Creato da: atellibrai il 22/09/2006
community di lettori

BLOG, istruzioni per l'uso

Benvenuti nel Blog della
Libreria degli Atellani di corso Magenta 65
a Milano.

E' uno spazio aperto a tutti i lettori per raccontare, segnalare i libri preferiti, condividere autori e testi di particolare significato.

Se cercate un titolo in particolare, scrivetelo a destra nello spazio CERCA IN QUESTO BLOG, scoprirete se l'abbiamo recensito. Se no, colmate la lacuna.

Buone letture.

Buone scritture.

 

 

 

Manda una recensione!

Hai letto un libro che ti è piaciuto e vuoi consigliarlo agli altri lettori? Questo è lo scopo del caffè letterario.
Manda la tua recensione all'indirizzo caffedegliatellani@libero.it e la troverai a breve pubblicata su questo blog.

 

Regole di convivenza

Cari lettori,

Questo non è un blog democratico. Tutti i vostri commenti passano prima dal nostro insindacabile giudizio e poi sostanzialmente verranno pubblicati così come sono, quindi attenti a ciò che scrivete e siate pronti a prendervene la responsabilità.

Non ci piacciono gli insulti e i messaggi offensivi. Ecco il perché del nostro intervento.

Ricordate soltanto che lo scopo di questo blog è un pacifico scambio di idee riguardo ad un buon libro da leggere.

Buona navigazione.

Gli Atellibrai.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Recensito dai lettori

Cercate i messaggi con questo titolo e troverete le recensioni che voi lettori ci avete inviato.

 

Mailing list Atellani

Per essere informato sugli eventi e sulle iniziative della libreria e del bookshop degli Atellani vai sul sito www.atellani.it  e clicca su "contatti". Troverai un box di iscrizione.

Sarai informato su ogni evento, presentazione, aperitivo in musica, mostra organizzata dagli Atellani, oltre e a prescindere dal Caffè letterario.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

cassetta2Paolinosonoiomqnfrgascarparibeppe.degioshara94Silvia.sottodaniela.sa77NAPY2GiusRubinogianluca10fjefflongonilorenz585censimentoNPgiusefili
 

Ultimi commenti

Cosa cambia? Nulla. E tutto.
Inviato da: cassetta2
il 02/01/2022 alle 11:37
 
Buongiorno
Inviato da: puzzle bubble
il 07/05/2012 alle 23:34
 
Straordinario post, interessante articolo, complementi....
Inviato da: prestiti pensionati
il 02/03/2012 alle 10:03
 
Interessante post, questi dettagli non devono restare...
Inviato da: inpdap prestiti
il 12/02/2012 alle 13:08
 
Grazie dell'articolo lo trovo molto interessante, a...
Inviato da: Enrica
il 23/01/2012 alle 13:23
 
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

 
« Recensito dai librai: Il...Recensito dai lettori: L... »

Recensito dai librai: Quello che veramente ami di Riccardo Arena

Post n°126 pubblicato il 16 Luglio 2008 da atellibrai

A Milano i fasci stavano in piazza San Babila e i compagni in piazza santo Stefano, a nemmeno due minuti a piedi di distanza, e se uno di loro faceva un passo falso nella zona nemica rischiava grosso. Oggi sembra pazzesco, allora non lo era affatto: perché in Italia gli anni settanta sono stati anche gli anni di una cruenta guerra tra bande, una guerra civile combattuta nello sprezzo del ridicolo e del pericolo per le strade e nelle scuole delle grandi città.

“Quello che veramente ami”, il primo romanzo del giornalista Riccardo Arena, racconta una storia possibile di quegli anni.

A Milano, nel tempo scandito dagli attentati e dalle morti inutili, Enrico detto Tunisi, fascio rugbista siciliano figlio di un libraio mutilato di guerra, si innamora di Monica, una compagna dell’autonomia di quelle che uccidere un fascista non è un reato. Gli amici, soprattutto quelli di lei, non sono tanto d’accordo, e la storia si complicherà pure perché Monica, perduta da una famiglia ricca e disastrata, prenderà una sbandata per le pistole. L’autore tradisce le proprie simpatie perché le due parti in causa politica non muovono con gli stessi pezzi: al papà di Enrico è affidata la questione morale e la sua libreria è uno splendido luogo di perdizione, mentre la mamma di Monica è una donna petulante e viziata. Però sono peccati veniali, perché il libro è davvero bello.

A stare all’osso sembra una variazione sul tema di Romeo e Giulietta e in sottofinale Enrico si comporta come Humphrey Bogart in Casablanca, ma non importa: pur andandoci allegramente a sbattere contro, Arena evita tutti i clichè dei due canovacci, e per nostra fortuna non ha paura di niente, nemmeno del più toccante fra i lieti finali. Dal suo libro esce un quadro d’epoca credibile, anche perché non approfitta del senno di poi per mettere addosso ai suoi personaggi parole e azioni troppo ragionevoli rispetto alle follie possibili allora. Merita una medaglia al valore, forse per la prima volta i protagonisti di un libro ambientato negli anni settanta nemmeno citano il Subbuteo.

Quello che veramente ami di Riccardo Arena, Dario Flaccovio Editore, Palermo 2008. 252 pagine, 13,50 euro.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/caffeletterario/trackback.php?msg=5085401

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento