associazioneganesh

associazione umanitaria senza profitto

Creato da associazioneganesh il 03/11/2008

regali

stazione

ogni regalo solidale contribuisce ai progetti GANESH. ci sono regali per tutti i gusti e tutte le tasche.
all'amica o amico al quale avrai dedicato il regalo da te scelto, sarà inviato un 
certificato che spiegherà il gesto di generosità che hai voluto compiere a suo nome.come devo procedere all'acquisto dei regali?scegli il regalo che ti piace di più o ritieni più adatto alla persona alla quale lo vuoi dedicare. mandaci una mail con la tua richiesta ed eventuale commento;  in questo modo il tuo ordine sarà registrato.
per renderlo effettivo dovrai procedere al pagamento tramite bonifico bancario e inviarci la ricevuta sempre tramite mail. 
IBAN:  

IT54Q0335901600

100000110538

 

 

il 17/09/2010 abbiamo effettuato
un accredito di 200 euro grazie
all'interessamento di marilena,
alfredo,
stefano, anna e vincenzo. 
ancora un grosso grazie.

quello di giugno, è stato un mese
davvero generoso. un grosso grazie
a maria e roberto, che anche questo
anno ci seguiranno per le strade del
mondo: quello dell'altra parte. 



 

 


 

 

 

 

 

regali: barca con bambini

stampa professionale su carta fotografica

30x55 cm  15 euro
40x73 cm  25 euro
50x92 cm  35 euro

 

 

 

regali: famigliola

stampa professionale su carta fotografica

30x60 cm    15 euro
40x80 cm    25 euro
50x100 cm  35 euro 

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« mostra fotograficainterventi di cataratta »

madurai

Post n°37 pubblicato il 01 Ottobre 2013 da associazioneganesh
 

soccorso ai diseredati

 

negli ultimi mesi, abbiamo letto e scritto di due associazioni che, in india,
s'impegnano nella cura psico-fisica di ragazzi, mamme ed anziani indifesi.
sorrisi di bombay voluta da un giovane spagnolo che ha conosciuto gli
aspetti più devastanti della vita nelle baraccopoli della zona nord di
mumbai, educa e cura bambini che, altrimenti, avrebbero la sola strada del
"vagabondare" alla ricerca di materiale di riciclo da rivendere. la ong aiuta
anche le madri verso una consapevolezza di possibili attività e diritti umani.
akshaya trust , aiuta gli indifesi di madurai, nel tamil nadu, sud dell'india, in
un centro fuori città, dove vi sono più di 400 diseredati, tra giovani ed anziani
con gravi problemi psico-fisici. tutta gente che ha solo la strada e il
marciapiede e nessuna possibilità di mangiare ed eventualmente di curarsi.
nella casa voluta da narayanan krishnan, infermieri e medici curano le
malattie più comuni, come ferite infette, tubercolosi, lebbra, ma anche casi
più gravi. la vita di grossi stenti che questa gente è obbligata a sopportare,
può portare ad uno squilibrio psichico non indifferente. mangiare, poter
dormire in una vera casa, riposarsi e essere curati, poter rendersi conto
di un mondo sicuramente diverso da quello calpestato ogni giorno e
traguardato dall'altezza di cumuli di fetida poltiglia, è straordinarietà per
moltissimi indiani. e non per arrendevolezza! il centro offre stanze per
dormire e riposare; infermerie per essere curati; cucina e mensa per
cominciare a sostenersi fisicamente, dove gli stessi ospitati sono
aiutati a prepararsi da mangiare; ambulanza con personale addetto per
i pronti interventi on the road; personale locale che aiuta gli ospitati a
cominciare attività che potrebbero risultare utili quando sono pronti a
ritornare per strada; una struttura praticamente autosufficiente,
producendo energia elettrica e potabilizzando acqua piovana e di pozzo.
visto questo grosso impegno in un lavoro più che meritevole e la costruzione
di una nuova ala per alleggerire i dormitori già esistenti, siamo stati
tranquilli nel lasciare un contributo per il futuro dell'opera del "cuoco di madurai".
altre associazioni, altre persone impegnate in un lavoro umanitario in aree
continuamente compresse dagli appetiti insani di una esigenza inumana 
e dannosamente superflua. delhi, calcutta, varanasi, bangalore o mysore,
all'interno come sulla costa; bambini, anziani, madri e ragazzi spinti
negli strati più "intoccabili" di uno scenario cosmicamente regolato da
milioni di entità necessarie a spiegare l'esistenza della maggior parte
degli esseri di questo sub continente dalla vita variegatamente inusuale.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ganesh/trackback.php?msg=12388223

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
alive_2012
alive_2012 il 11/12/13 alle 08:44 via WEB
Buongiorno un bacione grande per una felicissima giornata!!!:)
 
 
associazioneganesh
associazioneganesh il 16/12/13 alle 14:52 via WEB
ti ringraziamo molto, una vita felice a te!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

intenti

l'associazione, nata nel 2008, s'impegna ad aiutare ragazzi di strada e anziani soli che vivono per strada, sui marciapiedi, senza nessuno vicino. in india, essere soli, significa essere abbandonati a sé stessi; significa non avere nessuno o qualcosa che possa intervenire in caso di bisogno. senza soldi, senza assistenza sanitaria e sociale. niente, meno di niente. un incidente, una ferita, una malattia ed ecco che la situazione diventa drammatica; non è come in italia, dove un povero può incamminarsi verso una mensa per indigenti o verso un ospedale per ricevere delle cure necessarie. in india, anche solo una ferita, un male che sarebbe curabilissimo al suo insorgere, senza intervento portano la persona sfortunata ad un peggioramento dello stato psico-fisico a volte difficile, se non impossibile da debellare.
bambini scappati di "casa" dove non c'è più neanche un chicco di riso per loro; in giro per le periferie e anche per i centri di ogni città, con un braccio sullo stomaco a fermare i morsi della fame e con l'altro a cercare qualcosa che abbia un aspetto vago di commestibile, frugando ai lati della strada e tra cumuli di immondizia. la notte a cercare un cartone o uno straccio su cui appoggiare il proprio corpo sfinito; spesso, bisogna arrampicarsi sulle lamiere di qualche edificio, di una stazione, per non essere acchiappati e bastonati da poliziotti incredibilmente avversi ad una stentata esistenza fuori da ogni immaginario. al mattino e già stanchi morti sui grossi sacchi di juta pieni di plastica raccolta di notte e di giorno, frugando e scavando ogni dove, pur di vendere un pò di chili di questo materiale riciclabile.
ragazzi ed anziani, distesi e doloranti, impossibilitati a spostarsi, intenti a staccare una ad una le pulci da una barba ispida da mesi di cure impossibili. piegati su sé stessi, figli di un dio distratto, senza riuscire ad approfittare nemmeno di un offerto cartoccio con verdure e lenticchie.

 

mai e poi mai...

 

una storia speciale

 

regali: kovalam

stampa professionale su carta professionale

30x45 cm  13 euro
40x60 cm  20 euro
50x75 cm  30 euro 

ritirare la barca

 

regali: anjuna

 

Stampa professionale su carta fotografica

30x54 cm  15 euro
40x72 cm  25 euro
50x90 cm  35 euro

 

stato di goa

 

regali: spiaggetta

 

Stampa professionale su carta fotografica

20x46 cm  12 euro
30x69 cm  20 euro
40x92 cm  30 euro

 

palolem

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

associazioneganeshdark_angel150NoRiKo564cile54oscardellestelleletizia_arcurilacky.procinoSky_EagleLisa20141cassetta2les_mots_de_sabledanielasgambellurimgf70a_solitary_manElemento.Scostante
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom