Creato da enzo.dia il 29/08/2008
monti...mare....moto..
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

visita

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

LuciaMetromnapoli.78elena.seyforestales1958nina.monamourDIAMANTE.ARCOBALENOmicus13agostosullapelleCOCO_MADEMOISELLE_RMgiosikikipiccola_principessa5Tatiannavorrei.essere.leihamed6argenya
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

margherite

Post n°48 pubblicato il 05 Dicembre 2011 da enzo.dia

Un giorno ho preso una margherita ed ho fatto "m'ama o non m'ama"... la prima volta è venuto m'ama,
allora mi ama, ma la seconda è venuto
 non m'ama,
ma non mi sono preoccupato. anche le margherite possono mentire.

 
 
 

berlusca

Post n°47 pubblicato il 29 Settembre 2011 da enzo.dia

Silvio va da Montezemolo sulla pista di Fiorano per 
    complimentarsi e pretende di fare un giro su una F1.

    Al primo giro vola fuori pista ad alta velocità.

    Partono i soccorsi dai box ma nel campo vicino, del Berlusca, 
    nessuna traccia: nessun corpo da soccorrere vicino all'auto!
    Più in là un contadino con la vanga dice: "Sembrava morto, quando 
    mi sono avvicinato ha aperto gli occhi e ha detto che non si era fatto 
    niente, solo un grande spavento ... ma conoscendo le cazzate che 
    racconta l'ho sepolto ugualmente!"

 
 
 

Vestita di bianco

Post n°46 pubblicato il 14 Aprile 2011 da enzo.dia

Dedicato alle persone che ho amato e che ci hanno lasciato.


Ieri sera sul tardi
han suonato alla porta
ho aperto,era notte,
una figura mi ha detto
ciao,sono la Morte!

Non so perchè
non mi sono sorpreso.
E'entrata parlando e ho detto
ti stavo aspettando.

Si è seduta di fronte
poi dopo un instante
mi ha detto,è un vero peccato.
Sei bello,sei forte
però sei tanto sudato.

Le ho detto ti chiedo
un solo favore:
quando verà i'ora
ti prego non fare rumore


io non ho paura
ma gli altri non devono sentire
Poi le ho detto
lasciami il tempo
di farmi scordare.


Dirò soltanto che devo partire
che me ne voglio andare.
Poi non so spiegarmi
è come se adesso
trovassi la mia liberazione
E'come staccarsi da un mondo
che non ti ha mai voluto bene.
L'indiferenza,la gente che non ha
più niente da dire.
Adesso io posso,adesso io voglio
per l'ultima volta respirare.
Quello che sento
non riesco a spiegarlo
e tu sei vestita di bianco.
Ti imaginavo diversa e cattiva.
Pensare che sembri una cosa viva.
Voglio guardare per l'ultima volta
gli alberi,i fiori,lo sai,è primavera
e adesso la sera,arriva più tardi,
e i giorni già sono più caldi.


Ma adesso se vuoi,possiamo andare
Ho fatto le cose che avevo da fare
Ho detto le cose che avevo da dire.
Adesso io posso,adesso io voglio
venire.

 
 
 

AUGURI

Post n°45 pubblicato il 22 Dicembre 2010 da enzo.dia

A

chi

ama

dormire

ma si sveglia

sempre di buon

umore, a chi saluta

ancora con un bacio, a

chi lavora molto e si diverte di

più, a chi va in fretta in auto ma

non suona ai semafori, a chi arriva

in ritardo ma non cerca scuse, a chi spegne

la televisione per fare due chiacchiere, a chi è

felice il doppio quando fa a metà, a chi si alza presto

per aiutare un amico, a chi ha l’entusiasmo di un bambino

e pensieri da uomo, a chi vede nero solo quando è buio.

A chi non aspetta Natale

per essere

Migliore

BUON NATALE!

 
 
 

Se fosse successo qui....

Post n°44 pubblicato il 21 Ottobre 2010 da enzo.dia

Se fosse successo in una miniera italiana, le cose sarebbero andate così:

 1° giorno: tutti uniti per salvare i minatori, diretta tv 24h, Bertolaso sul posto.
2° giorno: da Bruno Vespa plastico della miniera, con Barbara Palombelli, Belen e Lele Mora.

3° giorno: prime... difficoltà,  ricerca dei colpevoli e delle responsabilità: BERLUSCONI: colpa dei comunisti; DI PIETRO: colpa del conflitto d'interessi; BERSANI: ma cosa ... è successo?? BOSSI: sono tutti terroni, lasciateli là'; CAPEZZONE: non è una tragedia è una grande opportunità ed è merito di questo governo e di questo premier; FINI: mio cognato non c'entra.

4° giorno: TOTTI: dedicherò un gol a tutti i minatori.

5° giorno: IL PAPA: faciamo prekiera ai minatori ke in qvesti ciorni zono vicini al tiavolo!!

6° giorno: cala l'audience, una finestra in Chi l'ha visto e Barbara d'Urso che intervista i figli dei minatori: "dimmi, ti manca papà?'"

dal 7° al 30° giorno falliscono tutti i tentativi di Bertolaso, che viene nominato così capo mondiale della protezione civile.

 

Dopo un mese, i minatori escono per fatti loro dalla miniera, scavando con le mani.

 

Un anno dopo, i 33 minatori, già licenziati, vengono incriminati per danneggiamento del sito minerario.

Ma è successo in Cile... ci siamo salvati !!!

                                              

 

 

 

 

 

 
 
 

......SORRISI PER INIZIARE BENE LA GIORNATA......... SMILE!!!!!

Post n°43 pubblicato il 29 Marzo 2010 da enzo.dia

Quel che è giusto è giusto
Un'arzilla signora settantenne chiama l'assistenza tecnica perché la sua caldaia non funziona. Arriva un tecnico che risolve il problema molto rapidamente e le porge una ricevuta di 150 euro per il lavoro svolto.
"Ma come mai una cifra così alta?", chiede la signora. "Ci ha messo soltanto cinque minuti!"
L'omino risponde che per qualunque chiamata la cifra minima della manutenzione corrisponde a un'ora di lavoro.
"Va bene", risponde la signora e gli porge un rastrello: "Mi aiuti a raccogliere le foglie nel giardino per i restanti 55 minuti!"


Mezzi di trasporto
Il figlio di uno sceicco dell'Arabia Saudita, Mohammed bin Yasser, va a studiare all'università di Basilea. Dopo un mese Mohammed scrive a casa: "Basilea è magnifica, le persone molto socievoli; qui mi piace veramente molto. Solo ogni tanto mi vergogno, quando arrivo all'Università con la mia Mercedes dorata, mentre il mio professore scende proprio in quel momento dal tram."
Alcuni giorni dopo Mohammed riceve dalla famiglia un assegno da 10 milioni di dollari.
Nella nota allegata legge: "Non farci vergognare figliolo, acquista anche tu un tram!"


Il solito panino
Tre muratori fanno la pausa pranzo, seduti su un ponteggio. Il primo prende il panino e dice: "Uffa, di nuovo prosciutto. A mia moglie non viene mai un'idea diversa". Poi butta giù il panino.
Il secondo, vedendo il suo pranzo, dice: "Di nuovo un tramezzino con il tonno! Non ne posso più!" e lo butta giù dal ponteggio.
Il terzo scaglia il suo panino senza neppure guardare che cosa contiene.
Il collega gli chiede: "Ma perché lo butti senza guardare?"
"Perché è un panino al formaggio!"
"E come fai a saperlo?"
"Perché l'ho preparato io stamattina!"


Giurisprudenza
Per i nemici le leggi si applicano, per gli amici si interpretano.
 

 
 
 

mamma, ma quanto siamo fortunati............;o))

Post n°42 pubblicato il 19 Febbraio 2010 da enzo.dia

> Salve, sono un cittadino dell´Italianistan. Vivo a Milano 2, in un
palazzo costruito dal Presidente del Consiglio.
Lavoro a Milano in una azienda di cui è mero azionista il Presidente del Consiglio.
Anche l´assicurazione dell´auto con cui mi reco a lavoro è del Presidente del Consiglio, come del Presidente del Consiglio è l´assicurazione che gestisce la mia previdenza integrativa.
Mi fermo tutte le mattine a comprare il giornale, di cui è proprietario il Presidente del Consiglio.
Quando devo andare in banca, vado in quella del Presidente del Consiglio.
Al  pomeriggio, esco dal lavoro e vado a far spesa in un ipermercato del Presidente del Consiglio, dove compro prodotti realizzati da aziende partecipate dal Presidente del Consiglio. Alla sera, se decido di andare al cinema, vado in una sala del circuito di proprietà del
Presidente del Consiglio e guardo un film prodotto e distribuito da
una società del Presidente del Consiglio (questi film
godono anche di finanziamenti pubblici elargiti dal governo presieduto dal Presidente del Consiglio).
Se invece la sera rimango a casa, spesso guardo la TV del Presidente del Consiglio con decoder prodotto da società del Presidente del Consiglio, dove i film realizzati da società del Presidente del Consiglio sono continuamente intertrotti da spot realizzati dall´agenzia pubblicitaria del Presidente del Consiglio.
Soprattutto guardo i risultati delle partite, perché faccio il tifo
per la squadra di cui il Presidente del Consiglio è proprietario.
Quando non guardo la TV del Presidente del Consiglio, guardo la RAI, i cui dirigenti sono stati nominati dai parlamentari che il Presidente del Consiglio ha fatto eleggere.
Allora mi stufo e vado a navigare un po´ in internet, con provider del
Presidente del Consiglio..
Se però non ho proprio voglia di TV o di navigare in internet, leggo
un libro, la cui casa editrice è di proprietà del Presidente del Consiglio.
Naturalmente,  come in tutti i paesi democratici e liberali,
anche in Italianistan è il Presidente del Consiglio che predispone le
leggi che vengono approvate da un Parlamento dove molti dei deputati della maggioranza sono dipendenti ed avvocati del Presidente del Consiglio, ...che governa nel mio esclusivo interesse.
Per fortuna!

 
 
 

9 parole che usano le donne, e relativi significati.

Post n°41 pubblicato il 19 Febbraio 2010 da enzo.dia

5 MINUTI: se la donna si sta vestendo significa mezz’ora. 5 MINUTI è davvero tale se ti ha dato 5 minuti per guardare la partita prima di aiutare a pulire casa.

 BENE: questa è la parola che usano le donne per terminare una discussione quando hanno ragione e tu devi stare zitto.

 

NIENTE: la calma prima della tempesta. Vuole sempre dire qualcosa e dovresti stare all’erta. Discussioni che cominciano con NIENTE normalmente finiscono in BENE.


SOSPIRONE: è come una parola, è un’affermazione non verbale spesso fraintesa dagli uomini. Un sospirone significa che lei pensa che sei un idiota e si chiede perché sta perdendo il suo tempo lì davanti a te a discutere di NIENTE.

 GRAZIE: quando una donna ti ringrazia non fare domande o non svenire; vuole solo ringraziarti. Non rispondere non c'è di che perché ciò porterebbe a un: QUELLO CHE VUOI (vedi sotto).

Eccezione: se una donna ti dice GRAZIE MILLE è puro sarcasmo, non ti sta ringraziando.


OK: una delle parole più pericolose che una donna possa dire a un uomo. Significa che ha bisogno di pensare a lungo prima di decidere come e quando fargliela pagare.

 FAI PURE: è una sfida, non un permesso. Non lo fare.


NON TI PREOCCUPARE FACCIO IO: altra affermazione pericolosa. Significa che una donna ha chiesto a un uomo di fare qualcosa svariate volte, ma adesso lo sta facendo lei. La frase è spesso associata a QUELLO CHE VUOI.

 

QUELLO CHE VUOI: è il modo della donna per dire Vai a fare in c**o.

 
 
 

Carta d'Identità

Post n°40 pubblicato il 05 Febbraio 2010 da enzo.dia

L'On. Berlusconi si reca in una banca nei pressi di Montecitorio per
cambiare un assegno; giunto il suo turno lo presenta al cassiere con il suo
sorriso smagliante e gli chiede di poterlo incassare.

Il cassiere, persona di integerrima professionalità, stante il fatto che
l'Onorevole non e' cliente della banca, gli chiede a sua volta di
mostrargli un documento d'identità, al ché Berlusconi, dopo aver  cercato
inutilmente nelle proprie tasche, ribatte: "Carissimo, mi consenta, come può
immaginare non vado in giro con i documenti; data la mia posizione e la mia
notorietà direi che non ce n'è proprio bisogno!"

Il cassiere non fa una piega e ribadisce che in assenza del documento non
puo' effettuare l'operazione e Berlusconi, che comincia ad alterarsi, chiede
di far scendere il direttore.

Anche quest'ultimo, nonostante l'imbarazzo, non puo' far altro che
confermare la correttezza della procedura applicata dal cassiere.

A questo punto Berlusconi sbotta: "Ma cribbio, non mi verrete a dire che la
procedura la applicate davvero cosi' rigidamente a tutte le persone  famose
che entrano in questa banca!?"  "In effetti - risponde il cassiere - non
proprio; ad esempio due settimane fa è venuto qui Iuri Chechi, senza
documenti; gli ho chiesto se poteva provare di essere davvero chi diceva di
essere e lui si è afferrato a quella sbarra della parete attrezzata, si è
messo a squadra, poi ha volteggiato ed è atterrato con una perfetta
coordinazione dei movimenti; a quel punto non c'erano dubbi e gli ho
cambiato l'assegno; l'altro giorno è passato Totti, anche lui senza
documenti, si è messo a palleggiare davanti alla cassa e nessuno ha avuto
piu' dubbi: era proprio lui, e gli ho cambiato l'assegno.  Insomma, se può
fare qualcosa che provi al di la' di ogni dubbio che lei è davvero l'On.
Berlusconi, il problema è risolto."

Berlusconi comincia a pensare, ma dopo poco sbotta nuovamente: "Ma, non so,
in questo momento mi vengono in mente solo cazzate!"

E Il cassiere: "Come li vuole, da 200 EURO o in tagli più piccoli?".

 

 
 
 

assunzioni

Post n°39 pubblicato il 03 Febbraio 2010 da enzo.dia

Niki Lauda deve selezionare degli ingegneri per assumerli nella sua compagnia aerea.     
Dopo una durissima prova scritta, solo tre candidati riescono a passare al colloquio con Lauda.    
Chiama il primo candidato nel suo ufficio e gli fa:        
- Ingegnere... i miei complimenti! Lei può essere considerato un genio! Ha risolto correttamente    
tutti i quesiti. Vediamo ora come si comporta nei rapporti interpersonali.      
Per esempio... eccole una domanda: Lei cosa nota di particolare in me?      
- Beh... le manca un orecchio!         

- Ma cavolo! Una risposta così a bruciapelo... lei manca completamente di sensibilità...

esca fuori immediatamente e non si faccia più vedere!

 
Dopo un po' fa entrare il secondo candidato e gli fa:        

- Ingegnere anche lei è un genio... la sua prova scritta è perfetta...

vediamo però ora come se la cava con delle domande: Cosa nota di particolare in me?

- Beh... lei non ha un orecchio!         
- Anche lei manca completamente di sensibilità e di tatto! Non potrei mai assumere     
Lauda desolato, deluso, nonché adiratissimo fa entrare il terzo       
Guardi Ingegnere... lei ha superato in modo eccezionale la prova scritta...speriamo solo che ora non mi    

deluda come hanno fatto i suoi colleghi precedenti. Vediamo come risponde

a questa domanda: Cosa nota di particolare in me?

  
Al ché l'ingegnere scruta Lauda per cinque minuti e poi fa:       
- Lei porta le lenti a contatto!         
- Ma lei è eccezionale... le preparo subito il contratto da firmare.       
Ma... a proposito... come ha fatto a indovinare?        
- Facile!... perché se c'avevi l'orecchio te mettevi gli occhiali!       
            
            
            
            

 
 
 

2 risate

Post n°38 pubblicato il 29 Gennaio 2010 da enzo.dia

È famoso per le sue fughe: GAS

Uguale alla colla: SUOCERA

Nel centro di Cosenza: BAR CENTRALE

Noto presentatore televisivo: MARIA DE FILIPPI

Le costruiscono gli egiziani: PIZZERIE

Anima le feste: RISSA

Lo è l'osservatore romano: GUARDONE

Giustifica il ritardo: GRAVIDANZA

La figlia di Bush: BUSCETTA

È famosa con Romeo: ALFA

Fa strage di galline: AMADORI

È simile a una monovolume: PLATINETTE

Accompagna il dolce: GABBANA

Sono d'oro a 50 anni: DENTI

Li portano a spasso i nonni: CATETERI

L'indimenticabile Totò: RIINA
 

 

 
 
 

gatto panceri ti diro che mi manchi

Post n°37 pubblicato il 08 Ottobre 2009 da enzo.dia

 

per una persona unica.....

 
 
 

DIFFERENZA TRA IMPIEGATO E DIRIGENTE

Post n°36 pubblicato il 07 Ottobre 2009 da enzo.dia

Un tipo sta guidando la macchina, quando a un certo punto capisce di essersi perso.

Avvista un uomo che passa per la strada, accosta al marciapiede e gli grida:

- Mi scusi, mi potrebbe aiutare? Ho promesso a un amico di incontrarlo alle due,

sono in ritardo di mezz'ora e non so dove mi trovo...

- Certo che posso aiutarla. Lei si trova in un'automobile, tra 40 e 42 gradi latitudine Nord

e tra 58 e 60 gradi longitudine Ovest, sono le 14 e 23 minuti e

35 secondi

e oggi è venerdì e

ci sono 21,5 gradi centigradi...

- Lei è un impiegato? - chiede quello dentro l'automobile. -

- Certamente. Come fa a saperlo?

- Perché tutto ciò che mi ha detto è 'tecnicamente' corretto, ma praticamente inutile. Infatti non so

che fare con l'informazione che mi ha dato e mi ritrovo ancora qui perso per strada!

- Lei allora deve essere un dirigente, vero? - risponde stizzito l'impiegato.

- Infatti, lo sono. Ma... da cosa lo ha capito?

- Abbastanza facile: lei non sa né dove si trova, né come ci è arrivato, né tanto meno dove andare, ha fatto

una promessa che non sa assolutamente come mantenere ed ora spera che un altro le risolva il problema; di

fatto, è esattamente nella merda in cui si trovava prima che ci si incontrasse... ma adesso, per qualche strano

motivo...risulta che la colpa è mia............

 

 
 
 

uomini e donne

Post n°35 pubblicato il 07 Ottobre 2009 da enzo.dia

Un uomo legge il giornale e dice alla moglie :

-"Sapevi che le donne utilizzano 30.000 parole al giorno e gli uomini solo 15.000"?

La donna risponde: "E' facile da spiegare, visto che bisogna sempre ripetere due volte la stessa cosa agli uomini.' .

 L'uomo si gira verso di lei e dice:

'Cosa?!'

 
 
 

AL PIU' GRANDE STATISTA DEI 150 ANNI DI STORIA ITALIANA

Post n°34 pubblicato il 28 Settembre 2009 da enzo.dia

Primo giorno di scuola, in una scuola Americana, la maestra presenta alla classe un nuovo compagno arrivato in USA da pochi giorni: Sakiro Suzuki (figlio di un alto dirigente della Sony).

Inizia la lezione e la maestra dice alla classe: “Adesso facciamo una prova di cultura. Vediamo se conoscete bene la storia americana. Chi disse: “Datemi la liberta o datemi la morte”? La classe tace, ma Suzuki alza la mano. “Davvero lo sai, Suzuki? Allora dillo tu ai tuoi compagni!”

“Fu Patrick Henry nel 1775 a Philadelphia!”

“Molto bene, bravo Suzuki!”

“E chi disse: Il governo è il popolo, il popolo non deve scomparire nel nulla ?”

Di nuovo Suzuki in piedi: “Abraham Lincoln nel 1863 a Washington!”

La maestra stupita allora si rivolge alla classe: “Ragazzi, vergognatevi, Suzuki è giapponese, è appena arrivato nel nostro paese e conosce meglio la nostra storia di voi che ci siete nati!”

Si sente una voce bassa bassa: “Vaffanculo a ’sti bastardi giapponesi!!!”

“Chi l’ha detto?” chiede indispettita la maestra.

Suzuki alza la mano e, senza attendere, risponde: “Il generale Mac Arthur nel 1942 presso il Canale di Panama e Lee Ia
cocca nel 1982 alla riunione del Consiglio di Amministrazione della General Motors a Detroit.”

La classe ammutolisce, ma si sente una voce dal fondo dire: “Mi viene da vomitare!”

“Voglio sapere chi è stato a dire questo!!” urla la maestra.

Suzuki risponde al volo: “George Bush Senior rivolgendosi al Primo ministro Giapponese Tanaka durante il pranzo in suo onore nella residenza imperiale a Tokyo nel 1991.”

Uno dei ragazzi allora si alza ed esclama scazzato: “Succhiamelo!”

“Adesso basta! Chi è stato a dire questo?” urla inviperita la maestra.

Suzuki risponde impeterrito: “Bill Clinton a Monica Lewinsky nel 1997, a Washington, nello studio ovale della Casa Bianca.”

Un altro ragazzo si alza e urla: “Suzuki del cazzo!”

“Valentino Rossi rivolgendosi a Ryo al Gran Premio del Sudafrica nel Febbraio 2005.”

La classe esplode in urla di isteria, la maestra sviene.

Si spalanca la porta ed entra il preside: “Cazzo, non ho mai visto un casino simile!”

Silvio Berlusconi, luglio 2008, nella sua villa Certosa in Sardegna.”

 

 
 
 
Successivi »