Creato da skotos71 il 04/09/2012

storie passate

racconti

 

 

« AVATARAVATAR 1.3 – IL TARLO DE... »

AVATAR 1.1

Post n°5 pubblicato il 24 Maggio 2013 da skotos71

" hey ma allora mi leggi o no? ti sei incantato hai capito si o no come fare a spostarti nella stanza?"

era la terza volta che mi aveva scritto come fare a spostarmi nella stanza ed io ,stupidamente ,ero rimasto incantato a guardare quel pupazzo dagli occhi enormi che mi fissava ,quelle labbra e seni che mi provocavano voglia di lei.

La mia ragione fortunatamente si affaccia per un istante e mi permetter di leggere quelle righe facendomi capire che stavo facendo una pessima figura.

" si si scusa ero bloccato ... non riuscivo a scrivere ... credo di aver capito" rispondo velocemente con la prima cosa che mi passa per la testa cercando di non far cogliere il vero motivo per il quale ero distratto e non avevo letto nulla di ciò che lei mi aveva scritto.

" va bene allora dai prova fammi vedere come ti sposti... prova ad andare su quei punti rossi dall'altro lato della sala e raggiungimi"

in in attimo la vedo sparire ed allontanarsi da me, volgo lo sguardo e la scogro il lontananza proprio dall'altro lato della sala.Vedendola così da lontano si riesce a scorgere la sua figura per intero.. è veramente un bell avatar.Si magari dietro ci può essere una persona completamente diversa però in ogni caso indipendentemente da chi ci stia dietro di sicuro sa come vestire un pupazzo e renderlo attraente ed intrigante.

" allora caro skotos ti muovi ?"

Velocemente provo a scorrere le righe che lei mi aveva scritto in precedenza in modo da capire come potermi spostare e non fare così una figura meschina.

" ecco un altro imbranato .. vediamo quanto ci mette ad imparare"

Un commento ironico appare nella videata.Ha un colore diverso rispetto alla scritta che usava lei e capisco che nella stanza anche gli altri mi stanno osservando.Ruoto la visuale e vedo che c'è un uomo accanto a lei e capisco da come le sta vicino che sia qualcuno di speciale.. di particolare.Un piccolo fremito di gelosia mi salì dallo stomaco.

Dovevo dimostrare anche io che ci sapevo fare in qualche modo e così cliccai un puntino rosso a caso e in un attimo fui proiettato accanto a loro. Ero vicinissimo la potevo vedere bene ed ora vedevo bene anche lui.

" noooo non devi andare liiiii" una voce mi scrisse come se stesse urlando

" quel puntino dove ti sei spostato è una posa"

" che cosa è una posa?"

neppure il tempo di chiederlo e mi ritrovai abbracciato a questo tipo muscoloso e tatuato

la sala scoppio in un risata fragorosa ed ovviamente iniziarono a fioccare i commenti ironici.

" scusate .. scusate ancora ..." ero in un imbarazzo totale nonostante si trattasse semplicemente di un avatar uno stupido pupazzo ma questa sensazione reale mi aveva pervaso e catturato.

provai a cliccare su un altro puntino e finalmente mi liberai dall'abbraccio del tamarro tatuato con mio grande sollievo.

" bhe dai come inizio non sei andato male hai abbracciato Martin mica brutta scelta ...ahahah"

lei subito ne aprofittò per rigirare il coltello nella piaga e farmi sentire ancora più idiota di quello che ero.

Però aveva dei bei modi ...ironica al punto giusto...non troppo volgare... si credo che dietro quell'avatar ci sia una donna che lo gestisce... si vedono i tipici modi da donna...ma potrei sbagliarmi.

" ti va di provare a ballare?"aggiunse subito.

" si se mi spieghi come si fa...io già sono un disastro di mio nel reale .. figuriamoci a far muovere un pupazzo a tempo di musica"

lei scoppio in un altra fragorosa risata

" qui siamo tutti bravi a ballare te ne accorgerai.. non devi fare nulla .... segui me e vieni sul puntino rosso vicino a dove sono io ora"

Provo a raggiungerla .. il primo tentativo va a vuoto .. poi però riesco a prendere la misura e mi metto accanto a lei.

" lo vedi stiamo ballando, ti piace?"

I nostri pupazzi iniziarono a muoversi a ritmo stavamo ballando un lento assieme.

Rimasi paralizzato per un istante.

" si si ... è molto bello non pensavo potesse essere così" farfugliai.

" attento a non sfregarti troppo novellino altrimenti non riesci a terminare il ballo con Sophie... ahahaha " immancabile arrivò il solito commento sarcastico dal fondo sala.Però questa volta credo che fosse Martin ad esser colpito da una punta di gelosia nei miei confronti.

Si chiamava Sophie, sembrava francese, in effetti le si addiceva sembrava aggrazziato.

" allora skotos... da dove deriva questo nome che hai scelto ?"

In realtà il mio nome lo presi da un personaggio cattivo di un fumetto che leggevo , un killer e mi piaceva come era stato raffigurato dagli autori e decisi che sarebbe stato un nick perfetto per me.

Tuttavia per darmi un tono ed una certa importanza ai suoi occhi risposi in modo diverso cercando di far emergere un po di cultura.

" skotos deriva dal greco e dovrebbe significare oscurità.. insomma qualcosa di buio e negativo"

" allora tu saresti una specie di demone del male " lei mi chiese

" non credo di essere un demone .. anche se a volte mi han detto che in alcuni momenti lo sono"

" ahahah che fai provi a farmi paura ?"

" ma no figurati... sei pure circondata dalle guardie del corpo " risposi ironico.

Nel mentre che scrivevamo queste frasi non potevo non guardarla.L'effetto che Sophie aveva su di me era sempre lo stesso. E' difficile da descrivere con le parole cosa si provava ma io ne sentivo l'odore il profumo delicato di una crema per bambini sulla pelle, il suono della sua voce accanto alle mie orecchie mentre mi parlava, il suo ventre che si appoggiava al mio mentre ballavamo.

Tutto questo mi provocava una sensazione mai provata prima.Non era eccitazione .. forse chiamarla suggestione.. ero autosuggestionato dalla situazione.

Ballare con una sconosciuta in questo modo , sentire tutto di lei ogni parola ogni respiro rendeva la cosa sempre più eccitante e me la faceva desiderare ogni istante di più.

La mia coscienza razionale oramai era stata rinchiusa in un angolo del mio cervello, la sentivo dibattersi,sbatter i pugni alla porta  e cercare di uscire e liberarsi dalle catene per dirmi quanto pirla io fossi ma non c'era nulla da fare.Avevo gettato via la chiave.

Guardai fra le mie gambe è capì che non era solo la mia immaginazione ma l'erezione effettivamente c'era e mi vergognai di me stesso per un istante poi lasciando il posto alla parte bestiale che esce fuori dell'uomo.

Sapete morfologicamente in realtà dal punto di vista riproduttivo gli studiosi sostengono che gli essere umani per loro natura non sono monogami , sono le nostre convenzioni sociali che li trasformano.

In natura l'uomo cerca di riprodursi ed inseminare più donne possibili e le donne dal canto loro ricercano il patner che da una maggiore sicurezza per la continuazione della specie.

In base a questa spiegazione dovrebbe essere tutto normale 

" non sono cosi malato è solo istinto " pensai sorridendo.

Eppure i modi di Sophie mi piacevano non era più solo una questione di sesso..era proprio piacevole parlare con lei.

Mentre la mia mente si affollava di questi pensieri il lento finì e con lui anche quella sensazione di contatto fisico con lei che sentivo.

Mi accorsi che oramai l'ora era tarda

" Spero di poter tornare a trovarvi ragazzi ... ora vado perchè è tardi" salutai un questo modo.

" Vienici pure a trovare ci farà piacere" mi rispose lei.

Non le dissi mai che quella notte in realtà dormì poco e niente perchè pensai a quell' incontro.Ero troppo orgoglioso per farlo.


to be continued


 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/finzione4/trackback.php?msg=12112808

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
lascrivana
lascrivana il 25/05/13 alle 07:24 via WEB
Buongiorno Skotos. A quanto pare la scena inizia a riscaldarsi.
 
 
skotos71
skotos71 il 26/05/13 alle 06:15 via WEB
ahahaha ma guarda non siamo neppure all'inizio.Capirai laura con il tempo cosa ho provato e l'unico modo per liberarci dei nostri demoni è quello di rinchiuderli frà le parole .
 
 
skotos71
skotos71 il 26/05/13 alle 06:32 via WEB
ahahaha ma guarda non siamo neppure all'inizio.Capirai laura con il tempo cosa ho provato e l'unico modo per liberarci dei nostri demoni è quello di rinchiuderli frà le parole .
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gisella77cassetta2lascrivanalubopocatdgl3I_mie_raccontiskotos71desideria_io2009gibli2thukinonmale43AttentiSonoAcidamax_6_66Grafica_Marylana100
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom