con Nenni e Saragat a Moro con La Malfa e Guido Carli fino a Craxi con Andreotti e Spadolini) – come un periodo infame con governanti  di "vista corta", solo "inefficienza" e "corruzione", dimostrano di condividere luoghi comuni dell'antipolitica grillina.

E' del resto evidente che in un quadro tripolare in cui il Pd è la terza forza di gran lunga più debole, l'unica concreta prospettiva di ritorno al governo per il Nazareno è l'alleanza con il M5s. Al di là delle dichiarazioni propagandistiche su un vittorioso fronte popolare-antipopulista alle elezioni europee del maggio 2019, i dirigenti del Pd — tutte le sue correnti — sanno benissimo che il raddoppio dei voti non è a portata di mano e che, anzi, si tratta di bloccare il trend in discesa.

Oggi il Pd rischia di spaccarsi al congresso alla vigilia delle europee, come si è spaccato l'anno scorso in vista delle politiche: chi vince vuole azzerare l'avversario selezionando le liste e chi perde preferisce l'avventura della scissione. Un rientro in area di governo sembra l'unico modo per responsabilizzare i leader e dare materia per trovare un accordo. Ed è appunto nella speranza di una prossima rottura tra Lega e M5s che il congresso del Pd è ancora in sospeso.

C'è poi da tener presente che il successore di Mattarella sarà eletto da questo Parlamento e tutti "i padri nobili" del Pd che puntano al Quirinale premono per l'alleanza con il M5s. Non solo, ma il punto debole di Salvini è che difficilmente chi egli chiama "qualche colle di Roma" — e cioè il Quirinale — gli concederà lo scioglimento delle Camere. Esclusa la Lega, tutto il resto del Parlamento è infatti contro le elezioni anticipate e un auspicio presidenziale per una maggioranza che le eviti non sarebbe inascoltato. In particolare nel Pd.

© Riproduzione Riservata.
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

acr e il sanremese-milanese

Gazzetta Informa News

.. a cura di  www.acraccademia.it 

15 ottobre 2018

 

Quanto pagate per il vostro sito comunale? Oggi è tutto a costo zero per l'erario. 
Boom di richieste | Record di richieste e di installazioni del nuovo sito standard GRATUITO per gli enti pubblici realizzato dalla Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana. 


Pubblicato on line il nuovo numero della rivista scientifica "Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana". 

Alcuni degli articoli presenti in questo numero:
  • LA CONFERENZA DEI SERVIZI IN PROSPETTIVA REATTIVA

  • ALCUNE RECENTI SENTENZE DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULL’OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO

  • ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO: I LIMITI, TRA SEGRETO PROFESSIONALE E CORRISPONDENZA RISERVATA

  • L’ERRONEA CONFUSIONE TRA IL PROVVEDIMENTO DI MODIFICA DELLE CIRCOSCRIZIONI COMUNALI E LA DETERMINAZIONE DEI CONFINI TRA COMUNI

  • LE MODALITÀ PER TRACCIARE, ANCHE AI SENSI DELLA L. N. 241/90, IL SUB-PROCEDIMENTO DELLA REGOLARIZZAZIONE DEGLI ACCESSI STRADALI NON REGOLARI

  • LA RELAZIONE TRA LA TUTELA DELL’AMBIENTE E L‘ISTITUTO DEL SILENZIO ASSENSO NELL’ULTIMA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA

  • L’ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA’ NELLA GIURISPRUDENZA

  • IL DATA PROTECTION OFFICER NEL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SULLA PRIVACY

  • LE LIMITAZIONI AL SUBAPPALTO NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA DEGLI APPALTI PUBBLICI. POSSIBILI PROFILI DI INCOMPATIBILITA’ COMUNITARIA

  • LA PARADOSSALE VICENDA DEI DIRITTI DI ROGITO PER I SEGRETARI COMUNALI

  • L’INSUSSISTENZA DEL DANNO ERARIALE SE LA CONDOTTA DEL DIPENDENTE È’ CON-NOTATA DALLA SUA BUONA FEDE

  • I CONSORZI ASI SONO ENTI PUBBLICI ECONOMICI. INCONFERIBILE LA PRESIDENZA AD UN SINDACO DEL TERRITORIO. LA DELIBERA ANAC N. 453/2018

  • LE SEZIONI UNITE TORNANO A PRONUNCIARSI SULLA GIURISDIZIONE DEL G.A. IN SEDE ESCLUSIVA PER I DANNI CAUSATI DA ATTI ILLEGITTIMI RIGUARDANTI LA GESTIONE DEL TERRITORIO

  • INVALIDITÀ DELL’ATTO IMPOSITIVO SE LA DELEGA ALLA FIRMA È «IN BIANCO»

  • IL D.LGS. N. 231/2001: LA RESPONSABILITA’ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI

  • LA SICUREZZA POSSIBILE

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

acr e CRV

Foto di acronlusdifatto19

Auguriamoooo buona VITA a tutti i lettori 

da     www.acraccademia.it
Arte da mangiare mangiare Arte
presenta
Prima Colazione d’Artista

Festa di Chiaravalle:
un antico borgo da riscoprire
6-7 Ottobre 2018
merzario e bosco

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Anpi e Acr

Foto di acronlusdifatto19

Con la collaborazione dell'ANPI Provinciale di Milano, di AnpiLibri e della Casa della Memoria, il Conservatorio di Milano presenta un ciclo di concerti delle musiche dei musicisti italiani ebrei perseguitati dalle leggi antisemite. Esecutori saranno studenti e insegnanti del Conservatorio.

CASA DELLA MEMORIA

GIOVEDI' 4 OTTOBRE 2018, ORE 18

MUSICA PERSEGUITATA

Locandina musica PERSEGUITATA ultralight.jpg 
- Giovedì 4 ottobre 2018, ore 18

Beatrice Baldissin, pianoforte

Giulia Taccagni e Alessandra Notarnicola, mezzosoprani

Simonetta Heger e Stefania Mormone, duo pianistico


Renzo Massarani:  Tre preludi per pianoforte.
Leone Sinigaglia:    La tregua; Serenata provenzale; L e nozze dell’alpigiano; La scelta felice.

Fernando Liuzzi:    Ballatetta; Dal “Laudario di Cortona”: Da mi conforto; Stella nova.

-------------------------------

Kurt Sonnenfeld:    Funkenspiel per pianoforte a quattro mani.

Alberto Gentili:         Pianto antico; Ballata.

Aldo Finzi:                 Barque d’Or; Serenata.

Mario Castelnuovo Tedesco:  L'Infinito; Tre canzoni sefardite.

 

Ospite: Ersilia Colonna Lopez




prof. G. Marco Cavallarin
via G. Donizetti, 53 -  20122 Milano
02.45496029 - 3334620788
mcavallarin@gmail.com -  Skype  marco.cavallarin

"E quando ci domanderanno cosa stiamo facendo, 

tu potrai rispondere loro: noi ricordiamo" (R. Bradbury)

 a cura di www.acraccademia.it 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Acr il sanremese

Post n°383 pubblicato il 29 Settembre 2018 da acronlusdifatto19
 

Grazie di 👨‍❤‍💋‍👨esistere

Ciao Milano, Torino e Sanremo con Civenna e Bellagio da
 www.acraccademia.it

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

Acr-CRV

Post n°381 pubblicato il 01 Settembre 2018 da acronlusdifatto19
 

Sonostati approvati dall’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile iprogetti presentati da Confcooperative/Federsolidarietà ImperiaSavona.18 sono i posti disponibili presso le sedi Croce Verde Arma di Taggiae Croce Bianca Imperia e 7 i posti presso gli asili nido di Imperia,Sanremo, Ventimiglia, Taggia, San Bartolomeo al Mare ed Albenga.

Ladomanda di partecipazione dovrà pervenire a Confcooperative ImperiaSavona (Via Q. Mansuino 12, 18038 Sanremo) esclusivamente secondo leseguenti modalità:

1) conPosta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzosavona@pec.confcooperative.it, avendo cura di allegare tutta ladocumentazione richiesta in formato pdf;

2) amezzo “raccomandata A/R”;

3)consegna a mano. Iltermine per l’invio delle domande via PEC o a mezzoraccomandata A/R è fissato al 28 settembre 2018. In caso diconsegna della domanda a mano il termine è fissato alle ore 18.00del 28 settembre 2018. IlServizio Civile rappresenta per i giovani un’importante opportunitàdi crescita e formazione personale oltre che permettere loro diinserirsi con responsabilità nella società didomani. La durata del servizio è di dodici mesi, l’impegnodei volontari è di 30 ore settimanali. Ai volontari spetta unrimborso spese mensile di 433,80 € corrisposto direttamentedall'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile.

Possonopresentare domanda i cittadini italiani o stranieri in regola con idocumenti di soggiorno che abbiano compiuto il diciottesimo e nonsuperato il ventottesimo anno di età segue su: Acr il Sanremese x info 3394523017 - 3402707829


https://www.youtube.com/watch?v=BFF9K3YKHRE

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

Crv.. a cura di Acr da Monza..Università della VITA!

Riceviamo.... Gent.mi, l'assessore al Welfare di Regione Lombardia ha voluto aggiungere un suo commento al comunicato stampa che vi ho inviato questa mattina. A chi non lo avesse ancora pubblicato, chiederei la cortesia di utilizzare la versione definitiva che allego. Per chi invece avesse già pubblicato, chiedere se possibile di aggiungere le dichiarazioni dell'assessore.
“Mi complimento con i Direttori Pasquale Pellino e Matteo Stocco – ha dichiarato l’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera - per l’eccellente lavoro svolto e per aver interpretato al meglio la riforma messa in atto da Regione Lombardia. Hanno messo insieme le loro forze e sono riusciti a potenziare i servizi sul territorio per i cittadini. Un esempio assolutamente virtuoso di attuazione della riforma”.
Grazie per la collaborazione
a cura di www.acraccademia.it

Veronica Todaro Ufficio Stampa
Direzione Generale  ASST Monza
Via Pergolesi 33 - 20900 Monza (MB)
Tel. 039 233 9890 Mobile 337 1497706
Fax 039 233 9775  www.asst-monza.it

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Acr e.. Ponte di Genova"MORANDI!

14 agosto 2018

Facebook Comune di Milano
 
Twitter Comune di Milano
 

Murales in via Monsignor Oscar Arnulfo Romero
Domenica 26 agosto alle ore 17:00 il Municipio 7 è lieto di invitarvi all'inaugurazione del “Murales in via Monsignor Oscar Arnulfo Romero”. L'iniziativa organizzata dal Consolato Generale della Repubblica di El Salvadore patrocinata dal Municipio 7, è dedicata a Monsignor Romero assassinato a San Salvador il 24 marzo 1980, mentre celebrava la messa in una cappella dell'ospedale



Ciao da www.acraccademia.it

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

acr e crv di Sergio e Ketti Bosco e Rio Merzario ..Assemblea generale STRAORDINARIA. Buone Vacanze da www.acraccademia.it

A tutti i Soci Aderenti, Volontari, Sostenitori, Simpatizzanti

-Assemblea Generale straordinaria:

-Odg: Occorre scegliere se rimanere iscritti al Registro Regionale del Volontariato e o costituire una Fondazione!
Ci troviamo il 1° mercoledi di settembre in Sede a Milano e a Sanremo...segue invito personale ad ogni iscritto, diteci cosa ne pensate?

ciao da  Sergio Merzario e Ketti BOSCO di www.acraccademia.it

con Oscar di POESIA e il SABATO de il Baggese-Milanese-Sanremese e Civennese!!

Attività di volontariato all'ACR il BAGGESE-MILANESE :

https://www.youtube.com/watch?v=VHyA56nydWM

https://www.youtube.com/watch?v=9F4qil3H_hk&list=PLzQ9_eEfNCLxwe9T0zHQEw9UBab0F0dcF&index=1

https://www.youtube.com/watch?v=W2mRzrgLC4I

https://www.youtube.com/watch?v=DeUz-uXQ7O8

https://www.youtube.com/watch?v=cI7gEFmIvu8

https://www.youtube.com/watch?v=9F4qil3H_hk

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

acr il T.L.

Circolare 18/E del 01/08/2018 dell'Agenzia delle Entrate 
A.S.D. E RIFORMA DEL TERZO SETTORE:
UN DIVORZIO ANNUNCIATO
  a cura di Luigi Silvestri     e di  www.acraccademia.it   
 
    
La corposa circolare n°18/E del 01/08/2018, emanata dall'Agenzia delle Entrate, affronta temi estremamente importanti per il mondo delle A.S.D. e delle S.S.D. chiarendo, in maniera non sempre condivisibile, una serie di problematiche di carattere fiscale e amministrativo.
 
Premesso che non è possibile trattare unitariamente le tematiche di svariata natura, affrontate nella circolare, iniziamo l'analisi della stessa con uno dei temi più discussi degli ultimi tempi dalla dottrina e cioè se spettino o meno le agevolazioni di cui all'art. 148 comma 3(i cosiddetti corrispettivi specifici) alle A.S.D. che si iscriveranno nel registro unico del terzo settore.
Fino all'emanazione della circolare, gran parte dell'A.S.D. era orientata a non iscriversi al R.U.N.T.S., in quanto era chiaramente prevista la perdita dei benefici di cui alla legge 398/91.
 
Come ben noto, la legge 398/91 riguarda, però, esclusivamente le A.S.D./S.S.D. che, oltre all'attività istituzionale, esercitano anche un'attività commerciale, connessa agli scopi istituzionali; quindi solo una parte limitata delle A.S.D./ S.S.D.
L'art 148 comma 3 che prevede, invece, la decommercializzazione dei corrispettivi specifici nei confronti degli iscritti, associati o partecipanti, di altre associazioni che svolgono la medesima attività e che per legge, regolamento, atto costitutivo o statuto fanno parte di un'unica organizzazione locale o nazionale, dei rispettivi associati o partecipanti e dei tesserati dalle rispettive organizzazioni nazionali, è un beneficio che riguarda tutte le A.S.D. /S.S.D. e quindi la risposta dell'Agenzia delle Entrate ai dubbi degli operatori era particolarmente attesa.
 
L'agenzia delle entrate, dopo una disamina della normativa, ( vedi parte 5.2 della circolare) conferma che per le A.S.D./S.S.D. iscritte al registro CONI nulla cambia in merito alle agevolazioni dei corrispettivi specifici ma a condizione che non si iscrivano al registro unico del terzo settore.
 
Diversamente le associazioni e le ssd che assumeranno la qualifica di ETS, iscrivendosi al registro del terzo settore, non potranno più usufruire della decommercializzazione prevista dall'art. 148 comma 3.
 
Per le A.S.D. che si iscriveranno nel registro rimarranno esclusivamente i benefici della decommercializzazione cosiddetta "generica" prevista dall'art.148 comma 1 e comma 2 (art.79 codice del terzo settore).
 
La circolare conclude sul punto ricordando che l'art .85 del CTS prevede un'agevolazione simile a quella di cui all'art.148 comma 3, solo per quegli enti del terzo settore che siano "Associazioni di Promozione Sociale".
 
Alla luce delle rigide prese di posizione dell'Agenzia delle Entrate (a parere di chi scrive non del tutto condivisibili) appare davvero improbabile che le A.S.D. iscritte al CONI (non APS) scelgano di iscriversi nel Registro Unico del Terzo Settore, rinunciando sia ai benefici delle 398/91 sia ai benefici della decommercializzazione specifica prevista dall'art. 148 comma 3 e, probabilmente, anche ai benefici dei cosiddetti "compensi sportivi"(art. 67 tuir).

http://www.acraccademia.it/Acr%20Roma%20pag%201.html

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Invito x l'8 agosto ad Acr

Foto di acronlusdifatto19

Carissimi colleghi (oltre che pittrice e scrittrice, sono anche giornalista),
vi invio il comunicato stampa relativo alla mia mostra di pittura che terrò presso il Museo della Transumanza di Villetta Barrea (AQ) dal 7 al 26 agosto 2018. Inaugurazione 7 agosto 2018 alle ore 18,00.

La mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 10,30 alle 12,30 e dalle ore 17,30 alle ore 20,00 o previo appuntamento al mio cell. 338.6881878.

Sarò sempre presente e dipingerò in estemporanea davanti ai locali del Museo.

Tale manifestazione è stata promossa dal Museo della Transumanza, con il Patrocinio del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, del Comune di Villetta Barrea, curata dalla dott.ssa Maria Pia Graziani, Direttrice del Museo della Transumanza.

Grazie della pubblicazione della quale vi sarei molto grata.

Cordialità.

Principia Bruna Rosco

 

Cell. di Principia Bruna Rosco 338.6881878

Cell. del Museo 340/3174515

.. a cura di www.acraccademia.it 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

U.E. a cura di acr

UNIONE EUROPEA spiegata alla casalinga di VOGHERA 

Al Signor Direttore de Il Baggese di Milano Merzario Sergio

Come da accordi presi ecco la mia personale spiegazione della lite fra l’Europa Matrigna e gli italiani inconsapevoli. Tutto inizia con Schengen 1995. Schenghen è un Comune del Lussemburgo, scelto dai Paesi del nord europa perché è un luogo equidistante fra i Paesi partecipanti. L’Italia non era stata invitata al convegno, perchè. I Paesi partecipanti avevano concordato di stringere le loro economie per far meglio a fronte delle difficoltà comuni, perché le loro economie erano sovrapponibili al 95%, il restante 5% andava risolto un po’ alla volta senza strappi per non far spaventare i popoli interessati. L’Italia,gli “statisti” di allora vennero a sapere della riunione e della loro esclusione, non la presero bene. Quando gli “statisti” chiesero la motivazione della esclusione scoprirono che era molto semplice: la economia italiana non era compatibile con quelle del nord europa. Questa risposta fu considerata una offesa,i nostri “statisti” si indignarono, fecero di tutto per dimostrare che l’economia italiana era sana e compatibile per sfide future, le cancellerie europee di allora fecero presente che il trattato di Schenghen doveva essere sottoscritto così com' era, con l’impegno di modificare tutte le Leggi in essere in Italia per allinearle a quelle del nord europa, che poi erano presenti al 90% nel trattato di Schenghen. La pillola era addolcita dal fatto che anche gli altri Paesi avrebbero dovuto cambiare le loro Leggi per adeguarle a Schenghen, facendo finta che loro partivano avvantaggiati perché sono Paesi di consolidata unità nel loro interno, mentre l’Italia avrebbe dovuto cambiare la propria unità dopo averla raggiunta da pochi decenni. Esempi:1, Schenghen prevedeva aiuti agricoli per il grano senza specificare grano duro ma con riferimenti impliciti per il grano tenero che cresce nel nord europa, 2 così in riferimento al burro piuttosto che l’olio d’oliva, 3 le maglie delle reti dei pescatori,4 il diametro (o calibro dei piselli in scatola), quest’ultima cosa fece scatenare l’ironia dei giornalisti ex chierici venduti al potere. Cerchiamo di capire il perché: i burocrati “cattivi” di Bruxelles si posero il problema di portare a tutti gli europei la possibilità di alimentarsi con verdura fresca tutto l’anno e si concentrarono sui piselli, tenendo presente che gli europei aumentavano di numero e la qualità dei piselli doveva essere massimo, inoltre per abbassare i costi si rivolsero alla tecnologia del tempo, tutti questi parametri produssero la meccanizzazione dalla semina alla vendita nei supermercati passando per la raccolta e la surgelazione e l’inscatolamento, a questo punto i giornalisti asserviti ai peggiori poteri occulti, si focalizzarono sul diametro dei piselli, che doveva essere per forza di cosa standardizzato. I giornalisti avrebbero dovuto spiegare il carattere scientifico che stava dietro al diametro dei piselli, e il perché era ed è giusto sovvenzionare, anche a fondo perduto, questo modo innovativo di produrre, poi se le persone vogliono i piselli con diametro tradizionale possono comprarli quando e come vogliono, ma chi se ne occupa non possono pretendere sovvenzioni comunitari. Sig. Direttore mi permetta di esprimere il mio sdegno per i cosiddetti “chierici” che scrivono solo per compiacere chi paga senza alcun riguardo per la verità. Ecco è questa la linea rossa fra L’Italia e il resto del mondo, i giornalisti non dicono la verità verificata ma solo opinioni compiacenti.Cerchiamo di chiarire: nel resto del mondo esistono i delinquenti come in Italia, però una persona è definita delinquente quando commette un reato ed è stato condannato invia definitiva, e fino qui le cose sono uguali in tutto il Mondo, la differenza è che nel mondo i delinquenti vengono chiusi in carcere e si buttala chiave, in Italia, invece, i delinquenti vengono posti al comando della cosa pubblica. Questa è una vecchia storia, che fu definita con Gramsci come “tradimento dei chierici”, e ancora oggi(2018) continua. Traduzione in italiano popolare : i chierici erano quelle persone che imparavano a legger e scrivere e qualche rudimento di escatologia da insegnanti religiosi, imparavano ascrivere per esaltare il potente di turno e in compenso riuscivano a combinare pranzo e cena per sé e la propria famiglia, senza spremere un goccio di sudore. Tutto questo nel resto del mondo non esiste dal 1870 circa, specifichiamo dal passaggio dal positivismo al decadentismo. I giornalisti in tutto il mondo seguono i potenti per analizzare il rapporto fra quello che dice e quello che fa. Non è un lavoro facile, ma questo è. Prendiamo in esame due fra i massimi quotidiani italiani il 3 marzo, ultimo scorso, la Lega e il m5s sono presentati come dei nuovi barbari, il 5 marzo la Lega e il m5s sono presentati come il nuovo che avanza. Il tutto nell ’indifferenza del popolo che purtroppo non sa e che vorrebbe essere messo a conoscenza,almeno, del vero. Egregio direttore quanto sopra ha corrispondenza che i “chierici” sopra nominati quando si parla di Banche si stracciano le vesti per difendere le regole italiane che permettono ai banchieri di  privatizzare i guadagni e socializzare le perdite. Esaminiamo punto per punto. Nei Paesi dell’Europa del nord le Banche funzionano più o meno così a seconda del Paesi che si esamina, prendiamo a esempio la Germania: le Banche SpA si governano più o meno da sole, quando falliscono sono affari loro, le Banche regionali, le nostre Casse di Risparmio locali, tipo Monte dei Paschi di Siena, in Germania sono state salvate con soldi locali quando sono entrate in crisi,e qui è iniziata l’opera vergognosa de chierici”, le Banche regionali tedesche è vero che sono state salvate dal pubblico, però il pubblico incassai dividendi a fine anno quando ci sono, questi dividendi servono, ad esempio, alla manutenzione delle autostrade, che sono gratis, ecco che il salvataggio pubblico non è a fondo perduto come vogliono i banchieri italiani, ma diventa una opportunità per tutti i cittadini. Quanto sopra scritto i cittadini tedeschi lo apprendono fin da quando sono nel grembo della madre,in Italia cosa succede? Per carità di Patria non voglio approfondire. Per fortuna che siamo stati obbligati a salvare sì Monte dei Paschi di Siena e le altre banche locali dal fallimento, ma non a fondo perduto. Io sono convinto che questo tipo di salvataggio non è piaciuto ai “chierici” e ai loro padroni, da qui le turbolenze del dopo voto del 4 marzo. Ora esaminiamo con lo stesso scrupolo le ormai famose buche cittadine. Negli anni ’70 sono stato nel nord europa e ho conosciuto una famiglia impegnata nei lavori stradali in genere e delle buche in particolare. Un mattino ho accompagnato il responsabile in Comune perché doveva ritirare l’assegno per i lavori stradali effettuati che comprendevano anche la sistemazione di alcune buche dissestate, preventivamente aveva allegato ai documenti delle foto che documentavano le buche in questione prima e dopo i lavori, ma prima di andare in Comune siamo passati dalla Banca dove è stato ritirato un una fidejussione che garantiva la tenuta dei lavori, e anche delle buche, per 10 anni, naturalmente la fidejussione non copriva terremoti, guerre, cadute di meteoriti e altri eventi non prevedibili. Subito io non ho capito sull’utilità della fidejussione pensavo che era una cosa tipica del nord europa,invece in questi ultimi anni spesse volte mi sono ricordato di quanto accaduto negli anni ’70. Chiaramente le Banche del nord europa prima di concedere una fidejussione vogliono delle serie garanzie sulla solidità dell’impresa che la chiede, soprattutto sulla serietà dei lavori effettuati, insomma si innesca un circolo virtuoso che garanti scegli attore coinvolti.Come mai i “chierici” italiani non ne parlano mai? A pensar male a volte s’azzecca, Andreotti docet. Le buche delle strade italiane si sfasciano a ognibreve o lunga pioggia provocando la richiesta dei cittadini intesa a riparare le buche, naturalmente gli amministratori pubblici contattano le impresestradali che riparano le buche alla buona senza dare nessuna garanzia con l’aggravio che i costi italiani sono superiori a costi standard europei. Come mai? Forse bisognerebbe abolire la segretezza sulle Fondazioni legate ai politici, le quali non sono obbligate a pubblicare i nomi di chi le finanzia, chissà se troveremo le imprese stradali, banchieri corrotti e/o corruttori, imprenditori interessati alle commesse pubbliche. Egregio Sig. Direttore torniamo sempre al primo detto:perché gli statisti del 1993 non hanno adeguato le leggi italiane come richiesto da Schenghen? Conclusione: i burocrati europei non sono cattivi chiedono quello che gli statisti italiani hanno promesso e sottoscritto, gli italiani non sono stati messi al corrente sia allora, 1995, sia oggi 2018, e giustamente si sentono richiedere qualcosa che non capiscono. Prendiamo per esempio la famosa dieta mediterranea, pasta di grano duro, olio extravergine d’oliva, frutta a Km 0 non standardizzata, tutto questo però non vengono valorizzate dai burocrati europei, giustamente secondo i burocrati, ingiustamente secondo gli italiani.

Ai posteri l’ardua “ soluzione.  

A CURA DI FRANCESCO COSTANTINO

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »