Creato da aexentia il 24/08/2007
il mio mondo, le mie regole
 

 

La favola della cicala e la formica rivisitata dopo una giornata di sole in piscina.

Post n°231 pubblicato il 16 Luglio 2012 da aexentia
 

Le formiche, stufe di essere considerate parsimoniose, precisine e timorate del futuro, decisero di organizzare una festa in piscina lunga tutto il giorno. Il giorno stabilito la musica ebbe inizio e la festa cominciò. L'organizzatore aveva pensato a tutto: dalle farfalle cubiste, alle vespe pin-up con il bustino per rendere ancora più stringato il loro vitino, ma mancava ancora la stella della serata. La formica manager mandò la coccinella a cercare dj cicala... Era tornato da poco da una lunga tournée di successo in Inghilterra ma aveva avuto dei problemi con la pula all'insettoporto. La coccinella tornò insieme alla cicala ed entrambe ondeggiavano misteriosamente. La cicala si sistemò nella sua postazione, mise le foglie viniliche nei piatti ed ebbe inizio il rave più fantasmagorico a cui una formica può partecipare. La festa culmino con un trenino di formiche che cantavano in coro DJ CICALA CI CALA LA CALA CARO DJ CICALAAAAA! Erano tutte fattissime e il trenino creava strani disegni sull'erba. In quel mentre passò di là un monaco tibetano con uno dei suoi novizi che rivolgendosi al capo del trenino di formiche disse:
- Mandala...
Ma il poveretto soffriva di perdita della memoria a breve termine e non si ricordò più cosa voleva dire. Così il novizio da quel giorno imparò che quei disegni che si dissolvono nel nulla si chiamano mandala.
In verità il vecchio avrebbe voluto dire:
- Mandala via quella cavolo di cicala, è da una settimana che siete qui a far baldoria. All'assemblea condominiale del tempio avevate assicurato che sarebbe durato solo un giorno! Teste di caaaa...vallette!

 
 
 

Aspetta un attimo ce l'ho in borsa

Post n°230 pubblicato il 16 Luglio 2012 da aexentia
 

"Aspetta un attimo ce l'ho in borsa"... E dopo un'ora dovettero chiamare le squadre di soccorso con i San Bernardo per ritrovare le cartine e il tabacco nella borsa... Non che la borsa sia scomoda ma secondo me ha delle aperture secondarie a generazione casuale che possono far ricomparire il deodorante nei pressi di un angolo sconosciuto di Alpha centauri.

 
 
 

Costruzione di un basso

Post n°229 pubblicato il 13 Maggio 2012 da aexentia
 
Foto di aexentia

Gli scatti di questo processo a questo indirizzo:

http://digilander.libero.it/aexentia/basso_carlo/MKII_05-2012.html

Progetto, disegni e mano d'opera a cura di Thebassmarvel.

 
 
 

Colpo di fulmine per Desigual inspired by Cirque du Soleil

Post n°228 pubblicato il 16 Febbraio 2012 da aexentia
 
Foto di aexentia

La ragazza Desigual Cirque du Soleil cattura le luci della città come se fosse il suo palcoscenico tingendolo con i colori di un'anima viva e accesa di intensa gioia di vivere.
Tutto il mondo attraverso i suoi occhi si trasforma in una poesia di note per un violino zigano.
Come il più navigato dei saltimbanchi sa come affrontare le increspature della quotidianità: è una funambola con i piedi saldi al terreno ma sa come far volare la propria immaginazione.
Sempre con il sorriso, e sempre pronta a regalarne a chi la circonda.
Vive, ama la vita e la ama in ogni suo gesto e in tutte le sfumature: felice, allegra, timida, folle, urlata, malinconica e sboccata. Ma soprattutto teatrale e maestosa come le Cirque du Soleil.

Questa introduzione è necessaria per parlare della linea Desigual dedicata a Cirque du Soleil: una simbiosi perfetti fra queste due entità che si rispecchiano l'una nell'altra e che hanno saputo distinguersi per l'originalità con cui hanno reinterpretato ciascuna il proprio settore.

Guardando questi capi sembra quasi di poter ascoltare il bellissimo e struggente inno "alegria" con cui gli artisti acrobati del Cirque si congedano dal loro pubblico. Questo brano parla allo spettatore in una mescolanza di lingue che lo prendono allo stomaco catapultandolo nella dimensione di gioiosa malinconia che accompagna il calare del sipario.
Lingue, musica e colori come un patchwork ad alta densità emotiva, cosa che ritrovamo anche negli abiti desigual: le fantasie, le geometrie optical, i dolci Pierrot e i clown dalle tinte psichedeliche, la mescolanza di colori e tessuti, tutto cucito insieme per affascinare e per far innamorare.

 
 
 

il giorno in cui i pubblicitari...

Post n°227 pubblicato il 10 Febbraio 2012 da aexentia

finirono le parole e tutte le loro combinazioni in tutte le lingue.
Per essere originali solo cose insensate, tipo "gioca il giusto".

 
 
 
Successivi »
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Tag

 
 

Ultime visite al Blog

santarella.andreailkeucristinaaaa1iachi.tartarinirita.vigitellomontbrillanteldorado68Mauro_settedome.innobongiorno.chiaramoniotomy89psicologiaforenseSadieBjanis_87
 

Ultimi commenti

Ma hai provato a scrivere "beavers are so cute"...
Inviato da: Anonimo
il 30/08/2010 alle 19:26
 
Ho trovato per caso questo tuo post perché anch'io,...
Inviato da: Anonimo
il 07/08/2010 alle 20:10
 
se fa così adesso, pensa a come si ridurrà alla soglia dei...
Inviato da: guchippai
il 18/05/2010 alle 08:01
 
leggi "the secret"... poi mi dirai. un mega...
Inviato da: da.lu1984
il 04/02/2010 alle 01:24
 
Ogni tempo ha il suo male. emilio
Inviato da: ginkobae
il 23/05/2009 alle 20:21