Creato da: atellibrai il 22/09/2006
community di lettori

BLOG, istruzioni per l'uso

Benvenuti nel Blog della
Libreria degli Atellani di corso Magenta 65
a Milano.

E' uno spazio aperto a tutti i lettori per raccontare, segnalare i libri preferiti, condividere autori e testi di particolare significato.

Se cercate un titolo in particolare, scrivetelo a destra nello spazio CERCA IN QUESTO BLOG, scoprirete se l'abbiamo recensito. Se no, colmate la lacuna.

Buone letture.

Buone scritture.

 

 

 

Manda una recensione!

Hai letto un libro che ti è piaciuto e vuoi consigliarlo agli altri lettori? Questo è lo scopo del caffè letterario.
Manda la tua recensione all'indirizzo caffedegliatellani@libero.it e la troverai a breve pubblicata su questo blog.

 

Regole di convivenza

Cari lettori,

Questo non è un blog democratico. Tutti i vostri commenti passano prima dal nostro insindacabile giudizio e poi sostanzialmente verranno pubblicati così come sono, quindi attenti a ciò che scrivete e siate pronti a prendervene la responsabilità.

Non ci piacciono gli insulti e i messaggi offensivi. Ecco il perché del nostro intervento.

Ricordate soltanto che lo scopo di questo blog è un pacifico scambio di idee riguardo ad un buon libro da leggere.

Buona navigazione.

Gli Atellibrai.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Recensito dai lettori

Cercate i messaggi con questo titolo e troverete le recensioni che voi lettori ci avete inviato.

 

Mailing list Atellani

Per essere informato sugli eventi e sulle iniziative della libreria e del bookshop degli Atellani vai sul sito www.atellani.it  e clicca su "contatti". Troverai un box di iscrizione.

Sarai informato su ogni evento, presentazione, aperitivo in musica, mostra organizzata dagli Atellani, oltre e a prescindere dal Caffè letterario.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

cassetta2Paolinosonoiomqnfrgascarparibeppe.degioshara94Silvia.sottodaniela.sa77NAPY2GiusRubinogianluca10fjefflongonilorenz585censimentoNPgiusefili
 

Ultimi commenti

Cosa cambia? Nulla. E tutto.
Inviato da: cassetta2
il 02/01/2022 alle 11:37
 
Buongiorno
Inviato da: puzzle bubble
il 07/05/2012 alle 23:34
 
Straordinario post, interessante articolo, complementi....
Inviato da: prestiti pensionati
il 02/03/2012 alle 10:03
 
Interessante post, questi dettagli non devono restare...
Inviato da: inpdap prestiti
il 12/02/2012 alle 13:08
 
Grazie dell'articolo lo trovo molto interessante, a...
Inviato da: Enrica
il 23/01/2012 alle 13:23
 
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

 
« Recensito dai librai: He...Recensito dai librai: Es... »

Recensito dai lettori: Autres Yeux, Matteo Innocenti, edizioni di latta, 2008

Post n°118 pubblicato il 17 Aprile 2008 da atellibrai

     -         Coraggio Altro, ti ricordi chi siamo?

-         No, non voglio ricordarlo!

-         Invece devi farlo.

-         Io non ci riesco, davvero…

-         Te lo chiedo per l’ultima volta. Altrimenti sarò io a rispondere per te.

-         Io non dirò niente! Mai!

-         Allora ecco la verità: tu sei pazzo ed io non esisto.

Altro uccide Lu strangolandola nel salotto di casa, e lo fa perché “solo diventando colpevole sarà accettato dagli altri”.

Solo che Lu non è mai esistita.

Il romanzo si muove su più piani e accompagna il lettore lungo il percorso delirante di Altro degli Innocenti, aspirante scrittore che dà vita (e morte per suicidio) ai personaggi pulp di Sam e Cha, calati in un’atmosfera  che ricorda da vicino il tarantiniano Kill Bill.

Solo a metà della lettura si scopre il trucco nascosto nella penna dello scrittore/illusionista: tutto ciò che avete letto fino ad ora è falso, solo un’invenzione, state con me ancora un pochino e vi racconterò la mia vera storia, sembrano esclamare le parole che aprono il nono capitolo: “… in realtà io vivo sul divano del mio piccolo appartamento con la faccia ispida ed i cerchi agli occhi, stretto da una coperta per via del sudore freddo”.

Altro viene rinchiuso in un OPG e solo allora, bollato come “pazzo”, si sente libero di esprimere sinceramente e senza timore il suo punto di vista: ne nasce una breve raccolta poetica dal titolo Degradazioni: le verità non dette e strutturata in “petali” che sembrano cadere come nel gioco del m’ama-non m’ama.

 Io sono libero dalla vostra idea di coscienza

ed ho molto più tempo libero per me stesso.

Inizia così il viaggio nella follia, a tratti delirante e a tratti paradossalmente lucido: può l’arte cogliere e descrivere la verità della vita? Può la religione appagare la sete di conoscenza? Può una persona “normale” vivere dentro la gabbia delle regole sociali ed essere davvero se stessa senza temere la solitudine? Altro trova le sue risposte a questi interrogativi, e trova la forza di avviarsi verso la sua strada. Accanto a lui c’è Lu.

 

Ciò che vediamo, che sentiamo, che facciamo, quasi mai esiste. La nostra esistenza è una possibilità che ogni giorno, per paura, cerchiamo di rendere concreta, assoluta: in questo disavanzo, tra mediocrità ed infinito, ho trovato ciò che separa la scrittura dalla verità.

Autres Yeux, Matteo Innocenti, edizioni di latta, 2008, 192 pp., € 13

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/caffeletterario/trackback.php?msg=4519786

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento