Freedom

di tutto e di più, sul mondo che ci circonda, il nostro passato, il nostro futuro, le incertezze e le paure del nostro tempo, ma anche le gioie e le soddisfazioni del nostro vivere quotidiano!

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

PILLOLE DI MUSICA

Un consiglio disinteressato:

- Leaves' Eyes: "Vinland Saga", 2005

- Gato Barbieri: "Qué pasa", 1997

- Vaughan William: "Orchestral Works",
DECCA, 1957-1994, 2CDS

- Pat Metheny: "A Map of the world"
Warner bross, 1999

- Sting: "Songs from the Labyrinth"
Umg, 2006

- Janet Harbison & Clarsheree:
  "Feasting with Carolan" 1995

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

checavuoichescrivaferrariorettapsicologiaforensefatalmindOgmengossipcoccinellamargherita.22farfallanarranteeupatorium19modusvivendioperandivaivai7tout.dans.une.appareunagoccia1972Writer_lady
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« non ti scordar di me.....Salve »

Alcuni giorni dopo il Terremoto! Un reportage dall'Aquila!

Post n°75 pubblicato il 15 Maggio 2009 da Ogmen
 
Foto di Ogmen

Salve a tutti gli amici,
h. 20,00 del 10 aprile 2009.
Appena tornato da L'Aquila. Sono stato diverse ore nel capoluogo abruzzese
sconvolto dal sisma. Sono partito ad h.14,00 in compagnia di una mia grande amica...non so quali siano stati  i suoi sentimenti che l'hanno indotta a seguirmi verso la città delle 99 chiese, ma credo che in comune avevamo la voglia di vedere con i  nostri occhi le persone, la città e cercare gli amici che qui vivono. Non ho incontrato difficoltà per raggiungerla, l'autostrada è agibile fino all'uscita di Aquila Ovest provenendo da Roma oppure da Avezzano. All'arrivo chiedevo fin dove si potesse arrivare con la macchina. La zona periferica mi è apparsa addormetata, adagiata come un paziente in procinto di essere operato. Solo il passaggio dei convogli della protezione civile, dell'esercito e dei vigili del fuoco rompeva quel silenzio vuoto e pieno di sofferenza. A piedi siamo arrivati ad una delle prime tendopoli, quella di Piazza d'Armi. L'ingresso era ancora assediato da giornlisti di diverse tv straniere per via dei funerali di stato celebrati durante la mattinata, poi entrando, ho potuto vedere come gli uomini della protezione civile avevano predisposto tutto l'apparato per far fronte ai disagi delle popolazioni colpite. Camminando lungo la strada che conduce a Piazza d'Armi, potevo osservare diversi palazzi di recente costruzione che mostravano un elemento in comune: il secondo piano di essi era praticmante rimasto senza mura, sventrato, aperto mentre il primo e gli altri piani superiori sembravano rimasti apparentemente intatti o quasi.
Dopo mi sono recato alla tendopoli del Globo, zona nord della città. Qui abbiamo salutato, fortunatamente alcuni nostri amici. Siamo entrati nelle loro tende e ho constato direttamente che vi è un gran senso di sofferenza pacata, non rassegnazione ma voglia di ricominciare. In questo campo ho visto in azione i volontari della protezione civile regione Lombardia affiancati dall'esercito e da altre associazioni locali. Devo dire che l'allestimento del campo è perfetto. I materiali che ho visto sono praticamente nuovi, ritengo grosso lo sforzo e l'aiuto delle forze militari. Nel frattempo una scossa faceva tremare la terra...ma era sopportabile! Successivamente siamo andati al campo allestito presso il centro sportivo Centi Colella. Abbiamo parlato con una nostra amica la quale presta volontariato proprio nella segreteria della tendopoli. Ci ha raccontato le fasi più salienti del dopo terremoto e dei disagi affrontati da lei e dalle popolazioni colpite. A suo parere sembra che la prima fase, quella del primo soccorso e del  dove dormire sia quasi  superata, emerge invece, quella difficile, di abituarsi alla vita da campo con le difficoltà legate ai servizi igienici, alla forte escurzione termica tra giorno e notte e la convivenza fra molte persone in un luogo relativamente ristretto! Con l'aiuto di questa amica ho provato a cercare, fra l'elenco del campo, alcuni miei amici ma invano. Mi spiagava che i nominativi ancora non sono in rete con gli altri sette campi allestiti e che avrei dovuto attendere ancora qualche giorno! Nel frattempo una nuova scossa di terremoto turbava la nostra conversazione...questa è stata abbastanza nitida e accompagnata da un cupo boato! Pioveva quando si ripartiva da l'Aquila con molta tristezza ma anche con la speranza che ancora una volta gli abruzzesi ce l'avrebbero fatta a risollevarsi per andare avanti!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Ogmen
Data di creazione: 04/02/2006
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

PENSIERI NEL VENTO

- Raramente al di la dei gesti...quasi sempre non oltre le parole! Ogmen

- Una tomba senza nome è come un mondo senza musica - Ogmen '02

- A batter le mani,sappiamo il suono delle due mani insieme.
   Ma qual'è il suono di una
sola mano ?  Un "koan" Zen

- Every great love begins with a kiss!

- Solo gli stolti sognano la sola cosa che non potranno mai avere...! King Arthur
 

UN LIBRO DA LEGGERE

- Baricco Alessandro, I Barbari saggio sulla mutazione, 2006 (attualità)
- William Buttler Yeats, Fiabe Irlandesi, 1892, ed.Einaudi 1981.
- Roddy Doyle, Una Stella di nome Henry, 1935
-
J. Austen, Northanger Abbey, 1818 (per gli amanti del gotico)
- Virginia Woolf, Mrs Dollaway, 1925 (per gli amanti de "Stream of Consciousness")
- Jack White, La Stirpe dell'Aquila, (Eagles' Brood), (fantasy su basi storiche).
 

UN FILM DA VEDERE!

- Match Point
2005, regia di Woody Allen
con l'affascinante Scarlett Johansson
e attenzione al finale a sorpresa...


- Il Vento che Accarezza l'Erba
(titolo originale:
The wind that shakes
the Barley).
Irlanda, rovoluzione del 1920, un
tassello di storia del 900 che
non tutti conoscono!
regia di Ken Loach
 

IL SENSO DELLE IMMAGINI


immagine

immagine
immagine

immagine

immagine

immagine