Creato da Stra2005 il 24/10/2005
Metti una penna in mano al tuo cuore

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

Leti66Stra2005kiku0cinzia63Sibilantebagninosalinarojola2010fataneradglmanu.rossanasupercevifdlumunamamma1katiaguerraanna.rug
 

Ultimi commenti

sei fermo da quattro anni.... non ti vuoi risvegliare????...
Inviato da: cinzia63
il 29/08/2014 alle 15:05
 
Ma ancora esisti??? MAH!!!
Inviato da: Leti66
il 08/07/2009 alle 12:49
 
baci
Inviato da: smcri
il 19/05/2009 alle 16:30
 
tarpon, infundibulum, cheap levitra site gyromancy,...
Inviato da: volandfarm
il 25/03/2009 alle 08:12
 
wainscot, pinworm, cheap levitra online semiography,...
Inviato da: volandfarm
il 25/03/2009 alle 07:50
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« L'ALTRO GIORNO IN BICICLETTALA SEMPLICITA' PERDUTA »

IL CORAGGIO DI...

Post n°34 pubblicato il 05 Luglio 2006 da Stra2005

Ancor prima di entrare assaporo i profumi dalla strada... Subito un flash-back di molti anni; bambino, arrivavo di soppiatto sino al grande tavolo al centro della stanza e via a rubar le cose buone dal piatto. Avevano un gusto particolare, erano il frutto del mio coraggio, e poi sapevo che mamma non mi avrebbe mai brontolato per quei biscotti. Quando ne sento il profumo mi guardo intorno e vedo quante cose son cambiate, son cambiato anch'io, ma l'emozione ed il ricordo di quei giorni è davvero ancora tanta. Sono legato ai quei posti... Appena dentro mi avvolge una sottile cortina di fumo che giocando con il riverbero del sole crea strani disegni, vecchi libri sugli scaffali, un bicchiere di vino sul tavolo, ormai anch'esso pieno di rughe. Attira la mia attenzione un gridolino di una bambina, metto la testa fuori come dal finestrino di un treno in corsa. La riconosco, o meglio, riconosco quei tratti somatici; è la figlia di Elisabetta, il mio primo grande amore, ed ha sul volto il sorriso della sua mamma... Torno indietro col pensiero, un rewind molto amaro, segni di vita che hanno solcato il mio corpo. I suoi occhi mi fissano, le sorrido, forse capisce che poteva nascere un legame forte tra me e lei. Le accarezzo i capelli ed il ricordo di Betta è li con me... Saluta la mamma, mi raccomando - perchè la conosci? - rispondo di no, mi son son sbagliato, scusa... Più facile rubare quei biscotti... E torno dentro, per terminare il mio bicchiere...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog