Creato da boerto il 03/03/2008
NON DOBBIAMO CHIEDERE IL PERMESSO A NESSUNO PER ESSERE LIBERI
 

No alla bestemmia

La bestemmia è il disprezzo rivolto verso il Nome di Dio.
La bestemmia non serve a niente,
 se non a dimostrare la propria immensa stupidità.

NON DIRLA.
NON SCRIVERLA
.

 

LA MIA MAIL

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultimi commenti

Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 16:44
 
 

Contatta l'autore

Nickname: boerto
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 123
Prov: EE
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

nicaberracapitanpejomarino.pasqualettostefano.garbin76flok73skeggia_66bimba99ciamonick.glmrtritonemarcello.tenanivitotroianimarella.robertosqualo6025toscanogiannaApril204
 

Ultimi commenti

Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 16:44
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

I miei link preferiti

 

Post N° 23

Post n°23 pubblicato il 14 Marzo 2008 da boerto

fumetti di Jacopo Fo vignette comiche

 
 
 

SILENZIO

Post n°22 pubblicato il 14 Marzo 2008 da boerto

 
 
 

Post N° 21

Post n°21 pubblicato il 13 Marzo 2008 da boerto
Foto di boerto

 
 
 

TUTTI NOI

Post n°18 pubblicato il 12 Marzo 2008 da boerto

 
 
 

DONNE ANGELI SENZA ALI

Post n°16 pubblicato il 08 Marzo 2008 da boerto





 
 
 

affinche ci sia un mondo piu vivibile

Post n°15 pubblicato il 08 Marzo 2008 da boerto

 
 
 

A MIA FIGLIA

Post n°13 pubblicato il 07 Marzo 2008 da boerto

E una donna che reggeva al seno

un bambino disse:”Parlaci dei figli”.

Ed egli disse:

I tuoi figli non sono figli tuoi,

sono i figli e le figlie

della vita stessa.

Tu li metti al mondo, ma non li crei.

Sono vicini a te, ma non sono cosa tua.

Puoi dar loro tutto il tuo amore,

non le tue idee,

perché essi hanno le proprie idee.

Tu puoi dare dimora al loro corpo,

non alla loro anima,

perché la loro anima abita

nella casa dell’avvenire,

dove a te non è dato entrare,

neppure nel sogno.

Puoi cercare di somigliare a loro,

ma non volre che essi somiglino a te,

perché la vita non torna indietro

e non si ferma a ieri.

Tu sei l’arco che lancia i figli

verso il domani.

 
 
 

posso guidare non sono ubriaco

Post n°10 pubblicato il 07 Marzo 2008 da boerto

 
 
 

non guidare se hai bevuto

Post n°9 pubblicato il 07 Marzo 2008 da boerto

 
 
 

REALTA'

Post n°8 pubblicato il 07 Marzo 2008 da boerto

PERCHE’ PERDERE UNA VITA ?

Mamma, sono uscita con amici.

Sono andata ad una festa e mi sono ricordata di quello che mi avevi detto: di non bere alcolici.

Mi ha chiesto di bere visto che dovevo guidare, così ho bevuto una sprite.

Mi sono sentita orgogliosa di me stessa, anche per aver ascoltato il modo in cui, dolcemente, mi hai suggerito di non bere se dovevo guidare, al contrario di quello che mi dicono alcuni amici.

Ho fatto una scelta sana ed il tuo consiglio è stato giusto.

Quando la festa è finita, la gente ha cominciato a guidare senza essere in condizioni di farlo.

Io ho preso la mia macchina con la certezza che ero sobria.

Non potevo immaginare, mamma, ciò che mi aspettava ….. qualcosa d’inaspettato !!!!!

Ora sono sdraiata qui sull’asfalto e sento il poliziotto che dice: “Il ragazzo che ha provocato l’incidente era ubriaco”.

Mamma, la sua voce mi sembra così lontana …

Il mio sangue è sparso dappertutto e sto cercando, con tutte le mie forze, di non piangere.

Posso sentire i medici che dicono: “Questa ragazza non cela farà”.

Sono convinta che il ragazzo alla guida dell’altra macchina non se lo immaginava neanche, mentre andava a tutta velocità.

Alla fine lui ha deciso di bere, ed io devo morire.

Perché le persone fanno tutto questo, mamma ?

Sapendo che distruggeranno delle vite ?

Il dolore è come se mi pugnalasse con un centinaio di coltelli contemporaneamente.

Dì a mia sorella di non spaventarsi, mamma, dì a papà di essere forte.

Qualcuno doveva dire a quel ragazzo che non si deve bere e guidare …

Forse, se i suoi glielo avessero detto, io adesso sarei viva … la mia respirazione si fa sempre più debole ed incomincio ad avere veramente paura…

Questi sono i miei ultimi momenti, e mi sento disperata…

Mi piacerebbe poterti abbracciare mamma, mentre sono sdraiata, qui, morente.

Mi piacerebbe dirti che ti voglio bene per questo…

Ti voglio bene…

e… ADDIO.

 
 
 
Successivi »