**TEST**
Creato da ibisco9 il 05/08/2007
sono io

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

lucilachinino.graziellaagaverossa2chiarina.2008ellaessapacha210ezio.fantinavighetortempobiondo300finisterraNellywoodmezzosigaro1desantisotiLucreziaSorgona
 

Ultimi commenti

Ciao Eugenio, sono passata a rileggere qualcosa che mi...
Inviato da: Wilma
il 29/06/2015 alle 10:23
 
Buon compleanno carissimo, lassù fra le stelle ti giunga il...
Inviato da: ellaessa
il 28/07/2014 alle 21:26
 
Carissimo, ho deciso: quando avrò una casetta tutta mia,...
Inviato da: Orsetta
il 03/05/2014 alle 22:28
 
Sembra ieri....sono gia' passati due anni.....ti...
Inviato da: wilma
il 27/04/2014 alle 20:15
 
Ciao Mariella! Ti ringrazio, sei sempre gentilissima. Beh,...
Inviato da: Orsetta
il 14/02/2014 alle 23:40
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« ci risiamoaurora »

ritratto di lidia

Post n°1064 pubblicato il 21 Gennaio 2012 da ibisco9

RITRATTO DI LIDIA (ripetizione)

Molte volte ho pensato di descriverti com'eri, perchè tu possa restare per sempre un'immagine immutabile, ma il timore di ridurti a poca cosa mi ha sempre fermato la mano.  Avevi una fossetta nel mento che era tanto carina.  Ogni tanto ci mettevo il dito e tu ridevi.  La tua risata era un'acqua chiara, era totale.  Quando eri attenta sul lavoro allungavi la bocca.  Io ti guardavo, e tu sentivi il mio sguardo, ti giravi verso di me e spalancavi il sorriso, poi simulavi un bacio socchiudendo gli occhi.  Ti piaceva lo scherzo piccolino, delicato, e ne spiavi furtivamente l'effetto.  Avevi il nasino perfetto, e gli occhi...  Avevi gli occhi saldi, duri quando odiavi, stupendi quando amavi.  Sapevi amare, e allora i tuoi occhi verdi  erano spesso stupendi.  E poi erano stupendi anche quando odiavi, perchè il tuo odio era un amore diverso.  I tuoi occhi inchiodavano con la loro dignità.  Anche se eri trasandata, spettinata, chi ti poteva scambiare per una donna qualsiasi quando il tuo sguardo si tendeva diritto e sicuro nella sua direzione?  Chi ha mai dubitato che tu mentissi quando i tuoi occhi e la tua frase si allineavano?  La tua capacità di amare non aveva limiti.  Sempre pronta al gesto, alla finezza occulta, piccole cose che nascondevano un cuore così.  E quando ti dovevi battere per i tuoi figli eri una leonessa, anche se le forze ti venivano mancando, fino all'ultimo.  Quando mi aspettavi alla finestra sembrava che aspettassi il sole.  Vedevo agitarsi una mano dietro ai vetri, tu eri là.  Se tornavo a casa con la faccia scura e tu mi guardavi, io sentivo che la frase giusta era già formulata, e stava gorgogliando come una bolla nella sorgente, per arrivare alle tue labbra . Io fingevo di non voler parlare, e borbottavo che non c'era niente.  Ma il tuo sguardo mi seguiva ovunque, e quando alfine balbettavo confusamente qualcosa, era sul raggio del tuo sguardo che la frase scorreva limpida, dopo essere affiorata sullo specchio d'acqua della tua sicurezza.   Quando guardavi i tuoi figli, il tuo sguardo non li colpiva, li avvolgeva, e tutto il tuo amore formava attorno a loro un sostegno, una rete che li avviluppava con dolcezza.  Ed è con dolcezza che che negli ultimi giorni guardavi Isabella che ti stava vicino, e ti raccontava le sue prime esperienze con i bambini della scuola, e godevi nel sentire tua figlia arrivata e sicura di se, e forse si allentava il tuo spirito vitale, perchè il tuo messaggio era arrivato a destinazione.  C'era Lorenzo, la tua spina, il tuo amore deluso, ma ormai avevi capito che del suo ciclo tormentato non ne avresti potuto vedere la fine, perchè il tempo, esattore implacabile, stava aspettando alla porta.  Con passo fermo sei andata ad aprire.

 

eugen

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ibisco9/trackback.php?msg=10997917

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
etabeta il 22/01/12 alle 21:02 via WEB
Anche se non e' la prima volta che vedo questo ritratto, ne rimango sempre affascinata. E' una figura speciale, unica. E' l'occhio di chi la descrive o e' lei che e' veramente cosi'? Una cosa e' certa: l' immensita'e rarita' di quell'amore reciproco.Penso che solo chi se lo merita possa sperimentarlo. Tu, Eugenio, che sai assorbire ogni raggio di luce, non fare caso all'antipatico ambiente in cui stai tornando, ma cogli anche la' qualcosa di positivo. Auguroni ! etabeta
(Rispondi)
ibisco9
ibisco9 il 22/01/12 alle 21:51 via WEB
Sono ancora qui Mariella...in attesa. Porterò con me le tue belle parole. In quanto al pezzo, l'ho pubblicato per Tata, che aveva chiesto informazioni. Invece di scrivere di nuovo ho messo questo vecchio pezzo, che riscriverei ancora oggi. Un grande abbraccio...Eugenio
(Rispondi)
pacha210
pacha210 il 26/01/12 alle 19:28 via WEB
Ed io non ho parole...é raro un amore così, immenso e delicato, fatto di passione , condivisione , attenzione per l' altro.Ti voglio bene perchè mi hai aperto il tuo cuore con serietà e sincerità...
(Rispondi)
ibisco9
ibisco9 il 31/01/12 alle 17:06 via WEB
Ho provato a rileggere per vedere se avevo esagerato...succede quando manca un proprio caro. No...non ho detto una sola cosa che non sia vera. Di Lidia ho scritto un libretto, ma evito che giri, perchè non credo che Anna sarrebbe entusiasta...ahahah.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.