Creato da k.way il 13/11/2009

VAGHEIDEE

quell'andatura incerta che chiamano esperienza

 

« 6 - 28Affanno invano »

Il peso del nulla

Post n°201 pubblicato il 13 Dicembre 2011 da k.way
 

-

-

Da

Da

 

 

 

 

 -

--

-

Da

-

Bruno Munari – da “I pieghevoli” 

 -

 -

 -

 

Già!

 

… e non si tratta solo di “adattabilità” fisica – più indicata per gli inchini, disinteressati o meno.
E’ questione di apertura ed accettazione. Assecondare il movimento senza esserne travolti.

[Ovvero, intelligentemente, prevenirlo, dove si prevede possa arrecare danno. Nel caso, spostarsi, modificarsi, interrogarsi, sradicarsi, non fossilizzarsi].

-

E s s e r e   movimento.
[Che non significa annullare, rinnegare o tradire se stessi. Significa partecipare, catturare l’aria, esplorare. Preservando persona e personalità].

-

Infatti la formula è (sarebbe) proprio quella, leggerezza e flessibilità.

Ad un tornado, si sa, sopravvive certo una canna di bambù

piuttosto che un grande albero.

-

M A

-

noi siamo miseri uomini, spesso più pesanti della nostra stessa vita,

poichè ci illudiamo che piombarci al suolo,

zavorrarci nella fatuità delle cose [posseduti da ciò che si crede di possedere]

ci preservi dalle sventure.

-

In realtà, ci  neghiamo il volo.

-

E sappiamo solo gridare, e piangere,

quando le valanghe, impietose,

ci sommergono.

-

-

-

Quante cose non si fanno essendo rigidi.

-

-

-

--

-

-

-

-

-

[etica e giustizia sono altra cosa …]
[… che già qualcuno se le stira a piacimento!]

-

-

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

CARTE DI VIAGGIO

 

A. Narimi

A. Anedda

H.D. Thoreau

J. Berger

C. Lispector

E.E. Cummings

M. Benedetti

J. Addad

V. Capossela

P. Jacottet

P. Cappello

A. Ernaux

L. Gluck

N. Ponzio

I. Bachmann

J.C. Onetti

 

 

I MIEI LINK PREFERITI

- aNobii
 

CARTE DI VIAGGIO