Creato da: Sembrava_Impossibile il 08/06/2004
...

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Ultime visite al Blog

venere_privata.xcassetta2RiflessoNelWebSembrava_ImpossibileMarialuisaSantina89Justine.00angi.iurlo5028csbrpatrichtremanzoitalianotrimgel2mblteo70nero425l.portone
 

Ultimi commenti

La lettura di questo commento è riservata agli utenti...
Inviato da: cassetta2
il 25/02/2021 alle 19:29
 
Buon Anno!
Inviato da: Coulomb2003
il 30/12/2008 alle 13:49
 
Mi manchi! :o(
Inviato da: alundrina
il 04/11/2008 alle 08:25
 
A distanza di un anno lascio un saluto.
Inviato da: Coulomb2003
il 31/10/2008 alle 11:57
 
Quand'è che ti deciderai a fare quell'annuncio? :P
Inviato da: Fayaway
il 30/04/2008 alle 20:52
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Messaggio #210Messaggio #212 »

Post N° 211

Post n°211 pubblicato il 08 Marzo 2007 da Sembrava_Impossibile

8 MARZO

Era la sera dell’otto marzo. Ero un ragazzino piccolo, timido e ingenuo di diciotto anni che correva allegramente lungo la riviera per smaltire un po’ di ciccia in eccesso. Si lo so, a 18 anni tanto piccolo non ero, ma gli ormoni si sono ricordati di me molto tardi e ho fatto lo sviluppo quando le persone normali iniziano ad avere problemi alla prostata.

Dicevo… correvo baldanzoso ed elastico quando mi si affiancò una macchina con musica a tutto volume carica di donne gracchianti. Si affacciò una tipa dall’occhio furbetto per chiedermi un’informazione: “Ciao caro”, mi disse “sai dirmi dove posso trovare una buona gelateria?”. Io ingenuamente iniziai ad indicare la strada per la gelateria, mentre sentivo voci gracchianti in macchina che ridevano sguaiatamente “Prosegui per 500 metri, poi gira a sinistra all’altezza del cartello giallo e prosegui per altri 200 metri…” . Lei mi interruppe dicendo “Sai, stasera ho proprio voglia di un bel gelato” e io, in stile Verdone, “L’ho capito, ti stavo spiegando appunto la strada per la gelateria, se mi fai parlare forse ci riesco”. Lei, con voce sensuale e sguardo da pornostar “Ma non ancora l’hai capito, io voglio il TUO gelato!”. Rimasi sorpreso, senza parole; le tipe in macchina risero ancora più sguaiatamente e ripartirono a tutta velocità.

Questa è l’immagine che molte donne si sforzano di dare dell’otto marzo: un’occasione persa se deve servire per emulare il peggio degli uomini. Una serata a far follie, a trasgredire, e il giorno dopo impotenti, a essere giudicate mignotte solo per una minigonna, a faticare il doppio degli uomini per una promozione a lavoro che non arriverà mai, a respingere avances per far carriera o otetnere favori, a lottare per conciliare lavoro e famiglia tra mille sensi di colpa e senza nessun aiuto concreto, ad avere poche chance per esprimere tutte le proprie qualità e realizzarsi, e a lamentarsi, senza costrutto, di una società maschile e maschilista, che, con certi atteggiamenti, non si fa che avallare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/impossibile/trackback.php?msg=2394039

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
lake.lady
lake.lady il 09/03/07 alle 15:28 via WEB
Bravo. Hai riassunto bene una grande verità. Ma io credo e spero che ci sia una parte determinante in questi comportamenti da deficenti (maschili e femminili) che viene garantita dall'intelligenza dei soggetti in questione. Difatti mi ricordo di aver fatto parte di un gruppo simile uno pochissimi otto marzo che ho festeggiato. Ero quella che in macchina o al tavolo aveva un muso lungo da Trieste a Catania con rossore e vergogna incorporati e lo sguardo che voleva dire "SONO QUI PER SBAGLIO, NON MI MESCOLATE A QUESTE QUI". Per lo stesso motivo che non voglio prendere il peggio degli uomini, non mi sono mai presentata ad un appuntamento di lavoro in giacca e cravatta, ma neanche in minigonna giropelo. E ho sempre cercato di essere me stessa e basta. Non sarà sballando per una sera che sarò più libera dai sensi di colpa per non essere madre a tempo pieno, moglie a tempo pieno, amica a tempo pieno, lavoratrice a tempo pienissimo, ecc ecc. La perfezione non è di questo mondo, lo so! Lo sapessero anche gli altri.... tutti gli altri, intendo.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.