Blog
Un blog creato da racall il 12/05/2007

Go with the flow

Il blog-fan club di Giovanni Allevi

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

FAN DI ALLEVI NEL MONDO...

Locations of visitors to this page

 

 

« Allevi: «Basta piano sol...A.A.A. Cercasi Redattori »

Intervista sul quotidiano "La stampa"

Post n°11 pubblicato il 26 Ottobre 2007 da racmad

ALLEVI: "Non sono figlio di Spike Lee"
Il musicista-divo a colloquio coi lettori della "Stampa"
BRUNO RUFFILI
TORINO
E'all’ottavo posto tra i dischi più venduti in Italia con un doppio album per piano solo, AlleviLive, ma ha in programma alcuni concerti accompagnato dalla Camerata dei Berliner Philharmoniker. Per Giovanni Allevi, 38 anni e quattro dischi, è lontano il tempo in cui si travestì da cameriere per incontrare Riccardo Muti e fargli ascoltare il suo primo album (il racconto, assai divertente, è sul suo sito
www.giovanniallevi.it).

Ieri Allevi ha partecipato a una videochat nello studio della Stampa.it, rispondendo alle domande che i lettori gli hanno inviato attraverso il nostro sito e quello di Bol.it.

Il primo disco del pianista ascolano è uscito per la Soleluna di Jovanotti, ma il successo è arrivato con lo spot di Spike Lee per la Bmw (e quello più recente per la Fiat). A chi - chiede Jordy - sente di dover dire grazie? «Io - spiega Allevi - ringrazierei le persone comuni perché sono loro che mi hanno preso per mano e portato al successo».

Più critico Marco, musicista: «Immagino che tu sappia quanti pianisti in Italia sono più dotati e talentuosi di te, ma non godono della stessa fama. Non hai nessun moto di coscienza nel sentire critici e giornalisti definirti un genio del pianoforte»? «Se ripenso ai sacrifici che ho dovuto fare, continuo a sentirmi un miracolato, ma il mio sforzo l'ho fatto». Non si scompone Allevi, e ricorda i lunghi anni al Conservatorio: «Studiare musica è durissimo. Bisogna stringere i denti, le soddisfazione, semmai, arrivano dopo».

Una domanda curiosa arriva da un fan russo: «Nasce prima l'idea oppure a un certo pezzo viene poi assegnato un nome? Qual è il legame tra i brani e i loro titoli? E qui Allevi, laureato in filosofia, la butta sul mistico: «La musica viene a trovarmi, invade la mia mente finché non l'ho scritta tutta fino all'ultima nota ed è allora che mi arriva anche il titolo». Ricade sulla terra per rispondere ad una domanda sul suo rapporto col web e parlare della sua pagina su Myspace: «Internet ha dato spazio a tanti compositori che una volta sarebbe rimasti sconosciuti». Forse anche a lui.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/gowiththeflow/trackback.php?msg=3484134

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 

ARIA, IL BRANO INEDITO DI ALLEVILIVE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

NEWYORKER205davidbriaBaronediMunchhausenGiulia.Yvescarisma76LookingForAngelkiaraluna1975racmadanimaedanzaCapt_Hornblowerfranzminiaturezbtpsicologiaforense
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.