Creato da mantica_occulti il 10/03/2010

Mantica

Un piccolo spazio dove postare i miei appunti.

 

 

« Quando prenderò tempo per meIl diletto »

Una speranza: oggi cosa porterÓ?

Post n°133 pubblicato il 21 Febbraio 2012 da mantica_occulti

Tic, tac, e tic, e tac, e tic e tac... e tic... e tac... Tengo il temp con il ritmo d' una canzone, in balia di chi son io...

Un piccolo pensiero vola, va, come una farfalla... se ne alza un altro, lentamente per la sua fragilità. È delicato, sa di poter svanire al mancar dell' attenzione. Sto attento, e poi ne nasce un altro, poi un altro ancora... Germogliano all' infinito i miei pensieri, tutti dettati dall' emozione.

Li vedo, salire in una tempesta di fuoco, cercando di non mischiarsi nell' abisso della mia mente, quell' inferno. Mi ha fregato già una volta, per quello che son delicati i pensieri. E l' emozione non accenna a demordere, col tempo che l' asseconda ed il caso che mi soggioga, alle mie circostanze. Nel frattempo mi dedico a te, dolce ombra, candida per il mio cuore, navighi nei miei spazi, pensieri, parole...

Mi è difficile controllarmi perché sei ovunque, per il mio cuore sei una realtà che pervade, il pensiero e le emozioni, invadente. Non capisco che emozione hai, o sei, qual' è anche il tuo punto di vista? Indiscreto seguo la loro transumanza costante, porta un vento d' amor in ciò che osservo, e cosa vivo... ho provato ad avvicinarmi, mi sa che l' hai visto come se dovessi prenderti e legarti.

Terra a terra son rimasto, così come da dove son partito, col culo per terra. E continuo a rivelare i miei pensieri, i miei scritti, alternando il drogarmi di cibi e bevande che sostentano solo il corpo.

Ho fame, ho sete, dei miei pensieri, e delle mie emozioni. Stan morendo, han capito che non c' è più alimento ricco per loro. Non c' è più pensiero nella sua anima, non è più rivolto come prima. Già, prima... è il dopo che mi spaventa, come sempre.

Note di piano allora cercando di colmare un posto che s' era inibito, l' han toccato tre farfalle e s' è risentito, l' ho risentito... la mia piaga, nel cuore. Per questo son farfalle, leggere, delicate, sensibili. Poggiano una dopo l' altra, sfiorano, non pungono, mentre il cuore ne vibra della loro dolcezza, vuole amare, e vivere. Vivere una storia che non c' è, non perché è impossibile, a non più essere scritta, non ora, solo dopo, è l' unica possibilità.

Cerca te, le mie emozioni, cerca te, il mio cuore, cerca te, i miei pensieri. Mi accorgo che sto cercando te, il mio amore... mi accorgo che sto piangendo, son ferito, le farfalle volano si, e sfiorano, fan ciò che è giusto, cercano di farmi vivere. Han sentito il mio bisogno, cercano di guarirmi.

Un dolore è fatto così, ti parla di lui, del suo problema, e si fa avanti senza scrupoli perché è urgente, ha bisogno di guarire, di svanire, non vuole ostacolarti, ti parla nella lingua più semplice, la sua, l' amore.

Parla di te, parla con te, parla di cos' hai cambiato, parla della tua fiaba, come una farfalla, e ti tocca dove più ti sei già fatto male, dove c' è da crescere, perché parla di te, del tuo cuore, parla del tuo amore.

Nel frattempo ti sente perché è la tua attenzione, è serio ed è soltanto il necessario per riportarti vicino alla tua essenza. È andato così vicino a te, perché voleva te, il tuo bene, voleva il tuo amore, voleva e vuole la tua essenza. Si, nonostante faccia così male è per il tuo bene. Se non ci fosse più il dolore come sarebbe possibile che esistesse pure la crescita? Come esisterebbe la comprensione, che cosa ne sarebbe di me?

Mi mancherebbero due parti, la percezione e la sensibilità. E mi spiacerebbe essere un oggetto, non ho le forze, né le capacità per sopportarmi senza affrontarmi. Vedo ed ho visto troppa gente scappare davanti a sé stessa, quindi rimango fermo nella mia posizione e mi godo anche il soggiogamento di questa situazione dettata da determinate condizioni ed adattata da queste due realtà che han provato a coesistere. Macché autolesionismo, non son né lesionista né sadico, forse son troppo reale, o troppo sul serio. E quando non do' sfogo alle realtà, ogni volta mi intorpidisco sempre più proprio la realtà. Non voglio sfogarmi, non ne ho bisogno. Ti chiedo se posso vivermi. Mi hai insegnato tanti spunti di cui ne sto facendo tesoro tutt' ora, e sinceramente ne continuerò a farne nel tempo. Mi stavi aprendo un cuore che solo ora m' accorgo d' avere, solo ora mi accorgo che mi ero addormentato, e lo so' che l' ho fatto volutamente, uno sbaglio è uno sbaglio, non lo rinnego, ma non posso biasimarlo perché so' che non l' ho fatto ora. E certamente, se non posso provare a vivermi difficilmente potrò sapere, o provare, a superarlo.

Ma le farfalle per te, quelle restano sempre nei miei pensieri, portando le uniche due parole di cui l' ultima volta m' hai detto di non credere più.

Il mio dolore.

 

 

 

Mantica Occulti

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

TAG

 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: mantica_occulti
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
EtÓ: 122
Prov: EE
 

DIALOGHI

Sei dubbioso, titubante, indeciso, c' è qualcosa che non ti torna, qualche discorso che ti sembra essere nascosto, qualche atteggiamento che non riesci a capire? Hai bisogno di parlare con qualcuno, hai un dubbio e vuoi un parere?

Scrivimi pure nella mail cliccando nel box contatta l' autore. Ti risponderò appena controllo, di norma cerco quotidianamente od ogni 2/3 giorni controllo.

Non chiedo nessun ricompenso in denaro, al contrario di chi offre anche solo 2 chiacchiere come un servizio a pagamento, io metto a Vostra disposizione il mio tempo per leggere, pensare e rispondervi. A volte poche parole bastano per esprimere anche infiniti pensieri.

Sta a te poi saper usare la comunicazione nel migliore dei modi.

 

KHEPER

 

 

AMARE SE STESSO PER AMARE GLI ALTRI

A chi è duro, sciogligli il cuore

A chi è insensibile, donagli l' affetto

A chi è in balia del vento, fallo fermare ad ascoltare

A chi è a testa bassa, sfioragli il mento e vedrai che sorriderà

A chi tiene il cuore in mano, aiutalo a rimetterlo al suo posto

A chi piange, fagli trovare l' amore ovunque

A chi guarda gli altri, fallo guardare dentro a se stesso

A chi sta già guardando dentro a se stesso, fallo aprire come un fiore

A chi è aperto come un fiore, salvalo dalle intemperie

A chi scappa una lacrima quando sente qualcosa che gli ricorda l' Amore, donagli unità e pace

A chi riesce a stare in mezzo alla gente e regalare un sorriso col cuore, donagli la forza per sorridere nuovamente

A chi ama, e a chi non sa più se ama, amali

Perché il loro amore è tutto ciò che può dare vita anche a te stesso

Ama, sappi cos' è l' amore dentro te, perché quando ti verrà donato saprai riconoscerlo ed amarlo.

Ama il cuore, ama l' amore, ama la vita e tutto ciò che ti circonda

Una cosa sola c' è dentro di te, donala incondizionatamente e verrai riempito subito e costantemente dello stesso Amore che saprai dare.

 

MANTICA OCCULTI

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CONTATORE VISITE ESTERNO

 

CANTO DIFONICO - CANTO DEGLI ANGELI