Creato da gruppoalidaquila il 25/02/2010

Ali d'aquila

persone cristiane lesbiche, gay, bisessuali, transessuali di Palermo

 

 

« «Dove andrai tu, andrò a...Vicariato di Roma: «Non ... »

Michele De Paolis, Foggia: «Dicono: "omosessuali sì, ma non devono amarsi!" E' la massima ipocrisia!»

Foto di gruppoalidaquila

Testimonianze di fede.

Da un'intervista di Lidia Borghi, gruppo Bethel di Genova, 19 maggio 2011

Un prete e un padre

Il gruppo AGeDO di Foggia nacque nel 2010 e venne fondato da Gabriele Scalfarotto, da p. Dino D'Aloia e da p. Michele De Paolis, l'uno creatore di Casa Eirene, un centro d'accoglienza per persone disadattate, l'altro storico ideatore ed instancabile animatore della Comunità Emmaus di Foggia: «Don Michele e don Dino, due preti scomodi. - sono parole di Gabriele - Amati dai più umili. Circondati da emarginati dignitosi e da volontari, si sono subito resi disponibili a sostenere questo ateo rispettoso (Gabriele. N. d.a.), intento in una dura battaglia sui diritti del popolo LGBT e con lui a combatterla e a vincerla».
P. Michele, classe 1921, ha risorse inesauribili: veste sportivo, gestisce con dimestichezza il PC, la posta elettronica e il Web, ha un profilo su Facebook e la sua prosa è snella e scorrevole.
Senza arzigogoli o giri di parole va dritto al punto:
«Oggi l'atteggiamento della Chiesa (cattolica romana, ndr) nei confronti degli omosessuali è severo, disumano e crea tanta sofferenza, affermando che l'omosessualità è peccato. (...) Alcune persone di chiesa dicono: "Va bene essere omosessuali, ma non debbono avere rapporti, non possono amarsi!" È la massima ipocrisia. È come dire a una pianta che cresce: "Tu non devi fiorire, non devi dar frutto!". Questo sì, è contro natura!»
Don Michele è strenuo fautore della necessità di estirpare i pregiudizi dalle menti e dai cuori delle tante persone che incontra sulla sua strada di prete.
A lui sembra il meno che possa fare chi mette ogni giorno in pratica il Vangelo, laico o religioso che sia.

--------------

dal sito dell'Agedo di Foggia, maggio 2011

Nella chiesa di Dio non sono tutti malati di omofobia
Riflessioni di don Michele De Paolis

Mettiamoci nei panni di un ragazzo o una ragazza che si scoprono omosessuali.
Magari hanno già vissuto l'amara esperienza del rigetto e dello scherno del gruppo dei propri compagni.
Tuttavia sentono forte in sé un anelito di vita spirituale, un desiderio di conoscere meglio Gesù e il Vangelo, ma si scontrano col muro di gomma di preti o persone religiose, che li respingono, considerando la loro situazione come "peccato" o "contro natura". Che fare?
Consiglierei a questi giovani amici di farsi coraggio, perché non tutti, nella santa chiesa di Dio (ndr, cattolica romana), sono malati di omofobia.
Non è vero che siete in peccato, perché Dio vi ama ed è Lui che ha messo in voi questa tendenza; è un suo dono. Questa è la vostra "natura", che va accettata e rispettata. Voi non siete malati; non dovete "guarire" da questa tendenza.
Il voler fare di voi un "etero sessuale" sarebbe spingervi a qualcosa "contro natura" e diverreste degli psicopatici infelici. Dobbiamo metterci in testa che Dio nostro Padre vuole che noi, i suoi figli, siamo felici, cresciamo nella gioia, facendo fruttare tutti i doni che Lui ha messo nella nostra "natura"!
Dio vuole che voi facciate crescere la vostra persona con una rete di relazioni improntate all'amore vero, all' "agape", cioè all'amore come dono gioioso.
Avete il diritto di cercare un partner che condivida con voi relazioni di questa qualità. E state tranquilli: dove c'è "agape", c'è Dio. Vivete con gioia l'amore.
E dobbiamo aver pazienza con nostra Madre Chiesa (cattolica romana, NdR). Il suo atteggiamento nei confronti degli omosessuali cambierà. Già nascono numerose iniziative in questo senso.
In Italia, i gruppi di omosessuali cristiani hanno
contatti occasionali con le diocesi, improntati di norma alla cordialità. Talvolta, il vescovo locale nomina un responsabile diocesano per questo tipo di dialogo.
Ad esempio, a Torino, i delegati diocesani per il dialogo con i gruppi di credenti omosessuali sono don Walter Danna e don Ermis Segatti.
A Torino è stato recentemente costituito un Centro di documentazione su fede e omosessualità intitolato a Ferruccio Castellano.
Altri gruppi hanno instaurato collaborazioni con le diocesi.
Questo approccio è stato riaffermato dallo stesso presidente della CEI caDePaolisrdinale Angelo Bagnasco, quando, a proposito delle persone omosessuali, ha dichiarato che la Chiesa opera con
"lo spirito e la prassi di totale e cordiale accoglienza verso tutte le persone".
Gli incontri dei gruppi si svolgono generalmente in due parti. Nella prima viene presentato un tema biblico al quale segue una discussione basata sulle esperienze personali. Nella seconda parte si prega insieme. A Emmaus nessuno viene respinto o allontanato dalla comunione con Gesù.
Pace e gioia.
D. Michele De Paolis, Comunità Emmaus di Foggia

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

CONTATTA IL GRUPPO:

"quanti sperano nel Signore riacquistano forza, mettono ali come aquile" (Isaia 40,31)

Gruppo

Chiesa San Francesco Saverio 

piazza San Francesco Saverio all'Albergheria PALERMO

TELEFONO : 3297825873

m@il: alidaquilapmo@gmail.com

 

CRISTIANI OMOSESSUALI

prima parte:

seconda parte:

testimonianza di Mauro Vaiani, cristiano omosessuale:

 

VANGELO E OMOSESSUALITA'

intervista a Padre Alberto Maggi, O.S.M. su Chiesa, Vangelo e Omosessualità:

intervista a Pasquale Quaranta, giornatista e cristiano omosessuale:

 

BIBLIOGRAFIA

L'omosessualità nella Bibbia

Bibbia e Omosessualità

L'omosessualità nella Bibbia e nell'Antico Vicino Oriente

Anime Gay

Fede e Omosessualità

Omosessualità e Vangelo

Omosessualità

Persone Omosessuali

Alle porte di Sion

Le mani del vasaio

 

I MIEI BLOG AMICI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

TESTI VEGLIE OMOFOBIA:

Testi Veglie contro l'omofobia

Veglia (PDF) 2009

Veglia (PDF) 2010

Veglia (PDF) 2011

 

VEGLIA DI PREGHIERA 2009

"Chi ha paura non è perfetto nell'amore" (1 Gv. 4,18)

incontro Ecumenico di Preghiera per le vittime dell'omofobia

17 maggio 2009

VEGLIA DI PREGHIERA 2011

“Dio ha insegnato a non chiamar profano o impuro alcun uomo” (Atti 10,28)

La Curia di Palermo vieta la veglia

12 maggio 2011

 

SICILIAPRIDE 2009 DI CATANIA

Il Gruppo Ali d'Aquila lesbiche e gay di Palermo, sfidando la paura e il pregiudizio, ha partecipato al SiciliaPride 2009 di Catania. Perchè, "chi ha paura non è perfetto nell'amore" (1 Giovanni 4,18).

chi ha paura non è perfetto nell'amore

40 anni dai Moti di Stonewall

4 luglio 2009

 

PALERMO - STOP OMOFOBIA

La vera malattia è l'omofobia!

per una legge contro l'omofobia, per la libertà di tutti e tutte, per amare senza paura

18 settembre 2009

 

PALERMO PRIDE 2011 - 2012

Il Gruppo Ali d'Aquila, lesbiche e gay cristiani ha partecipato al Palermo Pride del 21 maggio 2011

Il Gruppo Ali d'Aquila al Palermo Pride 2011 con il lenzuolo "storico"

Gruppo Ali d'Aquila al Palermo Pride 2011

Il Gruppo Ali d'Aquila al Palermo Pride 2012 con il nuovo striscione:

Gruppo Ali d'Aquila al Palermo Pride 2012

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

blicromanovincenzo37giommy2012nicla_64federico.perattimassimomagnodancut5barbara.boccuzzimariac3frankopygruppoalidaquilasilvia_cuneoumiko_85sciampista1davide.valenti.unipa
 

ULTIMI COMMENTI

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

CONTATORE

Web stats powered by www.clubstat.com

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.