Creato da asrim il 03/06/2010
letteratura e poesia

Area personale

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Ultime visite al Blog

 
asrimDance_Mesimyrongoninettuno249sifra7344soralella.anenna78mdarilscbry.fralucianapirchiobrun_barb5sakulainmysecretlifeCleo412valentino8800
 

Tag

 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

 
Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultimi commenti

 
 

 

 

Il tuo sorriso

Post n°25 pubblicato il 15 Settembre 2010 da asrim

Toglimi il pane, se vuoi,

toglimi l'aria, ma

non togliermi il tuo sorriso.

Non togliermi la rosa,

la lancia che sgrani,

l'acqua che d'improvviso

scoppia nella tua gioia,

la repentina onda

d'argento che ti nasce.

 

Dura è la mia lotta e torno

con gli occhi stanchi,

a volte, d'aver visto

la terra che non cambia,

ma entrando il tuo sorriso

sale al cielo cercandomi

ed apre per me tutte

le porte della vita.

 

Amor mio, nell'ora

più oscura sgrana

il tuo sorriso, e se d'improvviso

vedi che il mio sangue macchia

le pietre della strada,

ridi, perché il tuo riso

sarà per le mie mani

come una spada fresca.

 

Vicino al mare, d'autunno,

il tuo riso deve innalzare

la sua cascata di spuma,

e in primavera, amore,

voglio il tuo riso come

il fiore che attendevo,

il fiore azzurro, la rosa

della mia patria sonora.

 

Riditela della notte,

del giorno, della luna,

riditela delle strade

contorte dell'isola,

riditela di questo rozzo

ragazzo che ti ama,

ma quando apro gli occhi

e quando li richiudo,

quando i miei passi vanno,

quando tornano i miei passi,

negami il pane, l'aria,

la luce, la primavera,

ma il tuo sorriso mai,

perché io ne morrei.

 
 
 

I tuoi occhi

Post n°23 pubblicato il 08 Settembre 2010 da asrim

Gli occhi tuoi trasparenti

svelano la tua anima

attraverso di essi scopro

i tuoi pensieri più nascosti

 

ora sorridenti per le mie facezie

ora affascinati dalle mie parole

ora sensuali nel momento più bello

ora delusi dal mio comportamento

 

non chiudere i tuoi occhi

non lasciarmi fuori

 

ti prego inutilmente

ma tu me li neghi

 

dalle ciglia tue chiuse

una piccola lagrima

scende sul tuo volto

 

scusami…

non volevo ferirti

 

in un vasetto prezioso

custodirò per sempre

quella piccola goccia

tormentandomi la memoria.

 
 
 

Il canto d'amore

Post n°22 pubblicato il 07 Settembre 2010 da asrim

Ecco di cosa è fatto il canto sinfonico dell'amore
C'è il canto dell'amore di un tempo
Il rumore dei baci sperduti degli amanti illustri
I gridi d'amore delle mortali violate dagli dèi
Le virilità degli eroi favolosi erette come pezzi contraerei
L'urlo prezioso di Giasone
Il canto mortale del cigno
E l'inno vittorioso che i primi raggi del sole hanno fatto cantare a Memnone

è il grido delle Sabine al momento del ratto
Ci sono anche i gridi d'amore dei felini nelle giungle
Il rumore sordo delle linfe montanti nelle piante tropicali
Il tuono delle artiglierie che compiono il terribile amore dei popoli
Le onde del mare dove nasce la vita e la bellezza

C'è là il canto di tutto l'amore del mondo

 
 
 

Speranza

Post n°21 pubblicato il 30 Agosto 2010 da asrim

Mentre i miei passi percorrono la battigia

granelli di sabbia sollecitano i piedi

e pensieri si affollano nella mente

 

Penso al passato come poteva essere

e non è stato

Penso al presente confuso e turbato

Penso al futuro con grande speranza

 

Dietro di me solitaria fila di orme

ma all’orizzonte altre orme affiancano le mie

 
 
 

sorpresa di compleanno

Post n°20 pubblicato il 23 Agosto 2010 da asrim

Scusa se non mi sono più collegato ma da venerdì sono iniziati i festeggiamenti per il mio compleanno ed i miei carissimi amici mi hanno confezionato una festa a sorpresa con……. sorpresa finale

Mi hanno portato a cena in un noto locale della Versilia celebre per gli addii al celibato. Qui, serviti da generose cameriere in topless, abbiamo consumato una cena a base di pesce veramente gustoso. Abbiamo iniziato con un plateau di ostriche (di cui sono particolarmente ghiotto), spaghetti alle arselle oramai una rarità, branzino al vapore il tutto annaffiato da vini particolari.

I nostri occhi naturalmente spaziavano equamente tra le portate e le procaci cameriere che ci servivano.

Al momento del dolce, mentre mi aspettavo la solita torta con le tante candeline, si è spenta la luce e udite….udite ...al suono di una dolce musica, dopo alcuni momenti, si è riaccesa e mi si è presentata davanti una enorme struttura a forma di dolce dalla quale è uscita una bellissima ragazza in tanga che si accoccolata sulle mie ginocchia e con voce soave mi ha cantato

“tanti auguri a teee….tanti auguri a teeeee”

Preso alla sprovvista non sapevo che fare …..mentre i cari amici intonavano ….bacioooo, bacioooo.

Bé… non mi sono fatto pregare…anche se…..sulle guance.

Finita la cena siamo passati nella parte del ristorante adibita agli spettacoli ove,brindando a spumante, abbiamo assistito a eccitanti lap-dance e striptease.

La serata stava quasi concludendosi quando la ragazza, che avevo tenuta sulle ginocchia, mi si è seduta vicino ed abbiamo iniziato a parlare, scherzare, ridere insieme…estraniandoci dall’ambiente.

Ad un certo punto mi ha chiesto se desideravo accompagnarla a casa….ho guardato i miei amici chiedendo con lo sguardo se faceva parte della festa ma questi….allibiti ….hanno negato con la testa.

Ho lasciato gli attoniti amici e un po’….titubante….ho esaudito la sua richiesta.

Siamo entrati in casa sua, mi ha offerto un caffè poi abbiamo ricominciato a scherzare. Ad un certo punto le ho chiesto perché mi avesse invitato…mi ha detto che il mio sorriso ed i miei modi di fare le hanno ricordato il suo ragazzo, indimenticato amore, che per vari motivi, che sarebbe qui lungo svelarti, non si sono concretizzati con il matrimonio.

Abbiamo iniziato a baciarci …….......(quello che poi è accaduto è personale e non mi sento ancora di inserire nel blog)………

ci siamo svegliati molto tardi ed abbiamo passato una deliziosa giornata sul mare.

Mi ha chiesto di accompagnarla al lavoro si cameriera, aspettarla e poi di nuovo insieme a passare una nuova notte …..così abbiamo fatto e anche la domenica è passata piacevolmente e purtroppo è           terminata.

Mi ha chiesto cosa pensassi di fare la prossima settimana e che sarebbe veramente felice di passarla insieme a me……ci sentiamo in settimana.

Nel frattempo sono stato subissato da SMS e dalle telefonate dei miei amici un po’ preoccupati ma poi enormemente invidiosi.

 

 
 
 
Successivi »