Creato da dariofalzone il 03/05/2006
Blog - discussione di dario falzone

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

filippopipitoneannalisalimandrirobritagigi.gioiamaresa.alaimolottergsiopanormusdariofalzonecaffekassaroSdoppiamoCupidofrisic
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Palermo, approvato regol...9 febbraio 2006 »

PALERMO E BISERTA SI "STRINGONO LA MANO

Post n°2 pubblicato il 03 Maggio 2006 da dariofalzone

Chiesto dal vicesindaco di Palermo, Dario Falzone, l’ampliamento del protocollo d’intesa tra la capitale della Sicilia e Biserta

Un nuovo impulso al rapporto di amicizia e collaborazione fra le città di Palermo e Biserta. Ampliare il protocollo d’intesa già esistente tra le due municipalità per estendere ulteriormente le opportunità di tunisini e siciliani. I campi d’azione possono essere diversi: accordi in tema di tutela ambientale, in particolare lo smaltimento dei rifiuti
che oggi devono diventare risorsa, nel settore turistico-alberghiero e quello agroalimentare ed edilizio. È quanto ha annunciato a nome del sindaco Diego Cammarata, il vice sindaco Dario Falzone, a Biserta, il quale ha ribadito «quanto siano importanti e possano servire da stimolo le favorevoli condizioni fiscali cheil governo ha messo a punto per gli imprenditori stranieri che intendono investire in Tunisia. Non solo, le imprese palermitane,ha aggiunto Falzone, che vogliono espandersi aprendo ai mercati esteri, o anche all’interno
del territorio tunisino o negli stati vicini con i quali la Tunisia intrattiene particolari accordi sull’export hanno tutte le possibilità per farlo». L’Amministrazione comunale di Palermo, di concerto con il Coppem, ha pensato a tre ipotesi di protocollo d’intesa in questi settori che possono costituire una base da cui far partire un tavolo tecnico congiunto per definire in modo più dettagliato
l’ampliamento del patto d’amicizia tra Biserta e Palermo. Nell’ambito del settore turistico-alberghiero, sarebbepossibile inserire le opere d’arte delle due città in appositi link dei siti internet dei comuni di Palermo e Biserta, collegamenti che avrebbero il vantaggio di promuovere, a livello mondiale, il patrimonio artistico agli operatori turistici interessati a quest’area del Mediterraneo.
«La facilità di collegamento tra Palermo e la Tunisia, ha affermato Falzone
, consente di ipotizzare dei percorsi storici e turistici tra le due sponde, ed ancora la valorizzazione delle aree archeologiche, così come fatto in Sicilia,
potrebbe costituire un modello esportabile anche alla Tunisia, con il coinvolgimento della Sovrintendenza Beni archeologici di Palermo, dell’Istituto per lo studio dell’Africa romana
dell’Università di Palermo e degli analoghi organismi culturali tunisini». Ma sarebbe auspicabile anche la realizzazione di spazi culturali, centri multimediali
tunisino-arabi a Palermo e italiani in Tunisia per mettere in contatto i due mondi mediante la città che ha visto l’incontro di queste due civiltà. Le aziende di conservazione alimentare siciliane e tunisine, in particolare ittica, sono fra le migliori al mondo con gli standard igienico-qualitativi dei prodotti delle nostre industrie conserviere
sono altissimi, le regole imposte dall’UE sono tra le più severe al mondo e offrono massima tutela al consumatore. Quindi, nel settore agro-alimentare è possibile immaginare la creazione di aziende conserviere miste siciliano-tunisine di grande livello qualitativo capaci di sfruttare la materia ittica tunisina e agricola siciliana.
Fra gli obiettivi, c’è l’ipotesi di favorire la costituzione di società miste italo-tunisine
per favorire il miglioramento delle tecniche di costruzione, introducendo criteri antisismici, ma anche di migliore coibentazione degli edifici. Uno dei campi potrebbe essere
il settore degli infissi, sia di metallo che di legno, che utilizzano vetri isolanti.
«Le imprese siciliane in quest’ambito sono davvero all’avanguardia – ha sotto-lineato
Falzone – e una loro espansione nel mercato tunisino comporterebbe, di conseguenza, l’utilizzo di maestranze locali che verrebbero appositamente formate».
Non solo infissi, ma le aziende siciliane sono rinomate per la piastrellistica, la ceramica, la produzione di idrosanitari, l’export del marmo.
«Con l’arrivo dell’area di libero scambio nel Mediterraneo – ha detto Falzone – si assisterà ad un notevole incremento del transito delle merci tra
Europa e Africa e noi che siamo al centro di questo grande comprensorio economico
non possiamo perdere questa grande occasione».

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
lottergs
lottergs il 25/03/09 alle 04:59 via WEB
syphiloma, deutoplastic, generic levitra purchase somatagnosia, crocidismus, online pharmacy sale soma perforated, tiffany, best buy generic levitra online metamorphism, hemianencephaly, buy cheap generic cialis deoxyribose, lithobilic, buy generic cialis antiemetics, heterography, purchase levitra knee, osteoplasty, levitra from canada tetraphenylborate, stadium, mexican pharmacies levitra platycnaemic, stubby, 20mg levitra anacrotic, bioavailability, buy levitra vardenafil rhesus, plicotomy, buy cialis online ichthyotoxism, usurp, mexico levitra ataxiaphasia, cuspal, cheap levitra balanoglossus, ductular, levitra without a prescription polioviruses, subcartilaginous, buy generic levitra
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.