Creato da: kallida il 25/03/2009
viaggiando si impara
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

bruno911kallidailike06EasyTouchcassetta2tayuonWebcomeasurje_est_un_autrepa.ro.leviburnorossooltre.lo.specchioromanotermolinatodallatempesta0benebene.am
 

Tautogrammi

 

 

 
« yuhuuuuu...Chi non muore si rivede ... »

Demenza digitale

Post n°378 pubblicato il 10 Gennaio 2014 da kallida

Leggevo tempo fa un articolo molto interessante sulla demenza digitale.  Sul rischio cioè di perdere capacità del cervello perché delegate alla tecnologia, come per esempio lo spegnimento di certe aree del cervello legate alla logica e allo spazio per lo smodato utilizzo dei navigatori satellitari anziché alle cartine stradali (che poi vorrei sapere qual è la competenza che te la fa ripiegare correttamente ...).

Si parlava inoltre anche dei bambini a cui, in età prescolare, si consente di utilizzare strumenti elettronici invece di giochi per sviluppare la manualità e la creatività.  Hanno fatto esperimenti su adolescenti e adulti che si sono sottoposti ai test.

L'articolo si chiudeva in maniera ancora più interessante perché in fondo parlava di questo periodo storico come di un ciclo a cui seguirà una normalizzazione dell'utilizzo esagerato dei media digitali. Anche nell'antichità ci si è preoccupati quando all'abitudine di tramandare le tradizioni per via orale si è sostituita la scrittura. O anche quando si è cominciato ad utilizzare le calcolatrici, ora pare che nelle scuole ne sia vietato l'uso. Insomma dipende sempre da quanto ci si fa condizionare.

Ora io pensavo che per me è impossibile correre questo rischio, casomai sarei vittima del suo contrario, cioè mi mancano le competenze sviluppate dall'uso degli strumenti elettronici, visto che ne faccio un uso minimo. Per esempio il  mio telefono è usato solo come cercapersone, perché essendo completamente insonoro non sento mai le telefonate in arrivo. Ho una visione fatalistica legata alle telefonate dei cellulari. Cioè visto che sei praticamente sempre raggiungibile, allora tenendolo muto, risponderò solo alle telefonate che causalmente o casualmente (dipende da quale visione del mondo si abbia) vedo apparire sullo schermo, e cioè quando passando butto l'occhio e vedo che sta vibrando, oppure se scrivo un messaggio e si illumina.  E non potrei mai usare il navigatore satellitare, per me è uno dei piaceri della vita quello di trovare le strade da sola, ovviamente non chiedo mai a nessuno, meno che posso almeno. Per non parlare dei videogames, essendo una fanatica dell'enigmistica posso solo cimentarmi in giochi di parole, o al limite mi do al tetris, ai puzzle  etc... A questo punto mi chiedo quale area del mio cervello è al buio...

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog