Creato da: languageisavirus001 il 15/07/2005
Eavesdropping on your conversation

Area personale

 

Infetti



The Cats Will Know

poesie, racconti e letteratura postmoderna

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

 

Ultimi commenti

peccato non leggerti più. saluti, ovunque tu sia
Inviato da: Randle.P.McMurphy
il 20/02/2012 alle 01:18
 
sai cos'è bello? quello che leggo qua.
Inviato da: Blanca_Cruz
il 15/01/2009 alle 12:39
 
a me salutami il Dottor Finch :)
Inviato da: Lutsy
il 04/01/2009 alle 03:13
 
ma non conosci quel vecchio detto: del papavero non si...
Inviato da: Randle.P.McMurphy
il 02/01/2009 alle 19:41
 
salutami bill
Inviato da: sammylele
il 04/12/2008 alle 21:38
 
 

Ultime visite al Blog

Randle.P.McMurphyumamau0allavacicarlosopalmardetlef81MaryReadvaleriapaiuscosertore0dorotessamanugasp75francesca.defendiladymiss00eleonora.itDuchesss
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Vapore

Randagi

Post n°229 pubblicato il 23 Dicembre 2009 da languageisavirus001

 

Tutto quello che mi è rimasto

È una vecchia foto in bianco e nero nel portafoglio

Scattata chissà dove

E lei è quasi irriconoscibile

I lunghi capelli che danzano nel vento

Il cappotto aperto il sorriso acquoso

E dietro la gente che passa noncurante

Dicono che quando hai il diavolo accanto

Fai cose di cui non saresti mai capace

Io so che dopo qualche tempo

Il suo corpo privo di vita

Giaceva nel bagagliaio della mia auto

E il puzzo era ormai tanto forte che

Si era formato un piccolo branco di cani randagi che mi seguiva ovunque

Fu così che decisi di liberarmi di lei

Di seppellire il suo cadavere nel deserto

In un posto che conoscevo solo io

Quella notte era fredda nera maligna

Tanto fredda che la luna sembrava di ghiaccio

E io ero talmente fatto

Che riuscii solo ad aprire il bagagliaio

E gettare i suoi poveri resti

Per poi scappare via con una gomma a terra

E uno di quei cani randagi che non so come mi aveva raggiunto

Correva e correva a fianco della mia macchina

Vedevo il suo sguardo storto nello specchietto

Nemmeno sparargli addosso un intero caricatore

Era bastato a togliermelo di mezzo

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/languageisavirus/trackback.php?msg=8177704

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Randle.P.McMurphy
Randle.P.McMurphy il 20/02/12 alle 01:18 via WEB
peccato non leggerti più. saluti, ovunque tu sia
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.