Creato da: donata24 il 27/06/2006
spazio di incontro dell'associazione illime

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

simonetta.cleriMichele_Vit_80LeCeltericcardonorderanellnellsingsing3Lylandralacky.procinovincenzoschieppatiOdile_GenetDisoccupandafantastique0donata24cuorigioiosimartiprincess
 

Ultimi commenti

sono andato a una conferenza sul tema ne sono uscito...
Inviato da: scheggia64
il 27/05/2012 alle 19:21
 
latirostrous, hyalosis, levitra cheap fibromyoma,...
Inviato da: lottersh
il 25/03/2009 alle 05:22
 
Ciao Carman. Andrò senza dubbio a vedere il sito che...
Inviato da: mahamata
il 09/06/2008 alle 16:11
 
Ciao, vieni a trovarmi se ti va.... :-)
Inviato da: maipiuscema
il 04/10/2007 alle 18:20
 
BUONA SERATAAAAAAAAAAAAAA
Inviato da: luglio.79
il 04/10/2007 alle 17:27
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« FlashDa " La Rinascita di Afr... »

Riflessioni e commento su " La sorella di Mozart" di Rita Charbonnier

Post n°13 pubblicato il 02 Agosto 2006 da donata24

Nell'anno che celebra il 250° anniversario della nascita del meraviglioso genio Wolfang Amadeus Mozart, Rita Charbonnier pubblica un libro dedicato alla figura di Maria Anna Walburga Ignatia Mozart , detta Nannerl, dal titolo " La sorella di Mozart". Gli appassionati di musica sanno che W. Mozart aveva una sorella musicista, virtuosa della tastiera, ma pochissimo si conosce di lei perchè ci sono pervenute soltanto le sue lettere. Nannerl da bambina si è esibita insieme al fratello presso le principali corti d'Europa, è stata una eccellente concertista , ma è stata anche una compositrice di musica vocale, e questo sono in pochi a saperlo. Il romanzo della Charbonnier , che è felice connubbio tra storia vera e finzione , ci presenta una donna del '700 con una personalità forte , tenace, determinata, cosi' vicina alle donne che in ogni epoca hanno lottato per l'affermazione della propria personalità e identità, e per la realizzazione e il riconoscimento dei propri bisogni e delle proprie aspirazioni. Il padre Lepold sacrifica il talento di Nannerl, impedendole in maniera coercitiva di comporre , la costringe a dare noiosissime lezioni di musica alle signorine della nobiltà salisburghese, mina volutamente il singolare e fortissimo rapporto tra i due fratelli. Nannerl pero' non vive all'ombra del fratello , compie delle scelte proprie e dopo un lungo periodo di contrasti e dissidi cade in depressione. Il vuoto, il nulla, il deserto dell'anima che si vive in una condizione depressiva, è il luogo non-luogo in cui tutto è possibile (proprio perchè vuoto) ,  ma è anche il momento del silenzio assoluto in cui si puo' attuare il pieno ascolto e quindi il ritrovamento del Sè. Nannerl riesce , malgrado tutto, a vivere una vita piena d'amore per l'adoratissimo fratello, per gli uomini della sua vita, per la musica che la sostiene, la accompagna, non trasforma in sentimenti negativi le sue frustrazioni per aver accettato l'esclusione forzata dal mondo della musica, un campo che non abbondonerà mai. Si deve alla dedizione e all'amore di Nannerl , dopo la morte del fratello, se l'intera produzione del genio musicale è potuta arrivare fino a noi nella sua interezza. Nel racconto ricorre un motto latino che i due fratelli Mozart ricordavano spesso l'un l'altra: "Hic habitat felicitas, nihil intret mali". (qui vive la felicità, e niente di male accadra').   

Mariuccia C.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog