Blog
Un blog creato da avamposticulturali il 13/12/2006

Contro la Chiesa

Chi spara sulla Chiesa?

 
 

COSA VOGLIO FARE

immagine

Questo blog nasce da una considerazione: è giusto attaccare la Chiesa come si sta facendo nell’ultimo periodo? Perchè per gli italiani è così importante il giudizio della Chiesa quando poi le Chiese (scusate la cacofonia) la domenica sono deserte? Perchè si considera quello che è un indirizzo morale come un'ingerenza iniqua su sfere del tutto "laiche"?

Post: http://blog.libero.it/controchiesa/2026595.html

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

rosaeazzurro2007anf2annalisaespogiuliamerlaair67beautifulwitchcarmente89fabrizio.ghirardiniconsultorios.paolounoradilavoromare20100romanovincenzo123ppellegrini40tizia.fittiziachefab1
 

ULTIMI COMMENTI

SE I CREDULONI RAGIONASSERO CHE TUTTE LE RELIGIONI SONO...
Inviato da: romanovincenzo123
il 15/08/2017 alle 20:26
 
Egregio prof. sei l'unico in Italia a spiegare la...
Inviato da: romanovincenzo123
il 22/04/2017 alle 15:31
 
gioco molto bello
Inviato da: en güzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 21:24
 
thank you..
Inviato da: çok güzel oyunlar
il 19/11/2016 alle 21:03
 
thank you..
Inviato da: diyet
il 19/11/2016 alle 21:02
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Eutanasia o accanimento,... »

Chiesa cosa è e cosa può fare.

Post n°2 pubblicato il 14 Dicembre 2006 da avamposticulturali
 

immagineQuesto blog nasce da una considerazione: è giusto attaccare la Chiesa come si sta facendo nell’ultimo periodo? Perchè per gli italiani è così importante il giudizio della Chiesa quando poi le Chiese (scusate la cacofonia) la domenica sono deserte? Perchè si considera quello che è un indirizzo morale come un'ingerenza iniqua su sfere del tutto "laiche"?

 Mi presento: Sono un cattolico che da qualche tempo ha riscoperto la propria fede ed ha intrapreso un cammino di conversione. Cammino  ancora non definitivo ma, fatto sulla strada della croce. Il dolore le sofferenze se accettare con amore e considerate come il tempo migliore per ristabilire un contatto con Dio, sono l'unico metodo per incontrare l'amore e la carità. Se l'amore e la carità si condividono o si offrono ad altri, come ti sono state gratuitamente date, scopriremo cosa diceva Gesù quando parlava che era assetato, nudo, affamato ed è stato dissetato, vestito e sfamato.

 Torniamo ai quesiti, nessuno obbliga nessuno a credere in Dio e alla Chiesa. Nessuno obbliga nessuno quindi, se sei contrario a ciò che viene indicato ti basta dire semplicemente no grazie. Se da un amico ti offrono del caffé ma tu non lo gradisci cosa dici? Se poi la maggioranza degli italiani sono dei bigottoni senza libertà, mi dispiace ma, in democrazia, la maggioranza vince. Questo è il vero senso di civiltà.

 Altro discorso sono i saccenti “telemediatici” e i politici “saltafosse” che, non capendo nulla o meglio non parlando in maniera chiara e semplice (ossia non chiarendo cosa significano i termini usati per il contendere) fanno solo chiasso e confusione. Questi individui in primo luogo usano argomenti alti e sacri, per litigare; in secondo luogo non capiscono che chi li ascolta non capisce quasi nulla di quello che è stato detto. In poche parole c'è un divario grande come un oceano tra chi, crede di parlare (o blaterare), e chi li ascolta davanti la scatola magica. Il mio intento, che spero di sviluppare in seguito, è dire cosa un cattolico di strada pensa e confrontarmi in maniera civile, ossia non aggressiva o banale, con chi ha interesse. Soprattutto, una volta chiariti i termini del contendere, con chi la pensa in maniera diametralmente opposta alla mia a presto.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

NOTE VARIE

immagine“Verrà un tempo in cui dovremo fare delle scelte tra quello  che è giusto e quello che è facile”, così (o quasi) in Harry Potter nell’ultimo film.

La nostra società sta cambiando e probabilmente non in maniera giusta, forse in maniera facile. L’interesse collettivo si sta spostando dal bene comune e naturale (termine giurisprudenziale)  all’interesse unico dell’individuo.

 Leggi il post: http://blog.libero.it/controchiesa/2191139.html

Cosa è giusto e cosa è facile? Chi spara sulla Chiesa e perchè?

 

CHIARIAMO I TERMINI

             I dibattiti televisivi non hanno la capacità di chiarire i termini delle discussioni, noi telespettatori rimaniamo lì costretti a vedere individui che litigano con il pretesto di parlare di argomenti alti e sacri.

 I saccenti “telemediatici” e i politici “saltafosse” che, non capendo nulla o meglio non parlando in maniera chiara e semplice,  fanno solo chiasso e confusione.

C'è un divario grande come un oceano tra chi, crede di parlare (o blaterare), e chi li ascolta davanti la scatola magica.

            In questo blog intendo chiarire i termini del dibattito e, in maniera pacata, confrontarmi con chi la pensa in maniera totalmente diversa dalla mia.