Creato da artfactory il 05/09/2005
 

arte passione amore

un vero amore non sa parlare.

 

 

« SOFFIO“Elle a la forme de mes ... »

Modi

Post n°4050 pubblicato il 22 Novembre 2013 da artfactory

 

Amedeo Modigliani nasce nel 1884 a Livorno ma fu a Parigi, dove si trasferì nel 1906, che trovò il milieu ideale per dare pieno respiro alla sua creatività.

Come molti altri artisti che vissero a cavallo tra i due secoli, anche Modigliani si fece interprete del disagio e del malessere di cui vedeva avvolta l’umanità. Un senso di incertezza e di inquietudine che hanno dei risvolti evidenti nel linguaggio pittorico che, non più pago di linee e forme tradizionali, lotta e anela ad una liberazione per poter così tradurre i tormenti di fine secolo

Amedeo Modigliani, Nudo seduto, 1917

Amedeo Modigliani, Jeanne Hèbuterne, 1918-1919

“In Dedo tutto era semplicemente orientato alla purezza nell’arte. Il suo orgoglio insopportabile, la sua ingratitudine torva, la sua arroganza, tutto ciò altro non era se non l’espressione dell’aspirazione a una purezza cristallina, a una schiettezza incondizionata nei propri confronti, nella vita, così come nell’arte, che non escludeva la riservatezza.

Era trasparente ma fragile come vetro; e anche freddo come vetro, per così dire. E questo era un’aspetto caratteristico di quell’epoca, che di null’altro parlava se non della purezza nell’arte e che null’altro aveva in mente.”

(Max Jacob)

 Amedeo Modigliani, Nudo seduto, 1916 capolavoro..magico.........

Amedeo Modigliani

“Un carattere complesso. Un porco e una perla. L’ho incontrato nel 1914 in una pasticceria. Mi sono seduta di fronte a lui. Hascisc e brandy. Non ne sono rimasta particolarmente impressionata. Non sapevo chi fosse. Aveva un aspetto ripugnante, selvatico, avido.

Lo incontrai nuovamente nel Café Rotonde. Era rasato e aveva un aspetto affascinante. Si tolse il berretto con un movimento aggraziato, arrosì e mi pregò di andare a vedere con lui i suoi lavori. E io vi andai.

Aveva sempre in tasca un libro, Maldoror, di Lautréamont. Il primo quadro ad olio rappresentava Kisling. Disprezzava tutti fuorchè Picasso e Max Jacob. detestava Cocteau. Non faceva mai qualcosa di buono sotto l’influenza dell’hascisc.”

(Béatrice Hastings)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ROSSO FOTO di ROSSO VENEXIANO

SENZA FRETTA

LA VITA E' COSI' PICCOLI ISTANTI CHE DANNO ANCORA UN SENSO A QUESTA NOSTRA  FRAGILE  REALTA'LA VITA E' COSI' VIVILA SENPRE E PRIMA O POI  ALL'IMPROVVISO ANCORA TI SORPRENDERA'

SOGNARE E' LECITO 

 

 

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

audicentolilijovicsimoricciLuciaLucianaapungi1950sirio_bleuamore_eluceluisaclaudiodaniela982vivita5p.maritancercasi_sorrisomariem.bmjhonnydeppasalole
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: artfactory
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 58
Prov: VI
 
 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 31
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

SOGNA

Io non la sopporto
la gente che non sogna"
(guccini)

 
 
Template creato da STELLINACADENTE20