Creato da complice_virtuale il 21/06/2009
Emozioni

Area personale

 

Ultime visite al Blog

anna14111959giuliocrugliano32Pisu90paololiuniManivuotosaradessoforestales1958anna1952bemmagiulylatino6921joseluistineohuamanprincy10vecchiacercatricedolcecat4
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

UNA VITA

Post n°12 pubblicato il 07 Agosto 2009 da complice_virtuale
Foto di complice_virtuale

Come si inizia un blog? Chi lo leggerà? A cosa serve?
Come migliaia di altri, ho deciso di aprire un blog. Perché?
Il titolo innanzitutto: casuale ma significativo.  Il protagonista del profilo Lele è un "sognatore, timido e solitario". Ma ora che il blog è iniziato, torniamo alle domande. Chi lo leggerà? A parte il sottoscritto... ovviamente... non so bene se e chi vorrà farmi compagnia in questo viaggio. Sono sinceramente curioso su questo punto. Infatti è facile scrivere un blog, ma in realtà ci sarà anche qualcuno che lo legge? Può darsi che alcuni lo scrivano per l'amante, o per gli amici... altri per informare, altri ancora forse solo per diffondere le loro idee più o meno strampalate. Probabilmente tutti cercheranno di diffondere il più possibile il loro indirizzo.
Io no.
Ho deciso di non diffonderlo direttamente. Se qualcuno transiterà di qui e si fermerà a leggere sarà per puro caso. E se lascerà un commento, sarò curioso di capire perché vorrà entrare in qualche modo (anche fuggevole) in contatto con me.
Ultima domanda per ora: a cosa serve? A me probabilmente per mettere in fila delle idee e rivederle nel monitor. Agli altri? Non so. Forse qualcuno si ritroverà nei miei pensieri, forse qualcuno non sarà d'accordo, forse sarà semplicemente indifferente. Ma la vita, quella reale non è forse così? Fatta di incontri casuali, di scambi momentanei, di indifferenza diffusa.
Bene... partiamo per questo viaggio. Dove ci porterà non sappiamo. tra qualche tempo, rileggendo questo primo messaggio, probabilmente sorriderò, della mia ingenuità nell'affidare i miei pensieri al vuoto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

folli

Post n°11 pubblicato il 23 Giugno 2009 da complice_virtuale
 
Foto di complice_virtuale

Non è necessario essere folli: ci sono molti altri modi per impazzire”. L’accettazione della realtà condivisa, ad esempio: è pazzia allo stato puro, e l’accettarla, il seguire le sue regole senza chiedersi nulla, diventa un utero materno nel quale rifugiarsi comodamente.
La comodità dell’irresponsabilità  ci ha alienati dal nostro “essere umani”.           

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

vivo

Post n°10 pubblicato il 23 Giugno 2009 da complice_virtuale
 
Foto di complice_virtuale

Vivo ora, qui, con la sensazione che l’universo è straordinario, che niente, mai ci succede per caso e che la vita è una continua scoperta.  Io sono particolarmente fortunato perché, ora più che mai, ogni giorno è davvero un altro giro di ruota .

 Dovrei  vivere più naturalmente, desiderare di meno, amare di più . Ora, bisogna sapere godere della vita in ogni attimo che mi rimane, osservando le nuvole con la stessa intensa consapevolezza della coscienza che si espande al di là del corpo, libero, senza legami  “Un lieto fine questo? E che cos’è lieto, in un fine? E perché tutte le storie ne debbono avere uno?

Guardo un filo d'erba al vento e mi sento come lui . L’unico vero maestro esiste dentro di noi.   

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IO SONO STATO

Post n°9 pubblicato il 22 Giugno 2009 da complice_virtuale
 
Foto di complice_virtuale

IO SONO STATO QUELLO CHE GLI ALTRI NON VOLEVANO ESSERE,
IO SONO ANDATO DOVE GLI ALTRI NON VOLEVANO ANDARE,
IO HO PORTATO A TERMINE QUELLO CHE GLI ALTRI NON VOLEVANO FARE,
IO NON HO PRETESO MAI NIENTE DA QUELLI CHE NON DAVANO MAI NULLA
HO VISTO IL VOLTO DEL TERRORE HO SENTITO IL FREDDO MORSO DELLA PAURA,
HO GIOITO PER IL DOLCE GUSTO DI UN MOMENTO D'AMORE,HO PIANTO, HO SOFFERTO
E HO SPERATO, MA PIU' DI TUTTO,IO HO VISSUTO QUEI MOMENTI CHE GLI ALTRI DICONO SIA MEGLIO DIMENTICARE.QUANDO GIUNGERA' LA MIA ORA AGLI ALTRI POTRO' DIRE CHE SONO ORGOGLIOSO PER TUTTO QUELLO CHE SONO STATO

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mi gira un pò la testa...no, è il mondo che gira!!!

Post n°8 pubblicato il 21 Giugno 2009 da complice_virtuale
 
Foto di complice_virtuale

A volte ho la sensazione di essere troppo veloce...mentre tutto il resto è fermo là...oppure è il contrario? Forse in realtà io sono fermo ed è tutto il resto che si muove supervelocissimamente, che cambia e invece io non cambio mai...Se ci sono categorie al mondo, io appartengo a quella dei sognatori, stupidi, sfigati e ipersensibili (paranoie!) che già prima di partire ha un grosso svantaggio...ma il bello è proprio superare quello svantaggio...che tanto poi ci si ritrova tutti all'arrivo...c'è solo qualcuno più stanco degli altri.Mia madre spesso mi dice che non posso inciampare in ogni sassolino, altrimenti me ne torno a casa con le scarpe tutte rotte...sarà per questo che ne compro in continuazione!
Sarà tutta colpa di quel maledetto vizio di voler sentire sempre col cuore anzichè con le orecchie...ma se il BuonDio ci ha dato le orecchie ci sarà pure un motivo...non sarà mica solo per l'otite!?
Sento che vorrei cambiarla!...ancora una volta?...o per la prima volta sul serio?
Sarà l'ennesima identica situazione...ma piano piano ti scopro sai?!?....E' inutile che continui a nasconderti negli angoli di me stesso che non vevo mai nemmeno intravisto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »