Creato da AndyilMatto81 il 25/10/2006
le avventure e la vita di uno qualunque

 

« Messaggio #230La Porta dei Sogni »

Incontri ravvicinati in VR

Post n°231 pubblicato il 14 Novembre 2007 da AndyilMatto81
 

Il battere della pioggia sulla tettoia fu la mia sveglia di quella mattina.
Ero diventato un tutt'uno con le lenzuola e faticavo a liberarmene, ma in realtà non volevo uscire affatto da quella situazione, sapendo che mi aspettava un'altra giornata lavorativa, specchio di quella di ieri e uguale a quella che sarà domani.
Appena messo un piede fuori dal letto mi ritrovai incredibilmente in uffico.
Eccomi cosi seduto alla scrivania pronto ad accendere il mio pc,che era una sorta di 500 travestita da ferrari, con tutto il rispetto per la mitica 500, e con la radio che passava l'ennesimo deficiente che cantava la sua versione del tormentone simpsoniano "SpiderPork".
Il condizionatore impostato rigorosamente su i 27°, sparati in faccia, faceva da contrasto con la "November Rain" che non dava nessun segno di tregua.
Sarà stato il caldo estivo che avvolgeva l'invernale stanza, sarà stata la poca voglia di lavorare, o l'indigestione delle potentissime Halls Mentolyptus, che oltre a scendere nella gola salivano molto più su del naso, ma praticamente mi ritrovai a parlare con il Maghetto Assistente di word che non so come, si era liberato dai circuti informatici e dal monopolio Windows, ed ora girava liberamente sulla mia scrivania.
Non credevo ai miei occhi un esserino di 20 cm circa era davanti a me e mi fissava mettendomi una certa inquietudine.
"Tu cos'hai da guardare? se non la smetti vengo li su e ti faccio il... beh non farmi diventare volgare, l'hai capito! Allora la finisci di star qui tutti i giorni ad annoiarmi?
Sembri un cadavere, muovi un po' il culo da quella sedia ed esci, vivi il mondo.
Mi infastidisce vederti a fissarmi per 5 ore con quella faccia da pesce lesso che ti ritrovi."
Ero li fermo a farmi insultare da uno che in realtà non esiste, e devo dire che la situzione iniziò anche a divertirmi. Non davo peso alle parole di questo Merlino andato a male, ma tutto mi faceva sorridere.
Più lui parlava, più io sorridevo,e quanto più sorridevo lui più si innervosiva, diventando minaccioso.
"LA SMETTI DI RIDERE GRANDE STRONZO???"
Ora il tono divenne abbastanza duro, e la situazione non mi sembrava stesse
prendendo una buona piega quando il nano virtuale impugnò con la mano destra la sua bacchetta da "Harry Potter".
"Ora ti farò capire cosa significa vivere in solitudine tra circuiti, e sequenze infinite di 0 e 1, svegliarti quando qualcuno decide di accenderti e andare a dormire quando non si ha sonno solamente perchè qualcuno ha deciso di spegnerti. Pensa che io non vedo l'ombra di donna da quando vivevo in windows 95, quelli si che erano bei tempi"
"Ora ho voglia di godermela un pò, quindi possiamo scambiarci il posto, nessuno sentirà la mancanza di uno come te"
A questo punto era tutto chiaro, il Merlino Bastardo era li pronto ad imprigionarmi in eterno tra microchip e byte.
Peccato solo che non aveva fatto i conti con la mia volontà e con il tasto Reset che fece ritornare lui al suo mondo e me alla calda solitudine del mio ufficio.
La strana avventura della mattina in fondo però non mi aveva lasciato indifferente, perchè era capitata proprio a me?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Contatta l'autore

Nickname: AndyilMatto81
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 39
Prov: NA
 
 

Ultime visite al Blog

RamonSerranoritybeppy_8gambinorosannaHeart.and.Soulandrea.campettimoonlight.lmmirella.zucchi14ILARY.85romanticaloveCenerinaRossrigogianfranco1964miciotta_2roby7752valeriomazzucatolittleross
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom