Creato da: aidici il 04/07/2012
Organizzazione di Volontariato - no profit

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

aidicinicastromailgioiaamorelacky.procinoIMMAGINIRCFOblumannaroLisa20141esmeralda.carinigiadaanticolisybilla_cannaincantolubopokoweb_2008maidomo1950
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« L'aumento del costo del...15 NOVEMBRE 2013 ORE 10... »

“FEMMINICIDIO”! Vogliamo leggi più severe!

Post n°43 pubblicato il 05 Agosto 2013 da aidici

Dal 22 al 29 luglio in Italia sono state uccise tre donne per mano di ex mariti/compagni: Maria Nastasi, Erika Ciurla e Cristina Biagi e nello stesso periodo, una ragazza è riuscita a salvarsi dopo che era stato cosparso il suo corpo di benzina dall’ex fidanzato che non si rassegnava all’idea di perderla come compagna, quindi meglio ucciderla! La parola “femminicidio” è un termine che ultimamente mette sempre più in discussione la mancata attenzione delle istituzioni. La gravità con cui questo fenomeno si diffonde, rende ancora più preoccupante l’apatia politica legata a questo problema. Dopo il caso di Massa Carrara avvenuto il 28 luglio, all’indomani un’ennesima tragedia si consuma nel Salento a Taurisano. Francesco Capone accecato dalla gelosia e rifiutando la separazione dalla sua ex moglie decide che è meglio farla finita, ma prima uccide lei. Ancora una volta una donna uccisa da un uomo che non aveva vissuto bene la separazione da poco più di un mese. Erika non c’è più e anche i tre figli non potranno più contare sull’amore di quella mamma. Lo Stato ancora non ha capito la gravità del problema, lo ha dimostrato il 27 maggio quando si apre la seduta nell’Aula della Camera con un silenzio rispettoso per l’uccisione della sedicenne bruciata dal suo fidanzatino a Corigliano Calabro, ma il silenzio è ancora più triste perché l’aula appare semideserta, quando si doveva affrontare proprio il problema del FEMMINICIDIO. Dove sono le deputate donne? Dove sono le donne parlamentari che dovrebbero sollecitare una giusta legislazione a tutela delle donne italiane?  Sono mesi e mesi che le donne in Italia si mobilitano da Nord a Sud per sensibilizzare l’opinione pubblica alla drammaticità di questo fenomeno. E quando c’è da affrontare il problema e discutere su quali strategie legislative mettere in campo, l’Aula è vuota. E’ sconsolante, viene naturale chiedersi dunque: Quante vittime dovranno esserci ancora, prima che lo Stato intervenga in maniera legislativa nel sanzionare esemplarmente, per impedire che altri commettano gli stessi reati?  Ritengo che 124 donne uccise solo nel 2012 da compagni, mariti, fidanzati, ex che non hanno accettato la separazione, sia un numero troppo elevato per non intervenire. Mentre associazioni al femminile si organizzano per manifestare sempre più la solidarietà alle donne vittime di questi tipi di reato, e sensibilizzare nello stesso tempo il fenomeno del Femminicidio tra giovani e meno giovani; si auspica che al governo si faccia chiarezza e si arrivi a legiferare una legge più severa per i casi di femminicidio e di stalking.

Mariella Pompei

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/aidici/trackback.php?msg=12264047

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
denis_darija
denis_darija il 05/08/13 alle 22:34 via WEB
ma perché vi ostinate a dividere il "femminicidio" neologismo... dall'omicidio? l'omicidio è omicidio...punto...a prescindere dal sesso...pare che state a fare del sessismo o femminismo pure sulla vita umana che è sacra...punto! le leggi son quelle che sono..ma piantatela di distinguere fra morti ammazzati uomini e morte ammazzate femmine...
(Rispondi)
 
 
aidici
aidici il 21/11/13 alle 13:08 via WEB
Il problema non è voler far una distinzione tra omicidi di genere maschile e omicidi di genere femminile. Le statistiche parlano chiare 124 donne uccise per mano di un UOMO nel 2012/ quasi 200 donne uccise per mano di un UOMO nel 2013. Adesso pongo io l'interrogativo: "Quanti uomini sono stati uccisi da una donna tra il 2012 e il 2013? Secondo una nostra indagine, attualmente non ci sono casi di Ominicidi! Poi se vogliamo dire che il rispetto per le donne va al di là del genere, ma deve esserci in quanto Persona, Condividiamo pienamente! Redazione Aidici
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.