**TEST**
Creato da ibisco9 il 05/08/2007
sono io

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

lucilachinino.graziellaagaverossa2chiarina.2008ellaessapacha210ezio.fantinavighetortempobiondo300finisterraNellywoodmezzosigaro1desantisotiLucreziaSorgona
 

Ultimi commenti

Ciao Eugenio, sono passata a rileggere qualcosa che mi...
Inviato da: Wilma
il 29/06/2015 alle 10:23
 
Buon compleanno carissimo, lassù fra le stelle ti giunga il...
Inviato da: ellaessa
il 28/07/2014 alle 21:26
 
Carissimo, ho deciso: quando avrò una casetta tutta mia,...
Inviato da: Orsetta
il 03/05/2014 alle 22:28
 
Sembra ieri....sono gia' passati due anni.....ti...
Inviato da: wilma
il 27/04/2014 alle 20:15
 
Ciao Mariella! Ti ringrazio, sei sempre gentilissima. Beh,...
Inviato da: Orsetta
il 14/02/2014 alle 23:40
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« atrici risiamo »

il naufragio

Post n°1062 pubblicato il 17 Gennaio 2012 da ibisco9

 

Eravamo allegri quel giorno sulla mia "tre metri".Il cielo azzurro e il mare calmo facevano presagire una bella giornata.  Infatti a due miglia da Porto San Paolo, il motore, che fino allora aveva ruggito felice, si ammosciò all'improvviso, e borbottando sommessamente, ci lasciò nella più cupa disperazione.  La costa non era lontana, e un pescatore pietoso ci trainò fino a riva. Dopo quattro ore di attesa sotto il sole cocente, arrivò il vecchietto che si portò il motore in officina, lasciandoci muti e senza soldi.  Bravi amici ci portarono a casa.  Il giorno seguente invitiamo i nostri amici al rito del trionfale rientro.  Io e il mio amico a bordo. Sua moglie e la mia a riva con i fazzoletti d'addio.  Purtroppo l'elica si impiglia in una cima, la barca fa acqua, e , in breve, io e il mio amico saltiamo in acqua vestiti per il viaggio.  Sulla riva le donne urlanti, il vecchietto che impartiva ordini gesticolando come un matto, e un pubblico divertito per la scena, a dire il vero, meno tragica di quella del Titanic.  La barca sembrava una vasca da bagno, ove galleggiavano il serbatoio e le borse degli accessori. Il mio Colibrì, che non mi aveva mai deluso, giaceva sul fondo, muto.  Le povere mogli, sulla spiaggia, passarono dal pianto al riso irresistibile, con le conseguenti perdite che avvengono in questi casi specifici. Possiamo chiudere il sipario sui personaggi in questione, che sventolano al sole di Sardegna i documenti personali e le banconote bagnate nel naufragio, oltre all'intimo succitato.     Clap,clap,clap!  Dimenticavo.   Era uscito il tappo del doppio fondo, o forse qualcuno  l'aveva tolto, imbarcando duecento litri di acqua.

-------------------

eugen

-------------------

 

  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ibisco9/trackback.php?msg=10986601

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento