Blog
Un blog creato da ValentinaSerafina95 il 04/11/2013

L'arte non è vento

dove si sa che ogni arte non ha fine

 
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 24
Prov: BS
 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

Beethoven

Post n°13 pubblicato il 11 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95
 
Foto di ValentinaSerafina95

Ludwig van Beethoven nacque a Bonn, in Germania, nel 1770 da famiglia originaria delle Fiandre. Il padre Johann, che tanta influenza, anche negativa, avrebbe avuto sulla sua esistenza, era tenore nella cappella di corte. Il giovane Ludwig manifestò precocemente la sua passione per la musica. Ancora bambino ricevette i primi insegnamenti musicali, oltre che dal padre, anche da Christian Neefe, organista di corte, del quale prese il posto nel 1782, a soli dodici anni. L'anno successivo suonò il clavicembalo nell'orchestra del Teatro Nazionale. Nel 1782 aveva anche pubblicato la sua prima composizione.Sempre più appassionato di musica e di composizione, nel 1787 Beethoven andò a Vienna, per farsi dare lezioni da Mozart. Era il sogno della sua giovinezza che si realizzava, la possibilità di vivere a contatto con un genio e di apprenderne i segreti, ma la morte della madre mise fine al sogno. Dovette tornare immediatamente a casa dove il padre, un poco di buono dedito al gioco e all'alcol e ormai incapace di guadagnarsi da vivere, affidò l'intera famiglia alle cure del giovane figlio. A tale compito Beethoven adempì scrupolosamente, senza per questo trascurare la sua formazione culturale. Continuò a studiare musica e si iscrisse inoltre alla facoltà di filosofia dell'università. Nel 1792 Ludwig tornò a Vienna per prendere lezioni da un altro grande compositore, Haydn, che qualche anno prima aveva avuto per lui parole di elogio e di ammirazione. Nonostante la stima reciproca, però, Beethoven e Haydn non riuscirono mai ad andare d'accordo. Pur senza rompere del tutto i rapporti, Beethoven preferì andare da altri maestri: da Albrechtsberger per il contrappunto e da Salieri per la scrittura vocale.Nel 1796 la sua formazione musicale era completa. Diede concerti in varie città e a Berlino suonò il pianoforte alla presenza dell'imperatore Federico Guglielmo II. Da quel periodo Beethoven visse sempre a Vienna, divenuta ormai sua città elettiva.Di carattere taciturno, Beethoven si rinchiuse sempre più in se stesso. Con l'insorgere e l'aggravarsi di un'acuta forma di sordità progressiva, la sua scontrosità divenne isolamento totale. Per il grande musicista questa sordità, che lo estraniava completamente dal mondo, fu un dramma tremendo. Prigioniero del silenzio, infelice e misantropo, riversò ogni sentimento, ogni slancio nella musica che ormai riusciva a 'sentire' solo nella mente. Beethoven, oltre tutto, non era mai stato fortunato negli affetti. Nella sua esistenza si conoscono pochi amori, tutti molto tormentati, resi difficili soprattutto dal carattere ombroso e riservato del grande compositore. Molto probabilmente a rendere faticose le sue relazioni con gli altri contribuirono, oltre alla sordità, le passate esperienze familiari. A una sola persona Beethoven si affezionò: al nipote Karl, figlio del fratello Kaspar che egli prese a vivere con sé e che amò come un figlio. Ma andò incontro a un'altra delusione. Karl, rivelatosi anch'egli un poco di buono, gli causò molte sofferenze e gli amareggiò gli ultimi anni di un'esistenza già tanto infelice.Già famoso in vita, Beethoven giganteggiò dopo la morte. Secondo la critica moderna egli è il più grande musicista di tutti i tempi. Compose una sola opera lirica,«Fidelio», ma la sua arte si espresse soprattutto nelle sinfonie veri e propri capisaldi nella storia del genio dell'uomo. Ne compose nove, dal 1799 al 1823. La Terza sinfonii «Eroica », originariamente destinata a Napoleone), la Sesta «Pastorale» e la Nona sono, con la «Missa Solemnis»,suoi maggiori capolavori. Scrisse inoltre numerose sonate, concerti e balletti.Morì a Vienna nel 1827, ormai completamente sordo. Le sue musiche immortali testimoniano e per sempre testimonieranno la sua grandezza.

 
 
 

Stato febbrile

Post n°12 pubblicato il 09 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95
 
Tag: Poesia

Una voce da lontano, mi chiama: è mio padre.

Mette una mano sulla fronte: scotta.

Prende dell'acqua,

mi bagna le labbra e dice: guarirai.

 

Poesia di un padre

La voce mia sentivi lacrimare.

Il tuo dolore, mi scorreva nelle vene.

Non sapevo, cosa fare:

ti volevo bene.

 

Il mio cuore prese a battere forte

mentre il pugno disperato,

bussava  a tutte le porte

in cerca di un cuore sano da donarti, non spezzato.

 

E mentre tu piangevi dal dolore

ed io stavo allerta

arrivò qualcuno a darci calore

e ritrovammo la porta aperta.

 

Era nonna che con il suo sorriso,

era tornata dal paradiso

a donarci un po' di giustizia,

di grazia.

 

E quando tornò su ritornammo a piangere

ed a soffrire come due bambini,

ma ora sapevamo cosa fare:

dovevamo stare, per sempre, vicini.

 

 

 
 
 

Cuore

Post n°11 pubblicato il 08 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95
 
Tag: Poesia

Cuore, perché continui a battere?

Perché ti agiti così?

Stai zitto cuore mio! Taci! Non farmi soffrire così!

A che cosa serve il tuo pulpito?

A cosa serve il mio ascolto verso il tuo battito? A nulla! A nulla io dico!

Smettila perché mi stai facendo patire le pene dell’inferno!

Ma cosa sto dicendo?! Continua a palpitare,

continua a sospirare,

perché un giorno glorioso tu guarirai: so che lo puoi fare!

Battiti!

Lotta soldato!

E vinci!

 
 
 

La vendetta divina

Post n°10 pubblicato il 08 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95
 
Tag: Poesia

Una rabbia sale su,

un urlo esce,

l' uomo cade,

la donna piange,

qualcuno ride,

qualcuno si dispera,

Dio aspetta.

 
 
 

A mia nonna Lidia

Post n°9 pubblicato il 08 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95
 
Tag: Poesia

Una croce ti sei portata per tutta la vita

e proprio la croce ti ha accolto alla morte.

Ora sei nelle mani di Cristo.

Con le sue braccia ti ha accolto verso Sé.

Non volevo che tu te ne andassi,

mi sento come un' aquila che non sa volare.

Dio ti ha strappato da me,

ma non ha strappato il tuo ricordo. Mi ha strappato il sorriso, ma non la forza.

L'energia di continuare è poca,

ma il tuo ricordo e Il tuo sorriso mi hanno fatto capire che di perdersi in sciocchezze non ne vale la pena.

Riposa in pace nonna

e di a Dio di guardare un po' anche quaggiù: Lo aspetto.

 
 
 

Disegni da colorare3

Post n°8 pubblicato il 08 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95
 
Foto di ValentinaSerafina95

 
 
 

Disegni da colorare2

Post n°7 pubblicato il 08 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95
 
Foto di ValentinaSerafina95

 
 
 

Disegni da colorare

Post n°6 pubblicato il 08 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95
 
Foto di ValentinaSerafina95

 
 
 

Musica visione infantile

Post n°5 pubblicato il 08 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95
 
Tag: Pittura
Foto di ValentinaSerafina95

 
 
 

Kabhi Kabhi aditi

Post n°4 pubblicato il 07 Novembre 2013 da ValentinaSerafina95

http://www.youtube.com/watch?v=f3hINqW-Z00

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sexydamilleeunanotteroby_fitdabrocchisempresei73esp_sebarediluckiaraluna1975lolatarantinooscar_turatiingegnersalvoanto33gabbarzoncglauracaporValentinaSerafina95Luponero75
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

ho letto molto volentieri questo articolo.Ciao da Artecreo
Inviato da: sexydamilleeunanotte
il 13/09/2016 alle 11:10
 
Caspita è molto bella...
Inviato da: Mochefaccio
il 13/11/2013 alle 17:49
 
Complimenti per il blog...
Inviato da: IvanDraga
il 13/11/2013 alle 17:46
 
Scusate la ripetizione, non l'ho fatto a posta.
Inviato da: ValentinaSerafina95
il 08/11/2013 alle 18:23
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.