Creato da: kallida il 25/03/2009
viaggiando si impara
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

luigi.cajanije_est_un_autreleope4fiomerocassetta2natalydgl7giuseppepaola2001tuffituEteroclitobruno911kallidailike06EasyTouchtayuonWebcomeasur
 

Tautogrammi

 

 

 
« Da ultimo viene la ciabatta...coerenza »

spreading...

Post n°351 pubblicato il 19 Dicembre 2012 da kallida

Confesso che vivo di fissazioni. Qualche animo gentile scambia questa nevrosi per creatività e manifestazione di senso artistico perché si concretizza in lavori manuali per lo più . In verità è, come detto, espressione di cocciutaggine. Come in questi giorni, il pensiero dominante è torte decorate, torte decorate, torte decorate.

Le varianti del momento, come alcune femminucce sapranno, sono pasta di zucchero e cioccolato plastico. Oguna delle quali, facili da preparare in casa, se dotati di vera creatività producono effetti grandiosi per gli occhi degli ospiti ,(un po' meno per il palato secondo me, ma almeno resterebbero allibiti dalla bellezza).

Ovviamente mi sono cimentata in entrambe le varianti. Ovviamente con risultati insoddifacenti come prima prova. Girando sulla rete viene fuori che chiunque decora con eleganza e precisione! Io mi limito ai fondamentali, come ricoprire la torta di un colore e al massimo applicare una stella colorata, se ci riuscissi con le dovute proporzioni sarebbe una vittoria per me. Poichè la mia più grande frustrazione nasce proprio dalla discrepanza tra i miei pensieri, bellissimi, coloratissimi, artisticissimi e la lora effettiva realizzazione. Ma cos'è un altro mondo, quello che viene fuori dopo che il pensiero passa attraverso le mie mani? Tortini sbilenchi, accasciati da una parte con coperture di colori rancidi e forme sfregiate... Immagino tortini sfolgoranti ornati di colori inesistenti... Insomma il mio spread personale è troppio ampio, il differenziale tra la mia vita dolcifera e i miei pensieri ha superato la soglia d'allarme!

Adesso ho deciso che assolutamente farò la torta di Natale. E deve essere rossa con l'albero di natale verde di sopra. Non è difficile, per me è quasi inarrivabile però, come riuscirò a disegnare l'abete? Ma ormai è deciso, la ho sempre davanti agli occhi, perciò è una missione, la devo fare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog