VIVA LA VIDA

La vita è strana

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 
immagine
 
immagine
 

immagine

 

immagine

 
immagine
 
immagine
 

 

« Messaggio #124

Post N° 125

Post n°125 pubblicato il 03 Giugno 2008 da chobits83

Quando il cielo basso e greve pesa come un coperchio
Sullo spirito che geme in preda a lunghi affanni,
E versa abbracciando l'intero giro dell'orizzonte
Una luce diurna più triste della notte;

Quando la terra è trasformata in umida prigione,
Dove come un pipistrello la Speranza
Batte contro i muri con la sua timida ala
Picchiando la testa sui soffitti marcescenti;

Quando la pioggia distendendo le sue immense strisce
Imita le sbarre di un grande carcere
Ed un popolo muto di infami ragni
Tende le sue reti in fondo ai nostri cervelli,

Improvvisamente delle campane sbattono con furia
E lanciano verso il cielo un urlo orrendo
Simili a spiriti vaganti senza patria
Che si mettono a gemere ostinati

E lunghi trasporti funebri senza tamburi, senza bande
Sfilano lentamente nella mia anima vinta; la Speranza
Piange e l'atroce angoscia dispotica
Pianta sul mio cranio chinato il suo nero vessillo.

                                        [Charles Baudelaire "Spleen"]

Quand le ciel bas et lourd pèse comme un couvercle
Sur l'esprit gémissant en proie aux longs ennuis,
Et que de l'horizon embrassant tout le cercle
Il nous verse un jour noir plus triste que les nuits;

Quand la terre est changée en un cachot humide,
Où l'Espérance, comme une chauve-souris,
S'en va battant les murs de son aile timide
Et se cognant la tête à des plafonds pourris;

Quand la pluie étalant ses immenses traînées
D'une vaste prison imite les barreaux,
Et qu'un peuple muet d'infâmes araignées
Vient tendre ses filets au fond de nos cerveaux,

Des cloches tout à coup sautent avec furie
Et lancent vers le ciel un affreux hurlement,
Ainsi que des esprits errants et sans patrie
Qui se mettent à geindre opiniâtrément.

- Et de longs corbillards, sans tambours ni musique,
Défilent lentement dans mon âme; l'Espoir,
Vaincu, pleure, et l'Angoisse atroce, despotique,
Sur mon crâne incliné plante son drapeau noir.

                                    [Charles Baudelaire "Spleen"]

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: chobits83
Data di creazione: 13/06/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

silvia.parisottoannacerveariadifuocossb86letizia.murtascat.arpEssenzaDiSolitudinesaraenikyPaoloCocozzasimo.ste73piccolaemyalidifata_1983rondine_libera3ariannamalafrontesvetlana_love
 

ULTIMI COMMENTI

salve! bellissima immagine sposa l inerme speranza della...
Inviato da: comelunadinonsolopol
il 26/04/2009 alle 16:53
 
Crepi il lupo!!!!!grazie...smack!
Inviato da: chobits83
il 04/06/2008 alle 16:53
 
ciao patatina...si è arrivato tranquilla!! quando sarai...
Inviato da: seventina
il 04/06/2008 alle 11:19
 
e' sempre bello leggere baudelaire..una buona giornata
Inviato da: fox978
il 04/06/2008 alle 10:51
 
ciao patatina...
Inviato da: seventina
il 30/05/2008 alle 20:53
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
immagine
 
immagine 
 
immagine
 
immagine